1

AGGIORNAMENTO INVERNO 2023

Bentrovati a questo articolo di aggiornamento sulle previsioni per l’inverno in corso. Iniziamo riscontrando ottime performances riguardo le tendenze stagionali emesse a fine novembre; dicembre che si è confermato molto mite seppur con un po’ più di pioggia, mitezza che è peggiorata durante le feste natalizie e si è protratta per tutta la prima decade del nuovo anno come da previsione.
Ora la rotazione del vortice polare ci porta un’ondulazione artico marittima (come previsto proprio per metà mese nelle stagionali) con ritorno a condizioni climatiche più consone al periodo, con precipitazioni abbondanti e ritorno della neve fino a basse quote.
Ultima settimana del mese che vedrà un rinforzo della pressione con temperature in aumento, seppur in modo più contenuto rispetto a dicembre, con frequenti gelate fino in pianura specie al nord.
Inverno che sarà poi ad un bivio: in corso un forte stratwarming, seppur molto lento e almeno per il momento incapace di generare una scissione del vortice polare in 2 lobi. Avremo 2 riscaldamenti importanti: il primo intorno al 25-26 gennaio, che porterà una rotazione ulteriore della struttura, con vorticità che andranno ad incentrarsi sul settore canadese e nord Atlantico.

Facile quindi attendersi una rimonta altopressoria nel corso della fine di gennaio, considerando anche gli indici favorevoli a ciò: Mjo in fase 2-3 (anticiclone abbastanza ingombrante), NAO e AO debolmente positivi fino ai primi di febbraio almeno.

Venti zonali in rallentamento tra fine mese ed inizio febbraio, ma ancora positivi e quindi circolazione zonale prevalente.

Da valutare gli effetti di un possibile secondo e più forte impulso di riscaldamento stratosferico che dovrebbe concretizzarsi la prima settimana di febbraio.

Se tale stratwarming andrà in porto, probabile tra fine febbraio ed inizio marzo un’ondata di freddo, forse gelo, piuttosto intensa; e condizionamento circolazione atmosferica per gran parte della primavera (fredda ed instabile). Situazione simile a quella del febbraio 2018. Ovviamente dovremo aggiornarci in questo, nulla di sicuro; tuttavia le chances sono buone, considerando anche il probabile intensificarsi di espulsioni di massa coronale nel corso di febbraio, statisticamente favorevoli a warming stratosferici efficaci e a ondulazioni della corrente a getto. In sintesi, febbraio si aprirebbe mite e uggioso nella prima parte; freddo intenso in arrivo l’ultima settimana.

A presto

Alessio