25 dicembre 2017 - 12:00 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Posted: October 18, 2017 – Author: Jamie Spry


“Dobbiamo affrontare questo problema del riscaldamento globale. Anche se la teoria del riscaldamento globale è sbagliata, faremo la cosa giusta in termini di politica economica e ambientale. “- Timothy Wirth, Presidente della Fondazione delle Nazioni Unite

Questo è un brillante pezzo di ricerca a scrittura di Leo Goldstein. Sconfiggi l’allarmismo climatico, la quale rappresenta una guida veramente definitiva a quella che è, senza dubbio, la più grande frode pseudoscientifica mai perpetrata sull’umanità – la teoria empiricamente non provata del “riscaldamento globale” provocato dall’uomo, noto anche come “cambiamento climatico”. Tale lettura importante e fondamentale (veloce) deve essere diffusa in lungo e in largo, ancora e ancora e ancora e ancora …

Quelli che possono farti credere all’assurdità
possono farti commettere atrocità.
Voltaire

Realismo climatico contro allarmismo

Un dibattito sul lato realistico del clima. La CO2 è un prodotto del respiro umano ed è un alimento vegetale, NON un inquinante.

L’allarmismo CLIMATICO è una gigantesca frode: sopravvive solo sopprimendo il dissenso e spendendo decine di miliardi di dollari di denaro pubblico ogni anno sulla propaganda pseudo-scientifica. La pseudo-scienza del clima è sbagliata in fisica, biologia, meteorologia, matematica, informatica e quasi tutto il resto. E anche se la “scienza del clima” fosse perfettamente corretta, la politica di allarmismo climatico sarebbe comunque una tirannia e un tradimento. Gli allarmisti chiedono che gli Stati Uniti e altri paesi occidentali riducano unilateralmente le proprie emissioni di anidride carbonica, consentendo al contempo un aumento illimitato alla Cina e a tutti gli altri paesi, che già emettono più del 70% di anidride carbonica e quasi il 100% di altri gas e fuliggine che assorbono l’infrarosso. Come è potuto accadere? L’anidride carbonica viene esalata dagli esseri umani ad ogni respiro. Come potrebbe l’idea chiamarlo “inquinante” e regolarne le “emissioni” ottenere una tale trazione nella nostra società? Come potrebbe un folle culto suicida e i suoi predicatori ottenere così tanto potere nel mondo accademico e nei media e diventare una pietra miliare della piattaforma politica dei Democratici, nel XXI secolo?

Molti fattori erano in gioco.

1) Questa acquisizione non è avvenuta da un giorno all’altro, ma ha richiesto circa 30-40 anni.

2) L’allarmismo climatico è nato e ha acquisito potere all’estero. È stato guidato da un gruppo di organizzazioni non governative dalla persuasione ambientalista e di “governo globale”, che agiscono in combutta con alcune agenzie delle Nazioni Unite. Si infiltrò negli Stati Uniti attraverso filiali americane di ONG straniere e i loro compagni di viaggio, come NRDC e EDF. L’allarmismo climatico ha fatto un enorme salto nel 1993, quando il suo fanatico discepolo Al Gore è diventato il vicepresidente. Tuttavia, l’allarmismo climatico è sempre stato e rimane un fenomeno essenzialmente estraneo. Ad esempio, l’infame testimonianza del Congresso consegnata dal Dr. James Hansen nel 1988, su invito del senatore Wirth, è stata istigata da ambienti e diplomatici stranieri nel periodo antecedente alla Conferenza di Toronto che è avvenuta poche settimane dopo. Il dogma del clima si stava sviluppando in gran parte in agenzie dell’ONU senza legge e in organizzazioni transnazionali non responsabili, spesso utilizzandole come base operativa extraterritoriale quando il pubblico nazionale chiedeva risposte sul suo malcontento.

3) Vi è infatti un forte consenso tra i governi stranieri a sostegno dell’allarmismo climatico. Questo consenso non ha nulla a che fare con la scienza. Molti governi hanno promesso “riparazioni” dagli Stati Uniti per presunti danni; altri paesi si aspettano di beneficiare del danno per l’esplorazione del petrolio e del gas nordamericano inflitto dall’allarmismo climatico; e un altro gruppo di paesi gode dell’immunità dalle limitazioni che i trattati sul clima impongono all’Europa e al Nord America e riceve vantaggi marginali sotto forma di esternalizzazioni della produzione e/o di condizioni commerciali preferenziali. Infine, molti paesi europei sono governati da coalizioni che includono influenti Green Party, e il resto è troppo piccolo per resistere.

4) Negli ultimi 8-10 anni, l’allarmismo climatico ha raggiunto la sua enorme portata spendendo decine di miliardi di dollari per le proprie relazioni pubbliche, inclusi pagamenti a ditte di pubbliche relazioni, pseudo-scienziati, accademici corrotti, amministratori universitarie, giornalisti e media. Ha anche creato le proprie istituzioni con nomi dal suono scientifico e ha assunto il controllo di organizzazioni precedentemente apprezzate, tra cui la National Academy of Sciences. L’allarmismo climatico continua a chiedere sempre più denaro, e spende la maggior parte dell’auto-promozione e intimidisce i suoi oppositori.

