14 gennaio 2018 - 16:00 pm Pubblicato da

Una forte eruzione freatica è iniziata al vulcano Mayon, nelle Filippine alle 09:06 UTC (17:06 ora locale) di sabato 13 gennaio 2018. L’eruzione ha prodotto una colonna di cenere che ha raggiunto i 5,2 km (17.000 piedi) sopra il livello del mare. L’eruzione era in corso alle 10:06 UTC, anche se non è visibile nelle immagini satellitari a causa della copertura nuvolosa. L’ultima eruzione di questo vulcano è avvenuta nel 2014.

Una colata di fango e cenere (Ashfall) è stata segnalata nelle città a SW del vulcano, di Camalig e Guinobatan, mentre i residenti nelle città vicino al vulcano hanno riferito rumori di brontolio e odore di zolfo.

Le autorità hanno emesso ordini di evacuazione per le persone che vivono in 16 barangays nel raggio di 5 km (5 miglia) dal vulcano. A partire dalle 12:00 UTC, l’evacuazione era ancora in corso in almeno 2 barangays e le autorità non hanno ancora un numero esatto di sfollati. Il sindaco Maria Ahrdail Baldo ha riferito che gli sfollati alloggeranno nelle scuole elementari pubbliche designate dalle unità del governo locale.

Almeno 13.434 residenti vivono nella zona pericolosa di 8 km (5 miglia) e sono a rischio di effetti di caduta.

Secondo il Tokyo VAAC Volcanic Ash Advisory pubblicato alle 10:04 UTC, la cenere vulcanica sta salendo fino a 5,2 km (17.000 piedi) e va alla deriva verso SW.

PHIVOLCS ha consigliato alle autorità dell’aviazione civile di non volare vicino al vulcano.

Non si sono rilevati terremoti vulcanici sotto il vulcano il 12 gennaio ma si sono osservate moderate e voluminose emissioni di pennacchi carichi di vapore bianco verso sud-ovest, nord-ovest, nord-nord-est e ovest-sud-ovest.

“I precisi dati di livellamento ottenuti dal 7 all’11 novembre 2017 hanno indicato una leggera inflazione dell’edificio rispetto a settembre 2017. Questo è anche esposto a tassi più elevati nelle tendenze inflazionistiche registrate dal GPS e dall’inclinazione continua da ottobre e novembre 2017, rispettivamente,” ha riferito PHIVOLCS.

L’emissione di anidride solforosa (SO2) è stata misurata in media a 856 tonnellate/giorno il 3 dicembre 2017.

L’ultimo episodio eruttivo di questo vulcano è iniziato il 12 agosto 2014 e si è concluso il 19 ottobre 2014.

Il livello di allerta del Mayon è stato innalzato da 0 a 1 l’8 settembre 2016. Sebbene all’epoca non sia stato osservato alcun bagliore del cratere, PHIVOLCS ha avvertito che un’esplosione freatica che potrebbe portare a una grande eruzione esplosiva può verificarsi in qualsiasi momento. “L’attività anormale è simile a quello che è successo all’eruzione del Mayon del 1984 [VEI 3]”, ha riferito Eduardo Laguerta, vulcanologo di PHIVOLCS in Bicol.

Nessuna eruzione è più stata registrata dall’eruzione del 1984 (colonna di cenere fino a 15 km/49.200 piedi a.s.l.) dopo che oltre 73.000 persone sono state evacuate dalle zone di pericolo come raccomandato da PHIVOLCS. Ma nel 1993, i flussi piroclastici hanno ucciso 75 persone, principalmente agricoltori. Più di 1.200 persone furono uccise nella sua più violenta eruzione nel 1814.

Flussi piroclastici nell’eruzione del vulcano Mayon, Filippine, 1984. I flussi piroclastici discesero il fianco sud-orientale del vulcano. L’altezza massima della colonna eruttiva fu di 15 km (49.200 piedi) sul livello del mare e le ceneri vulcaniche caddero a circa 50 km (31 miglia) verso ovest. Non ci furono vittime dall’eruzione del 1984 perché più di 73.000 persone evacuarono le zone pericolose come raccomandato dagli scienziati dell’Istituto delle Filippine di Vulcanologia e Sismologia. Credito: USGS / C.G. Newhall

Fonte: The Watchers

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(4 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...