19 Apr 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 18 aprile 2018

Un nuovo istituto di ricerca svizzero è destinato a scalare posizioni riguardo la scienza del clima … dove farà ricerca scientifica sulle cause naturali del cambiamento climatico. Il direttore afferma che considerare la CO2 come inquinante è “assurdo”.


Hans-Joachim Dammschneider, direttore dell’Istituto svizzero e scienziato climatico, afferma che i cambiamenti climatici dipendono in gran parte da fattori naturali. Credito fotografico: IFHGK

 

Il blog svizzero Basler Zeitung (BZ) ha pubblicato il 13 aprile 2018 che ha aperto un nuovo istituto di ricerca scientifica nel lago Aegeri in Svizzera lo scorso anno: l’Istituto per l’idrografia, la geoecologia e la scienza del clima (IFHGK), si concentrerà sulle cause naturali dei cambiamenti climatici.

Contrariamente agli altri istituti finanziati dai governi, l’IFHGK si concentra sulle cause naturali del cambiamento climatico: l’Istituto per la geo-ecologia e le scienze del clima vuole dimostrare che la CO2 non è necessariamente il principale motore del riscaldamento globale e che quindi va contro il presunto ampio consenso tra i principali ricercatori, scrive Baseler Zeitung.

Un vero scienziato climatico

Il nuovo istituto, fondato all’inizio del 2017, si trova a Oberägeri, in Svizzera ed è diretto da Hans-Joachim Dammschneider. che secondo il BZ ha spiegato:

A differenza di molti altri che parlano di riscaldamento globale, in realtà sono uno scienziato climatico”.

L’istituto è composto da scienziati che lavorano su base volontaria e operano con pochi soldi. Decisivo nella fondazione dell’istituto è stato l’incontro del Dr. Hans-Joachim Dammschneider con il Dr. Sebastian Lüning, che insieme al Prof. Fritz Vahrenholt hanno scritto il bestseller di Spiegel “Die kalte Sonne”, che ha sconvolto la scienza climatica mainstream tedesca. Lüning gestisce anche il sito climatico Die kalte Sonne dove pubblica ogni giorno.

Guardando la scienza del clima con “calma, buon senso e ragione”

Il Dr. Lüning, un geologo, ha concluso molto tempo fa che i principali scienziati climatici si sono diretti in un vicolo cieco. Dammschneider ha riferito alla BZ che l’istituto esaminerà i problemi con “calma, buon senso e comprensione”.

Dammschneider, che si considera un realista del clima, afferma che è assurdo che la CO2 sia stata designata come una sostanza inquinante e che la sostanza sia principalmente la causa del cambiamento climatico. Il Dr. Dammschneider è un esperto tedesco leader nel campo della geografia, della ricerca sul clima, dell’oceanografia e della geologia.

Il BZ riporta che Dammschneider ha già pubblicato alcuni articoli nelle proprie serie di pubblicazioni e che è specializzato nel campo delle variazioni periodiche della temperatura degli oceani, che hanno un impatto diretto sull’atmosfera. Ha riferito al BZ:

Le temperature atmosferiche tendono a corrispondere alle oscillazioni degli oceani e sono soggette a un modello comparabile.”

Il calore di oggi “non unico”

Il ricercatore di origine tedesca ritiene che sia essenziale registrare questi cambiamenti e vedere se i cambiamenti climatici sono normali o se sono esistiti solo da quando l’uomo ha iniziato a bruciare combustibili fossili.

Le sue ricerche e le scoperte di Sebastian Lüning per la regione nordafricana dimostrano che nel periodo tra il 1000 e il 1200 d.C. era altrettanto caldo come oggi. Il BZ scrive:

I lavori di Lüning e del suo team dimostrano che durante questo periodo predominavano condizioni climatiche ottimali. Indicano anche che il periodo caldo di oggi non è unico.”

La paura di dissentire

Sul futuro successo dell’istituto, il BZ scrive che Dammschneider è consapevole che sarà una strada lunga e difficile, affermando che “i giovani scienziati climatici di regola non possono permettersi di mettere in discussione le verità asserite se non vogliono mettere in pericolo le loro carriere. Pertanto, il nuovo istituto scettico sulla scienza del clima dovrà fare affidamento sul sostegno di scienziati indipendenti e professori in pensione, liberi di parlare senza il timore di gravi conseguenze.

Finanziamento necessario

Il BZ scrive che l’istituto sta lavorando per ottenere l’attenzione del pubblico, ma ha bisogno di finanziamenti. Tuttavia: “gli sponsor aziendali sembrano promettenti e quindi spera di assumere alcuni lavoratori”, riporta il BZ.

Per quanto riguarda l’allarmismo diffuso sui cambiamenti climatici provocati dall’uomo, Dammschneider ha dichiarato alla BZ:

Prima o poi dovranno attenuare le posizioni che hanno tenuto finora.”

Leggi tutta la storia in tedesco sul Basler Zeitung

Fonte: No Tricks Zone

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(14 voti, media: 4,93 su 5)
Loading...