16 Marzo 2019 - 7:00 am Pubblicato da
image_pdfimage_print

Forse è bene dare una ripassata ad alcuni termini.

Non userò definizioni che solo io riesco a trovare…. ma riporterò testualmente ciò che viene scritto su Wikipedia:

Clima

Il clima è lo stato medio del tempo atmosferico a varie scale spaziali (locale, regionale, nazionale, continentale, emisferico o globale) rilevato nell’arco di almeno 20-30 anni. Il termine deriva dal greco clinamen che vuol dire “inclinato”: il clima è infatti in massima parte una funzione dell’inclinazione dei raggi solari sulla superficie della Terra al variare della latitudine. A ciascuna fascia climatica-latitudinale della Terra corrispondono caratteristiche fisico-ambientali diverse in termini di flora e fauna detti biomi (es. foreste pluviali, deserti, foreste temperate, steppe, taiga, tundra e banchisa polare), influenzando fortemente le attività economiche, le abitudini e la cultura delle popolazioni che abitano il territorio.

Caratteristica principale del clima rispetto al comune “tempo meteorologico“, oltre all’intervallo temporale di osservazione e studio, è l’avere un andamento che tende a mantenersi stabile nel corso degli anni pur con una variabilità climatica interannuale dovuta alle stagioni e di medio-lungo periodo che vi si sovrappone.

Meteo

In meteorologia si definisce tempo atmosferico il complesso delle condizioni e dei fenomeni come umidità, pressione atmosferica, precipitazioni, temperatura, nuvolosità, visibilità e vento, in un dato momento e in un dato luogo

Inquinamento

L’inquinamento è un’alterazione dell’ambiente, naturale o antropico, e può essere altrettanto di origine antropica o naturale. Esso produce disagi temporanei, patologie o danni permanenti per la vita in una data area, e può porre la zona in disequilibrio con i cicli naturali esistenti. L’alterazione può essere di svariata origine, chimica o fisica.

Conclusioni

Nella giornata di ieri, milioni di persone in tutto il mondo, hanno manifestato per un qualcosa che, forse, neanche loro sanno bene di cosa si tratti. E’ stato chiesto a gran voce ai politici di agire in difesa del pianeta (come se ce ne fosse bisogno), spinti dalla propaganda mainstream sui Cambiamenti Climatici.
In molti, compreso il nostro Presidente della Repubblica, hanno lanciato un allarmante appello… arrivando a sostenere che la catastrofe climatica è ormai imminente.

Non sto qui a sindacare se sia stato giusto o sbagliato manifestare… ognuno è libero di fare ciò che vuole (ancora per poco, tranquilli, quindi approfittatene!!!!), ma almeno che si sappia il reale motivo… il contesto del problema… e quali sono le reali possibilità per tentare di risolvere tale problema.

Secondo l’opinione diffusa, i Cambiamenti Climatici sono dovuti esclusivamente alle emissioni di CO2 in atmosfera. Tali catastrofici cambiamenti stanno producendo un incremento della temperatura media del pianeta a livello globale, con evidenti (?) conseguenze sull’ambiente… quali lo scioglimento ormai quasi totale del ghiaccio artico (?? i dati dicono tutt’altro!), la desertificazione (??? ma come, appena 1 anno fa si è parlato di un aumento del verde a livello planetario proprio grazie all’aumento della CO2?), l’aumento degli uragani distruttivi (???? i dati dicono tutt’altro!) e l’estinzione, o il rischio di estinzione, per decine e decine di specie animali, tra i quali l’Orso bianco (????? ma se negli anni 60 erano qualche migliaio e ora sono oltre 25.000!?).
Il problema vero, però, non è tanto ciò che sta accadendo oggi, ma ciò che accadrà nel prossimo futuro. La temperatura salirà di diversi gradi (chiunque senti, ti dirà sempre valori differenti dagli altri) e questo provocherà lo scioglimento del ghiaccio si artico che antartico.. con conseguente innalzamento del livello del mare e a seguire catastrofica sommersione di molte città poste lungo la costa.

Qualcuno di quelli che ieri hanno manifestato, ad esempio, sanno che il ghiaccio nell’artico galleggia e che per il principio di Archimede… un corpo, immerso in un liquido, si bagna? ….

…riceve una spinta verticale dal basso verso l’alto, uguale per intensità al peso del volume del fluido spostato.?

E qualcuno sa che in realtà in Antartide il ghiaccio sta aumentando o diminuendo, a seconda di quale studio scientifico prendi in considerazione?

