29 dicembre 2017 - 19:30 pm Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di Kenneth Richard – 14.12.2017

Il raffreddamento e non il riscaldamento, conduce a instabilità meteorologica e climatica.

Image Source: Loisel et al., 2017

 

1. Significativa tendenza decrescente in condizioni meteorologiche avverse dal 1961

Zhang et al., 2017

Sulla base di continue e coerenti segnalazioni meteorologiche di oltre 500 stazioni presidiate, per la prima volta questo studio mostra una significativa tendenza alla diminuzione di gravi eventi meteorologici in Cina negli ultimi cinquant’anni. Il numero totale di giorni di dannoso maltempo con temporali, grandine e/o vento diminuisce di circa il 50% dal 1961 al 2010. È inoltre dimostrato che la riduzione di gravi eventi meteorologici è fortemente correlato all’indebolimento del monsone estivo asiatico orientale che è la fonte primaria di umidità e forzante dinamica favorevoli
al maltempo stagionale durante la stagione calda in Cina.

2. Instabilità climatica più frequente durante il raffreddamento globale e periodi di ridotta CO2

Kawamura et al., 2017

Esperimenti numerici che utilizzano un modello di circolazione generale dell’oceano completamente accoppiata con acqua dolce nel Nord Atlantico settentrionale hanno mostrato che il clima diventa più instabile nelle condizioni glaciali intermedie associate a grandi cambiamenti nel ghiaccio marino e nella Circolazione di capovolgimento dell’Atlantico Meridionale. Gli esperimenti sulla sensibilità del modello suggeriscono che il prerequisito per l’instabilità climatica più frequente con pattern bipolare altalenante durante la tarda era del Pleistocene è associato a una riduzione della concentrazione di CO2 nell’atmosfera attraverso il raffreddamento globale e la formazione di ghiaccio marino nell’Atlantico settentrionale, oltre alle distese di ghiaccio dell’emisfero settentrionale.

3. L’attività degli uragani è ‘sottomessa’ durante i periodi caldi (1950-2000)

Heller, 2017

L’analisi degli uragani condotta da Burn e Palmer (2015) ha determinato che l’attività dell’uragano è stata attenuata durante l’anomalia climatica medievale [caldo] (MCA) (~ 900-1350 CE) ed è diventata maggiore durante la [fredda] Little Ice Age (LIA) (~ 1450-1850 CE), seguito da un periodo di variabilità avvenuta tra ~ 1850 e ~ 1900 prima di entrare in un altro stato sommesso durante il periodo industriale (~ 1950-2000 CE). In generale, i risultati di questo studio confermano questi risultati … [W] l’attività degli uragani è stata maggiore durante la LIA, ha anche avuto periodi più frequenti di siccità rispetto al MCA (Burn and Palmer 2014), suggerendo che le fluttuazioni climatiche erano più pronunciate nella LIA rispetto alla MCA. I cambiamenti nella distribuzione della diatomea e le fluttuazioni di chl-a registrate in questo studio a partire dal 1350 indicano anche che le variazioni climatiche sono diventate più distinte durante la LIA e dal 1850-1900 circa.

La variabilità climatica è aumentata dopo l’inizio della Little Ice Age (~ 1450-1850 CE), tuttavia è difficile distinguere gli impatti del recente riscaldamento antropogenico del clima sull’attività degli uragani da quelli dei regimi naturali del clima atlantico, come l’ENSO.

4. Il riscaldamento superficiale indebolisce l’attività del ciclone

Chen et al., 2017

I risultati indicano che l’attività ciclonica estiva di media latitudine in Asia orientale mostra cambiamenti decadali nel periodo 1979-2013 ed è significativamente indebolita dopo i primi anni ’90. … Inoltre, vi è uno stretto legame tra l’indebolimento dell’attività ciclonica dopo i primi anni ’90 e il riscaldamento superficiale non uniforme del continente euroasiatico. Il riscaldamento significativo a ovest della Mongolia tende a indebolire il gradiente di temperatura nord-sud e la baroclinicità atmosferica a sud e alla fine può portare all’indebolimento dell’attività dei cicloni di media
latitudine in Asia orientale.

5. Più variabilità idroclimatica durante i periodi freddi … I modelli dicono che il riscaldamento causa più instabilità, quindi il 21° secolo sarà come la piccola era glaciale, con più instabilità/Megadrought

Loisel et al., 2017

La nostra analisi ad anello sulla siccità del passato indica che la Piccola Era Glaciale (LIA) ha sperimentato un’alta variabilità idroclimatica interannuale, simile alle proiezioni per il 21° secolo. Ciò è in contrasto con l’Anomalia del clima medievale (MCA), che ha ridotto la variabilità e quindi può essere fuorviante come un analogo per il riscaldamento del 21° secolo, nonostante le sue condizioni calde (e aride). Data la non stazionarietà passata, e in particolare LIA irregolare, uno scenario climatico “caldo LIA” per il prossimo secolo che combina un’elevata variabilità delle
precipitazioni (simile alle condizioni LIA) con condizioni calde e secche (simile alle condizioni MCA) rappresenta una situazione plausibile che è supportato da recenti simulazioni climatiche. … Il nostro confronto tra analisi della siccità basata sugli anelli degli alberi e le registrazioni dall’Oceano Pacifico tropicale suggerisce che la variazione della variabilità in El Niño Southern Oscillation (ENSO) spiega gran parte delle differenze contrastanti tra le condizioni MCA e LIA nel sud-ovest americano. L’Anomalia del clima medievale (MCA, ~ 950-1400 CE) è spesso usata come un analogo per
l’idroclima del 21° secolo perché rappresenta un periodo caldo (e arido). L’MCA appare correlata al riscaldamento generale della superficie nell’emisfero settentrionale, alle condizioni prolungate de La Niña e ad una persistente modalità positiva di oscillazione del Nord Atlantico. È stato definito come un intervallo di tempo stabile con condizioni “tranquille” in termini di bassa perturbazione da forzante radiativa esterna. In questo studio, dimostriamo che la Piccola era glaciale (LIA, ~ 1400-1850 CE) potrebbe essere più rappresentativa della futura variabilità idroclimatica rispetto alle condizioni durante i megadroughts MCA per il sud-ovest americano, e quindi fornire uno scenario utile per lo sviluppo del futuro con strategie di mitigazione del rischio di alluvione e di gestione delle risorse idriche.

 

Fonte: NoTricksZone

Enzo
Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(11 voti, media: 4,91 su 5)
Loading...