image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 29 Marzo 2019

Il Sole nel mese di febbraio 2019

Di Frank Bosse e Fritz Vahrenholt 

Il sole è risultato molto al di sotto della norma nello scorso mese di febbraio. Anche se ci troviamo nel bel mezzo del minimo, il numero di macchie solari è risultato pari a 0.8, che per il 123 ° mese del ciclo è un dato molto basso. In 26 giorni del mese scorso non sono state rilevate macchie visibili, solo 2 sono stati i giorni con spots, distribuite simmetricamente su entrambi gli emisferi solari. L’unica domanda interessante in questo momento è: quando questo minimo solare sarà finito? E quando il ciclo solare 25 inizierà? Sebbene 6 spots del nuovo ciclo si sono manifestate a febbraio con una risoluzione significativamente più alta, le stime sono alquanto difficili. Anche in questo caso, il dominio è stato di alcune spots del “vecchio” SC24. La regola è: “i cicli più deboli durano più a lungo di quanto fanno i cicli più forti”.

Pubblicità
Fig. 1: L’attività delle spots mensili solari del ciclo solare (SC) 24 dall’inizio di dicembre 2008 (rosso) rispetto a un ciclo medio, calcolato dalla media aritmetica di tutti i cicli 1-23 (blu) precedentemente osservati sistematicamente e ciclo non dissimile al 5 iniziato a maggio 1798.

Il lungo minimo solare, da ottobre 2017 (ciclo mese 107 fig. 1) può essere visto molto bene, il SSN medio in questo periodo è risultato di solo 7,1. Segue il confronto tra i cicli:

Fig. 2: La forza dell’attività delle macchie solari di ciascun ciclo a confronto. I numeri nel diagramma si ottengono sommando le deviazioni mensili tra i valori osservati e il valore medio (blu in Fig.1) fino al mese 123 del ciclo corrente.

La figura 2 mostra che cinque cicli (n. 8, 15, 16, 18, 22) non hanno affatto avuto il mese 123. Invece è iniziato nell’attuale ciclo. A questo proposito, l’immagine è ora leggermente distorta verso la fine del ciclo.

Se diamo uno sguardo ai campi polari solari questi mostrano che il minimo può aver superato il picco, entrambi i valori emisferici mediati stanno diminuendo. La forza massima della media è attualmente 64, nell’ultimo minimo che abbiamo visto 55, nel minimo prima del SC 23 il valore era di 104.

Se facciamo una previsione in base ai campi polari, possiamo dire che il prossimo SC25 potrebbe risultare leggermente più forte del SC24, ma rimarrà al di sotto della linea zero (stando alla Fig.2 per un ciclo medio). Quindi il sole è probabile che resti molto debole per altri 12 anni. Gli operatori dei satelliti e della ISS saranno soddisfatti, l’atmosfera superiore si espande meno con meno attività solare e questo fa risparmiare sulle manovre orbitali mantenendone l’altezza degli oggetti.

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità