4 luglio 2017 - 12:00 pm Pubblicato da

I sistemi di monitoraggio del vulcano Popocatépetl in Messico hanno registrato tre esplosioni e 136 esalazioni a bassa intensità di vapore, gas vulcanici e scarsa quantità di ceneri sabato e domenica 1 e 2 luglio 2017.

Tre esplosioni sono state registrate con una moderata quantità di cenere a nord-est. Le eruzioni hanno alzato una colonna di fumo e cenere fino a 6,7 ​​km (22.000 piedi) sul livello del mare.

Caduta di cenere è stata segnalata in diverse città dello stato del Messico, tra cui Ozumba, Amecameca, Tlalmanalco, Chalco, Ayapango, Tenango del Aire e San Pedro Nexapa.

CENAPRED, Centro Nacional de Prevención de Desastres, ha ricordato che le persone non dovrebbero avvicinarsi al vulcano, soprattutto vicino al cratere, a causa del pericolo causato dai frammenti balistici.

Luis Felipe Puente, coordinatore nazionale della Protezione Civile, ha ricordato ai residenti di spazzare i tetti, soffitte, patii e strade dalla cenere caduta e metterla in sacchi in modo che non entri nel sistema idrico. Ha inoltre invitato i residenti colpiti dalla cenere di coprire naso e bocca con maschere o fazzoletti umidi, chiudere tutte le forniture idriche all’aperto per evitare contaminazioni, finestre chiuse e rimanere a casa durante la caduta.

Il vulcano è stato inserito in una fase 2 giallo, il che significa che potrebbe continuare a eruttare con bassa intensità intermedia. Le autorità chiedono ai residenti di rimanere lontani dal vulcano e hanno creato un perimetro di 12 km.

Fonte: The Watchers

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(5 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...