21 ottobre 2018 - 20:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Paul Driessen – 20 ottobre 2018

Anche se la sua scienza è spesso seriamente sbagliata, nessuno può negare che Al Gore abbia un abbaglio per il drammatico. Parlando del cambiamento climatico in un’intervista al PBS del 12 ottobre, l’ex vicepresidente ha dichiarato: “Abbiamo un’emergenza globale”. Riferendosi al più recente rapporto sul clima delle Nazioni Unite, Gore ha affermato che l’attuale riscaldamento globale “potrebbe effettivamente estendersi a un minaccia alla civiltà umana su questo pianeta come lo conosciamo.”

La retorica esagerata di Al Gore non ha senso, ovviamente. Eppure le sue affermazioni iperboliche pongono la domanda: come è iniziato tutto questo?

Negli anni ’70 cominciarono regolarmente ad apparire articoli sui media che avvertivano di imminenti problemi legati al cambiamento climatico. TIME e Newsweek pubblicarono diverse storie di copertura affermando che le compagnie petrolifere e lo stile di vita capitalista dell’America stavano causando danni catastrofici al clima della Terra. Sostenevano che gli scienziati erano quasi unanimi nel loro parere che il cambiamento climatico causato dall’uomo avrebbe ridotto la produttività agricola per il resto del secolo.

Il 28 aprile 1975 Newsweek propose soluzioni che includevano anche la messa al bando dei motori a combustione interna.

Questo suona molto simile al dibattito sui cambiamenti climatici di oggi – tranne, che negli anni ’70, la paura era il raffreddamento globale artificiale, non il riscaldamento.

La copertina del 31 gennaio 1977 della rivista TIME conteneva una storia, “Come sopravvivere all’età glaciale”. Includeva “fatti” come gli scienziati che predicevano che la cosiddetta temperatura media della Terra avrebbe potuto scendere di 20 gradi Fahrenheit a causa del raffreddamento globale artificiale. Il Dr. Murray Mitchell dell’Amministrazione Oceanica e Atmosferica Nazionale avvertiva i lettori che “il calo della temperatura tra il 1945 e il 1968 ha portato a un sesto della temperatura della prossima era glaciale”.

Il raffreddamento globale ha ottenuto un notevole interesse con il pubblico in generale. Ma poi, invece di raffreddarsi come previsto dai difensori dei cambiamenti climatici creati dall’uomo, il pianeta ha iniziato a riscaldarsi di nuovo. Qualcosa doveva essere fatto per salvare l’agenda del cambiamento climatico dal disastro totale. Entra Al Gore.

Al Gore Sr., un potente senatore del Tennessee, ha fatto in modo che suo figlio fosse eletto alla Camera dei rappresentanti, dal 1977 al 1985, per poi passare al Senato dal 1985 al 1993. Il principale problema di Gore Junior era la sua convinzione che la Terra potrebbe perire se non eliminiamo i combustibili fossili.

Gore è passato Vice Presidente sotto la presidenza Bill Clinton, dove è stato in grado di attuare politiche e finanziamenti diretti per garantire l’agenda sul cambiamento climatico diventasse una priorità assoluta del governo degli Stati Uniti. La missione di Gore fu potenziata quando Clinton gli diede l’autorità sul Consiglio del Presidente sullo Sviluppo Sostenibile appena creato.

Non sorprenderà quindi che, quando la Carta del Consiglio fu rivista il 25 aprile 1997, la “portata delle attività” includesse la seguente direzione per il Consiglio:

Informare il Presidente sull’attuazione interna delle opzioni politiche per ridurre le emissioni di gas a effetto serra. Il Consiglio non dovrebbe discutere la scienza del riscaldamento globale [enfasi aggiunta], ma dovrebbe invece concentrarsi sull’attuazione delle politiche e delle attività nazionali e locali per la riduzione dei gas serra e sugli adattamenti nell’economia e nella società degli Stati Uniti che massimizzano i benefici ambientali e sociali, riducono al minimo l’economia impatti e sono coerenti con gli accordi internazionali statunitensi. Il Consiglio dovrebbe, come minimo, identificare e incoraggiare esempi potenzialmente replicabili di riduzioni delle emissioni di gas a effetto serra tra diversi settori e livelli della società.

