image_pdfimage_print

Di Stopthesethings – 25 Aprile 2020 

L’apoplessia è all’ordine del giorno tra i fanatici dell’energia “verde” dopo l’uscita di “Planet of The Humans” di Mike Moore.

In campo militare lo chiamano “blu on blu”, anche se quando l’estrema sinistra preme il grilletto è più appropriatamente descritto come “green on green.

Pubblicità

Ma il documentario sostenuto da Moore non è tanto un “fuoco amico”, quanto un assalto a tutto campo agli ipocriti miliardari che hanno suscitato paura e frenesia per i cambiamenti climatici e poi, come per magia, hanno prodotto la soluzione “nozionale” alla calamità sotto forma di vento, solare e biomassa fortemente sovvenzionati. Una “soluzione” in cui, ovviamente, tutti hanno investito pesantemente.

Il film – prodotto da Moore e realizzato da Jeff Gibbs – è stato caricato su YouTube per consentire a tutti quanti di ottenere il messaggio: l’energia rinnovabile è la più grande frode economica e ambientale di tutti i tempi.

Divertente, suona un po’ come il messaggio che stiamo battendo a casa da dicembre 2012.

Moore ha lasciato il segno nel film documentario attaccando ogni sorta di sforzi capitalistici, tra cui l’industria americana delle armi leggere (Bowling for Columbine), la sua industria sanitaria (Sicko) e l’intero sistema capitalista stesso (Capitalism: A Love Story).

Questa volta, l’attenzione di Moore è rivolta a personaggi come David Blood e Al Gore che hanno guadagnato miliardi di dollari spogliando i paesaggi e le terre selvagge del mondo per bruciare ogni pezzo di legname che si può, in centrali elettriche alimentate a “biomassa”. Da qui il bavaglio di “Blood e Gore” come il nome ideale per la loro piccola impresa malvagia.

È una narrativa abilmente fornita da Gibbs in uno stile di “follow the money” che corre fino all’inevitabile conclusione: “ci è stato fatto”. Il suo palpabile senso di delusione ricorda a STT quell’espressione di incredibile deflazione quando un giovane scopre che Babbo Natale non è reale.

STT era tutto orecchi su quel punto, ma dove ci separiamo da Moore e Gibbs è sul loro mantra neo-malthusiano ripetitivo, che paragona gli umani a scarafaggi che divorano il pianeta.

Con diverse croci fastidiose e che distraggono gli antropologi e i sociologi che blaterano per il “giorno del giudizio”, Gibbs li invita a precisare la loro soluzione: la popolazione mondiale deve essere ridotta. Purtroppo, Gibbs perde l’opportunità di invitarli ad aiutare a raggiungere quell’obiettivo commettendo hari-kari stessi. Apparentemente, sei tu e il tuo che devono essere ridotti, non loro. O forse significano che le popolazioni dei paesi del Terzo mondo dovrebbero essere “ridotte”? Non lo chiariscono mai del tutto.

Un’omissione lampante era qualsiasi discussione o analisi dei meriti del nucleare; l’unica fonte autonoma di generazione di energia che non emette CO2 durante tale processo. Il film è, ovviamente, costellato di affermazioni stridenti che il gas di biossido di carbonio prodotto dall’uomo sta causando un cambiamento climatico in fuga (qualunque cosa significhi). Ma, come è il bisogno della dura sinistra, non vogliono davvero una soluzione, ciò che li spinge è la necessità di spaventare tutti nel consegnare loro il potere di controllare tutto.

Ad ogni modo, il punto principale del regista è che una delle “nuove certezze” apprezzate dalla sinistra sveglia – che l’unica soluzione all’imminente rovina del pianeta siano più mulini a vento e pannelli solari – è vittima delle “vecchie certezze”. Vale a dire, che i ricchi opportunisti sfrutteranno sempre gli ingenui e i creduloni per fare profitti che faranno arrossire Croesus; e farlo in un modo che prende una speciale miscela di cinismo, ipocrisia, narcisismo e avidità.

Ecco un riassunto di Michael Shellenberger. Segue il video.

Il nuovo documentario su YouTube di Michael Moore rivela enormi impatti ecologici delle energie rinnovabili
Forbes
Michael Shellenberger
21 aprile 2020

Negli ultimi 10 anni, tutti, dagli influencer delle celebrità, tra cui Elon Musk, Arnold Schwarzenegger e Al Gore, ai principali marchi tecnologici tra cui Apple, hanno ripetutamente affermato che le energie rinnovabili come i pannelli solari e i parchi eolici sono meno inquinanti dei combustibili fossili.

Ma un nuovo documentario, “Planet of the Humans“, pubblicato oggi gratuitamente su YouTube, il 50 ° anniversario della Giornata della Terra, rivela che parchi eolici industriali, parchi solari, biomasse e biocarburanti stanno distruggendo gli ambienti naturali.

“Planet of the Humans è stato prodotto dal regista premio Oscar Michael Moore. “Pensavo che i pannelli solari sarebbero durati per sempre”, ha detto Moore a Reuters. “Non sapevo cosa fosse successo nel realizzarli.”

