image_pdfimage_print

Scritto dal Dr. Joel Glass – 15 luglio 2019

Siamo già entrati nella prima fase di una serie di minimo solare profondo: il Solar Cycle 25.

Persino la NASA, in prima linea da sempre nell’isteria del biossido di carbonio (CO2), ha emesso previsioni di un lungo periodo di bassa attività solare che ci mostrano che ci stiamo dirigendo oltre la scogliera e verso un raffreddamento.

Pubblicità

Il complesso dei media democratici e l’industria del riscaldamento globale stanno facendo tutto il possibile per nascondere quella sgradevole verità al pubblico, che il raffreddamento globale è in corso.

Forse sono troppo occupati a demonizzare questa sfortunata piccola molecola, la CO2. Accusata di tutto ciò che è di più malevole, ma che, al contrario, non fa altro che bene.

La relazione tra CO2, meteo e clima è pari a zero, ma dal momento che il movimento per il riscaldamento globale crede il contrario, perché non si concentra per un momento su cosa potrebbe accadere ai livelli di CO2 durante i prossimi minimi solari.

CO2 prodotta dall’attività umana

Rispetto a tutta la CO2 presente nell’atmosfera, la quantità presente a causa delle emissioni antropogeniche è minuscola … circa il 3% dei livelli di CO2 totali (che costituisce soltanto lo 0,04% dell’atmosfera).

Significa che anche se tutte le attività umane sul pianeta si fermassero, non ci sarebbe alcuna diminuzione significativa dei livelli di CO2 sulla Terra. Questo da solo smonta totalmente la teoria del riscaldamento globale a causa antropogenica, cioè dell’uomo.

Ma ancora una volta, diciamolo con umorismo e prendiamo il punto di vista dell’allarmista, che ridurre “l’impronta del carbonio” dell’attività antropogenica è una buona idea.

In questo caso, c’è una grande notizia per gli isterici del clima: durante un minimo solare, come si è visto durante la Piccola Era Glaciale (1300 – 1800), l’attività antropogenica che coinvolge la CO2 in qualche modo si arresterebbe, o almeno sarebbe sostanzialmente ridotta.

Le interruzioni dei sistemi idrici (sia artificiali che derivanti da precipitazioni), i trasporti, la produzione alimentare e la produzione di elettricità, la mancata consegna porterebbe a tutti gli obiettivi del movimento di riscaldamento globale che ridurranno efficacemente l’impronta di carbonio degli esseri umani. Molto meglio di quanto il Green New Deal possa mai sperare di ottenere.

L’aumento dei raggi cosmici dovuti al minimo solare aumenterà la formazione di tempeste, forti piogge, formazioni di nubi più basse, inondazioni e temperature più fredde.

Tutto questo peggiorerà la situazione per coloro che vivranno il prossimo profondo minimo solare, come lo vissero nel periodo del minimo di Maunder nel 1645 – 1715. Ciò renderà la situazione molto spiacevole nel prossimo futuro.

Per sapere ciò che la storia ha raccontato e di come una società collassa durante i periodi di minimo solare prolungati, basterebbe leggere il mio libro ICE AGE 2025.

Quindi, in un certo senso, il futuro appare luminoso per coloro che sperano in una riduzione delle attività umane che producono CO2.

Purtroppo, quella gioia sarà di breve durata. Non solo perché i periodi molto freddi durante i Grandi o Super-Grandi Minimi Solari sono molto spiacevoli, quindi ne faranno una scoperta spiacevole.

Come è accaduto spesso nella storia della Terra durante le glaciazioni attive (uno o più continenti sono coperti quasi interamente da neve e ghiaccio), ci saranno livelli elevati di CO2.

Sì, durante le brutali ere di ghiaccio arriva un clima eccezionalmente freddo, così come livelli molto elevati di CO2 nell’atmosfera.

Ad esempio, tra circa 400 e 500 milioni di anni fa, durante il Periodo Ordoviciano, la Terra si stava congelando … i ghiacciai si stavano formando ovunque e i livelli di CO2 erano superiori a 3.000 ppm, che è otto volte più alto di oggi a circa 415-420 ppm (0,04%).

È quindi un doppio smacco nel martellare la frode del riscaldamento globale. Innanzitutto, le temperature fredde raggiungeranno il loro obiettivo di ridurre le “impronte di carbonio” antropogenica.

Secondo, quando la Terra sarà assolutamente gelata, i livelli di CO2 saranno otto volte più alti di oggi. Significa che la loro teoria, che stabilisce che più CO2 significa un pianeta più caldo, è, per essere caritatevole, una scienza fraudolenta per alcuni e un pio desiderio per gli altri.

Terzo, è che il ritmo attuale del movimento del cambiamento climatico continua a battere su eventi meteorologici più estremi, ma non per le ragioni dettate dalle loro teorie.

Durante i prossimi cicli di minimi solari, gli eventi meteorologici estremi si intensificheranno e provocheranno il caos in gran parte dall’aumento delle radiazioni cosmiche galattiche. Questo non ha alcuna correlazione con la CO2.

Questa piccola molecola sfortunata è accusata di tutto, ma non fa altro che bene.

Dr. Joel Glass lavora nella progettazione di infrastrutture di consegna dell’acqua per condizioni di freddo estremo. Il suo nuovo libro, ICE AGE 2025, spiega come preparare il paese e le nostre famiglie per la prossima era glaciale.

Fonte: Climate Change Dispatch

Pubblicità