12 maggio 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Alan Carlin – 11.05.2018

Il principale sviluppo nella scienza del clima negli ultimi due anni è qualcosa di cui quasi nessuno ne parla: ci sono forti prove che i cambiamenti dei livelli di biossido di carbonio nell’atmosfera non hanno effetti significativi sulle temperature globali nel mondo reale negli ultimi decenni. Gli studi coinvolti hanno concluso che i piccoli aumenti delle temperature globali durante questo periodo possono essere integralmente spiegati utilizzando fattori naturali.

Le prove per questa conclusione sono apparse in studi condotti più di un anno fa, ma nessuna delle due parti sta dicendo molto sul loro conto. I ricercatori scettici sembrano essere attualmente concentrati sul caso della sensibilità del clima di equilibrio inferiore (ECS), sostenendo che è inferiore a quanto ipotizzato dall’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) dell’ONU. Sono d’accordo sul fatto che l’ECS non è affatto all’altezza delle affermazioni dell’IPCC, ma ritengo che l’enfasi debba essere posta sulla questione più ampia di se il CO2 abbia un effetto significativo sulle temperature nel mondo reale.

La domanda principale è perché la CO2 non ha alcun effetto significativo sul clima

Ora che le prove dimostrano che la CO2 non ha alcun effetto significativo nel mondo reale degli ultimi decenni, la principale domanda di ricerca è perché – non quanto sia piccolo l’ECS nel mondo idealizzato dei ricercatori climatici. Gli effetti insignificanti saranno comunque insignificanti a prescindere da chi potrebbe avere ragione riguardo all’ECS. Forse la domanda principale è perché la CO2 non ha effetti significativi sulle temperature nel mondo reale, nel qual caso CO2 ed ECS sono in gran parte irrilevanti.

Gli allarmisti del clima continuano a mettere la testa sotto la sabbia e fingono che la loro catastrofica ipotesi spesso ripetuta che la CO2 sia in qualche modo corretta, anche se è stata smentita, e il mondo dovrebbe continuare a spendere più di un trilione di dollari ogni anno cercando di ridurre le emissioni antropiche – emissioni di CO2 prodotte. Ma se i cambiamenti nei livelli di CO2 non hanno alcun effetto significativo sulle temperature, la loro proposta di riduzione delle emissioni causate dall’uomo non lo sarà neanche.

Gli allarmisti hanno fatto un grande cambiamento nell’ultimo anno. Invece di concentrarsi sull’EPA e sulle decisioni a livello nazionale sull’utilizzo delle loro “energie rinnovabili” preferite, gli allarmisti sono ora passati a promuovere i loro sforzi scientificamente non validi per ridurre le riduzioni delle emissioni di CO2 causate dall’uomo a livello statale e locale. Questo è in gran parte il risultato della perdita della Casa Bianca da parte dei Democratici, non di alcuna nuova ricerca.

Tutto questo mi sembra altamente irrazionale. Ora c’è sempre la possibilità che le relazioni Wallace et al. sono errate nella loro conclusione principale. Le tecniche utilizzate sono nuove per la scienza del clima, ma ampiamente accettate in altri campi. Nessuno ha dimostrato che la nuova ricerca è sbagliata in oltre un anno, nonostante l’offerta degli autori di rendere disponibili tutti i dati utilizzati per raggiungere questa importante conclusione. E riprodurre i risultati non richiede un costoso super computer come fanno i modelli climatici senza senso dell’IPCC. Mi sembra che un’agenda razionale da parte degli allarmisti climatici dovrebbe essere quella di confutare gli studi di Wallace et al. o per attuare azioni che portino a termine le conclusioni suggerite dalla ricerca (soprattutto, abbandonando gli sforzi per ridurre le emissioni di CO2 causate dall’uomo). Ma nessuno delle due parti si sta adoperando per quello che so.

Quindi quali sono le possibili ipotesi fisiche per la ricerca degli effetti non significativi? Studi econometrici come Wallace et al. possono dirci se c’è un effetto significativo, ma non può fornire spiegazioni fisiche per questo. Un’idea interessante è che risulta dal formidabile sistema terrestre di fenomeni emergenti che regolano la temperatura naturale, in particolare vicino ai tropici oceanici, dove gran parte dell’energia solare entra nel sistema climatico. Questi fenomeni includono aumenti immediati di nubi e temporali quando le temperature aumentano, in particolare quando le temperature superano i 26-29° C. Altri fenomeni emergenti che operano altrove, come uragani e trombe d’aria, ridistribuiscono anche il calore e riducono le temperature. Questi fenomeni emergenti impediscono aumenti significativi delle temperature globali indipendentemente dalla loro causa.

Se davvero questa è la spiegazione, le preoccupazioni per gli aumenti catastrofici delle temperature sono infondate e la questione rilevante diventa se il sistema di controllo della temperatura di fatto della Terra supera i presunti effetti teorici della temperatura degli aumenti di CO2, non se le emissioni di CO2 provocate dall’uomo aumentino le temperature.

Quindi sostengo che gli allarmisti climatici non sono razionali a meno che non pensino di poter continuare a soffocare l’opposizione usando la loro presa sui media mainstream anche se non hanno più il controllo della burocrazia federale sull’ambiente.

Fonte: Carlin Economics and Science

Enzo
Attività Solare

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(19 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...