image_pdfimage_print

Di Kirye e P. Gosselin – 16 Luglio 2019

Ogni qualvolta NASA-GISS annuncia come le recenti temperature globali sono molto più calde di, ad esempio, 100 anni fa, quanto realmente sono statisticamente affidabili tali affermazioni?

La maggior parte concorderà, basandosi principalmente su varie osservazioni, che oggi è effettivamente più caldo di quando le temperature superficiali iniziarono a essere registrate nel 1880. Ma non sapremo mai veramente di quanto.

Pubblicità

Set di dati delle stazioni di superficie piene di vuoti giganteschi

Quando guardiamo Il sito della NASA-GISS, possiamo vedere quante stazioni di superficie hanno dati risalenti agli anni precedenti. Oggi sappiamo che 2089 stazioni sono funzionanti nella Versione 3 di dati non aggiustati.

Tuttavia, quando torniamo indietro di 100 anni (fino al 1919), notiamo solo 997 di queste stazioni che misuravano la temperatura in superficie che completano i dati non aggiornati nella Versione 3:

Fonte: NASA GISS

Nota come i set di dati non aggiornati della Versione 3 risalenti al 1919 sono mal distribuiti e mancano clamorosamente in Africa, Canada, Artico e in tutto l’emisfero australe. Gli oceani non sono considerati.

Solo un misero numero di 174 stazioni superficiali risalgono al 1880!

E quando guardiamo al numero di stazioni nella Versione 3, i dati non aggiornati che risalgono al 1880, ci accorgiamo che le stazioni di misurazione sono SOLTANTO 174 stazioni che effettivamente non forniscono i set di dati completi per la misura delle temperature:

Come mostrato, i dati non aggiornati nella Versione 3 risalenti al 1880 coprono solo alcune zone degli Stati Uniti e dell’Europa. Tutto il Canada e la Russia sono privi di dati, quindi è impossibile sapere quali fossero le temperature realmente esistenti.

Lo stesso vale per l’intero emisfero sud, per non parlare dell’intero globo. La linea di fondo è quella che non c’è modo di sapere quale sia realmente la temperatura globale del tardo 19 ° secolo e dell’inizio del 20 ° secolo.

Esperto giapponese: dati di “nessun valore scientifico”

Questo ci dice che le tendenze globali della temperatura dall’inizio della rivoluzione industriale presentate dalla NASA sono piene di grandi incertezze.

“Non è una novità”, afferma l’esperto climatico giapponese Dr. Mototaka Nakamura in una e-mail a NTZ. “Semplicemente non avevamo molte stazioni di osservazione nel 1800 e all’inizio del 1900. Possono produrre “nuovi set di dati” e affermare di avere “serie di dati migliori” tutto il giorno, ma non possono fare alcuna differenza significativa per periodi fino al 1980.”

“Dati non reali”

“Questi set di dati sono prodotti da modelli di simulazione e software di assimilazione dati, non dati reali”, ha aggiunto il Dr. Nakamura. “Questo problema è stato presente nei dati prodotti da tutte le istituzioni fin dall’inizio – NASA, NOAA, NCEP, ECMWF, UMet, ecc.”

“La distorsione spaziale prima del 1980 non può essere affrontata”

Ma le carenze di dati peggiorano ulteriormente. Il Dr. Nakamura ha scritto: “Un problema molto più serio nel calcolare ‘l’andamento globale della temperatura superficiale media’ è la polarizzazione spaziale acuta nelle stazioni di osservazione. Non vi è nulla che possano fare a riguardo. Non importa cosa facciano con i modelli di simulazione e i programmi di assimilazione dei dati, questo pregiudizio spaziale prima del 1980 non può essere affrontato in alcun modo significativo. Basta guardare le posizioni delle stazioni di osservazione utilizzate nei prodotti GISS per diversi anni sulla loro pagina.”

Il Dr. Nakamura ha già commentato qui a NTZ: “I dati sulla variazione della temperatura media della superficie globale non hanno più alcun valore scientifico e non sono altro che uno strumento di propaganda per il pubblico.”

Quindi, come possiamo essere sicuri delle temperature del globo, e quindi delle tendenze precedenti al 1980? Non possiamo perché i dati reali non esistono.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità