10 luglio 2017 - 20:00 pm Pubblicato da

Di Tim Ball

Environment Canada (CE) ha ingannato il paese sul riscaldamento globale, che ha causato enormi spese inutili, costando alla società migliaia di posti di lavoro, distrutto imprese e industrie, e devastato le comunità a tutti i livelli.

Nel frattempo, la loro precisione nel formulare previsione oltre le 48 ore non è migliorata, ma anzi; quindi hanno abbandonato le previsioni di medio termine (da tre mesi ad un anno) dopo i risultati peggiori di un lancio di monete; e tutte le previsioni a lungo termine dal 1990, in base alla loro adesione al gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC), sono risultate errate.

John Christy ha presentato le prove nella sua testimonianza congressuale (Figura 1).

Infatti, le previsioni del modello climatico canadese che fanno parte del 102 IPCC CMIP-5 Climate Models sono risultati i peggiori di tutti come mostrato da Ken Gregory (Figura 2).

EC è stato un grande attore nell’intera illusione del riscaldamento globale causato dall’uomo. L’assistente vice ministro Gordon McBean ha presieduto la riunione per la fondazione dell’IPCC a Villach, in Austria, nel 1985.

Environment Canada ha quindi spinto l’intera agenda sul riscaldamento globale a caldo con un impatto devastante e costoso sull’intera economia canadese. L’esempio più recente è stato l’impegno di Justin Trudeau con circa 3 miliardi di dollari destinati al Green Climate Fund (GCF).

Il ritiro del Presidente Trump dall’accordo sul clima di Parigi segnala la fine dell’intera agenda del clima ONU inclusa quella del Fondo. Una volta che il finanziamento statunitense è stato tolto, l’intero programma climatico dell’ONU crolla.

Trump è un corpo estraneo inserito in un corpo politico dal popolo. Ogni segmento del corpo, ai politici di parte, attraverso i media, stanno cercando di rifiutarlo. Coloro che lo hanno eletto sono rafforzati nella loro decisione con ogni mossa per mantenere le promesse elettorali.

Trump saggiamente ha scelto di ritirarsi dall’accordo sul clima di Parigi, perché è pregiudizievole nei confronti delle nazioni sviluppate, rendendo così un cattivo affare per gli Stati Uniti.

Ecco una sinossi:

Per raggiungere l’obiettivo concordato a Parigi di un aumento massimo di 2° C nelle temperature globali superiori ai livelli preindustriali, il costo globale stimato è di 17 trilioni di dollari entro il 2040 (circa 800 volte più di quanto sia stato speso per tutte le missioni di Apollo sulla luna).

Ci vorrebbe anche una riduzione di anidride carbonica circa 100 volte superiore a quelle promesse a Parigi.

L’accordo presume erroneamente che la CO2 sta causando la distruzione del pianeta a causa del riscaldamento globale, ma solo alcune nazioni devono ridurre la loro produzione, mentre tutte le altre sono praticamente illimitate per molti anni a venire. La Cina è il più grande produttore di CO2 a livello mondiale, ma non è limitata alla produzione fino al 2030.

Nel 2010 alla Conferenza delle Parti (COP) 16 hanno sostituito il protocollo di Kyoto con il Fondo per un clima verde (GCF) e hanno inteso ratificarlo alla COP 21 come Accordo sul clima di Parigi.

Ciò è diventato necessario dopo la divulgazione nel novembre 2009 della scienza corrotta dell’IPCC tramite le e-mail che sono state esaurite dall’Unità di Ricerca Climatica (CRU).

Il protocollo e il GCF sono stati progettati per arrestare le nazioni industrializzate che sono diventate ricche a scapito di altre nazioni utilizzando i combustibili fossili. Dovevano essere puniti pagando una multa per il loro colpa di produrre CO2, e il denaro doveva essere utilizzato per compensare le nazioni in via di sviluppo.

