27 giugno 2017 - 7:00 am Pubblicato da

Di P. Gosselin – 25 giugno 2017

 

La buona notizia: Il ghiaccio antartico orientale è e rimane stabile

Del Dott. Sebastian Lüning e il Prof. Fritz Vahrenholt

Nel marzo del 2015 c’è stato un allarme climatico nel settimanale tedesco Focus:

Riscaldamento del clima
Gigantesco ghiacciaio antartico si scioglie – l’Olanda in caso di emergenza: l’aumento del livello del mare minaccia di
salire di 3 metri.

Fuori la costa antartica orientale, i ricercatori hanno trovato due valli subacquee. Queste permettono l’afflusso di acqua calda
dalle profondità del mare raggiungendo così il più grande ghiacciaio dell’Antartico orientale. Questo potrebbe spiegare la perdita di ghiaccio insolitamente rapida. Se il ghiacciaio crollasse, il livello del mare aumenterebbe drammaticamente”.

Potrebbe, avrebbe: Il discorso congiuntivo è re. Le cose si mettono davvero male per il ghiacciaio dell’Antartico Totten?
Abbiamo osservato questo aspetto prima nel nostro sito. Nel maggio del 2016 anche Rud Istvan ha commentato questo su Climate Etc. Su uno studio allarmante pubblicato su Nature da Aitken et al., 2016. egli conclude:

Le stime allarmanti di questa nuova carta di Nature, in particolare quelle rappresentate dai media, sono gravemente errate, sia per quanto riguarda la quantità che per il tasso di aumento del livello del mare che potrebbe essere associato alla fusione del ghiacciaio EIAS Totten. C’è un autore ingiustificato nei comunicati stampa e interviste dell’autore. Ci sono ipotesi di fondo che non sono mai state menzionate se non per riferimento a un documento di Rignot precedentemente confutato [qui]. Una rete intrisa di inganno, per parafrasare una famosa poesia”.

Forse non è una brutta idea non cercare di spiegare quello che accade in tutto il mondo utilizzando un singolo ghiacciaio. Proprio il mese scorso, il 5 maggio 2017, l’Università di Bristol ci ha ricordato che il ghiaccio antartico nella zona orientale negli ultimi dieci anni non si è ridotto. Naturalmente l’università lo ha affermato nel più politicamente modo corretto “non tanto in modo forte quanto precedentemente pensato”. Il comunicato stampa segue:

Una nuova ricerca mostra la crescita della lastra di ghiaccio antartico che è stato inferiore a quanto precedentemente suggerito. 
Gli scienziati hanno studiato per oltre un decennio che l’Ice Antarctic Sheet ha perso la massa e contribuisce all’aumento del livello del mare. Il suo vicino est è però dieci volte più grande e ha il potenziale per aumentare il livello del mare globale di circa 50 metri. Nonostante le sue enormi dimensioni e importanza, sono stati pubblicati risultati conflittuali sul recente comportamento della lastra di ghiaccio antartico orientale. Uno studio condotto da un gruppo di scienziati della NASA, pubblicato nel 2015, ha suggerito che questa parte dell’Antartide stava guadagnando molta massa tanto da compensare le perdite nella zona occidentale. Determinare ciò che la più grande lastra di ghiaccio sul pianeta risulta vitale per la nostra comprensione dei fattori che stanno influenzando il presente e il futuro aumento del livello del mare.

Per affrontare questa domanda, un gruppo di scienziati guidati dall’Università di Bristol e dall’Università di Wollongong, in Australia, hanno studiato il problema combinando diverse osservazioni satellitari all’interno di un modello statistico capace di separare i processi legati ai cambi di massa del ghiaccio continentale. Il professor Jonathan Bamber del Bristol Glaciology Center che fa parte della Scuola di Scienze Geografiche ha dichiarato: “Abbiamo utilizzato un set di dati simili al team di scienziati della NASA, ma abbiamo aggiunto atri dati via satellite da una missione chiamata Gravity Recovery and Experiment Climate (GRACE) per aiutare a risolvere il problema di guadagni e perdite di massa. “Abbiamo poi condotto diversi
esperimenti, utilizzando supposizioni simili fatte nello studio della NASA, ma abbiamo scoperto che in ogni esperimento, trova che la perdita di massa a ovest ha sempre guadagnato a est.” I ricercatori hanno concluso che nel periodo di studio 2003-2013, l’Antartide, nel complesso, ha contribuito all’aumento del livello del mare e che i guadagni nell’Est Antartide erano circa tre volte più piccoli di quelli suggeriti nello studio del 2015.

Nello studio: “Vincere l’equilibrio di massa dell’East Antartide” di A. Martin-Espanol, J. Bamber e A. Zammit-Mangion nelle lettere di ricerca geofisica. Riepilogo delle lingue semplici disponibili: www.globalmass.eu/constraining-the-mass-balance-of-east-antarctica/

Nuovi studi sull’Antartico Orientale sostengono ulteriormente l’andamento della presenza di più ghiaccio. Una squadra guidata da Morgane Philippe ha pubblicato un documento nel 2016 in The Cryospher e che ha esaminato la fascia costiera della Dronning Maud Land. Il risultato è già dato dal titolo: L’abstract:

