image_pdfimage_print

Breve articolo, che dà spunti di riflessione, tradotto al volo 😉
Buona lettura!

Proviamo per un attimo a ipotizzare di essere in un periodo di transizione da un periodo interglaciale Olocenico caldo alla successiva era glaciale, piccola o grande che sarà: è facile immaginare che ci servirà tutta l’energia che riusciremo ad avere da tutte le fonti possibili, incluso solare, eolica, nucleare, per poter sostenere un’economia industriale e tecnologica per le prossime migliaia o decine di migliaia di anni, considerando che la nostra scorta di petrolio e gas non sarà sufficiente a mantenere l’attuale produzione per più di 30-40 anni, secondo le stime di British Petroleum.

 

L’ultima era glaciale è durata 750.000 anni e alcuni antropologi ritengono che il freddo intenso abbia ridotto la popolazione umana a meno di 10.000 persone.

Se effettivamente la prossima piccola era glaciale o grande era glaciale sta cominciando, estese aree di terra diventeranno troppo fredde per l’agricoltura – come Russia, Ucraina e Canada – ed è plausibile aspettarsi sommosse sociali, politiche e demografiche, qualcosa che non è mai stato sperimentato nella storia umana prima di oggi.

Se la prossima era glaciale è più o meno come l’ultima, vaste aree di interi continenti saranno coperti da ghiacciai e strati di ghiaccio e i livelli dei mari lentamente scenderanno di 400 piedi più o meno, lasciando i principali porti navali del mondo senz’acqua.

Potremmo avere bisogno di costruire decine di milioni di acri di serre riscaldate per nutrire il Nord America.

Sara Maria Maestroni

Attività Solare.

Pubblicità

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità