image_pdfimage_print

Di Chris Morrison  – 14 Maggio 2022

Il britannico Met Office afferma che è una previsione 50-50 che nei prossimi cinque anni vedrà le temperature globali balzare di quasi mezzo grado centigrado raggiungendo così 1,5°C sopra i livelli preindustriali. Le notizie sono state ovviamente riportate fedelmente dai media mainstream, desiderosi, come sempre, di sostenere il messaggio politico dietro Net Zero. Ma curiosamente mancava il fatto che l’assurda previsione parte da una base record della temperatura aggiustata pesantemente e sulla previsione futuristica di una delle più potenti fluttuazioni meteorologiche naturali di El Niño mai osservate prima d’ora.

È sul fenomeno di El Niño che la scommessa si basa principalmente. Una forte fluttuazione nel 2016 ha posto fine a una lunga pausa della temperatura e ha aumentato temporaneamente fino a 0,2°C. El Niños è una fluttuazione meteorologica naturale che trae calore dall’Oceano Pacifico tropicale orientale e lo distribuiscono nell’atmosfera. C’è stato anche un potente picco di El Niño nel 1998 e da quella data il riscaldamento globale ha esaurito la propria energia.

Pubblicità

Non al Met Office ovviamente. Come abbiamo riportato, il Met Office ha rimosso una pausa dai messaggi intorno al 1998 con due importanti adeguamenti nel 2013 e nel 2020 al suo database di temperatura globale HadCRUT. In totale, gli aggiustamenti hanno aggiunto circa il 30% di riscaldamento più recente. Questa tendenza è stata esacerbata dal raffreddamento delle temperature registrate all’inizio del XX secolo. Regolazioni simili sono state apportate da altri importanti set di dati sulla temperatura globale. Tutti i set di dati della superficie sono miscele complesse di temperature riportate, proxy, stime e dati modellati.

Un recente saggio sul sito di scienze climatiche Watts Up With That gestito dal meteorologo americano Anthony Watts mostra chiaramente gli aggiustamenti. Per prima cosa osserviamo i dati satellitari, generalmente considerati la rappresentazione più accurata della temperatura globale.

La linea quasi piatta del 1998 circa è chiaramente mostrata insieme al salto di El Niño nel 2016. Da quell’evento unico, la linea si sposta bruscamente verso il basso. I dati dell’Università dell’Alabama a Huntsville sono in parte compilati dal Dr. Roy Spencer e appaiono ogni mese sulla sua pagina web personale. Questo sito è stato recentemente demonetizzato da Google AdSense con la motivazione che ha pubblicato “affermazioni inaffidabili e dannose”.

Ora considerate l’ultimo database del Met Office.

La linea quasi piatta del record satellitare è diventata in aumento pronunciato, mentre il calo dal 2016 è meno marcato. Un confronto tra i due grafici mostra che HadCRUT ha raddoppiato il riscaldamento rivelato dai satelliti.

Ma il Met Office non è il record che si discosta di più dai satelliti. Ecco il grafico per il database GISS della NASA.

C’è un enorme miglioramento qui per i fan di Thermogeddon. C’è molto più riscaldamento negli ultimi 25 anni alla NASA e il vantaggio aggiuntivo che la temperatura ha continuato a salire dal 2016.

Se la chiamata del Met Office ’50-50′ deve diventare realtà, le linee su tutti e tre i grafici dovrebbero alzarsi quasi verticalmente quasi fuori dalla pagina. È improbabile che il riscaldamento globale fornisca una spinta così alta e possiamo sostenere che si tratta di una previsione 50-50 che le temperature inizieranno a scendere. Tutto ciò che resta sembra essere la speranza che il più grande El Niño mai registrato venga in soccorso. Assurdo.

Chris Morrison è il redattore ambientale del Daily Skeptic

Fonte: Daily Sceptic

Pubblicità