27 gennaio 2018 - 20:00 pm Pubblicato da

Giovedì 25 gennaio 2018

IL RAFFREDDAMENTO STA ARRIVANDO

Gli ultimi dati ricavati dalle hadsst3 mostrano come le temperature globali sono in questo momento inferiori alla tendenza precedente a El Nino.

Vedo che la realtà sta iniziando a intromettersi nella pericolosa squadra del riscaldamento globale. Essi affermano “è plausibile, se non probabile, che i prossimi 10 anni di cambiamento della temperatura globale lasceranno l’impressione di una “pausa del riscaldamento globale”.”

Il clima è controllato da cicli naturali. La Terra è appena oltre il picco del 2003 +/- di un ciclo millenario e l’attuale tendenza al raffreddamento continuerà probabilmente fino al prossimo minimo della Piccola Era Glaciale che avverrà circa nel 2650.

Vedere il documento Energy and Environment all’indirizzo qui e una precedente versione nel blog accessibile all’indirizzo qui.

Ecco l’abstract per comodità:

“ABSTRACT

Questo documento sostiene che i metodi utilizzati dalla comunità scientifica del clima non sono adatti allo scopo e che un nuovo paradigma di previsione dovrebbe essere adottato. Il clima della Terra è il risultato di risonanze e battiti tra vari processi quasi ciclici di lunghezze d’onda variabili. Non è possibile prevedere il futuro se non abbiamo una buona comprensione della storia della terra è del tempo in relazione alle fasi attuali e di quelle diverse periodicità naturali interagenti. Le prove sono presentate specificando i tempi e l’ampiezza del ciclo naturale di +/- 60 anni e, soprattutto, la periodicità di 1.000 anni (comportamenti emergenti osservati) che sono così evidenti nella registrazione della temperatura. I dati relativi al driver del clima solare sono discussi e il ciclo solare 22 basso nel conteggio dei neutroni (alta attività solare) nel 1991 è identificato come un picco millenario dell’attività solare e correlato con il picco millimetrico – punto di inversione – nell’andamento della temperatura RSS verso il 2003. Le tendenze cicliche sono proiettate in avanti e prevedono un probabile declino generale della temperatura nei prossimi decenni e secoli. Stime del tempo e dell’ampiezza del raffreddamento in arrivo sono state costruite. Se i risultati del clima reale seguono una tendenza che si avvicina alle previsioni a breve termine di questa ipotesi di lavoro, la divergenza tra le previsioni dell’IPCC e quelle previste da questo documento sarà così grande entro il 2021 da rendere attuale, presumibilmente praticabile, il livello di fiducia delle previsioni dell’IPCC diventando così insostenibili.””

 

Per la situazione attuale e le previsioni di intervallo più lungo, vedere le Fig.4 e 12 nei link sopra.

Fig 4. Tendenza delle RSS che mostrano il picco della temperatura del ciclo millenario circa nel 2003 (14)

La figura 4 illustra l’ipotesi di lavoro che per questa serie temporale RSS e il picco del ciclo Millenario, un “picco d’oro” molto importante, può essere designato il 2003.
Il trend di raffreddamento delle RSS in Fig. 4 e il raffreddamento Hadcrut4gl in Fig. 5 sono stati troncati rispettivamente al 2015.3 e 2014.2, perché non ha senso iniziare o terminare l’analisi di una serie storica nel mezzo di eventi ENSO importanti che creano effimeri deviazioni dalle tendenze a lungo termine. Alla fine di agosto 2016, la forte anomalia della temperatura di El Nino è diminuita rapidamente. La tendenza al raffreddamento dovrebbe essere completamente ripristinata entro la fine del 2019.

Fig. 12. La previsione della temperatura comparativa al 2100.

La Fig. 12 confronta la previsione dell’IPCC con la previsione di Akasofu (31) (armonica rossa) e con l’ipotesi di lavoro semplice e più ragionevole di questa carta (linea verde) che il picco di temperatura “Golden Spike” circa nel 2003 è il picco più recente nel ciclo millenario. Akasofu prevede un ulteriore aumento della temperatura nel 2100 che potrebbe essere di 0,5° C ± 0,2 C, piuttosto che 4,0 C +/- 2,0 C come previsto dall’IPCC. Ma questa interpretazione ignora il punto di inflessione millenaria del 2004. La Fig. 12 mostra che il ciclo della temperatura ben documentata dei 60 anni coincide anche con i picchi di circa il 2003. Guardando la modulazione di lunghezza d’onda di +/- 60 anni del trend millenario, la più diretta ipotesi è che i trend di raffreddamento dal 2003 in poi saranno semplicemente l’immagine speculare delle recenti tendenze emergenti. Ciò è illustrato dalla curva verde in Fig. 12, che mostra il raffreddamento fino al 2038, un leggero riscaldamento fino al 2073 e quindi il raffreddamento fino alla fine del secolo, periodo in cui quasi tutto il riscaldamento del 20° secolo sarà stato invertito.

Fonte: Climatesense-norpag

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(17 voti, media: 4,53 su 5)
Loading...