image_pdfimage_print

Di Philip Patrick – 5 Novembre 2022

Un enorme sondaggio internazionale che misura la preoccupazione pubblica per la minaccia del cambiamento climatico sembra indicare un crescente scetticismo in tutto il mondo.

Il sondaggio Gallup Risk, che ha intervistato 125.000 persone in 121 paesi, ha riferito che meno della metà degli intervistati vede il cambiamento climatico antropogenico come una minaccia molto seria. Ora c’è, a quanto pare, un consenso di scettici.

Pubblicità

I paesi più scettici nel sondaggio sono stati la Cina, dove solo il 20% considera il cambiamento climatico come un pericolo chiaro e presente, il Medio Oriente, il Nord Africa (27%) e il Sud-Est asiatico (39%). All’altra estremità dello spettro ci sono gli Stati Uniti, dove la “consapevolezza del cambiamento climatico” è cresciuta, anche se leggermente, dall’ultima volta che l’indagine è stata intrapresa.

Per vedere i risultati, clicca su questo link. Da lì, vai al Report 1: Un mondo cambiato. Percezioni ed esperienze di rischio nell’era Covid. Sarai quindi in grado di accedere ai risultati del sondaggio per ogni paese nel rapporto. Una delle domande a pagina 1 riguarda la percezione del rischio del cambiamento climatico.

I risultati sono stati raccolti per regione, rispetto al rapporto precedente, e sono riassunti in questo articolo.

Il risultato complessivo dell’indagine ha rappresentato un calo dell’1,5% nella fiducia nel cambiamento climatico come una minaccia molto seria. In un anno di titoli spesso isterici e di copertura satura di devastanti inondazioni, uragani e incendi – e almeno nel Regno Unito, bruciando spontaneamente case e siepi, tutti accusati direttamente degli esseri umani e dei loro malvagi modi di consumare combustibili fossili – questo è sicuramente un risultato significativo.

Ci sono anche segnali che la crescente messa in discussione pubblica della narrativa ortodossa potrebbe iniziare a influenzare i governi. Il sondaggio arriva poco dopo che il governo svedese ha dichiarato che stava demolendo il suo Ministero dell’Ambiente e gettando il suo peso sull’energia nucleare.

La Svezia non è sola: anche il Giappone si è innamorato del nucleare dopo una pausa decennale indotta dalla crisi del terremoto di Fukushima, così come anche la Germania in una certa misura. Nel Regno Unito, il governo dovrebbe concedere fino a 130 nuove licenze di petrolio e gas del Mare del Nord e, tramite Jacob Rees-Mogg, che è stato critico nei confronti dell’allarmismo climatico in passato, ha avviato una revisione dell’intero progetto Net Zero.

La causa più ovvia di tutto questo è la concentrazione delle menti e il riordino delle priorità precipitato dalla guerra in Ucraina e dalla conseguente crisi energetica. Con l’incombente possibilità di non essere in grado di riscaldare la casa o di cucinare, si evolve rapidamente un atteggiamento più interrogativo.

Anche la fede della solitamente implacabile super-élite verde è stata scossa. Greta Thunberg, nientemeno, ha preso le distanze dal più irriducibile dei suoi fan riconoscendo, in un’intervista a “say it ain’t so”, che nelle circostanze attuali l’energia nucleare potrebbe avere un posto nel futuro mix energetico della Germania.

Ma potrebbe esserci qualcosa di più di un semplice interesse personale in preda al panico? Le voci scettiche sul cambiamento climatico stanno crescendo in fiducia e si stanno organizzando da qualche tempo.

Nel settembre 2019, la Dichiarazione europea sul clima (ora Dichiarazione mondiale sul clima) è stata presentata per sfidare la narrativa apocalittica ortodossa. Ora ha 1.400 firme ed è guidato dal premio Nobel Ivar Giaever. E in Italia a gennaio, quattro importanti scienziati hanno prodotto un importante studio che ha concluso che la “crisi climatica” non era supportata da prove.

Potrebbe anche esserci una ricaduta dai postumi degli ultimi due anni e mezzo di allarmismo indotto dal Covid. Il crescente sospetto sul rapporto tra Big Government e Big Pharma – lo testimonia l’indagine ufficiale recentemente avviata sull’approvvigionamento di vaccini dell’UE – potrebbe rispecchiare un’inquietudine simile dei legami tra politici ed economia verde.

E il Professor Neil Ferguson potrebbe aver fatto un enorme favore agli scettici del clima screditando permanentemente l’uso di modelli basati su computer che informano la politica del governo, come esemplificato dal Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

Anche le verità scomode hanno fatto la loro parte nello stallo del colosso verde, causando grandi difficoltà ai suoi outrider mediatici. Persino la BBC, dichiaratamente ortodossa dal punto di vista climatico, ha dovuto ammettere, anche se alla fine di un lungo articolo, che il tentativo del governo dello Sri Lanka di vietare i fertilizzanti era stato la causa di una disastrosa crisi economica e alimentare.

Allo stesso modo, è stato difficile dare una svolta positiva al piano del governo olandese di espropriare le aziende agricole nel tentativo di ridurre le emissioni di azoto, che ha incontrato una forte resistenza.

Segni di crescente dissenso pubblico sono stati visti quando il Daily Climate Show di Sky è stato spostato dal suo slot di prima serata e ridotto da 30 minuti a soli dieci. Sky ha dovuto ammettere che, secondo la propria ricerca, due terzi degli inglesi non pensano che il cambiamento climatico li riguardi e un quarto non era disposto a cambiare una singola abitudine per “salvare il pianeta”.

Sulla BBC, l’intoccabile David Attenborough è stato criticato per aver esagerato con il catastrofismo e per le inesattezze fattuali di base nei suoi recenti documentari sulla fauna selvatica.

Un ultimo fattore è il semplice disgusto. Potremmo anche aver raggiunto un punto di svolta nella nostra tolleranza nei confronti degli attivisti climatici estremi. La morte di due donne coinvolte in una protesta di Just Stop Oil a Londra è stata tanto tragica quanto stancamente prevedibile. La pazienza pubblica per le buffonate infantili e pericolose di attivisti vistosamente privilegiati e posseduti ideologicamente potrebbe essersi esaurita.

Se una cosa buona viene fuori dagli ultimi due anni e mezzo, è un ritorno di sano scetticismo di fronte a un implacabile e monotono fuoco di sbarramento governativo/mediatico che spinge una narrazione e non tollera alcun dissenso. Questo sondaggio sembra mostrare la prova di una tale rinascita. Alcuni direbbero che non è prima del tempo.

Link : Conservative Woman

Pubblicità