image_pdfimage_print

Di CAPP ALLON – 12 Ottobre 2020

Quasi tutte le eruzioni vulcaniche del passato che portano ad un raffreddamento del clima sono correlate a una bassa attività solare. Preoccupante, perché il Sole sta attualmente attraversando il suo minimo solare più profondo degli ultimi 100 anni e, guardando al futuro, la NASA ha rivelato che il prossimo ciclo (25) potrebbe essere “il più debole degli ultimi 200 anni“: un ritorno alle condizioni minime del Minimo di Dalton.

Il Dalton Minimum (1790-1830) è stato un periodo di attività solare storicamente bassa che ha incluso anche l’eruzione del Monte Tambora, nel 1815.

Pubblicità

L’eruzione del Tambora è stata una delle più potenti sulla Terra degli ultimi 2.000 anni e ha aggravato il raffreddamento della Terra già in atto a causa della bassa attività solare. Questa sfortunata combinazione ha portato ad alcune delle condizioni climatiche più dure dell’era moderna: il 1816 è anche conosciuto come “l’anno senza estate“.

ISLANDA

Tra i vulcani che si stanno risvegliando oggi quelli situati in Islanda sono forse i più preoccupanti. È questa regione altamente vulcanica che probabilmente ospiterà il prossimo “grande” (una ripetizione dell’eruzione del 536 d.C. che ha distrutto la Repubblica Romana…?), quella che riporterà la Terra a un altro inverno vulcanico.

Un’alta frequenza di eruzioni in un vulcano consente agli scienziati di rilevare modelli (precursori). E se questi schemi si ripetono ogni volta che un vulcano erutta, diventa possibile per gli scienziati essere più fiduciosi riguardo alle previsioni.

Il Grímsvötn è il vulcano in eruzione più frequente in Islanda e negli ultimi 800 anni sono note con una certa certezza circa 65 eruzioni. Gli scienziati islandesi hanno monitorato attentamente il Grímsvötn sin dalla sua eruzione pliniana alta 20 km (66.000 piedi) nel 2011. Recentemente, i ricercatori hanno visto diversi segnali che suggeriscono che il vulcano si sta preparando a eruttare di nuovo e di conseguenza hanno aumentato il livello di allarme.

Un contadino di Horgsland guida un cavallo attraverso la cenere che fuoriesce dal vulcano Grímsvötn in eruzione nel maggio 2011.

Il vulcano si è gonfiato mentre il nuovo magma si è spostato nel sistema idraulico sottostante (pensa di seppellire un palloncino nella sabbia e poi gonfiarlo). L’aumento dell’attività termica ha fatto sciogliere più ghiaccio e c’è stato anche un recente aumento dell’attività sismica.

Il vulcano Grímsvötn è un vulcano subglaciale situato vicino al centro della calotta glaciale Vatnajokull.


Gli intervalli di tempo tra le eruzioni di Grímsvötn sono variabili, scrive Dave McGarvie, vulcanologo della Lancaster University. Ad esempio, prima dell’eruzione più ampia del 2011 ci sono state eruzioni più piccole nel 2004, 1998 e 1983 con intervalli compresi tra quattro e 15 anni. Fondamentalmente, e con la prossima eruzione in mente, il Grímsvötn sembra avere un modello di eruzioni più grandi e rare che si verificano ogni 150-200 anni (ad esempio 2011, 1873, 1619), con eruzioni più piccole e più frequenti che si verificano all’incirca una volta ogni decennio nel mezzo.


Il Katla è un altro vulcano islandese sull’orlo di un’eruzione, secondo l’Ufficio meteorologico islandese (IMO). Da gennaio di quest’anno, i ricercatori hanno registrato un sollevamento dentro e intorno al Katla e negli ultimi mesi hanno registrato un aumento dell’anidride solforosa vicino a dove si sono verificate due precedenti eruzioni.

La precedente eruzione considerevole del Katla fu il VEI 4 nel 1918 (volcano.si.edu). Quell’anno rientra nel minimo centenario, il precedente periodo multidecadico di bassa attività solare.

Eruzione VEI 4 di Katla del 1918 [visitklaustur.is].


Le autorità islandesi sono ben consapevoli dei pericoli rappresentati dalla prossima eruzione del Katla e una delegazione di vulcanologi si incontra regolarmente con il parlamento islandese per discutere come rispondere in caso di eruzione.

RUSSIA

Gli scienziati sono anche preoccupati per il comportamento insolito del vulcano Klyuchevskaya (scritto anche “Klyuchevskoy”) situato nella penisola della Kamchatka in Russia.

Secondo Yuri Demyanchuk, capo della stazione vulcanica Klyuchevskoy IViS, tutto ciò testimonia una nuova imminente eruzione più grande. 

Il comportamento insolito del vulcano Klyuchevskoy può portare a esplosioni parossistiche (esplosioni imprevedibili e pericolose): “Queste sono eruzioni molto forti quando il cratere Klyuchevskoy si svuota” chiarisce Demyanchuk.

“L’ultima eruzione parossistica è avvenuta nel 2013, prima di quest’ultima – nel 1994. Ma fino ad ora non abbiamo visto una tale intensità di tremori per parlare di un’eruzione parossistica in avvicinamento”, spiega l’esperto. “Questa è un’anomalia.”

L’attività sismica e vulcanica è stata correlata ai cambiamenti del sole.

Le eruzioni vulcaniche sono una delle forze chiave che spingono la Terra verso il prossimo periodo di raffreddamento globale. La cenere vulcanica (particolato) espulsa oltre i 10 km – e quindi nella stratosfera – ombreggia la luce del sole e riduce le temperature terrestri. I particolati più piccoli di un’eruzione possono rimanere nell’atmosfera superiore per anni, o anche decenni.

Si ritiene che il recente aumento vulcanico a livello mondiale sia legato alla bassa attività solare, ai buchi coronali, a una magnetosfera in riduzione e all’afflusso di raggi cosmici che penetrano nel magma ricco di silice.

Dai un’occhiata a questi link per maggiori informazioni: 

https://principia-scientific.org

https://www.researchgate.net

TEMPI FREDDI stanno tornando, le medie latitudini si stanno RAFFREDDANDO, in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici in aumento e un flusso di corrente a getto più meridionale.

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare, se si legge tra le righe, la NOAA afferma che stiamo entrando in un grande minimo solare “in piena regola” alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare (25) come “il più debole degli ultimi 200 anni”, con l’agenzia che mette in correlazione le precedenti riduzioni di attività solare a periodi prolungati di raffreddamento globale.

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.


Preparati di conseguenza : impara i fatti, trasferisciti se necessario e fai crescere il tuo sapere.

Fonte: ELECTROVERSE

Pubblicità