L’evidenza ci mostra come il ghiaccio è risultato in aumento nel 20° secolo nell’equilibrio di massa superficiale nell’area costiera di Dronning Maud, Antartide orientale. I nuclei di ghiaccio forniscono record temporali dell’equilibrio di massa superficiale (SMB). Le zone costiere dell’Antartide hanno SMB relativamente elevati e variabili, ma sono sotto-rappresentate in record che vanno oltre i 100 anni. Qui presentiamo la ricostruzione di SMB da un nucleo di ghiaccio di 120 metri, forato nel 2012, sul Derwael Ice Rise, la Dronning Maud Land costiera, nell’est Antartide. L’isotopo stabile dell’acqua (δ18O and δD) è integrato da profili di ioni ionici discontinui e dalle misurazioni continue della conducibilità elettrica. La base del nucleo del ghiaccio è datato 1759 ± 16° C, fornendo un proxy di clima di ~ 250 anni passati. Lo storico dello spessore dello strato di base del nucleo è combinato con il suo profilo di densità gravimetrica per ricostruire la storia SMB del sito, corretto per l’influenza della deformazione del ghiaccio. La media SMB per l’intera storia del nucleo è 0.47 ± 0.02 m equivalente d’acqua (w.e.) a-1. La serie temporale di SMB annuale ricostruita mostra un’elevata variabilità, ma un aumento generale a partire dal XX secolo. Questo aumento è particolarmente marcato negli ultimi 50 anni (1962-2011), che ha una media di SMB di 0,61 ± 0,01 m di un -1. Questa tendenza è confrontata con altri dati SMB riportati in Antartide, mostrando generalmente
un’elevata variabilità spaziale. L’uscita del modello comunitario di sistema terrestre (CESM), che è pienamente accoppiato, suggerisce che, sebbene la circolazione atmosferica sia il fattore principale che influenza la SMB, la variabilità delle temperature superficiali del mare e la copertura del ghiaccio marino nella regione di origine delle precipitazioni spiegano anche una parte della variabilità in SMB. La ridistribuzione locale della neve può anche
influenzare la variabilità interannuale, ma è improbabile che influenzi significativamente le tendenze a lungo termine. Questo è il primo record di un nucleo di ghiaccio costiero nell’Est Antartico che mostra un aumento di SMB a partire dagli inizi del XX secolo e particolarmente marcato negli ultimi 50 anni.

Un documento di Vikram Goel et al., sottolinea ancora la stabilità del ghiaccio Dronning Maud Land. Il documento discusso alla fine di maggio 2017 in The Cryosphere:

Le impostazioni glaciologiche e il recente equilibrio di massa dell’isola di Blåskimen a Dronning Maud Land, Antartide sulla costa della Dronning Maud Land nell’East Antartide ha avuto numerosi aumenti di ghiaccio che molto probabilmente controllano la dinamica e l’equilibrio di massa di questa regione. Tuttavia, solo alcuni di questi ghiacci sono stati studiati in dettaglio. Qui riportiamo misure di campo dell’isola di Blåskimen, un’isola di ghiaccio dell’isola adiacente alla piana di ghiaccio del Fimbul. L’isola di Blåskimen è largamente a forma di cupola, con una cresta pronunciata che si estende a sud-ovest dalla sua cima (410 m slm). Il suo letto è piuttosto piatto e circa 100 m sotto il livello del mare attuale. Le isocene scoperte dai radar datate con un nucleo di firn rivelano che l’equilibrio di massa superficiale è più elevato sul versante sud-orientale rispetto al pendio nord-occidentale del ~ 37% e questo modello è persistito per almeno il decennio passato. La stratigrafia del radar mostra archi verso l’alto sotto la vetta, indicando che la posizione di vertice è stabile su almeno un tempo caratteristico di questo salto di ghiaccio (~ 600 anni). Le stime dell’equilibrio di massa usando il metodo di input-output mostrano che questo aumento di ghiaccio è stato addensato di 0,07- 0,35 m di ghiaccio all’anno equivalente durante l’ultimo decennio”.

Poi il 16 giugno 2017 un’altra carta di Pittard et al., apparve nelle Geophysical Research Letters. È andato lungo le stesse linee. Gli autori hanno previsto che il sistema glaciale Lambert-Amery nell’Antartico Orientale rimarrà stabile anche per i prossimi 500 anni e forse anche crescere in massa.

Il futuro cambiamento del livello del mare dal sistema glaciale dell’antarctica Lambert-Amery

Il cambiamento futuro medio del livello del mare (GMSL) dipende dalla complessa risposta della placca di ghiaccio antartico a cambiamenti e feedback reali nel sistema climatico. Il sistema glaciale della Lambert-Amery è stato osservato per essere stabile nel corso del recente periodo, ma è potenzialmente a rischio di ritiro rapido di messa a terra e scarico di ghiaccio dato che un significativo volume del suo ghiaccio è a terra sotto il livello del mare, rendendo incerto il suo futuro contributo a GMSL. Utilizzando un modello regionale di ghiaccio del sistema Lambert-Amery, scopriamo che sotto una serie di futuri scalatori e scenari estremi, la linea di terra simulata rimane stabile e non innesca una rapida perdita di massa dal ritiro della linea di terra. Ciò consente una maggiore accumulazione futura che supera la perdita di massa dai cambiamenti dinamici del ghiaccio. Suggeriamo che il sistema glaciale della Lambert-Amery rimanga stabile o guadagnerà massa di ghiaccio e attenuerà una parte del futuro aumento del livello del mare nei prossimi 500 anni, con un range di
equivalenza GMSL da +3,6 a -117,5 mm”.

Fonte: notrickszone

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(13 voti, media: 3,92 su 5)
Loading...