8 gennaio 2015 - 21:01 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

I dati satellitari diramati dalla RSS (Remote Sensing System) pubblicati qualche giorno fa e che fanno riferimento al mese di dicembre 2014, confermano in toto come non vi siano in alcun modo le condizioni per definire le temperature globali del 2014 le più alte mai registrate, come propagandato dagli enti del NOAA e della NASA.

image_thumb12

http://data.remss.com/msu/monthly_time_series/RSS_Monthly_MSU_AMSU_Channel_TLT_Anomalies_Land_and_Ocean_v03_3.txt

L’anomalia della temperatura per quanto riguarda le RSS, per l’anno 2014 (inizio rilevazioni 1979) è risultata a +0.256°C, che va ad accostarsi all’incirca poco sotto al 2007 (vedi grafico),  quindi risultando soltanto al sesto posto tra gli anni più caldi dal 1979. Non solo, sempre per quanto riguarda il 2014, l’anno è risultato ben al di sotto del record stabilito nel 1998, e nel 2010 come evidenziato dalle frecce rosse.

Nelle temperature marine, in genere vi è un ritardo di circa 2 mesi prima che la temperatura troposferica venga condizionata da quella marina più elevata. Tuttavia, le temperature mensili secondo le RSS hanno raggiunto il picco nel mese di giugno e luglio, circa un paio di mesi dopo che le condizioni di El Nino hanno raggiunto il picco, come ci si potrebbe attendere. Da allora le temperature sono scese di nuovo e si sono stabilizzate.

A meno che le condizioni di El Nino si rafforzino durante questo inverno, possibilità altamente improbabile, visto l’andamento dell’attività solare, di rimando sarà molto improbabile osservarne un aumento significativo della temperatura nei prossimi mesi a livello globale.

image_thumb13

Le anomalie delle RSS dal 2002 al 2014

Anche le misurazioni della UAH (University of Alabama in Huntsville, periodo di riferimento 1981-2010 pubblicate da Attività Solare nella giornata di ieri) non sposano in alcun modo il presunto record della temperatura registrata da quando si effettuano misurazioni satellitari, cioè dal 1979. Infatti, anche per quanto riguarda le UAH la graduatoria termina al terzo posto, con il computo totale del 2014 che chiude a +0,271°C.

UAH_LT_1979_thru_December_2014_v5

L’andamento delle UAH dal 1979. Si nota in modo evidente come le temperature anche in questo caso siano stazionarie dal 1998.

http://www.nsstc.uah.edu/data/msu/t2lt/uahncdc_lt_5.6.txt

Annual Global Temperature Anomalies, ranked

1. 1998 0.42
2. 2010 0.40
3. 2014 0.27
4. 2005 0.26
5. 2013 0.24
6. 2002 0.22
7. 2009 0.21
8. 2007 0.20
9. 2003 0.19
10. 2006 0.19
11. 2012 0.17
12. 2011 0.13
13. 2004 0.11
14. 2001 0.11
15. 1991 0.02
16. 1987 0.01
17. 1995 0.01
18. 1988 0.01
19. 1980 -0.01
20. 2008 -0.01
21. 1990 -0.02
22. 1981 -0.05
23. 1997 -0.05
24. 1999 -0.06
25. 1983 -0.06
26. 2000 -0.06
27. 1996 -0.08
28. 1994 -0.11
29. 1979 -0.17
30. 1989 -0.21
31. 1986 -0.24
32. 1993 -0.25
33. 1982 -0.25
34. 1992 -0.29
36. 1985 -0.31
37. 1984 -0.35

Quindi possiamo affermare con dati empirici, molto più accurati e completi da rilevamento satellitare, che la temperatura globale secondo RSS e UAH si è prolungata ancora di un altro anno, portando la stasi a oltre 18 anni.

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...