16 maggio 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

di James Delingpole – 14.05.2018

Gli scienziati del clima stanno dando alla scienza un pessimo nome, dice un importante fisico dell’atmosfera in un tema sul dibattito sul riscaldamento globale.

Il Professor Garth Paltridge, ex capo della Divisione di ricerca atmosferica del Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization (CSIRO) in Australia, afferma che il comportamento di alcuni membri dell’establishment delle scienze del clima “sta seriamente minacciando la percezione pubblica della professionalità degli scienziati in generale“.

Molti scienziati del clima sono molto meno sicuri del riscaldamento globale causato dall’uomo di quanto ammettano in pubblico, dice. Invece di rivolgersi agli scettici per aprire il dibattito ed valutare le incertezze, hanno invece chiuso i ranghi e spogliato chiunque non sia d’accordo con loro:

Alcuni dei più influenti ricercatori del clima sono entrati in una modalità di denigrazione aperta degli scettici climatici (“negatori” è la terminologia popolare offensiva del giorno). Insistono sul fatto che solo i ricercatori direttamente all’interno della comunità sul cambiamento climatico sono in grado di dare consigli autorevoli. Insistono sul fatto che si può trovare la scienza vera e rispettabile solo nella letteratura sul clima revisionata dai pari. Ma soprattutto, sembra che abbiano sviluppato una politica che escluda deliberatamente gli scettici dai forum sui cambiamenti climatici di un tipo o dell’altro, e anzi di rifiutarsi di prendere parte a qualsiasi forum in cui gli scettici possano condividere il podio.

La loro altezzosità, dice Paltridge, è ricca di “religione medievale”:

I sacerdoti di quel tempo si opposero alla traduzione delle scritture scritte dal latino nelle lingue locali. Credevano che solo le persone pienamente addestrate nella teologia del tempo fossero in grado di interpretare correttamente le Scritture. Ritenevano che fosse altamente pericoloso permettere alle persone non addestrate di avere un accesso diretto alla parola di Dio perché erano alte le probabilità che si sbagliassero. Non erano arretrati nell’applicare le loro forme di denigrazione particolarmente brutte a quelli che pensavano diversamente alla questione.

Ma i preti medievali alla fine persero la battaglia. Come faranno gli allarmisti del clima perché il pubblico semplicemente non si fida più di loro:

L’equivalente moderno per quanto riguarda l’AGW è che, nonostante l’affermazione che il 95% o più di climatologi sostengono la posizione dell’AGW, il sostegno alla posizione tra il pubblico generale (delle nazioni occidentali comunque) è solo dell’ordine del 50%. La reputazione della scienza del clima e, di conseguenza, la reputazione della scienza in generale, sembra aver perso una buona parte della sua lucidità pubblica.

Non è nemmeno certo che la scienza del clima sia una vera scienza. Essere guidata da un’agenda politica piuttosto che da sperimentazioni e prove, è più simile al post-modernismo:

La scienza postmoderna è una controparte del mondo relativista dell’arte e del design postmoderno. È una bestia molto più pericolosa, in cui i risultati sono validi solo nel contesto delle credenze della società e dove l’esistenza stessa della verità scientifica può essere negata. La scienza postmoderna prevede una sorta di nirvana politico in cui la teoria scientifica e i risultati possono essere manipolati consapevolmente e legittimamente per soddisfare i dettami della correttezza politica o le politiche del governo del giorno. Ad un livello più banale, non vi è dubbio che alcuni attori nel processo di ricerca sul clima – non molti, ma abbastanza da aver seriamente danneggiato la reputazione degli scienziati del clima in generale – avendo oltrepassato il confine di ciò che è generalmente considerato un comportamento scientifico accettabile.

Scienziati – persino gli scienziati del clima, sostiene generosamente Paltridge – non sono generalmente “malvagi, idioti o facilmente subornati”. Ma devono mangiare, e quasi tutto il denaro per la ricerca in questo momento è disponibile per gli scienziati che spingono dalla parte allarmista dell’argomento, non lo scettico. Inoltre, l’intero campo è impantanato in tale incertezza che è assolutamente impossibile per chiunque – scettico o allarmista – dimostrare la propria posizione.

La ricerca sul clima deve fare affidamento su dati spettacolarmente inaccurati per informazioni sul clima terrestre di oltre un secolo fa o due; deve fare affidamento su informazioni proxy dagli anelli degli alberi, nuclei di ghiaccio, coralli e così via, e l’astrazione di una storia coerente da tutto ciò è un incubo statistico. Anche per il secolo più recente, gli enormi insiemi di dati delle temperature superficiali misurate direttamente hanno i loro problemi e le storie che questi dati raccontano sono riviste in un modo o nell’altro quando nuove idee sul metodo corretto di analisi dei dati appaiono sulla scena. Tali revisioni apportano enormi argomenti e affermazioni contrastanti sul fatto che il prelievo di dati sia stato utilizzato per supportare le
previsioni dei modelli teorici della teoria AGW.

La scienza del clima è un esempio di ciò che Funtowicz e Ravetz chiamano “scienza post-normale” in cui “i fatti sono incerti, i valori sono in discussione, le poste in gioco sono alte e le decisioni sono urgenti”. In tali circostanze è virtualmente impossibile evitare la criptografia subconscia di dati per adattarsi alla teoria popolare del tempo. Persino Isaac Newton e Albert Einstein non erano immuni dal problema.

Ciononostante, una volta liberati dall’onere di dover guadagnarsi da vivere o mantenere il loro incarico in un incarico di schiavitù per la narrazione del surriscaldamento globale provocato dall’uomo, gli scienziati sembrano molto più pronti a prendere posizione scettica:

Vi sono molti esempi in cui la transizione dall’occupazione retribuita nella ricerca sul clima alla pensione è stata accompagnata da un significativo cambiamento di cuore dal riconoscere la gravità del riscaldamento globale. Sembra che anche gli scienziati siano consapevoli della necessità di mangiare, e come tutti gli altri debbano considerare le conseguenze del dissenso pubblico dal punto di vista dei poteri. Un esempio è stato il Dr. Brian Tucker. È stato direttore del Centro di ricerca meteorologica numerica australiana e successivamente è diventato capo della divisione CSIRO di Atmospheric Research. Era fortemente coinvolto nello sviluppo dell’IPCC. Durante il suo periodo con CSIRO è stato il “go to” uomo per giornalisti e programmatori radiofonici alla ricerca di storie su argomenti relativi ai cambiamenti climatici. Alla pensione divenne uno scrittore e oratore per l’Institute of Public Affairs, e sorprese molto i suoi ex colleghi con il suo cambiamento molto pubblico verso una visione apertamente scettica sull’argomento.

 

Fonte: Breitbart

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(13 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...