image_pdfimage_print

DI CHRIS MORRISON – 24 OTTOBRE 2022

Ulteriori prove sono emerse che i modelli climatici sono inutili allo scopo di prevedere i futuri aumenti di temperatura. Una recente ricerca che utilizza le temperature estive americane (giugno, luglio, agosto) negli ultimi 50 anni, ha rilevato che 36 principali modelli climatici hanno mostrato quasi il doppio del tasso di riscaldamento osservato dalle misurazioni della temperatura superficiale registrate dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Nella fascia alta, un certo numero di modelli prevede un riscaldamento di quasi tre volte maggiore di quanto mostrano i dati osservati (barra blu sotto).

La ricerca è stata condotta dal Dr. Roy Spencer, il principale ricercatore presso l’Università dell’Alabama a Huntsville, e il compilatore del record mensile della temperatura satellitare UAH. Dice che l’importanza delle sue scoperte dovrebbe essere ovvia. “Dato che la politica energetica degli Stati Uniti dipende dalle previsioni di questi modelli, la loro tendenza a produrre troppo riscaldamento (e probabilmente anche cambiamenti climatici associati al riscaldamento) dovrebbe essere presa in considerazione nella pianificazione della politica energetica”, ha affermato. Ma dubitava che lo fosse, “date le esagerazioni del cambiamento climatico abitualmente promosse da gruppi ambientalisti, sostenitori anti-petrolio, media, politici e la maggior parte delle agenzie governative”.

Pubblicità

Il lavoro di Spencer segue una recente ricerca pubblicata dal Professor Nicola Scafetta dell’Università di Napoli. Ha scoperto che quasi tutte le previsioni della temperatura globale prodotte dai modelli tra il 1980-2021 sono risultate eccessive, alcune estremamente importanti, rispetto alla registrazione satellitare accurata. Una delle ragioni addotte per cui non c’è una emergenza climatica nella Dichiarazione mondiale sul clima è che i modelli climatici “non sono lontanamente plausibili come strumenti globali”.

Eppure, come abbiamo visto in numerosi articoli sul Daily Sceptic, i modelli climatici sono onnipresenti e sono in prima linea nel promuovere le paure climatiche che spingono l’agenda Net Zero di comando e controllo. Sono al centro del lavoro pseudoscientifico che cerca di “attribuire” singoli eventi meteorologici estremi ai cambiamenti climatici a lungo termine presumibilmente causati dai combustibili fossili. In termini semplici, i computer confrontano un clima immaginario senza anidride carbonica causata dall’uomo con quello attuale pieno di complessità sconosciute, e poi i modellisti annunciano di aver “dimostrato” l’ipotesi dell'”emergenza climatica”. Dal momento che i risultati di questi modelli non sono falsificabili, come si può dimostrare che uno scenario del tutto immaginario è “falso”? – le nozioni non sono altro che opinioni senza valore.

I risultati del lavoro di Spencer non saranno certo una grande sorpresa, ma le conclusioni sono quasi certamente più dannose per il caso dei catastrofisti climatici di quanto suggeriscano le cifre. Spencer utilizza temperature superficiali NOAA e, come abbiamo visto, queste sono soggette a “corruzione” da una serie di cause negli ultimi anni. Come osserva Spencer, la cifra NOAA potrebbe essere una sovrastima “se l’aumento degli effetti delle isole di calore urbane ha influenzato in modo spurio le tendenze negli ultimi 50 anni, e non ho apportato alcun aggiustamento per questo”.

All’inizio di quest’anno, il meteorologo statunitense Anthony Watts ha pubblicato la sua ultima indagine sulle stazioni meteorologiche nazionali della NOAA. Descrivendo il record di temperatura come “fatalmente difettoso”, Watts ha scoperto che circa il 96% delle stazioni di temperatura statunitensi non è riuscito a soddisfare ciò che la stessa NOAA considerava accettabile e non corrotta. Watts ha definito la “corruzione” come causata dagli effetti localizzati dell’urbanizzazione, producendo distorsioni termiche a causa della vicinanza ad asfalto, macchinari e altri oggetti che producono calore, intrappolano il calore o accentuano il calore. Secondo Watts, i dati che non erano stati corrotti da un posizionamento errato mostravano un tasso di riscaldamento negli Stati Uniti “ridotto di quasi la metà rispetto a tutte le stazioni”.

Ci sono ulteriori prove sostanziali che i dati della temperatura superficiale degli Stati Uniti del NOAA sono troppo alti. Nel 2005, ha iniziato a compilare dati da un gruppo selezionato di 114 stazioni in tutto il paese che erano state specificamente situate lontano dallo sviluppo urbano. Chiamato U.S. Climate Reference Network (USCRN), era destinato a mirare a “precisione e continuità superiori in luoghi che l’uso del suolo non avrà probabilmente un impatto nei prossimi cinque decenni”.

Il grafico sopra mostra il record raramente referenziato fino al mese scorso. Mostra cambiamenti oscillanti della temperatura, ma pochissime prove indicano una tendenza al riscaldamento negli ultimi 17 anni.

Considerando ciò che è noto sulla “corruzione” del principale set di dati di temperatura del NOAA, sarebbe ragionevole ridurre significativamente la barra osservativa blu NOAA nel grafico di Spencer. Questo, naturalmente, fornisce una ulteriore conferma che le previsioni delle temperature della maggior parte dei modelli climatici hanno da tempo perso ogni connessione con la realtà.

Chris Morrison è il Redattore ambientale di Daily Sceptic.

Pubblicità