image_pdfimage_print

Dr. Brigitte Van Vliet-Lanoë, Direttore di Ricerca del CNRS, Emerito e J. Van Vliet, Master in Scienze e Master e Ingegneria, Direttore in pensione – 23 Settembre 2022

  1. Introduzione

Possiamo paragonare la Terra a un’abitazione con riscaldamento centralizzato, la cui caldaia sarebbe riscaldata dalla nostra stella, il Sole. Gli accumulatori a radiatore sono costituiti dall’oceano con, se necessario, un’intensa evaporazione responsabile di un aumento del contenuto di vapore acqueo dell’atmosfera e di intense precipitazioni. Tuttavia, la casa sarà ben riscaldata solo se c’è una pompa di circolazione: questa è la circolazione termoalina degli oceani (THC), o “nastro trasportatore termico”.

Secondo Eirıksson et al., 2006, esiste una chiara interazione tra processi atmosferici e THC, come evidenziato dalla grande variabilità della temperatura dell’oceano nel Medioevo e durante la Piccola Era Glaciale (PEG). Questo è stato anche il caso delle temperature sulla superficie del Mare d’Islanda e sul margine iberico, che erano più alte durante il periodo caldo romano che durante il periodo caldo medievale. Tuttavia, sebbene una serie di dati indichi un riscaldamento delle acque costiere e della piattaforma continentale negli ultimi 200 anni, il ventesimo secolo non sembra insolito rispetto agli ultimi due millenni. I periodi clima-instabili e più freddi sono associati a tempeste molto forti (Lamb & Frydendahl 1991; van Vliet-Lanoë et al. 2014; Goslin et al., 2018), come ricordato dall’episodio dell’Invincibile Armata spagnola, che perse tre volte più navi nel 1588 a causa delle tempeste rispetto alla marina inglese.

Pubblicità

Nell’ultimo millennio, sono stati registrati notevoli cambiamenti nelle temperature superficiali del mare caldo (SST) associate al THC attivo tra il 700 e il 1000 d.C., una fase di transizione molto più fredda associata a tempeste mostruose tra l’890 e il 1060 d.C. (Van Vliet-Lanoë et all, 2014) e un rallentamento del THC tra il 1000 e il 1300 d.C., sostituito, durante la PEG, da SST più fredde fino al 1900 d.C., seguito poi da una leggera brevissima ri-accelerazione del THC, essendo le acque superficiali leggermente più calde a metà del XX secolo (Fig. 1).

Le fasi di fusione epidermica della Groenlandia e l’espulsione dell’antico ghiaccio marino dal bacino artico negli anni 1990 e 2000 hanno alterato significativamente il clima continentale europeo rallentando il THC nel Nord Atlantico. L’acqua di fusione dolce ha ridotto la salinità del Nord Atlantico rendendo l’acqua superficiale meno densa (e meno pesante), quindi non può affondare correttamente nelle profondità. Poiché la corrente oceanica profonda non scorre così velocemente come in superficie, provoca un “ingorgo”, che rallenta l’intera corrente.

Il THC ha effettivamente rallentato rapidamente dalla deglaciazione della PEG (Dalton Minimum; 1800-1815) con una riduzione sempre più rapida negli ultimi decenni (Thompson et al., 2010; Rahmstorf et al., 2015; Caesaer et al., 2021; Fig. 1), probabilmente accentuato da altri effetti direttamente o indirettamente correlati alle forze mareali del sistema solare.

Tuttavia, il ritardo tra il riscaldamento atmosferico, la fornitura di acqua di fusione e il riscaldamento della massa oceanica è dell’ordine di 300 anni, quindi la metà del diciannovesimo secolo, rafforzando le anomalie di temperatura. Questa evoluzione è parallela all’evoluzione della SSL nell’Islanda settentrionale e sul margine iberico (Eiriksson et al. 2006). Tuttavia, queste correnti non si sono mai fermate, anche al più freddo dell’ultima glaciazione, portando ad un esacerbazione del contrasto tra i centri di pressione dell’Atlantico e un’estensione dell’aridità sull’Europa occidentale e sull’Africa occidentale.

Figura 1:Indice di intensità della circolazione di svolta atlantica (AMOC), calcolato dalla temperatura nell’Atlantico subpolare rispetto alla temperatura media dell’emisfero settentrionale (curve rosse e blu). La curva verde mostra i dati sui coralli di Sherwood e colleghi. Fonte: Rahmstorf et al., 2015.

Per quanto riguarda il “riscaldamento centralizzato”, durante la fine del XX secolo, abbiamo subito, a partire dagli anni 1960, 3 cicli particolarmente intensi di attività solare (cicli 19, 21 e 22), che si è espresso con un ritardo di circa trent’anni, dal periodo caldo del “Riscaldamento Globale” che si è concluso all’inizio del XXI secolo. (Van Vliet, J., 2020). Una serie di cicli solari più deboli è iniziata nel 2008 (cicli di Schwabe 24, 25 e 26/modello) portando potenzialmente a un raffreddamento dell’Artico, una forte instabilità della corrente a getto, con un aumento estivo delle depressioni cicloniche a Spitsbergen o Alaska (Shishmareff), rompendo il ghiaccio in primavera.

L’intensità del riscaldamento legato agli intensi cicli solari aumenta con la latitudine ed è particolarmente forte nell’Artico (+4° C) e correlato pro parte con la fusione estiva del ghiaccio marino. Questa anomalia antropica, agli occhi dell’IPCC, è infatti principalmente correlata con 1° l’obliquità della radiazione solare estiva alle alte latitudini, e 2° la sua assenza in inverno a causa della posizione della Terra rispetto al piano dell’eclittica e della sua variazione stagionale (precessione orbitale) (Berger, 1979). Sembra quindi che l’attuale configurazione vicina alla massima precessione avvenuta 1.000 anni fa, corrisponda ad una configurazione favorevole all’arrivo di un clima più freddo. Questo arrivo è leggermente compensato da: 1) la diminuzione dell’obliquità, l’ultimo massimo si è verificato 10.000 anni fa (Berger e Loutre, 1991), e 2° la diminuzione dell’eccentricità negli ultimi 12.000 anni. Pertanto, le condizioni orbitali tendono attualmente verso condizioni favorevoli all’ingresso nell’esordio glaciale.  

2. Il contesto meteorologico

La meteorologia in Europa occidentale è in gran parte influenzata dalla posizione e dal potere dei due centri d’azione, la “depressione islandese” e l’anticiclone delle Azzorre. Le caratteristiche di pressione usuali registrate nel Nord Atlantico sono una grande regione di alta pressione (Alta o H) centrata sulle isole Azzorre intorno a 30° N, e bassa pressione (Bassa o L) centrata sull’Islanda la depressione subpolare o islandese. L’intensità e l’estensione spaziale di questi poli di pressione hanno un’influenza molto forte sulle condizioni meteorologiche e climatiche invernali in Europa e nel Nord America e possono estendersi ulteriormente nell’Asia settentrionale se le fasi sono prolungate. La North Atlantic Oscillation o NAO registra questi cambiamenti relativi di pressione tra le due regioni che circondano il Nord Atlantico.

Il NAO positivo è come negli anni 1997-2000 associato a H e L leggermente contrastanti, l’H delle Azzorre è ridotta in estensione sull’Atlantico. È generalmente associato ad un periodo caldo, piovoso e abbastanza calmo dal punto di vista meteorologico ma può evolvere in Europa in intense precipitazioni di neve e pioggia come durante gli inverni 1999-2000. Le depressioni classiche si formano sopra le masse d’acqua calda, evolvendosi in “uragani”. Si formano generalmente nel Golfo di Guinea, nel Golfo del Messico o al di sopra della calda Corrente del Golfo, in un contesto temperato (NAO+). Ma la loro frequenza è in calo dal 1880-1900 (Chand et al., 2022) dopo un piccolo aumento tra il 1975 e il 2003.

Inclinandosi verso un NAO negativo, questo anticiclone si estende fino alla costa europea e si fonde con l’alta pressione sahariana, bloccando il passaggio verso est delle depressioni e portando così siccità in Europa e nel bacino del Mediterraneo (Cresswell-Clay et al., 2022). Questa transizione verso un NAO negativo è controllata da un cambiamento nell’intensità e nella posizione della corrente a getto polare sopra l’emisfero settentrionale. Le alte pressioni sono spesso associate a vortici circolari della corrente a getto che bloccano le depressioni cicloniche, ad esempio sulle isole britanniche (Fig. 2) consentendo la circolazione di lingue ad alta pressione corrispondenti agli anticicloni mobili polari (MPA: vedi 2/2).

Le correnti a getto sono venti d’alta quota molto veloci situati in corridoi alti fino a 10 km nella troposfera molto alta. Oscillano leggermente in latitudine nel caso di NAO+, ma in NAO- oscillano da 32-36°N a Spitsbergen, per raggiungere al massimo la convergenza intertropicale dei venti (ITCZ), situata tra 16,5°N (interglaciale, Capo Verde) e 5°N (glaciale, Capo Palmas), vale a dire a sud del limite delle oscillazioni del getto polare. I 3 fenomeni importanti sono l’ITCZ, un’area di agglutinazioni anticicloniche indebolita a 40°N, discendente eccezionalmente verso l’ITCZ, e una corrente a getto polare ondulata da 80 a 32°N ma eccezionalmente fino a 30°N vicina al contatto con il getto tropicale. È associato in inverno da 66-75° N con il vortice stratosferico sopra l’Oceano Artico.

Figura 2: ansa della corrente a getto polare che blocca una bassa pressione (L) tra 2 anticicloni mobili polari (AMP; uno sul Mare d’Islanda e uno sulla Scandinavia). 3 settembre 2022 ( Netweather.tv). NAO negativo. L’aria calda delle ondate di calore viene risucchiata (frecce rosse) dal Sahara a nord dai venti da SE che girano intorno alla depressione. Questo flusso da sud può essere bloccato da una duplicazione del getto polare sul bacino del Mediterraneo.

3. Dalla meteorologia al clima e al paleoclima.

Dal 1960, molti ricercatori hanno dimostrato un importante controllo dell’attività solare (irraggiamento solare) su condizioni meteorologiche a medio e breve termine, in particolare utilizzando le macchie solari come traccianti di questa attività, ma anche sui paleoclimi attraverso le fasi di riscaldamento di Dansgaard-Oeschger (DO), misurate attraverso diversi proxy diretti come il 14C o il 10BE o, indiretto come la temperatura superficiale dell’oceano (SST) o il livello di precipitazioni. Questo controllo si fermerebbe secondo l’IPCC 2007 con l’industrializzazione del ventunesimo secolo e la sua produzione di CO2.

Ciò ha già portato in passato ad una migrazione verso sud della zona di subsidenza verso il mare profondo di acque fredde e super alterate, il NADW (North Atlantic Deep Water), di THC, con una temporanea diminuzione del trasporto termico superficiale attraverso la Corrente del Golfo. Di conseguenza, l’intera area atlantica nord-orientale, dall’Europa temperata alla Groenlandia, si sta raffreddando con una ri-estensione del pack. Tuttavia, il THC non si fermerà a causa delle forze di Coriolis e della durata dei venti che lo sostengono (Ezat et al., 2014), sarà confinato in superficie in una fascia latitudinale più stretta e una circolazione persisterà sotto lo strato di acqua desalinizzata, come oggi nell’Artico.

Anche se la forzatura orbitale dell’emisfero australe non si traduce fino a 3000 anni dopo sulle temperature dell’attività solare artica, dà la prevalenza al Nord Atlantico, il principale sbocco del bacino artico: le altre oscillazioni (AMO, NAO, El Niño, PDO o Pacific Decadal Oscillation, ecc.) risultano con uno spostamento temporale sempre più importante verso Sud e verso il bacino del Nord Pacifico.

Questo input di energia sulla superficie terrestre è ulteriormente interrotto dalle grandi eruzioni vulcaniche e dalle sue emissioni di cenere e aerosol solforici (SO2), che riducono la radiazione incidente sul terreno come un filtro solare. Questo è stato il caso alcuni anni fa per Pinatubo nel 1991, che ha causato un raffreddamento globale temporaneo di 1 ° C, o per il vulcano Toba 73.000 BP, che ha innescato la formazione delle grandi calotte glaciali dell’emisfero settentrionale (Svendsen et al., 1999).

L’evoluzione meteorologica è un’immagine a brevissimo termine del sistema climatico: ha valore solo se è integrata in un contesto di almeno dieci anni. Madame Soleil (F) e Monsieur Météo (B) non possono prevedere il cambiamento climatico. Ancor meno i media.

Variazioni dell’attività solare (TSI) e suoi fenomeni di amplificazione

I valori delle variazioni di irraggiamento durante i cicli solari sono molto bassi, troppo limitati per spiegare da soli la variazione di temperatura osservata negli ultimi decenni. Il ciclo di 11 anni di attività solare presenta alcune irregolarità nella durata con cicli che vanno da min 9 a max 14 anni. Quando il ciclo è breve (circa 10 anni), il numero di macchie solari è elevato e l’irradianza può aumentare dello 0,23%. Fa caldo. Quando è lungo, è l’opposto. La variazione dell’irraggiamento misurata per il ciclo 22 (durata 9,9 anni) è dello 0,07%. Il recente irraggiamento massimo corrisponde all’ondata di calore del 2001 (ciclo 23, durata 12,3 anni). Quelli del 2003 e del 2018, invece, corrispondono al potente e polare apporto energetico del vento particolato emesso dal sole, sotto il controllo del campo magnetico terrestre (Van Vliet, 2019). Durante il “raffreddamento” del 1970 (1945-1975), i cicli erano un po’ più lunghi e le macchie hanno attraversato un breve minimo durante il ciclo 20. L’ultimo ciclo 24, durato 12 anni, ha mostrato una notevole riduzione del numero di macchie, ed è stato anche caratterizzato da inverni rigidi in ambienti continentali come quelli dei periodi di minimi solari: l’attività solare è appena passata attraverso un minimo. Anche il ciclo 25 sembra rivelarsi un ciclo debole, ma questo non può essere confermato fino al 2025.