Ma torniamo al discorso iniziale…

Queste persone che hanno manifestato, rispondendo in massa all’appello della ragazzina di 16 anni candidata a premio Nobel, la cui mamma qualche giorno prima dell’inizio delle sue proteste aveva pubblicato un libro, ma vabbè… facciamo finta di niente, sanno che Cambiamenti Climatici e Inquinamento, sono 2 cose totalmente differenti?

Ma soprattutto, cosa si potrebbe fare realmente?

Qualche settimana fa ho letto un articolo (non ricordo dove) nel quale si sosteneva che anche azzerando completamente qualunque forma di emissione di CO2 a livello planetario, la temperatura continuerebbe a crescere più o meno come sta facendo oggi. Mi viene quindi da pensare… ma allora, di cosa stiamo parlando?

Sono disposti, quelli che ieri hanno manifestato, a rinunciare alle tecnologie e al progresso tecnologico di oggi, pur di dare un contributo reale per la lotta ai Cambiamenti Climatici?
Cioè, ognuno di noi, sarebbe disposto a rinunciare al riscaldamento nelle case, all’automobile, alle vacanze, ad internet, al cibo “straniero”, all’abbigliamento firmato, allo smartphone, ecc… ecc… ecc….?
No, perché di questo stiamo parlando. Non di bruscolini.
Oppure credete realmente che basta pagare qualche euro di tasse in più a testa e tutto si risolve come per magia?

Ad esempio, in molti stanno sposando la tesi dell’auto elettrica come unica soluzione a tutti i mali. Certo… in città come Milano, Torino, Roma ecc… l’inquinamento è evidente ed è un vero peccato. Io stesso ho abitato a Milano per alcuni anni… e so che significa respirare quotidianamente quello schifo. Ma rendiamoci conto che se oggi in Italia siamo 60 milioni e mediamente ognuno ha almeno 1 macchina, piccola media o grande che sia, non è che ne potremo averne 1 a testa di tipo elettrico… perché le auto elettriche hanno qualche piccolo problemino che viene deliberatamente mantenuto nascosto!!

Quindi, prima di manifestare e dirsi “disposti a tutto” pur di difendere il nostro pianeta, il che è lodevole, queste persone, sanno realmente cosa può significare tutto questo?

E’ stato chiesto ai politici di agire. Certo. Ma come?
Cosa dovrebbero fare i politici di mezzo mondo (quello industrializzato)

Ma nel frattempo, il clima continua a mutare come ha fatto per millenni, con o senza di noi. Siamo noi che, ora, pensiamo di aver capito tutto!

Volete sapere quale forma di manifestazione adotterei io?
Spegniamo il mondo per 24 ore. Tutto buio… senza elettricità. Sono solo 24 ore… non muore nessuno e se non aprite il frigo, il cibo al suo intero neanche si guasta. 24 ore soltanto. Una sola volta l’anno. Nient’altro.
Tutti. Nessuno escluso. Dal barbone che dorme sotto i portici in centro, al principe ereditario di qualche stato straricco. Tutto spento. Tutti fermi. Nessuna tecnologia in funzione. Nessuna macchina (nemmeno le ambulanze), treno o aereo.
Allora si… forse qualcuno si renderebbe conto della gravità della situazione. Perché che vi piaccia o meno, la nostra società (parlo di quella occidentale) non ha alcuna possibilità di “tornare indietro”. Siamo stati spinti in questa direzione, i questo vicolo cieco chiamato “globalizzazione”, ed ora ne paghiamo le conseguenze.
50 anni fa il mondo non era così. Le merci si spostavano con molta meno frequenza. Anche le persone si spostavano molto meno. Oggi, invece, deve essere tutto globalizzato. Compreso l’inquinamento. Compreso il Cambiamento Climatico!

Cambiamento Climatico

In climatologia con il termine cambiamenti climatici o mutamenti climatici si indicano le variazioni del clima della Terra, ovvero variazioni a diverse scale spaziali (regionale, continentale, emisferica e globale) e storico-temporali (decennale, secolare, millenaria e ultramillenaria) di uno o più parametri ambientali e climatici nei loro valori medi: temperature (media, massima e minima), precipitazioni, nuvolosità, temperature degli oceani, distribuzione e sviluppo di piante e animali.

Ovviamente, per chi crede ai Cambiamenti Climatici, ovvero al Surriscaldamento Climatico, ovvero al Riscaldamento Globale Antropico, la causa è sempre, solo ed esclusivamente della CO2 emessa dalle attività umane. Il resto non conta. Siamo colpevoli. E dobbiamo farcene una ragione!

Intanto qualche azienda inizia a snocciolare qualche numero sui posti di lavoro… PERSI …nel passaggio all’auto elettrica! Ma tanto, le persone che ieri hanno manifestato, andranno a piedi, vero?


Bernardo Mattiucci
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(27 voti, media: 4,96 su 5)
Loading...