image_pdfimage_print

Di Teo Blašković – 19 Gennaio 2020

A partire dalle 09:30 UTC (00:30 AKST) del 19 gennaio 2020, l’eruzione del vulcano Shishaldin in Alaska si è intensificata e alle 13:30 UTC ha iniziato a generare un pennacchio vulcanico più ricco di ceneri. Il codice colore dell’aviazione è stato portato al ROSSO e il livello di allarme del vulcano ad AVVISO alle 17:28 UTC.

Il pennacchio si è esteso dalla cima 150 km (93 miglia) ad est ed è alto circa 6 km (20.000 piedi) sul livello del mare, come si vede nei dati satellitari delle 17:17 UTC. La sismicità è elevata e l’eruzione viene rilevata su array di infrasuoni regionali, secondo Alaska Volcano Observatory (AVO).

Pubblicità

“L’attività eruttiva continua sul vulcano, nonostante un calo del livello di sismicità”, ha riferito AVO alle 02:12 UTC del 20 gennaio.

“Un robusto pennacchio di vapore e ceneri continua a spostarsi a sud-sud-est, come visibile dalle immagini della webcam e dei satelliti e riportato dal passaggio di aerei. La nuvola vulcanica si estende fino a ~ 150 km (~ 90 miglia) dal vulcano con la sua cima fino a 9,1 km (30.000 piedi) slm. È stata segnalata la caduta di cenere nel False Pass.”

Il codice colore Aviazione è stato abbassato di nuovo a Orange e il livello di allerta alle 09:37 UTC del 20 gennaio, a seguito di un forte calo delle emissioni di cenere circa alle 05:30 UTC e bassa sismicità.

Le immagini satellitari mostrano la nuvola vulcanica distaccata alla deriva a E-SE sull’Oceano Pacifico.

“Le emissioni di vapore e ceneri di basso livello possono essere in atto dalla bocca del vertice. È possibile che un’eruzione più significativa riprenda con pochi avvertimenti”, ha riferito AVO.

Immagini per gentile concessione di A. Merculief, USGS/AVO

Fonte: The Watchers

Pubblicità