Figura 3: La TSI ricostruita negli ultimi 400 anni e un’evoluzione fino al 2300 d.C. modellata dal laboratorio Simon Laplace, membro dell’IPCC (Lurton et al. 2000), che mostra un’evoluzione pulsata dell’insolazione con piccoli minimi ogni 60 anni.

Le piccolissime variazioni della TSI sono dapprima accentuate da un accumulo termico nei 700 metri superiori dell’oceano intertropicale (aumento del 5% dei raggi UV solari irradiati), che ha portato ad un aumento delle temperature superficiali oceaniche SST nel 1997-1998 e 2017-2019, che sconvolge le temperature globali per alcuni anni, accompagnato da un disturbo termico positivo delle acque superficiali del Pacifico (El Niño) o dell’Atlantico, con un disturbo minore all’altezza dell’area ITCZ. Questo fenomeno è associato per la nostra regione a un NAO instabile, ma piuttosto positivo. In questo caso il ghiaccio marino regredisce.

Un secondo fattore nell’aumento del riscaldamento è indotto dal vapore acqueo, il più potente gas serra. Questo riscaldamento induce un degassamento secondario di CO2 nell’atmosfera dall’oceano (SCE), maggiori precipitazioni e l’arrivo convettivo del vapore acqueo nei 500 km inferiori della stratosfera, dove il suo effetto serra può essere pienamente espresso. Questo spiega l’aumento della frequenza e dell’intensità degli eventi di El Niño tra il 1975-2021, associati ai tre cicli solari corrispondenti (19-20-22). Due eventi importanti sono stati segnati nel 1992-1993 e soprattutto 1997-1998. Questi eventi hanno avuto ripercussioni sull’intero pianeta: il riscaldamento “globale” si è fatto sentire con il primo super-Nino del 1992-1993 con un aumento sincrono e brutale della temperatura a Brest ma anche a Spitsbergen. La massima fusione del permafrost in Alaska è stato raggiunto nel 1996. Il secondo super-Nino è stato il più grande e responsabile delle inondazioni del 1999-2000 in Europa (Van Vliet-Lanoë, 2021).

Interviene un terzo meccanismo: il vento solare. Quest’ultimo è controllato dall’attività solare e dal campo magnetico terrestre. La sua diminuzione raffredda globalmente la temperatura superficiale polare (lunghezza del giorno al polo e all’albedo), e quindi le masse d’aria polari (Van Vliet, 2019). Questo input protonico interagisce quindi direttamente con la corrente a getto polare in parallelo con l’estensione del ghiaccio marino (Solenheim et al. 2021) e quindi sulla generazione del NAO. L’Atlantic Multidecadal Oscillation o AMO (ciclo di 60 anni) è in antifase con quella di NAO e diventa nuovamente negativa, così come la Pacific Decadal Oscillation (Fig.4).

Figura 4: Indice AMO fino al 2022 (Meier et al. 2022: Baltic IPCC report) e recente evoluzione del https://www.worldclimateservice.com/2021/09/01/pacific-decadal-oscillation/ PDO

Un quarto meccanismo è attivo nello strato di ozono nella parte superiore della tropopausa. L’UVC solare (0,28 -0,1 μm) viene intercettato ad alta quota da questo strato che viene distrutto soprattutto sotto l’impatto con protoni solari trasportati dal vento, in modo molto più efficiente dei soli UV solari. I protoni incidenti (H+) portano la generazione di vapore acqueo nella stratosfera inferiore combinandosi con l’ozono dissociato. Per un tale evento (luglio 2000), un ricercatore ha calcolato un aumento di quasi il 2% del contenuto di vapore acqueo della stratosfera inferiore (Krivolutsky et al., 2005). Questo contributo dei protoni durante i periodi di forte vento solare induce innanzitutto un bilancio energetico positivo nelle aree polari, ma aumenta anche la nuvolosità e la turbolenza e quindi un accumulo termico nelle regioni intertropicali. I bassi venti solari favoriscono lo sviluppo di una pressione atmosferica fredda elevata sull’Oceano Artico: i futuri anticicloni mobili polari o AMP (vedi parte 2/2).

Questi meccanismi di amplificazione dell’influenza solare (TSI) si sommano quindi in modo più efficiente rispetto alla sola TSI. A questi fattori di amplificazione si aggiungono effetti retroattivi, questa volta di natura essenzialmente antropica (erosione del suolo, aridificazione, urbanizzazione, gas serra, soprattutto vapore acqueo prodotto dalla combustione di idrocarburi e dall’irrigazione). Ma soprattutto, il ruolo dell’oceano è essenziale, come deposito di energia, come sottolineato da J.C. Duplessy (1996). È responsabile della ciclicità di 1500 anni che ha dominato l’Olocene dal 6000 BP e una parte molto importante della CO2 atmosferica degassata dal suo riscaldamento solare.

Figura 5: Estensione latitudinale del ghiaccio del Mare di Barents (Solhenheim et al. 2021) che registra minimi solari.

5.Che dire del sistema solare lì dentro?

Una teoria delle maree del sistema solare come controllo del clima è stata sviluppata da Keeling & Whorf, 2000; con sintesi in Hung, 2007) dà come origine di questi cicli le “maree solari” causate dai pianeti del Sistema Solare, principalmente Venere, Terra, Mercurio, Marte, Giove e Saturno.

Hung (2007) ha evidenziato una relazione tra la posizione dei pianeti “mareali solari”, Mercurio, Venere, Terra e Giove, e 25 delle 38 più grandi tempeste solari della storia. Ha evidenziato un ciclo di 11 anni descritto dal gruppo Venere-Terra-Giove corrispondente a quello delle macchie solari. Solhenheim et al (2021) hanno dimostrato che la periodicità di 179 anni, caratteristica delle forzanti planetarie, corrisponde sorprendentemente bene (Fig. 5) all’estensione del ghiaccio del Mare di Barents (BIE) sotto l’influenza del vento solare e del suo impatto sulla magnetosfera terrestre (cicli di 11 anni).

6.Contributo della geologia

Qualsiasi periodo climatico di riscaldamento è associato globalmente all’alto livello del mare, alle elevate precipitazioni e all’elevata produzione vegetale, quella che ha alimentato i brontosauri, >60Ma fa, nonostante un PCO2 di 1000 ppm!! Questo è ciò che ci dice la documentazione geologica.

D’altra parte, è associato un raffreddamento globale – con una diminuzione molto marcata delle precipitazioni come quest’anno 2022, con una diminuzione del PCO2, grazie alla sua altissima solubilità in acque fredde (Larryn et al., 2003), – aridità e, in definitiva, un aumento della forza e della frequenza del vento (instabilità atmosferica). Quest’anno, oltre alla siccità e alle ondate di calore alternate all’arrivo dell’aria polare, c’è stata anche una fusione molto limitata della Groenlandia, un ritiro estivo del pack di ghiaccio nell’HN, che si avvicina alla media degli anni 1981-2010  (NSDIC), e una riduzione della copertura vegetale aumentando l’albedo (aridità e incendi), come all’inizio delle prime fasi glaciali. Il passato geologico registrato nei vari archivi ci mostra che gli incendi sono come tempeste, inondazioni improvvise od ondate di calore associate a periodi di instabilità meteorologica, che sono controllati in parte dalla qualità dell’insolazione alle alte latitudini e dal contributo dei venti solari e degli input termici trasportati dal THC. I periodi di tempesta ricorrenti sono più spesso associati alla fine degli ultimi 5 interglaciali (Van Vliet-Lanoë et al., 2022), un oceano intertropicale ancora caldo, una diminuzione complessiva dell’insolazione orbitalmente controllata per l’Olocene e, infine, un NAO più spesso negativo (Van Vliet-Lanoë et al. 2014).

Le grandi calotte glaciali sono apparse principalmente nell’emisfero australe 48Ma fa. Con lo sviluppo dei ghiacciai sopra l’emisfero settentrionale, questo evidente contrasto tra il Miocene e il Pliocene medio ha indotto un posizionamento settentrionale delle cellule tropicali di Hadley (aridità) come sul bacino del Mediterraneo durante la crisi messiniana (7,2-5,8 Ma fa), associato sia al prosciugamento tettonico che a quello “glaciale” del Mediterraneo. Con lo sviluppo di grandi calotte glaciali principalmente da 33 Ma fa in Groenlandia, Islanda, Nord America e Scandinavia, questa asimmetria è stata gradualmente ridotta (Van Vliet-Lanoë, 2017). L’aridità complessiva durante l’ultima era glaciale è massima intorno ai 25-21 ka BP, come estratto dall’alto contenuto di polvere delle carote di ghiaccio (De Angelis et al., 1997). Questa massima aridità è documentata anche in questo periodo nel loess europeo ed è correlata alla massima estensione raggiunta dal permafrost. Dopo 23 ka BP, le precipitazioni aumentano in Europa (Frechen et al., 2001) come dimostrato anche dalla modellizzazione pre-IPCC (Joussaume, 1983), ma sono state interrotte da brevi episodi di freddo e siccità da 20 a 17 ka registrati dalla deposizione di loesses post-LGM in Polonia.

7 . Eventi Dansgaard–Oeschger o sbalzi d’umore ciclici nell’oceano

La maggior parte dei disturbi climatici secolari nell’era glaciale iniziano con un brusco riscaldamento (circa 50-100 anni), corrispondente a un riscaldamento da 7 a 15° C/20° C. Questo riscaldamento è seguito da un plateau di circa venti anni per il più breve (minimi solari). Questo ciclo si conclude con una fase associata e prolungata di elevata instabilità climatica seguita da un graduale raffreddamento (Dansgaard et al. 1993). Lo stesso vale per eventi millenari come gli eventi di Dansgaard-Oeschger (DO, era glaciale) o gli eventi di Bond, che hanno segnato l’inizio dell’Olocene. Questi eventi sono più intensi e visibili durante le ere glaciali, dato il volume di ghiaccio da fondere (calotte glaciali e pack di ghiaccio, ma hanno tutti le stesse caratteristiche. Il lento e definitivo raffreddamento degli interstadi Dansgaard-Oeschger (DO) rallenta la convezione della circolazione oceanica profonda, la NADW con una ciclicità di 1500 anni o i suoi multipli fino a 7200 anni. L’Antartide è sempre la prima a raffreddarsi rispetto all’Artico, soprattutto per motivi orbitali, isolamento marittimo e albedo con un ritardo di 3000 anni rispetto all’emisfero settentrionale. Contrariamente alle affermazioni di Ganopolski et al., 2018, il contenuto atmosferico di CO2 e il metano biogeno aumenta per lo stesso motivo 300 anni dopo la fine orbitale della glaciazione (17 ka) nell’HS. Il declino Cenozoico di COatmosferico è essenzialmente controllato, soprattutto da 33 Ma, dal suo stoccaggio in un oceano globale profondo raffreddato di oltre 5° C, evidenziato dallo stoccaggio di idrati di gas tra 1200 e 1500 metri di profondità.

8. Conclusione

In questa prima parte, lo sviluppo delle calotte glaciali è chiaramente legato alla fonte di umidità per favorire la crescita e il raffreddamento del ghiaccio legato ad una riduzione dell’insolazione. Negli ultimi anni, l’oceano era ancora caldo e ha permesso piogge sostenute di rango interglaciale. Ma con l’attività del sole che scende in modo molto evidente alle alte latitudini per ragioni orbitali, l’attività solare a mezz’asta e il THC che rallenta in modo molto preoccupante, tutti questi fenomeni segnano la fine del “riscaldamento globale” DO. Dal 2021 e soprattutto dall’aprile 2022, l’instabilità atmosferica si è instaurata, annunciando come nel caso del DO, una lenta discesa verso condizioni di tipo glaciale. L’assunzione di alte pressioni sull’Europa, osservabili anch’esse, sulla costa occidentale degli USA e quella di aridità con steppizzazione e tempeste di polvere segnano una dissociazione della meteorologia europea dalla massa oceanica atlantica (THC a mezz’asta) e una continentalizzazione identica a quella osservata all’inizio dei ghiacciai (stadio freddo MIS 5d: 113-104 ka). Sia AMO che PDO diventano negativi.

BIBLIOGRAFIA COMUNE AD ENTRAMBE LE PARTI (1/2) E (2/2)

Berger, A. Spettro delle variazioni climatiche e dei loro meccanismi causali. Geophysical Surveys 3, 351–402 (1979). https://doi.org/10.1007/BF01449756

Berger A. & Otter M.F.1991 Valori di insolazione per il clima degli ultimi 10 milioni di anni Quaternary Science Reviews 10(4):297-317 DOI: 10.1016/0277-3791(91)90033-Q

Byrne, M.P., Pendergrass, A.G., Rapp, A.D. et al. (2018). Risposta della zona di convergenza intertropicale ai cambiamenti climatici: posizione, larghezza e forza. Curr. Cambia Rep 4, 355–370 https://doi.org/10.1007/s40641-018-0110-5

Caesar L., G. D. McCarthy, D. J. R. Thornalley e N. Cahill, 2021 Attuale circolazione atlantica di ribaltamento del meridione più debole nell’ultimo millennio. Nature Geoscience, 14, 118–120, DOI 10.1038/s41561-021-00699-z,

Chand S.S, Walsh K.J., Camargo S.J. et al., 2022, Diminuzione della frequenza dei cicloni tropicali sotto il riscaldamento globale Natura cambiamenti climatici https://www.nature.com/articles/s41558-022-01388-4.pdf

Coillat J. 2022. Clima/Ondate di calore mortali. Hérodotte Pubblicato o aggiornato il: 2022-08-25 17:46:21 https://www.herodote.net/Mortelles_canicules-synthese-2294.php.

Connolly R., Soon W., Connolly M., et al.2021. Quanto ha influenzato il Sole sulle tendenze della temperatura dell’emisfero settentrionale? Un dibattito in corso. Astron & Astrophys.2021 Vol. 21 No. 6, 131(68pp) doi: 10.1088/1674-4527/21/6/131

Cresswell-Clay, N., Ummenhofer, C.C., Thatcher, D.L. et al. (2022) Azzorre del ventesimo secolo Alta espansione senza precedenti negli ultimi 1.200 anni. Nat. Geosci. 15, 548–553.

Dansgaard, W., Johnsen, S. J., Clausen, H. B., Dahl-Jensen, D., Gundestrup, N. S., Hammer, C. U., Hvidberg, C. S., Steffensen, J. P., Sveinbjörnsdottir, A. E., Jouzel, J., Bond, G. (1993) Prove di instabilità generale del clima passato da un record di carote di ghiaccio di 250 kyr. Natura, 364 (6434). 218-220 DOI:10.1038/364218a0

De Angelis, M., et al. (1992), Source of continental dust over Antarctica during the last climate cycle, J. Atmos. Sem.,14, 233–244.

Duplessy J.C. (1996): Quand l’Océan se fâche, Histoire Naturelle du Climat, Odile Jacob

Eiríksson J., Bartels-Jónsdóttir, H. B., Cage, A. G., et al. 2006 Variabilità della corrente del Nord Atlantico durante gli ultimi 2000 anni basata sull’acqua di fondo della piattaforma e sulle temperature superficiali del mare lungo un transetto marino aperto/poco profondo nell’Europa occidentale. L’Olocene 16.7 . 1017 &029

Ezat MM. Rasmussen T.L. Groeneveld G., 2014. Persistente riscaldamento intermedio dell’acqua durante gli stadi freddi nei mari nordici sudorientali durante gli ultimi 65 k.y. , 2014; 42 (.8. 663–666 DOI:10.1130/G35579.1

Ganopolski, A., Winkelmann, R. & Schellnhuber, H. Relazione critica insolazione-CO2 per diagnosticare l’inizio glaciale passato e futuro. Nature 529, 200-203 (2016). https://doi.org/10.1038/nature16494

Goslin, J., Fruergaard, M., Sander, L., et al., 2018. Centenario dell’Olocene a cambiamenti millenari nelle tempeste nord-atlantiche e nelle dinamiche oceaniche. Scientific Reports 8, 12778.

Holton J.R., Hakim G.J., Meteorologia dinamica, Academic Press, 2013

Huck V. 2017.  https://www.prevision-meteo.ch/almanach/1300-1399

Hung CC (2007) Relazioni apparenti tra attività solare e maree solari causate dai pianeti [archivio] Rapporto NASA, TM-214817, 2007

Joussaume S.1989 Simulazioni del clima dell’ultimo massimo glaciale utilizzando un modello di circolazione generale dell’atmosfera comprendente una modellazione del ciclo degli isotopi dell’acqua e delle polveri di origine desertica Tesi: Terra, oceano, spazio: Parigi 6: 1989

Keeling C. D. e Whorf T. P. 2000. Il ciclo delle maree oceaniche di 1.800 anni: una possibile causa del rapido cambiamento climatico. PNAS 97 (8) 3814-3819

Krivolutsky, A., Kuminov, A., e Vyushkova, T., 2005 Ionizzazione dell’atmosfera causata dai protoni solari e la sua influenza sull’ozonosfera della Terra durante il 1994-2003, J. Atmos. Suolo.–Terr. Phys., 67

(1⎯2), 105–117.

Lamb HH, Frydendahl K (1991) Tempeste storiche del Mare del Nord, delle isole britanniche e dell’Europa nord-occidentale. Cambridge University Press, Cambridge

Larryn W. Diamond∗, Nikolay N. Akinfiev (2003) Solubilità di CO2 in acqua da -1,5 a 100 °C e da 0,1 a 100 MPa: valutazione dei dati di letteratura e modellazione termodinamica. Equilibri di fase fluida 208) 265-290

Lashkari H., Mohammad Z. Keikhosrav G. 2017 Fluttuazioni annuali e spostamenti della zona di convergenza intertropicale (ITCZ) all’interno della gamma di Ocean-India Atlantico Open Journal of Ecology 07 (01): 12-33 DOI: 10.4236/oje.2017.71002

Lee, S.H., Williams, P.D. & Frame, T.H.A. Aumento del taglio nella corrente a getto di livello superiore del Nord Atlantico negli ultimi quattro decenni. Nature 572, 639-642 (2019). https://doi.org/10.1038/s41586-019-1465-z

Leroux, M., Aubert, L. ,Comby, J. , Mollica, V. , Passerat de La Chapelle, P. Reynaud, R. 1992 Deficit pluviometrico hivernal sur la France : autopsy des agglutinations anticycloniques des hiverdes 1988 à 1992″, Science et Changements Climatiques, Drought, 3, ( 2) 103-113. Libbey Eurotext.

Leroux,1993 “The Mobile Polar High: a new concept explain the actual mechanisms of the meridional air-mass and energy exchanges, and the global propagation of paleoclimatic changes”, Global and Planetary Changes, 7, Elsevier Science Publ., 69-93.

Lu, Q.B. 2009 Correlazione tra raggi cosmici e riduzione dell’ozono 2009, Phys. Rev. Lett. 102, 118501

Lurton, T., Balkanski, Y., Bastrikov, V., Bekki, Set al. (2020). Implementazione dei dati di forzatura CMIP6 nel modello IPSL-CM6A-LR. Journal of Advances in Modelling Earth Systems, 12, e2019MS001940.

Lynch-Stieglitz J., Adkins J.F., Curry W.B., Dokken T et al. 2007. Circolazione atlantica di ribaltamento meridionale durante l’ultimo massimo glaciale Scienza, 316 pp. 66-69

Marusek JA (2010) A Chronological Listing of Early Weather Events, 580 pp. Disponibile all’indirizzo: http://www.breadandbutterscience. com/Meteo.pdf.

Meier, H.E M., Kniebusch, M., Dieterich, C.,., et al. 2022.Climate change in the Baltic Sea region: a summary, Earth Syst. Dynam., 13, 457–593, https://doi.org/10.5194/esd-13-457-2022, 

Rahmstorf, S., Box, J. E., Feulner, G., Mann, M. E., Robinson, A., Rutherford, S., & Schaffernicht, E. J. (2015). Eccezionale rallentamento novecentesco del ribaltamento della circolazione nell’Oceano Atlantico. Nature Climate Change, 5 (5), 475-480.

Rossby CG. 1939 Relazione tra variazione dell’intensità della circolazione zonale dell’atmosfera e spostamenti dei centri d’azione semipermanenti. J Marine Res; 2: 38-50.

Ruddiman, W.F (2003). L’era antropogenica della serra è iniziata migliaia di anni fa. Cambiamenti climatici 61, 261–293 https://doi.org/10.1023/B:CLIM.0000004577.17928.fa

Schneider, T., Bischoff, T. & Haug, G. 2014 Migrazioni e dinamiche della zona di convergenza intertropicale. Natura 513, 45-53 (). https://doi.org/10.1038/nature13636

Solheim, J.-E.,Falk-Petersen, S., Humlum, O. e Mörner, N.-A. (2021) Cambiamenti nelle posizioni del bordo del ghiaccio marino di Barents negli ultimi 442 anni. Parte 2: Sole, Luna e pianeti. Giornale internazionale di astronomia e astrofisica, 11, 279-341.

Steinhilber, F., Birra J., Fröhlich C.. (2009), Campo magnetico interplanetario durante gli ultimi 9.300 anni dedotto da radionuclidi cosmogenici, J. Geophys. Res, DOI:10.1029/2009GL040142,

Svendsen, J-I et al. (1999): Massima estensione delle calotte glaciali eurasiatiche nella regione del Mare di Barents e Kara durante il Weichseliano. Boreas, 28(1), 234-242, https://doi.org/10.1111/j.1502-3885.1999.tb00217.x

Thompson, D.W. J., Wallace, J. M., Kennedy, J. J. & Jones, P. D. (2010) “Un brusco calo della temperatura superficiale del mare dell’emisfero settentrionale intorno al 1970”, Nature, 467, 444-447.

Van Vliet-Lanoë B. 1986: Il pedocomplesso dell’ultimo interglaciale (da 125000 a 75000 BP). Variazioni di facies e significato paleoclimatico, dalla Polonia meridionale alla Bretagna occidentale. Boll. A.F.E.Q.,1-2, 139-150.

Van Vliet-Lanoë B., 2007. La natura autociclica delle glaciazioni. Boll. SGF, 178, 4, 257-272

Van Vliet-Lanoë B., 2020 

Van Vliet-Lanoë B., Penaud A., Henaff A. et al. 2014. Tempesta medio-tarda dell’Olocene in Bretagna (Francia nord-occidentale). Parte II: La cronologia degli eventi e la forzatura climatica. L’Olocene 24: 434-453.

Van Vliet J., 2019 SCE, Le recenti ondate di calore globali sono correlate a un ciclo solare eccezionale 24 | Scienza, clima ed energia (science-climat-energie.be)

Van Vliet J., 2020 SCE, Il 20° secolo è stato anormalmente caldo, ma il 21° secolo sta tornando alla normalità (1/2) | Scienza, clima ed energia (science-climat-energie.be)

Van Vliet J. & Van Vliet-Lanoe B. 2021 SCE. Temperature estreme e foehn – Sfatare il mito delle “cupole di calore”| Scienza, clima ed energia (science-climat-energie.be)

Zharkova VV, Shepherd SJ, Popova E, et al. 2015 Heartbeat of the sun from principal component analysis and prediction of solar activity on a millennium timescale. SCI Rep. 2015; 5:15689. Disponibile su: https://www.nature.com/articles/srep15689 e in francese, su https://www.climato-realistes.fr/un-grand-minimum-solaire-attendu-pour-la-periode-2020-2053-conduira-a-un-refroidissement-terrestre/

Fonte : Science-Climat-Energie

Pubblicità