Il film mostra sia i parchi eolici industriali abbandonati che i parchi solari e ne vengono costruiti di nuovi, ma dopo aver abbattuto le foreste. “Improvvisamente mi sono reso conto che quello che stavamo guardando era una zona morta solare”, afferma il regista Jeff Gibbs, fissando una ex fattoria solare in California. “Ho imparato che i pannelli solari non durano.”

Come molti documentari ambientali, “Planet of Humans” sostiene le idee malthusiane sfatate sul fatto che il mondo stia esaurendo le energie. “Dobbiamo avere la nostra capacità di consumare regnati”, afferma un leader ambientale ben accolto. “Senza qualche grave estinzione della popolazione umana non si può tornare indietro”, afferma uno scienziato.

In verità, l’umanità non è mai stata a rischio di rimanere senza energia. Ci sono sempre stati abbastanza combustibili fossili per alimentare la civiltà umana per centinaia e forse migliaia di anni, e l’energia nucleare è effettivamente infinita.

Ma la retorica apocalittica toglie poco al cuore del documentario, il che espone la complicità degli attivisti climatici nel promuovere biomassa e gas naturale ad alta intensità di inquinamento.

Il film rivela molte informazioni che non avevo mai visto prima. Mostra la responsabile della sostenibilità di Apple, l’ex responsabile dell’EPA Lisa Jackson, che ha reclamato sul palco durante un evento Apple, “Ora gestiamo Apple con energia rinnovabile al 100%”, con un forte applauso.

Ma Gibbs intervista uno scienziato che ha fatto ricerche sui programmi di energie rinnovabili aziendali che ha dichiarato: “Non ho trovato un’unica entità in nessuna parte del mondo che funzioni solo al 100% solare e eolico”. Il film mostra una foresta abbattuta per costruire una fattoria solare Apple.

Dopo che il fondatore della Giornata della Terra Denis Hayes ha dichiarato a un concerto della Giornata della Terra 2015 che l’evento era alimentato dal solare, Gibbs si mette dietro il palco per scoprire la verità. “Il concerto è gestito da un sistema di generazione diesel”, ha detto il venditore solare. “Proprio lì potrebbe far funzionare un tostapane”, ha detto un altro fornitore.

Il film inoltre smentisce l’affermazione fatta da Elon Musk secondo cui il suo “Gigafactory” per produrre batterie è alimentato da fonti rinnovabili. In effetti, è collegato alla rete elettrica.

“Alcuni pannelli solari sono costruiti per durare solo 10 anni”, ha detto un uomo che vende materiali per la produzione solare in occasione di una fiera aziendale. “Non è come se avessi questa energia magica gratis. Non so che sia la soluzione e qui sto vendendo i materiali destinati al fotovoltaico.”

“Che cosa alimenta una comunità di apprendimento?” disse McKibben alla presentazione di una centrale elettrica a legna al Middlebury College nel Vermont. “A partire da questo pomeriggio, la risposta facile a questo è trucioli di legno. È incredibilmente bello guardare il bunker di trucioli di legno. Tutto ciò che brucia possiamo buttarci dentro! Ciò dimostra che questo potrebbe accadere ovunque, dovrebbe accadere ovunque e deve accadere ovunque!”

Il film rivela che l’attivista climatico Bill McKibben di 350.org e il Sierra Club hanno sostenuto un’iniziativa di scrutinio del Michigan che avrebbe richiesto allo stato di ottenere il 25% della sua elettricità da fonti energetiche rinnovabili entro il 2025 e che l’iniziativa era sostenuta da interessi industriali sulla biomassa e che gli sforzi per costruire un impianto di biomassa alla Michigan State University sono stati fortemente contrastati dagli attivisti del clima, compresi quelli di 350.org.

In realtà, per oltre un decennio gli scienziati hanno lanciato l’allarme su biomassa e biocarburanti che causano la distruzione della foresta pluviale in tutto il mondo, tra cui Brasile e Malesia, e hanno documentato che, quando si tiene conto dell’impatto sul paesaggio, i carburanti producono emissioni di carbonio significativamente più elevate del petrolio e gas e può produrre più del carbone.

Nel 2016, McKibben ha scritto un articolo per Grist.org in cui ha discusso contro la combustione di biomassa per produrre elettricità.

Il film mostra il capitalista di venture capital della Silicon Valley Vinod Khosla che racconta a Leslie Stahl di “60 Minutes” che il suo impianto di biocarburanti ha prodotto “Clean green petrololine”. Dopo che Stahl ha chiesto quale fosse il rovescio della medaglia, Khosla ha detto: “Non c’è svantaggio”.

