image_pdfimage_print

Di Kennet Richard – 14 febbraio 2022

Nel 2021 sono stati pubblicati diverse centinaia di articoli scientifici che mettono in dubbio la posizione secondo cui le emissioni di CO2 antropogeniche funzionano come la manopola di controllo fondamentale del clima… o che altrimenti servono a mettere in discussione l’efficacia dei modelli climatici o le relative posizioni di “consenso” comunemente sostenute dai responsabili politici e le principali fonti dei media.

Questi articoli scientifici affermano la posizione secondo cui ci sono limitazioni e incertezze significative inerenti alla nostra comprensione del clima e dei cambiamenti climatici… sottolineando che la scienza del clima non è  risolta.

Più specificamente, i documenti in questa raccolta supportano queste quattro principali posizioni scettiche – qui classificate come  N(1) – N(4) – che mettono in discussione l’allarme climatico diffuso nei titoli di oggi.

Pubblicità

N(1)  I meccanismi naturali svolgono un ruolo ben più che trascurabile (come affermato dall’IPCC) nei cambiamenti netti nel sistema climatico, che include variazioni di temperatura, modelli di precipitazioni, eventi meteorologici, ecc. e l’influenza dell’aumento delle concentrazioni di CO2 sui cambiamenti climatici sono meno pronunciati di quanto attualmente si immagini.

N(2)  Il riscaldamento/livelli del mare/ghiacciaio e ritiro del ghiaccio marino/precipitazioni estreme… sperimentati durante l’era moderna non sono né senza precedenti né notevoli, né cadono al di fuori della gamma di variabilità naturale.

N(3) I modelli climatici al computer non sono né affidabili né costantemente accurati; gli intervalli di incertezza e di errore sono irriducibili; e le proiezioni degli stati climatici futuri (cioè un’intensificazione del ciclo idrologico) non sono supportate da osservazioni e/o sono poco più che speculazioni.

N(4)  Le attuali politiche di mitigazione delle emissioni, in particolare legate alla promozione delle energie rinnovabili, sono spesso inefficaci e persino dannose per l’ambiente, mentre l’elevata CO2 e un clima più caldo forniscono vantaggi inediti per la biosfera (ad esempio, un pianeta più verde e colture migliorate rese, mortalità più bassa con il riscaldamento).

In netto contrasto con quanto sopra, le corrispondenti posizioni di “consenso” che questi documenti  non  supportano sono:

A(1) Il riscaldamento  vicino o  superiore al  100% (110%) dal 1950 è stato causato dall’aumento delle emissioni di CO2 di origine antropica, lasciando l’attribuzione naturale a qualcosa di vicino allo 0%.

RealClimate.org: “La migliore stima del riscaldamento dovuto ai forzanti antropogenici (ANT) è la barra arancione (notando le incertezze 1𝛔). Leggendo il grafico, è 0,7±0,2ºC (5-95%) con il riscaldamento osservato 0,65±0,06 (5-95%). L’attribuzione segue quindi con una  media di ~ 110%, con un intervallo del 5-95% compreso tra 80 e 130%. Ciò giustifica facilmente le  affermazioni dell’IPCC di avere una media vicina al 100% e una probabilità molto bassa che l’attribuzione sia inferiore al 50% (p <0,0001!).”

A(2)  Il riscaldamento moderno, la recessione dei ghiacciai e del ghiaccio marino, l’innalzamento del livello del mare, la siccità e l’intensità degli uragani… si verificano tutti a ritmi elevati e rapidi senza precedenti e gli effetti sono sincroni a livello globale (non solo regionali)… e quindi conseguenze pericolose per il la biosfera globale e le civiltà umane incombono nel prossimo futuro come conseguenza delle influenze antropogeniche.

A(3)  I modelli climatici sono affidabili e accurati e la comprensione scientifica degli effetti sia dei fattori di forzanti naturali (attività solare, nuvole, vapore acqueo, ecc.) sia dei cambiamenti della concentrazione di CO2 sul clima è “abbastanza stabile“, il che significa che “il tempo del dibattito è finito”.

A(4)  Le soluzioni proposte per mitigare le pericolose conseguenze descritte in N(4) – vale a dire l’espansione eolica e solare – sono sicure, efficaci e rispettose dell’ambiente.

