8 ottobre 2018 - 20:48 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di John Dale Dunn e Joseph Bast – 8 Ottobre 2018

Oggi, il Gruppo Intergovernativo di esperti sul Cambiamento Climatico (IPCC) ha pubblicato una relazione speciale sui presunti impatti del “riscaldamento globale di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e dei relativi percorsi globali di emissione di gas serra, nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia di cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile e sforzi per sradicare la povertà”.

In concomitanza con la pubblicazione di questa pubblicazione, il Nongovernmental International Panel on Climate Change (NIPCC) ha pubblicato il 5 ottobre una bozza di Summary for Policymakers del quinto volume della serie “Climate Change Reconsidered”. Quel rapporto è disponibile online qui.

Le due relazioni raccontano storie drammaticamente diverse sulle cause e le conseguenze dei cambiamenti climatici. Si prevede che il rapporto dell’IPCC, denominato SP15, affermi che le emissioni di gas serra provocano un riscaldamento senza precedenti dell’atmosfera del pianeta, che è troppo tardi per evitare un riscaldamento di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e che nulla meno di una drastica riduzione dell’uso di combustibili fossili, forse persino un divieto assoluto imposto dalle Nazioni Unite, è necessario per prevenire una catastrofe globale.

Il rapporto del NIPCC rileva che mentre i cambiamenti climatici si stanno verificando e che è probabile un impatto umano sul clima, non vi è consenso sulla dimensione di tale impatto rispetto alla variabilità naturale, ai benefici o ai costi netti degli impatti dei cambiamenti climatici o al clima futuro le tendenze possono essere previste con sufficiente sicurezza per guidare le politiche pubbliche oggi. Di conseguenza, non vi è alcuna base scientifica per la raccomandazione che l’uso di combustibili fossili debba essere limitato.

Secondo la sua sintesi per i responsabili delle politiche, la nuova pubblicazione NIPCC mostra:

  • I combustibili fossili forniscono energia economica, abbondante e affidabile, fondamentale per il benessere umano. Il vento e il sole non sono sostituti pratici e affidabili.
  • I combustibili fossili creano un ambiente migliore per l’ecosistema perché richiedono meno superficie rispetto alle fonti di energia rinnovabili.
    Sedici su 25 impatti identificati di combustibili fossili sono netti positivi, otto incerti. Solo uno è nettamente negativo. Le aree di impatto misurate comprendono agricoltura, qualità dell’aria, eventi meteorologici estremi e salute umana.
  • Costringere una transizione dai combustibili fossili all’eolico e all’energia solare causerebbe enormi difficoltà economiche, riducendo il PIL mondiale di circa il 96% e riportando il mondo alle condizioni economiche al 1820 e 1830.

Come potrebbero due squadre internazionali di scienziati, economisti e altri esperti arrivare a conclusioni opposte? Qui la storia.

L’IPCC è un’organizzazione politica, non un organismo scientifico. È stato formato dalle Nazioni Unite nel 1988 allo scopo di stabilire la necessità di una soluzione globale al presunto problema dei cambiamenti climatici antropogenici. Si noti che la missione dell’IPCC non è mai stata quella di studiare le cause dei cambiamenti climatici; Se così fosse, avrebbe potuto dedicare parte dei suoi miliardi di dollari di entrate nel corso degli anni all’esame dei cicli solari, dei cambiamenti nelle correnti oceaniche, della sensibilità del clima ai gas serra, o del ciclo del carbonio del pianeta. L’IPCC ha speso somme insignificanti su questi temi e gli autori e i contributori ai suoi voluminosi rapporti hanno poche o nessuna credenziale in questi campi.

Ora considera il NIPCC. È un corpo scientifico composto da studiosi provenienti da oltre due dozzine di paesi, prima convocato nel 2003 dal grande fisico S. Fred Singer e successivamente presieduto da un altro grande fisico, Frederick Seitz. L’unico scopo del NIPCC è di verificare i fatti dell’IPCC. Non riceve finanziamenti aziendali o governativi e quindi non ha obiettivi o ordini nascosti da macinare. La maggior parte dei suoi partecipanti offre volontariamente il proprio tempo; alcuni ricevono un risarcimento simbolico per molte ore di lavoro.

Il NIPCC ritiene che le emissioni di gas serra umane stiano causando un’ipotesi da verificare, non una conclusione preordinata. Si chiede se l’ipotesi nulla – che i cambiamenti climatici siano una variabilità naturale causata da una moltitudine di forzanti e feedback – sia stata confutata. La sua ricerca rivela migliaia di studi pubblicati su riviste scientifiche peer-reviewed che supportano l’ipotesi nulla, il che significa che le montagne di dati e le espressioni di “fiducia” dell’IPCC sono irrilevanti, prive di significato e in definitiva sbagliate.

Data la loro provenienza, quale rapporto ritieni sia più verosimile?

Gli scienziati e gli esperti del NIPCC saranno a Katowice, in Polonia, la settimana del 4 dicembre per distribuire l’intero volume di “Cambiamenti climatici riconsiderati II: combustibili fossili” in una controcorrente in coincidenza con la 24a Conferenza delle parti delle Nazioni Unite (COP 24).

John Dale Dunn, M.D., J.D. is an emergency physician and inactive attorney and a policy adviser to The Heartland Institute.  Joseph Bast is a director and senior fellow of The Heartland Institute.  Both are contributors to “Climate Change Reconsidered II: Fossil Fuels.”

Fonte: American Thinker

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(11 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...