image_pdfimage_print

IPSOS – 8 Dicembre 2022

Il potere d’acquisto è ora la priorità chiave a livello globale. Nonostante l’importanza che attribuiscono al clima e agli eventi meteorologici estremi, le persone sono meno inclini a farsi coinvolgere e sono più dubbiose sulle origini umane del fenomeno.

Attore internazionale chiave nel settore energetico, impegnato a raggiungere la neutralità carbonica entro il 2050, EDF presenta i risultati di uno studio di opinione su larga scala condotto per il 4° anno consecutivo da Ipsos in 30 paesi in tutti e cinque i continenti, che copre i due terzi della popolazione mondiale e include i maggiori emettitori di CO2. Ogni anno, EDF produce un rapporto internazionale su opinioni, conoscenze, aspettative e livelli di impegno in materia di cambiamenti climatici, per sostenere la riflessione sul tema e contribuire alla ricerca costruttiva di soluzioni future.

Pubblicità

In un periodo caratterizzato da una forte inflazione, le preoccupazioni economiche sono aumentate, mentre le preoccupazioni ambientali sono rimaste stagnanti a livello globale.

L’aumento del costo della vita è il principale motivo di preoccupazione a livello internazionale (62%) con un’ulteriore forte crescita quest’anno (+10 punti dal 2021, +15 punti dal 2020). Anche la povertà e la disuguaglianza rimangono in cima alla lista (46%), seguite dalle questioni sanitarie (42%).

Mentre la preoccupazione per l’inflazione predomina in tutti i continenti, le priorità tendono a divergere dopo: la salute è un fattore di mobilitazione in Europa e Nord America, mentre i sudamericani temono la criminalità e la delinquenza più che altrove; L’Asia è ancora mobilitata dal Coronavirus (2a priorità); la disoccupazione continua a essere fonte di preoccupazione in Africa e in Sud America, mentre non è più una preoccupazione in Europa e Nord America.

Al 4° posto, l’ambiente è ancora una preoccupazione chiave, a un livello stabile rispetto al 2021 (40%, -1 pt). È tra le prime cinque preoccupazioni degli abitanti in quasi tutti i continenti, ad eccezione dei paesi dell’Africa e del Medio Oriente.

L’ambiente è ancora una priorità per le categorie superiori: mentre si colloca al 2° posto (44%) tra le famiglie più abbienti, subito dopo l’aumento del costo della vita, si colloca solo al 6° posto tra le famiglie a basso reddito (36%), dietro povertà e disuguaglianza (49%), disoccupazione (44%), sistema sanitario (41%) ma anche corruzione

Inoltre, alla domanda sulla scelta sociale da dare priorità per il futuro, tra dare priorità all’ambiente o alla crescita e all’occupazione, la maggioranza degli intervistati ha ancora scelto l’ambiente. Ma questa maggioranza, che era del 53% per l’ambiente nel 2019 rispetto al 34% per la crescita, si sta gradualmente riducendo: è del 48% contro il 38% nel 2022, segno che le difficoltà economiche stanno ostacolando una svolta pro-ambiente nelle nostre economie.

Cresce la sensazione di essere testimoni dei cambiamenti climatici nelle aree che hanno affrontato le alte temperature e la siccità del 2022

 Il 2022 è stato caratterizzato da grandi eventi climatici: temperature insolitamente elevate, siccità e incendi in Europa durante l’estate, inondazioni in Australia, temperature elevate in India e Giappone e siccità in Cile all’inizio dell’anno … Tuttavia, su scala internazionale, la sensazione di essere “assolutamente” o “abbastanza” confrontati con i cambiamenti climatici non è cresciuta dal 2019, nonostante sia molto alta (77%), in particolare in Sud America (89%), Africa/Medio Oriente (80%) e Asia (82%).

D’altra parte, nelle aree affrontate da questi eventi nel 2022, tra cui una parte dell’Europa, le popolazioni ritengono di aver visto gli effetti dei cambiamenti climatici molto più dello scorso anno: +9 punti in Cina, +8 in Germania, Polonia e Regno Unito, +5 in Francia e Spagna, +11 punti in India.

Le popolazioni non reagiscono allo stesso modo ovunque. Il 55% degli australiani (+24 pt) ha menzionato le inondazioni che hanno colpito il loro paese quest’anno. Tuttavia, la loro sensazione di trovarsi di fronte ai cambiamenti climatici è ancora inferiore che altrove e non sta crescendo.

Gli eventi climatici della scorsa estate hanno avuto un forte impatto sui francesi: le alte temperature (79%, +9 punti vs 2021), la siccità (62%, +19 punti vs 2021) e il prosciugamento dei corsi d’acqua (51%, +16 punti vs 2021).