Considerando che il Consiglio aveva il compito di consigliare il Presidente “su questioni che riguardano lo sviluppo sostenibile” e che i punti di vista alternativi sulla scienza del cambiamento climatico fossero effettivamente esclusi, era una conclusione scontata che l’amministrazione Clinton andasse nella direzione voluta da Gore. Infatti, nella loro lettera di accompagnamento al Presidente che accompagnava la loro relazione del 1999, Advant Prosperity, Opportunity e Healthy Environment per il XXI secolo, il Consiglio affermava: “Il nostro rapporto presenta raccomandazioni di consenso su come l’America può ridurre le emissioni di gas serra e prendere altre misure per proteggere il clima.”

Una delle pietre miliari della strategia di Gore era quella di garantire che tutti i funzionari governativi di alto livello che avevano qualche coinvolgimento con le politiche di finanziamento relative ai cambiamenti climatici fossero in linea con la sua visione. Queste agenzie includevano il Dipartimento per l’Energia, l’Agenzia per la Protezione Ambientale, la National Science Foundation, il Dipartimento dell’Istruzione, l’Amministrazione Nazionale Oceanica e Atmosferica e l’Aeronautica e l’Amministrazione spaziale nazionale.

Un esempio del suo potere fu mostrato quando il fisico William Happer, allora direttore dell’Energy Research presso il Department of Energy, testimoniò prima del Congresso nel 1993 che i dati scientifici non supportavano l’ipotesi del riscaldamento globale artificiale. Gore fece in modo che Happer fosse immediatamente licenziato. Quindici anni dopo, Happer ci scherzò: “Ho avuto il privilegio di essere licenziato da Al Gore, dal momento che ho rifiutato di seguire il suo allarmismo. Non avevo bisogno di quel tipo di lavoro.”

Al Gore è stato anche in grado di sfruttare la sua alta visibilità, i suoi premi cinematografici, il suo premio Nobel e il suo coinvolgimento in vari scambi di carbonio e altri schemi di una fortuna personale. Quando finì il suo mandato come vicepresidente nel 2001, il suo patrimonio netto era di $ 2 milioni. Entro il 2013, ha superato i $ 300 milioni.

Il film di Gore, An Inconvenient Truth, forniva una serie di immagini grafiche che mostravano le conseguenze apocalittiche che alcuni avevano previsto se i combustibili fossili avessero avuto il permesso di continuare a riscaldare il pianeta. Le immagini includevano lo scioglimento dei ghiacciai, la morte degli orsi polari, la diffusione di malattie, città costiere sommerse da massicce inondazioni, città spazzate via da uragani e trombe d’aria e forniture alimentari sterminate dalla siccità.

Questa avvincente propaganda ha svolto un ruolo importante nel terrorizzare un’intera generazione sul futuro, facendo sì che i giovani e molti genitori si sentissero in colpa per il ruolo che loro e il loro paese avrebbero dovuto distruggere il nostro meraviglioso pianeta.

Da allora, agli americani è stato detto costantemente che dovrebbero sentirsi irresponsabili se guidano automobili o usano l’energia dei combustibili fossili per riscaldare le loro case o per alimentare le loro attività. Una rapida e massiccia conversione dal carbone, dal petrolio e dal gas naturale a fonti di energia rinnovabile come l’energia eolica e solare, ci viene detto, è l’unica speranza per salvare il pianeta.

Ora i bambini sono sempre più depressi riguardo al loro futuro, grazie alla costante raffica di propaganda del riscaldamento globale che ricevono a scuola. In effetti, sono diventati così sottoposti al lavaggio del cervello e intimiditi dai loro pari che non osano più mettere in discussione alcuna dichiarazione fatta sui cambiamenti climatici catastrofici.

Tuttavia, essenzialmente tutto nell’agenda sui cambiamenti climatici di Gore è sbagliato o travisato.

Ora che è il presidente scienziato senior del presidente Donald Trump per il Consiglio di sicurezza nazionale, il Dr. Happer deve dimostrare che non esiste alcun “consenso scientifico” su questi temi, riaccendere il dibattito informato sulle questioni climatiche ed energetiche e contribuire a portare speranza, buon senso e la reale la scienza che torna nel discorso – per aiutare a mettere fine alla pericolosa mitologia del pericoloso riscaldamento globale creato dall’uomo.

Fonte: CFACT

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(13 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...