Un anno dopo, la società Khosla ha presentato istanza di fallimento e ha fallito con un prestito di 75 milioni di dollari ricevuto dallo stato del Mississippi. Produceva biocarburanti da $ 5 a $ 10 al gallone – “anche senza contare il costo di costruzione dell’impianto”, ha osservato Steve Mufson del Washington Post nel 2014. Due precedenti progetti di biocarburanti Khosla erano già falliti dopo aver ricevuto centinaia di milioni di sussidi dal governo federale. Gli azionisti hanno citato in giudizio la società Khosla per frode.

“Planet of the Humans” osserva che Al Gore ha accettato personalmente denaro da combustibili fossili nel 2013 quando lui e un comproprietario hanno venduto Current TV ad Al Jazeera, che è finanziata dallo stato dal Qatar, la nazione esportatrice di gas i cui cittadini hanno il maggior impronta di carbonio capita nel mondo.

Un anno prima, Gore aveva affermato che l’obiettivo di “ridurre la nostra dipendenza dal costoso petrolio sporco” era “salvare il futuro della civiltà”.

Il film mostra Jon Stewart, conduttore di “The Daily Show” della Comedy Central, che chiede a Gore: “Non hai trovato, per la tua attività, una scelta più sostenibile?”

“Cosa non è sostenibile al riguardo?” rispose Gore.

“Perché è supportato dal denaro dei combustibili fossili?” disse Stewart.

Come parte dell’accordo, Gore avrebbe ricevuto $ 100 milioni. Gli attivisti del clima non ne sono stati infastiditi. “Non credo che la comunità sia troppo sconvolta”, un ambientalista politicamente attivo ha detto al Washington Post sull’accordo di Gore con il Qatar. “Il mio senso personale è che ha ottenuto un buon affare.”

Il socio in affari di Gore, David Blood, “trasforma le foreste in profitti”, osserva Gibbs.

Il problema principale con i biocarburanti – la terra richiesta – deriva dalla loro bassa densità di potenza. Se gli Stati Uniti dovessero sostituire tutta la loro benzina con etanolo da mais, avrebbe bisogno di un’area del 50% più grande di tutte le attuali coltivazioni statunitensi.

Anche i biocarburanti più efficienti, come quelli a base di soia, richiedono da 450 a 750 volte più terra del petrolio. Il biocarburante con le migliori prestazioni, l’etanolo di canna da zucchero, ampiamente utilizzato in Brasile, richiede 400 volte più terra per produrre la stessa quantità di energia del petrolio.

Pubblicamente, i sostenitori delle energie rinnovabili promuovono i pannelli solari in alternativa ai combustibili fossili. “Ci sono stati giorni in cui la Germania stava generando l’80% della sua energia dal solare”, ha detto McKibben. In realtà, l’eolico e il solare hanno fornito solo il 34% dell’elettricità tedesca nel 2019 e la Germania si basa sulla combustione di gas naturale, carbone e biogas dal mais.

“Nel Green Century Fund, raccomandato da 350.org”, riferisce Gibbs, “ho trovato meno dell’uno percento solare e eolico e il 99% cose come miniere, infrastrutture petrolifere e di gas, uno sfruttatore di sabbie bituminose, McDonald’s, Archer Daniels … Coca -Cola … e molte banche, tra cui Black Rock, il più grande finanziatore della deforestazione sulla terra.”

“Gli impianti che stiamo costruendo, gli impianti eolici e quelli solari, sono impianti a gas”, ha dichiarato Robert F. Kennedy Jr. agli investitori di petrolio e gas. A proposito di un altro progetto, Ivanpah, ha detto: “È una turbina che prendiamo da un impianto di gas e la sospendiamo da un grande ponteggio, una torre e la circondiamo con specchi giganti nel deserto”.

La costruzione della fattoria solare di Ivanpah causò la morte di centinaia di vecchie tartarughe del deserto. “I deserti non sono morti”, ha detto il regista. “Sono infatti pieni di vita antica.”

Il film sottolinea i massicci requisiti di materiali delle energie rinnovabili.

I pannelli solari richiedono sedici volte più materiali sotto forma di cemento, vetro, cemento e acciaio rispetto alle centrali nucleari e creano trecento volte più rifiuti.

L’uomo ha osservato che Koch Industries fornisce molti dei materiali utilizzati per costruire pannelli solari e impianti solari industriali. “La parte divertente è che quando critichi gli impianti solari in questo modo sei accusato di lavorare per i fratelli Koch”, ride. “Questa è l’idiozia. Ciò si basa sui processi industriali più tossici che abbiamo mai creato.”

Cosa spinge le persone che credono di voler salvare l’ambiente nel distruggerlo? Il regista suggerisce che il desiderio di “sostenibilità” è davvero un desiderio di una sorta di immortalità. “Ciò che differenzia le persone è che sappiamo che un giorno moriremo”, afferma un sociologo. “Ci siamo avvolti in sistemi di credenze e visioni del mondo”.

“Le persone a sinistra e a destra che pensano che saremo in grado di pannelli solari nel futuro”, dice, “Penso che sia delirante.”

La buona notizia, dice l’uomo, è che “una volta arrivati ​​a patti con la morte, tutto è possibile”.
Forbes

Pubblicità