Nonostante sia in cima alla lista delle priorità ambientali, il cambiamento climatico non sta generando maggiori preoccupazioni e lo scetticismo climatico sta crescendo

I cambiamenti climatici (46%, +2 punti rispetto al 2021) e gli eventi climatici estremi (43%, +2 punti rispetto al 2021) sono diventati i principali motivi di preoccupazione ambientale quest’anno a livello mondiale, sebbene ciò sia dovuto anche al calo delle preoccupazioni per i rifiuti e la plastica (41%, -5 punti vs 2021) e l’inquinamento atmosferico (37%, -3 punti vs 2021). Tuttavia, se le due voci vengono combinate, il 66% della popolazione mondiale considera ancora il clima come una questione prioritaria (60% nel 2019).

Allo stesso tempo, il cambiamento climatico non sta generando maggiore preoccupazione quest’anno e scetticismo climatico[1]sta crescendo:

  • Il livello di preoccupazione per i cambiamenti climatici rimane elevato (69%) ma tende a diminuire (-3 punti su scala internazionale e -6 punti in Francia rispetto allo scorso anno).
  • In Francia i giovani tra i 16 e i 24 anni sono meno preoccupati della popolazione nel suo complesso (45%), ma sono più indifferenti (16% contro 7% complessivo), o al contrario esprimono maggiore demoralizzazione (38% contro 27% complessivo).
  •  Inaspettatamente, lo scetticismo climatico è cresciuto costantemente negli ultimi 3 anni (37%, +6 punti in 3 anni) ed è particolarmente evidente in Francia quest’anno (37%, +8 punti in un anno) 2 mentre la preoccupazione per l’ambiente è particolarmente forte in quel paese. Più specificamente, l’idea che ha progredito di più non è una negazione del cambiamento, ma l’idea che sia “principalmente dovuto al tipo di fenomeni naturali che la Terra ha sperimentato nel corso della sua storia”. Quindi meno persone di prima ritengono che sia dovuto all’attività umana: 63% c.f. 69% nel 2019. Tuttavia, la Francia rimane meno preoccupata dallo scetticismo climatico rispetto ai paesi produttori di combustibili fossili (Arabia Saudita: 60%, Norvegia: 48%, Russia: 48%, Emirati Arabi Uniti: 46%, Stati Uniti (48%).
  • L’età non sembra essere un criterio di divisione su questo argomento: il livello di scetticismo climatico è molto simile in tutte le categorie di età. La tendenza politica è invece più decisiva: nei sette paesi in cui è stata posta questa domanda politica.[2], il 28% dei sostenitori della sinistra si è rivelato scettico sul clima rispetto al 50% dei sostenitori della destra.

Quindi, sembrerebbe che le popolazioni stiano notando il verificarsi di eventi climatici estremi e li collochino in cima alla lista dei problemi ambientali attuali, mentre allo stesso tempo, questo non li rende più preoccupati né li convince delle origini umane del fenomeno, come se la “natura” sembrasse causare sempre più la propria deregolamentazione.

Gli individui sono meno sicuri della necessità di agire a livello individuale e lasciano le cose ai decisori pubblici e privati, che ora considerano meno severamente. Tuttavia, alcune pratiche quotidiane di consumo si stanno evolvendo

Gli individui sono più riluttanti ad agire e a cambiare il loro stile di vita …

Più che in passato, gli individui hanno la sensazione che i leader politici ed economici stiano agendo sul cambiamento climatico. È il caso dei governi (54%, +6 punti in 3 anni) ma soprattutto degli enti locali (48%, +12 punti in 3 anni). Lo stesso vale per le aziende private (45%, +6 punti in 3 anni). Questa tendenza è più evidente in Francia (governo: 33%, +10 in 3 anni, autorità locali: 39%, +13 punti in 3 anni; leader politici: 27%, +9 punti in 3 anni e imprese: 34%, +16 punti in 3 anni).

Le persone fanno questa osservazione e, allo stesso tempo, sono meno inclini ad agire a livello individuale: un anno fa, il 45% riteneva che spettasse a loro agire, mentre oggi la percentuale è del 42%. In Francia, il calo del senso del dazio individuale è molto pesante nel 2022 (dal 61% al 49%) dopo essere aumentato regolarmente nei tre anni precedenti. I lavoratori manuali e i minori di 25 anni sono i meno inclini ad assegnare un dovere di azione ai consumatori.

Per risolvere l’equazione climatica, dovremmo modificare i nostri stili di vita o riporre la nostra fiducia nella tecnologia? O è comunque troppo tardi? Solo l’11% esprime effettivamente un atteggiamento fatalistico. La maggior parte degli intervistati è divisa tra due campi diseguali: il 50% pensa che gli stili di vita debbano essere cambiati, mentre il 31% lo lascia alla tecnologia. Ma ancora una volta, la risposta “lifestyle” tende a diminuire in quattro anni (dal 53% al 50%), e in particolare in Francia, anche se ancora superiore alla media mondiale (dal 64% al 57%).