Infatti, è stato un trasferimento globale di ricchezza che richiedeva un governo globale unico. Ha raggiunto l’obiettivo di Maurice Strong riassunto da Elaine Dewar in Cloak of Green:

 

“Strong stava utilizzando l’ONU come piattaforma di lancio per vendere una crisi ambientale globale e l’agenda globale di governo”.

Il protocollo di Kyoto si fondò sulla divulgazione della scienza manipolata. Ha anche fallito perché il Senato degli Stati Uniti lo ha respinto. Non hanno voluto votare contro un protocollo “verde”, quindi hanno creato la risoluzione Byrd/Hagel per decidere se votare. La risoluzione ha dichiarato che non dovrebbero votare su qualsiasi cosa che dovrebbe nuocere all’economia statunitense. Pertanto, il voto è stato di 95-0 a favore di non approvare Kyoto.

Obama ha sostenuto il GCF come parte del suo patrimonio, e sapeva anche che senza gli USA, non sarebbe accaduto. Ma c’era un problema: non poteva chiamarlo un trattato perché ciò avrebbe dovuto richiedere l’approvazione del Senato.

Ironia della sorte, questo è esattamente ciò che ha reso facile a Trump il ritiro dall’accordo di Parigi.

Environment Canada e tutte le altre burocrazie meteorologiche nazionali sono state coinvolte perché Maurice Strong ha creato l’inganno del riscaldamento globale attraverso la loro adesione all’Organizzazione Mondiale Meteorologica dell’ONU (WMO). Praticamente tutti i finanziamenti per la ricerca sul clima provenivano da fonti governative, finanziando solo le ricerche che sostenevano la loro falsa scienza.

Tutto il finanziamento federale della ricerca canadese passa attraverso le “arms-length” agenzie apparentemente per impedire l’interferenza politica. Tuttavia, il finanziamento del clima è arrivato direttamente da Environment Canada per promuovere la loro versione della scienza.

Come accennato in precedenza, Gordon McBean era la principale persona responsabile della singolare e devastante direzione che il dipartimento ha preso. Ha portato la sua visione politica sulle tematiche ambientali e soprattutto il riscaldamento globale, espresso in un discorso all’Organizzazione Mondiale Meteorologica (WMO) nel 1995. Ha trascorso la sua carriera promuovendo queste visioni e ha virtualmente distrutto il Servizio Meteo Canadese, perdendo miliardi di dollari. Il revisore dei conti generale ha messo il costo a 6,8 miliardi di dollari dal 1997 al 2005.

McBean ha anche stabilito la sua carriera post-burocratica usando 61 milioni di dollari di fondi comunitari per istituire la Fondazione canadese per il clima e le scienze atmosferiche (CFCAS), un’organizzazione di ricerca sul clima che ha assunto come presidente nel mese in cui si è ritirato dalla EC.

Questa agenzia ha finanziato soltanto la ricerca che ha dimostrato la teoria globale del riscaldamento globale o l’impatto negativo del riscaldamento.

Gli scienziati burocratici sono una garanzia della scienza politica. Come ha spiegato il Dr. Lawrence Peters,

“La burocrazia difende lo status quo lungo il tempo in cui il quo ha perso il suo status”.

Environment Canada continua a spingere perché non hanno seguito il metodo scientifico. Invece di dimostrare che l’ipotesi che la CO2 antropica stava causando il riscaldamento era errato, ed esaminando e promuovere solo prove che fossero corrette.

Ogni previsione che, come membri dell’IPCC hanno fatto, sono risultate sbagliate.

La semplice e sola soluzione per ripristinare la verità e l’integrità è quella di arrestare la EC e la statistica Canadese raccogliendo dati ambientali nell’ala delle risorse e rendere tali dati a chiunque. Almeno i progettisti privati sarebbero responsabili sul mercato.

È tempo di rendere Environment Canada responsabile chiudendo i battenti.

Fonte: THEREBEL

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(17 voti, media: 4,76 su 5)
Loading...