5) I leader e gli pseudo-scienziati dell’allarmismo climatico sono guidati da molti motivi. La paura della giusta punizione sta rapidamente diventando il motivo principale, come dovrebbe essere. I loro crimini iniziano con l’evasione fiscale, il furto di centinaia di miliardi di dollari, infliggendo danni economici dell’ordine di trilioni di dollari, includono un tentativo di assassinare milioni di americani chiudendo l’infrastruttura energetica nazionale e possibilmente includere alto tradimento. È probabile che nascondano la verità anche ai loro leader nominali del partito: Barack Obama e Hillary Clinton. Ciò rende la situazione attuale ancora più pericolosa e imprevedibile.

6) Le interferenze straniere, il denaro e una certa confusione riguardo all’argomento non erano gli unici fattori nella rapida ascesa dell’allarmismo climatico. Dalla fine degli anni ’80, l’agenda del riscaldamento globale è stata accettata dalla sinistra come “la loro causa” e ha ricevuto un sostegno incondizionato. La maggior parte degli scienziati si è rivolta a sinistra, e molti di loro hanno accettato le affermazioni allarmistiche (che erano molto più ragionevoli allora di oggi) degli ambientalisti e dei media generali senza sospetto. Questi scienziati portavano anche vecchi pregiudizi contro i conservatori, ai quali attribuivano ogni tipo di inclinazione anti-scientifica. Sebbene questi pregiudizi fornissero abbastanza terreno fertile per l’allarmismo, la comunità scientifica resistette con successo all’allarmismo climatico degli anni ’90. La petizione dell’Oregon, firmata da oltre 30.000 scienziati e altri professionisti esperti in scienze, è solo un esempio.

7) Nel 2001, anche l’International Panel on Climate Change ha riconosciuto che le emissioni di biossido di carbonio non hanno causato cambiamenti climatici dannosi. Ha reagito a questa “scoperta” rimuovendo la parola “antropogenico” dalla sua definizione di “cambiamento climatico”. Ciò non ha impedito che l’allarmismo climatico prendesse slancio. Invece, l’allarmismo climatico alla fine si separò dalla scienza e dichiarò che il suo dogma era la verità indiscussa.

8) Al Gore, scientificamente analfabeta, fu responsabile della scienza nell’amministrazione Clinton-Gore dal 1993 al 2001. Ha valutato gli scienziati secondo il loro accordo con le sue opinioni sul riscaldamento globale. Non sorprendentemente, i suoi appuntamenti e le decisioni di bilancio avevano l’effetto di un veleno mortale, somministrato alle imprese scientifiche americane. (A dire il vero, non è stata tutta colpa di Al Gore. L’impresa scientifica è stata messa sotto accusa da molte direzioni, dalla teoria accademica del “costruttivismo sociale” alla politica della “diversità”.) Le istituzioni scientifiche, già appoggiate a sinistra prima di Al Gore, appena caduto a sinistra dopo il suo regno.

9) George W. Bush era troppo ingenuo per combattere gli astuti ambienti sul libro paga del governo che si atteggiava a scienziati e, comunque, gli è stato concesso troppo poco tempo. Preoccupato di mantenere l’unità nazionale all’indomani dell’attacco nemico dell’11 settembre, ha nominato il democratico John Marburger come suo consulente scientifico (direttore dell’Ufficio delle politiche scientifiche e tecnologiche). Marburger lasciò che le istituzioni scientifiche finanziate dal governo scivolassero più in basso a sinistra, ma la sua nomina non salvò Bush dalle solite accuse di “manipolare la scienza per scopi politici”, “censurare i risultati scientifici” e “mettere a tacere la scienza”, tutti gli slogan gridati dall’Unione dei Conisti e dal resto dell’attacco.

10) Nel 1997, il Senato degli Stati Uniti ha respinto il patto di Kyoto, istigato dall’allarmismo climatico, con un voto di 95-0. Il motivo principale erano i suoi termini discriminatori nei confronti degli Stati Uniti. Ma questi termini, che chiedevano tagli unilaterali alle emissioni da parte degli Stati Uniti e di pochi altri paesi, erano più come un insulto aggiunto a un infortunio. La ferita era la corruzione della scienza da parte della ciarlataneria ambientalista, di cui il catastrofismo del riscaldamento globale era solo l’ultimo esempio. Questo voto si è dimostrato un trattamento palliativo. Molti scienziati di sinistra politicamente attivi, compresi quelli illustri, rimasero fedeli agli ideali totalitari, volevano che il Congresso accettasse le loro credenze come scienza e invitarono il Congresso a “riportare la scienza al suo posto appropriato nel governo”. Ma il Primo Emendamento dice: il Congresso non farà alcuna legge rispettando uno stabilimento di religione. Gli scienziati di sinistra non capirono il Primo Emendamento, decisero che si applicava solo alla religione del “popolo ordinario” e non a loro, o erano incoraggiati dai loro compagni la cui “scienza” aveva bisogno di “un posto nel governo” perché non ha avuto luogo né in natura né in laboratorio. Quando il Senato approvò una risoluzione che non riguardava direttamente le convinzioni allarmistiche, questi scienziati probabilmente conclusero che i senatori non avevano argomenti scientifici contro le convinzioni allarmistiche e agivano per qualche ulteriore motivo politico. E hanno accettato le affermazioni allarmiste (che erano molto più moderate di oggi) come vera scienza, e l’opposizione a loro come motivata politicamente o finanziariamente. Dal momento che molti di questi scienziati erano piuttosto distinti e sinceri nella loro ignoranza e arroganza, la loro opinione era molto importante per i loro colleghi.