… ma agiscono comunque a favore dell’ambiente

Le persone affermano di aver cambiato il loro comportamento. Questo fenomeno è più evidente in relazione all’uso del trasporto individuale: il numero di individui che affermano di evitare di prendere la propria auto almeno occasionalmente è passato dal 49% al 61% tra il 2019 e il 2022, e quelli che evitano di prendere l’aereo dal 41% al 52%. Un altro importante sviluppo può essere visto in relazione all’utilizzo di energie rinnovabili per il riscaldamento: dal 34% al 44%.

Meno sorprendentemente, i consumatori sembrano più attenti ai prodotti provenienti da luoghi lontani: il 57% dichiara di evitarli (+5). Gli altri eco-gesti già ampiamente impegnati sono quelli che non hanno il maggiore impatto sui cambiamenti climatici (differenziare i rifiuti, evitare imballaggi in eccesso, frutta di stagione). D’altra parte, il consumo di carne, che ha un grande impatto sul clima, non sembra diminuire sulla base delle affermazioni degli intervistati. Anche l’agricoltura e la tecnologia digitale sono sottovalutate come produttori di CO2.

Gli intervistati più giovani non affermano di impegnarsi in pratiche più virtuose della popolazione nel suo complesso.

I vincoli sono ancora difficili da accettare

Il livello di accettabilità delle misure restrittive (incentivi, divieti o tasse) varia poco e rimane inferiore in Europa e Nord America. Solo 3 misure convincono almeno 6 intervistati su 10 a livello globale: il divieto di voli a corto raggio quando è possibile prendere il treno, una tassa sull’acquisto di veicoli inquinanti e l’obbligo per i proprietari di isolare correttamente le loro case.

Consumo e produzione di energia elettrica: con le tensioni sugli approvvigionamenti energetici, c’è grande preoccupazione per i prezzi

Sei mesi dopo l’inizio della guerra in Ucraina e in un contesto di tensione per l’approvvigionamento energetico, il forte aumento dei prezzi è stato molto duro per i privati, e questo vale in tutto il mondo per le diverse fonti energetiche. Il 48% delle famiglie dichiara di essere colpito da un forte aumento dei prezzi dell’elettricità (37% in Francia), il 51% dall’aumento dei prezzi della benzina (53% in Francia) e il 40% dall’aumento dei prezzi del gas naturale (solo il 22% in Francia).

E di fronte alla minaccia di una carenza di elettricità, l’accettabilità delle energie “non rinnovabili” è progredita abbastanza bruscamente, soprattutto in Europa:

  • La percentuale di intervistati a favore dell’energia nucleare è progredita a livello mondiale (+7 punti) e in molti paesi europei (+10 punti in Francia, +15 punti in Germania, +13 punti in Spagna, +17 punti in Italia, +13 punti nel Regno Unito vs 2-21).
  • Ma anche l’accettabilità delle centrali elettriche a gas (+4 punti rispetto al 2021) e delle centrali a carbone (+6 punti rispetto al 2021) è progredita, in particolare in Europa.
Informazioni su EDF Attore chiave nella transizione energetica, il gruppo EDF è una società energetica integrata che opera in tutte le aree del settore: produzione, trasporto, distribuzione, commercio, vendita di energie e servizi energetici. Leader mondiale nelle energie low-carbon, il Gruppo ha sviluppato un mix produttivo diversificato basato principalmente sul nucleare e sulle energie rinnovabili (incluso l’idroelettrico) e sta investendo in nuove tecnologie per assistere la transizione energetica. L’obiettivo di EDF è costruire un futuro energetico CO2-neutral che coniughi tutela del pianeta, benessere e sviluppo, grazie all’elettricità e a soluzioni e servizi innovativi. Il Gruppo fornisce energia e servizi a circa 38,5 milioni di clienti (1), di cui 29,3 milioni in Francia (2). Nel 2021 ha raggiunto un fatturato consolidato di 84,5 miliardi di euro. EDF è quotata alla Borsa di Parigi.(1) Dal 2018, i clienti sono stati conteggiati per sito di consegna; Un cliente può avere due punti di consegna: uno per l’elettricità e un altro per il gas.(2) Compresi ÉS (Électricité de Strasbourg) e SEI.

Informazioni su questo studio

Selezione dei paesi in base alle loro emissioni di CO2 in tonnellate all’anno, a seconda della loro posizione geografica, della loro esemplarità nella lotta ai cambiamenti climatici e del loro modello socio-economico: Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Colombia, Egitto, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Marocco, Nigeria, Norvegia, Polonia, Russia, Arabia Saudita, Singapore, Sud Africa, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Turchia, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito, USA. Campioni rappresentativi della popolazione compresa tra 500 e 1000 individui per paese; metodo delle quote. Lavoro sul campo condotto online tra il 30/08 e il 26/09/22


Note

[1] Ricordiamo che gli scettici del clima come li definiamo nel sondaggio sono individui che rifiutano la realtà effettiva del cambiamento climatico (9%) e coloro che, senza negare che esista, ritengono che non sia stato causato dall’attività umana (25%), cioè il 34% della popolazione intervistata.

[2] Francia, Belgio, Regno Unito, Italia, Spagna, USA, Germania

Pubblicità