Per ribadire, questi articoli scientifici compilati nel 2021 supportano le posizioni N(1)-N(4) e minano o almeno non supportano le posizioni di “consenso” A(1)-A(4). Questi giornali non fanno di più. In altre parole, è troppo ambizioso sostenere che questi documenti dimostrino che le posizioni sul riscaldamento globale antropogenico (AGW) non sono valide, o che le affermazioni dell’AGW sono state ora “sfatate“.

Di seguito sono riportati i due collegamenti all’elenco degli articoli scientifici per il 2021 e uno schema per la loro categorizzazione.

Documenti scettici 2021 (1)

Documenti scettici 2021 (2)

1. Osservazione dei cambiamenti climatici, ricostruzione

Un passato più caldo: ricostruzioni diverse da mazze da hockey 
Nessun riscaldamento netto dalla metà/fine del XX secolo
Mancanza di segnale antropogenico/CO2 nell’innalzamento del livello del
mare. Livelli del mare più alti di più metri quando CO2 <280 ppm
Ghiacciai, calotte glaciali, ghiaccio marino
brusco, gradi per-Decennio di riscaldamento globale naturale

2. Meccanismi naturali del tempo, cambiamenti climatici

Influenza solare sul clima
ENSO, NAO, AMO, PDO Influenza
climatica Clima/Precipitazioni Variabilità naturale Influenza climatica delle
nuvole
L’effetto serra di CO2 – Fattore climatico?
Scienza instabile, modelli climatici falliti
Energia rinnovabile insufficiente, politiche climatiche
I coralli prosperano in ambienti caldi e ad alto contenuto di CO2
CO2 elevato, calore, non danneggia la biosfera
CO2 elevato: pianeta verde, raccolti più elevati
Il riscaldamento globale riduce la mortalità. Uccisioni fredde.
L’urbanizzazione si aggiunge artificialmente al riscaldamento degli
incendi di tendenza
Nessuna tendenza in aumento negli uragani intensi
Nessuna tendenza in aumento nella frequenza della siccità, gravità
Emissioni naturali di CO2 Una fonte netta, non un pozzo netto
L’elevata CO2 non danneggia la cognizione umana
Varie

Di seguito sono riportati alcuni esempi delle carte contenute nel database.

Koutsoyiannis, 2021

[Le] moderne definizioni di clima sono gravemente influenzate dall’errata percezione dei due secoli precedenti che il clima dovrebbe essere regolarmente costante, a meno che un agente esterno non agisca su di esso. … [H] lo scambio di calore per evaporazione (e quindi il trasferimento di calore latente dalla superficie terrestre all’atmosfera) è la locomotiva naturale della Terra, con l’energia totale coinvolta nel ciclo idrologico di 1290 ZJ/anno, corrispondente a una densità di flusso di energia di 80 W/m2. Rispetto alla produzione di energia umana (0,612 ZJ/anno per il 2014), l’energia totale della locomotiva naturale è 2100 volte superiore a quella della locomotiva umana … Anche se nella percezione comune è l’anidride carbonica (CO2) a determinare l’effetto serra della Terra, studi recenti (Schmidt et al. [69]) attribuiscono solo il 19% della radiazione a onde lunghe assorbe CO2 contro il 75% di vapore acqueo e nuvole, o un rapporto di 1:4. … Un altro malinteso, comune ai non esperti, è che la CO2 atmosferica; è il prodotto delle emissioni umane, mentre in realtà queste ultime contribuiscono solo per il 3,8% al ciclo globale del carbonio. … [Utilizzando misurazioni strumentali affidabili della concentrazione globale di T e CO2 che coprono l’intervallo di tempo 1980–2019, uno studio recente ha scoperto che nella relazione tra CO2 e temperatura, la direzione di causalità dominante è T → CO2, piuttosto che il contrario, nonostante quest’ultima sia la percezione comune.

Smirnov e Zhilyaev 2021

Poiché le molecole di anidride carbonica non assorbono nell’intervallo di spettro aggiuntivo compreso tra 1200 cm−1 e 2600 cm−1, i parametri radiativi dovuti alle molecole di CO2 sono vicini in queste valutazioni e in quella precedente. In particolare, la variazione dei flussi radiativi come risultato della variazione della quantità di anidride carbonica nell’atmosfera per questi calcoli è vicina. In questa valutazione, così come nelle precedenti valutazioni, abbiamo una contraddizione con i risultati dei modelli climatologici nell’analisi dell’effetto serra della Terra, secondo cui l’aumento della temperatura globale differisce di cinque volte. [L]a grande differenza deriva dall’ignorare, nei modelli climatologici, la legge di Kirchhoff [50], secondo la quale i radiatori sono contemporaneamente gli assorbitori. In questo caso, prendiamo la variazione del flusso radiativo creato dalle molecole di CO2 come la variazione del flusso radiativo totale.

Notare le restrizioni della gamma di frequenza fino a 1200 cm−1 nei calcoli precedenti [1]; assumiamo quindi che l’atmosfera sia trasparente per frequenze maggiori e che l’emissione a frequenze maggiori sia determinata dalle nuvole. Tuttavia, secondo la banca dati HITRAN, le molecole d’acqua assorbono efficacemente nella gamma di frequenze più ampia. Le molecole [A]tmosferiche di CO2 non sono il principale radiatore dell’atmosfera. Da queste valutazioni, ne consegue che le molecole d’acqua nell’atmosfera possono essere responsabili del riscaldamento osservato della Terra.

Coe et al., 2021

Il database HITRAN degli spettri di assorbimento gassoso consente di determinare con precisione l’assorbimento della radiazione terrestre alla sua temperatura attuale di 288 K per ogni singolo costituente atmosferico e anche per l’assorbimento combinato dell’atmosfera nel suo insieme. Da questi dati si conclude che l’H2O è responsabile di 29,4 K del riscaldamento di 33 K, con CO2 che contribuisce a 3,3 K e CH4 e N2O combinati solo 0,3 K. La sensibilità climatica ai futuri aumenti della concentrazione di CO2 è calcolata in 0,50 K, inclusi gli effetti di feedback positivi di H2O, mentre le sensibilità climatiche a CH4 e N2O sono quasi non rilevabili rispettivamente a 0,06 K e 0,08 K. Questo risultato suggerisce fortemente che l’aumento dei livelli di CO2 non porterà a cambiamenti significativi nella temperatura terrestre e che gli aumenti di CH4 e N2O avranno un impatto molto poco distinguibile.

Stefani, 2021

Il documento mira a quantificare le influenze solari e antropogeniche sui cambiamenti climatici e a fare alcune previsioni provvisorie per i prossimi cento anni. Mediante la doppia regressione, valutiamo le combinazioni lineari del logaritmo della concentrazione di anidride carbonica e dell’indice geomagnetico aa come proxy dell’attività solare. Pertanto, riproduciamo la temperatura della superficie del mare (HadSST) dalla metà del 19° secolo con un valore R2 aggiustato di circa l’87 percento per una sensibilità climatica (di tipo TCR) nell’intervallo da 0,6 K fino a 1,6 K per il raddoppio di CO2. La soluzione della doppia regressione è piuttosto delicata: quando si includono i dati dell’ultimo decennio, il verificarsi simultaneo di un El Niño forte e di bassi valori di aa porta a una preponderanza di soluzioni con sensibilità climatiche relativamente elevate intorno a 1,6 K. Se questi dati successivi sono escluse, la regressione fornisce un peso significativamente maggiore dell’indice aa e, di conseguenza, una sensibilità climatica inferiore che scende a 0,6 K. La plausibilità di valori così bassi è discussa alla luce di recenti misurazioni sperimentali e satellitari. Sosteniamo che sarà necessario un ulteriore decennio di raccolta di dati per consentire una distinzione affidabile tra valori di sensibilità bassi e alti. Nella seconda parte, che si basa su idee recenti su una sincronizzazione planetaria quasi deterministica della dinamo solare. Anche per le più alte sensibilità climatiche, e un costante aumento lineare della CO2, si prevede solo un lieve aumento della temperatura aggiuntivo di circa 1 K fino alla fine del secolo, mentre per i valori più bassi un imminente calo della temperatura nel prossimo futuro, seguito da un è prevista una curva di temperatura piuttosto piatta.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità