image_pdfimage_print

19 aprile 2021

Il ruolo svolto dal sole nel cambiamento climatico è stato a lungo banalizzato dai sostenitori dell’ortodossia che lega quasi interamente il riscaldamento globale alle nostre emissioni di gas serra. Ma ricerche recenti suggeriscono che le fluttuazioni solari, sebbene piccole, possono influenzare il clima guidando il passaggio multidecennale dalle condizioni di El Niño a La Niña nell’Oceano Pacifico. Altre ricerche rilevano che la nostra incapacità di simulare correttamente il ciclo di raffreddamento La Niña è una delle ragioni principali per cui i modelli climatici sottovalutano il raffreddamento.     

La Niña è la fase fredda di El Niño – Southern Oscillation (ENSO), un ciclo naturale che provoca sbalzi di temperatura e altri effetti climatici nelle regioni tropicali del Pacifico. Gli eventi familiari di El Niño e La Niña, che durano un anno o più, si ripetono a intervalli irregolari da due a sette anni. Gli effetti gravi dell’ENSO vanno da inondazioni catastrofiche negli Stati Uniti e in Perù a gravi siccità in Australia. 

Pubblicità

Il sole ha diversi cicli naturali, il più noto dei quali è il ciclo delle macchie solari di 11 anni. Durante il ciclo delle macchie solari, l’emissione di calore e luce solare aumenta e diminuisce di circa lo 0,08%. Sebbene questa variazione di per sé sia ​​molto piccola per avere un effetto diretto apprezzabile sul clima terrestre, gli effetti solari indiretti possono avere un impatto sul riscaldamento e sul raffreddamento del nostro pianeta, effetti indiretti che vengono ignorati nei modelli climatici.

Proprio un tale effetto solare indiretto potrebbe essere stato scoperto in un nuovo studio che ha rivelato una correlazione tra la fine dei cicli delle macchie solari e il passaggio dagli stati di El Niño a La Niña del Pacifico tropicale. La ricerca è stata condotta da un team di scienziati della NASA e del National Center for Atmospheric Research degli Stati Uniti.

I ricercatori hanno scoperto che la fine di tutti e cinque i cicli solari tra il 1960 e il 2010-11 ha coinciso con il passaggio da un El Niño, acque più calde a una La Niña con acque più fredde. E la fine del ciclo solare più recente, appena concluso, coincide con l’inizio di un nuovo evento de La Niña. Poiché la fine del ciclo solare di 11 anni è sfocata, il team di ricerca ha fatto affidamento per il suo “orologio” sul ciclo di polarità magnetica più ben definito del sole noto come ciclo di Hale, che è esattamente 22 anni di lunghezza.

La corrispondenza tra il ciclo solare di 11 anni e l’inizio degli eventi di La Niña è illustrata nella figura seguente, che mostra il numero di macchie solari mensili livellate di sei mesi dal 1950 in nero e

l’indice oceanico El Niño a colori. Le caselle rosse e blu contrassegnano rispettivamente i periodi El Niño e La Niña, nello schema ripetuto. Ciò che spicca è che la fine di ogni ciclo di macchie solari è strettamente correlata al passaggio da El Niño a La Niña. Che la correlazione sia una semplice coincidenza è statisticamente altamente improbabile, affermano gli autori dello studio, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per stabilire la connessione fisica tra il sole e la terra responsabile della correlazione.

Solar ENSO.jpg

Un altro studio, guidato da scienziati del clima presso il Lawrence Livermore National Laboratory degli Stati Uniti, rileva che la variabilità multidecennale de La Niña è il motivo per cui i modelli climatici computerizzati sovrastimano le temperature della superficie del mare nel Pacifico da due a tre volte. Il ciclo de La Niña provoca il raffreddamento atmosferico e un modello distinto di temperature superficiali del mare più fresche del normale nel Pacifico tropicale centrale e orientale, con acque più calde a nord e a sud.

Molti modelli climatici producono variazioni ENSO, ma non sono in grado di prevedere né i tempi degli eventi di El Niño e La Niña né le temperature misurate dal satellite nell’atmosfera tropicale inferiore (troposfera). Tuttavia, gli autori dello studio hanno scoperto che circa il 13% di 482 simulazioni di 55 modelli al computer mostra un riscaldamento troposferico nei tropici che corrisponde al record del satellite. E, inaspettatamente, quelle simulazioni riproducono tutte le caratteristiche di La Niña.

La figura successiva mostra quanto bene una di queste particolari simulazioni riproduca un modello di temperatura di La Niña, sia in estensione geografica (pannello superiore) che in profondità oceanica (pannello inferiore). I pannelli etichettati B sono la simulazione al computer e i pannelli etichettati C sono le osservazioni satellitari. Le temperature sono rappresentate come un tasso medio di riscaldamento (positivo) o raffreddamento (negativo), in gradi Celsius per decennio, nel periodo dal 1979 al 2018. Il raffreddamento di La Niña nel Pacifico è chiaramente visibile sia in B che in C.

Solare 2.jpg

L’altro 87% delle simulazioni al computer sovrastima le temperature tropicali del Pacifico, motivo per cui, affermano gli autori, il tasso di riscaldamento medio multimodello è da due a tre volte superiore a quello osservato. Ma i loro risultati mostrano che la variabilità climatica naturale, qui sotto forma di La Niña, è abbastanza grande da spiegare la differenza tra la realtà e le previsioni del modello climatico.

Link: Scienceunderattack

Pubblicità