11) La natura priva di legge dell’IPCC e di altre agenzie delle Nazioni Unite ha permesso agli allarmisti del clima di tirare fuori un trucco che sarebbe stato impossibile in qualsiasi forum nazionale. Era come il gioco “telefono” dei bambini. Gli scienziati in fondo alla struttura dell’IPCC stavano dicendo una cosa, mentre Greenpeace e i suoi complici ai vertici della struttura dell’IPCC stavano dicendo al pubblico qualcosa di completamente diverso e invocando l’autorità degli scienziati. Quando i funzionari eletti non erano d’accordo con le accuse di Greenpeace, molti scienziati legittimi pensavano che i politici avessero frainteso la scienza e li criticassero aspramente. I media di sinistra sono stati fin troppo felici di amplificare tali critiche. Un esempio è il gioco sulla definizione di “cambiamento climatico”. Se il cambiamento climatico è inteso come “pericoloso riscaldamento globale antropogenico”, come nell’Accordo quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, allora il cambiamento climatico non accade. Se il cambiamento climatico viene definito in modo da includere le variazioni climatiche naturali, secondo il Third Assessment Report (2001) dell’IPCC, allora accade e si sta verificando da miliardi di anni, ma non è allarmante. E ci sono dozzine o centinaia di definizioni mutuamente incompatibili del cambiamento climatico, prodotte dagli allarmisti del clima e dagli scienziati che cercano di ottenere briciole dal tavolo allarmista.

12) L’estrema sinistra apparentemente ha assunto il ruolo del Partito Democratico nel 2002-2005. Il DNC ha iniziato a corteggiare apertamente il voto straniero. Internet ha reso quel corteggiamento facile e conveniente. I parlamentari democratici hanno accolto gli “osservatori” stranieri alle elezioni americane. Al Gore ha avviato un hedge fund chiamato Generation Investment Management nel Regno Unito e ha fondato uno scambio per il commercio di aria calda (crediti di carbonio volontari). Gore e i suoi seguaci hanno fantasticato pubblicamente che l’aria calda sarebbe diventata la merce più calda del 21° secolo e si sarebbero preparati a diventare multi-miliardari. Sfortunatamente, non si sono fermati a fantasticare, ma hanno attirato un po’ di denaro serio, e l’hanno messo al lavoro per spaventarci ad acquistare quei crediti di carbonio. Nel 2006, in seguito alla truffaldina An Sconvenient Truth di Al Gore, l’allarmismo climatico ha iniziato la propria offensiva contro gli Stati Uniti sul suolo americano. Questa offensiva ha avuto risultati sorprendentemente positivi e ha portato alla situazione attuale.

13) La recente manovra dei procuratori generali è uno spettacolo di disperazione, piuttosto che di forza. Greenpeace, il Fondo Rockefeller Brothers, e chiunque altro dietro di loro ha sacrificato tre Procuratori generali dello stato – Eric Schneiderman, Maura Healey e Kamala Harris – come se fossero solo pedine. Forse lo erano. Coloro che fanno pressione su un’analogia tra le compagnie energetiche e le compagnie del tabacco si espongono appena come irrimediabilmente pazzi o maliziosamente astuti. Coloro che agiscono in base a tale analogia sono criminali o agenti nemici. Il tabacco è un prodotto dannoso, avvincente e inutile (per tutti tranne che per i fumatori). Questo è il motivo per cui l’incostituzionale e corrotto processo contro le compagnie del tabacco ebbe successo vent’anni fa. Petrolio, gas e carbone sono esattamente opposti al tabacco. Sono fonti di energia necessarie per l’esistenza della società civile, da cui dipendono le vite della maggioranza degli americani. E non tutti in questo paese sono degli idioti, pensando che il potere dei suoi sogni possa sostituire elettricità e benzina. A proposito, la lobby allarmista climatica si oppone al nucleare e all’energia idroelettrica tanto quanto si oppone ai combustibili fossili.

La torre di Babele dell’allarmismo climatico sta cadendo. È sostenuto volontariamente dal regime di Obama dall’interno e da The Guardian dall’esterno. The Guardian era un giornale rispettabile della Sinistra Britannica, ma è caduto al livello del tabloid ed è in attesa di incriminazione per spionaggio. Altri sostenitori del climatismo ci sono solo per soldi, o perché sono incatenati come schiavi della galea ai loro remi o perché sono troppo stupidi per scappare dalla torre che cade.

Usa la ricerca sul benessere del clima per saperne di più.

Fonte: Climatism

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(17 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...