image_pdfimage_print

Di Teo Blašković – 7 Marzo 2021

Un rapido aumento dell’ampiezza del tremore vulcanico al vulcano Etna è iniziato alle 01:30 UTC del 7 marzo 2021, portando a un aumento dell’attività stromboliana al cratere di SE intorno alle 03:30 UTC che a portato al 10 ° parossismo dal 16 febbraio. Il codice colore aviazione è diventato rosso alle 02:19 UTC.

Alle 02:19 UTC, una forte attività stromboliana formava una nuvola eruttiva ad un’altezza di circa 5,2 km (17.000 piedi) slm, spostandosi verso E e saliva a 6 km (20.000 piedi) alle 03:30 UTC.

Pubblicità

I flussi di lava erano a circa 2,8 km (1,7 miglia) slm alle 03:50 UTC.

La fontana di lava è iniziata poco dopo le 06:30 UTC e si è conclusa intorno alle 07:10.

Alle 07:15 UTC, la sommità della nube di cenere raggiungeva i 10,7 km (35.000 piedi) sul livello del mare.

Credit immagine: INGV

Riepilogo geologico

L’Etna, che sovrasta Catania, la seconda città più grande della Sicilia, ha una delle più lunghe testimonianze documentate al mondo di vulcanismo storico, risalente al 1.500 a.C.

Colate laviche storiche di composizione basaltica ricoprono gran parte della superficie di questo massiccio vulcano, il cui edificio è il più alto e voluminoso d’Italia.

Lo stratovulcano Mongibello, troncato da diverse piccole caldere, si è formato durante il tardo Pleistocene e l’Olocene su un vecchio vulcano a scudo. La caratteristica morfologica più importante dell’Etna è la Valle del Bove, una caldera a forma di ferro di cavallo di 5 x 10 km aperta ad est.

Al vulcano Etna si verificano tipicamente due stili di attività eruttiva. Eruzioni esplosive persistenti, a volte con emissioni di lava minori, si verificano da uno o più dei tre crateri sommitali prominenti, il cratere centrale, il cratere NE e il cratere SE (quest’ultimo formato nel 1978).

Le prese d’aria laterali, tipicamente con velocità di versamento più elevate, sono meno frequentemente attive e originano da fessure che si aprono progressivamente verso il basso da vicino alla sommità (solitamente accompagnate da eruzioni stromboliane all’estremità superiore).

I coni di scorie sono comunemente costruiti sopra le prese d’aria dei flussi di lava del fianco inferiore. Le colate laviche si estendono ai piedi del vulcano su tutti i lati e hanno raggiunto il mare su un’ampia area sul versante SE. (GVP)

Credit immagine in primo piano: INGV

Fonte: The Watchers

Pubblicità