image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 21 Novembre 2019

L’incertezza osservativa, gli errori, i pregiudizi e le discrepanze di stima nelle radiazioni a onde lunghe possono essere 100 volte maggiori dell’intera influenza accumulata degli aumenti di CO2 nell’arco di 10 anni. Ciò esclude efficacemente una chiara rilevazione di una potenziale influenza umana sul clima.

L’ipotesi del riscaldamento globale antropogenico (AGW) si basa sul presupposto fondamentale che le perturbazioni nel bilancio energetico della Terra – guidate dai cambiamenti della radiazione a onde lunghe verso il basso dalla CO2 – sono ciò che causa i cambiamenti climatici.

Secondo uno dei documenti più frequentemente citati che avanzano la posizione secondo cui i cambiamenti della concentrazione di CO2 (e le perturbazioni delle radiazioni a onde lunghe verso il basso) determinano i cambiamenti della temperatura superficiale, Feldman et al. (2015) hanno concluso che vi era una modesta forzatura di 0,2 W/m² associata all’aumento di CO2 di 22 ppm per decennio.

Pubblicità

Ancora una volta, questa è un’influenza totale di CO2 di 0,2 W/m² su dieci anni .

Al contrario, le analisi di numerosi nuovi articoli indicano che i valori di incertezza e di errore nelle radiazioni a onde lunghe (e in uscita) in downwelling in ambienti senza nuvole sono più di 100 volte più grandi di 0,2 W/m².

In altre parole, è effettivamente impossibile discernere chiaramente un’influenza umana sul clima.

1. Kim and Lee, 2019 Gli errori di misurazione della radiazione a onde lunghe in uscita (OLR) raggiungono 11 W/m², oltre 50 volte più grandi della forzante di CO2 totale per 10 anni. Lo spessore ottico delle nuvole (COT) e il vapore acqueo hanno “il massimo effetto” sull’OLR, un’influenza di 2,7 W/m². La CO2 deve salire a 800 ppm per imputare un’influenza di 1 W/m².

Fonte immagine: Kim and Lee, 2019
2. Kato et al., 2018 Le radiazioni ad onde lunghe verso il basso (DLR) rispondono alla variabilità del vapore acqueo e delle nuvole. (La CO2 non è menzionata nella carta come un fattore che influenza il DLR.) La CO2 è aumentata di 20 ppm durante il periodo 2005-2014, ma il DLR totale è stato negativo (-0,2 W/m²) durante questo decennio, l’insinuante aumento della CO2 non ha avuto un clima di riscaldamento netto impatto. L’incertezza nel DLR è di 6 W/m² all’anno, mentre la forzante di CO2 è di soli 0,02 W/m² all’anno, 300 volte più piccola.
Fonte immagine: Kato et al., 2018

3. Wild et al., 2019 Osservazioni contro distorsioni/discrepanze del modello nella gamma di radiazioni a onde lunghe verso il basso tra 22 W/m² e 26 W/m², che è 120 volte maggiore dell’influenza totale della CO2 su 10 anni.

Fonte immagine: Wild et al., 2019

4. Stephens et al., 2019 “Ipotesi grossolane” devono essere fatte sulla fisica delle nuvole a causa della mancanza di osservazioni. Le fonti di errore nei modelli producono un’incertezza del ~ 80%. I modelli di processi delle nubi sono 3-5 volte discrepanti dalle osservazioni.

Fonte immagine: Stephens et al., 2019

5. Frank, 2019 “Un segnale AGW … non emergerà mai dal chiasso climatico”. La forzante delle nubi “l’errore è di ± 114 volte maggiore dell’incremento medio annuo del forcing dei gas serra [gas serra]”.”Un segnale di temperatura dalle emissioni antropogeniche di CO2 (se presenti) non può … essere evidenziato nelle osservazioni climatiche.”

Fonte immagine: Frank, 2019

Fonte: No Tricks Zone

Pubblicità