13 ottobre 2018 - 7:00 am Pubblicato da
image_pdfimage_print

Di John Eidson 8 Ottobre 2018

Primo, un disclaimer: non sono uno scienziato del clima. In realtà, io non sono uno scienziato di alcun tipo. Ma ho una laurea in ingegneria elettronica, che menziono solo per sottolineare che sono almeno qualificato come il prossimo non-scienziato per formare opinioni razionali sulle richieste di riscaldamento globale.

Nell’ottenere la mia laurea, ho preso abbastanza lezioni di chimica, fisica e geologia per sviluppare un vivo apprezzamento per il metodo scientifico, il modo migliore mai escogitato per scoprire la verità dalla falsità e dall’inganno. Se si tiene conto del metodo scientifico, nessuna persona intelligente può non vedere che il costante tambureggiare di affermazioni selvagge e isteriche sul clima sono insulti alla ricerca della Verità.

Di seguito sono quattro i motivi per cui scommetterò sulla mia vita che il “cambiamento climatico” è la più grande bufala scientifica e politica della storia umana.

1. Frode scientifica dilagante

Le persone normali come me non capiscono la scienza del clima, ma possiamo individuare a un miglio di distanza quando si bara. Senza l’aiuto e la complicità dei media occidentali nel seppellire più casi indiscutibili di vera e propria frode scientifica, la teoria del riscaldamento globale provocata dall’uomo sarebbe stata spazzata via anni fa.

Uno dei casi più sfacciati di imperdonabile povertà scientifica è documentato da prove fotografiche raccolte durante un’indagine di tre mesi da un meteorologo veterano. Come riportato dal Dr. David Evans, la National Oceanic & Atmospheric Administration (NOAA) ha collocato centinaia di termometri in luoghi completamente inadatti per la raccolta di temperature naturali:

  • Adiacenti a motori caldi dei veicoli parcheggiati
  • Su tetti coperti con sotto l’asfalto
  • Vicino a prese d’aria calda di condizionatori d’aria
  • Negli aeroporti adiacenti agli asfalti che trattengono il calore e parcheggi pavimentati
  • Accanto a formazioni rocciose che conservano il calore ed edifici in mattoni

Il riscaldamento globale è misurato in decimi di grado, quindi ogni spinta artificiale verso l’alto crea un’immagine ingannevole delle temperature effettive. Per evitare letture artificialmente elevate, gli standard ufficiali di localizzazione del sito della NOAA richiedono che i termometri siano posizionati ad almeno 100 piedi da qualsiasi superficie pavimentata o in calcestruzzo e in un’area aperta con copertura naturale. Quegli standard erano chiaramente sovvertiti e ogni elettore dovrebbe chiedere e saperne il perché.

Nessun sostenitore della teoria del riscaldamento globale provocata dall’uomo tende a minimizzare ciò che accade se non ignorarle completamente, con i media occidentali che supportano la frode scientifica.

2. L’ingannare Mr. & Mrs. John Q. Pubblico

Come riporta Forbes, la seguente dichiarazione incustodita è stata fatta da uno dei più rumorosi suonatori di batteria del settore della crisi climatica, il defunto Dr. Steven Schneider, autore principale di numerosi rapporti sul clima U.N. ed ex professore di climatologia alla Stanford:

Abbiamo bisogno di un ampio supporto per catturare l’immaginazione del pubblico, dobbiamo offrire scenari spaventosi, fare affermazioni drammatiche semplificate e menzionare solo alcuni dubbi. Ognuno di noi deve decidere quale sia il giusto equilibrio tra l’essere efficace e l’essere onesti.

In altre parole, uno dei più sinceri licenziosi della lobby della crisi climatica ha detto ai suoi colleghi che non solo devono nascondere le prove che gettano dubbi sulla teoria del riscaldamento globale, ma anche sviluppare le loro ricerche in modi disonesti progettati per creare terrore nella mente di un pubblico fiducioso. Non ci vuole uno scienziato missilistico per vedere che la disonestà e l’occultamento delle opinioni contrarie non hanno alcun posto nella scienza legittima.

3. Una lunga scia di previsioni estremamente imprecise

Come riportato da Fox News, un rapporto del 2015 pubblicato sulla rivista Nature Climate Change ha confrontato 117 proiezioni di modelli al computer durante gli anni ’90 con la quantità di riscaldamento effettivo verificatosi. Dei 117, solo tre erano approssimativamente accurati, mentre 114 hanno sovrastimato il riscaldamento registrato. (I risultati errati suggeriscono che coloro che eseguono le previsioni con modelli potrebbero essere stati colpevoli di utilizzare una tecnica non scientifica conosciuta come immondizia, spazzatura.) In media, i modelli informatici prevedevano il doppio del riscaldamento rispetto a quanto effettivamente accaduto.

Le previsioni selvaggiamente inesatte riportate da Nature Climate Change non sono rimaste sole. In una terrificante previsione dell’11 maggio 1982 barrata sui media occidentali, Mostafa Tolba, direttore esecutivo del Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) ha decretato che un “punto di svolta” ambientale si stava chiudendo: “La Terra affronta il disastro ambientale come una guerra nucleare entro la fine di questo secolo a meno che i governi non agiscano subito”. Quella valutazione agghiacciante fu appoggiata sette anni dopo, nel luglio 1989, da un altro alto funzionario del clima delle Nazioni Unite, Noel Brown, che avvertì: “Intere nazioni potrebbero essere spazzate via dalla faccia della terra innalzando il livello del mare se il riscaldamento globale non verrà invertito entro il 2000.” Quando quel punto che doveva dare una svolta arrivò, se ne andò quasi 19 anni fa, altri furono inventati, incluso uno dello scienziato della NASA Dr. James Hanson, che dichiarò nel gennaio 2009: “Il presidente Obama ha solo quattro anni per salvare la Terra”. Nel frattempo un frenetico punto di svolta uno dopo l’altro cadono lungo la strada, ne viene inventato uno nuovo, ognuno dei quali viene riportato senza fiato dai complici media occidentali.

4. Occultamento intenzionale di periodi sconvenienti nella storia del clima

Nel servire da volenterosi propagandisti per l’industria della crisi climatica, i media occidentali descrivono ogni evento meteorologico grave come il “peggiore di sempre”, che stanno facendo ora per quanto riguarda la siccità negli Stati Uniti sudoccidentali e le inondazioni causate dall’uragano Florence. Ciò che gli allarmisti cercano di nascondere agli elettori a tutti i costi sono i periodi inopportuni della storia del clima della Terra, come queste descritte sotto:

  • Le antiche mega-siccità erano infinitamente peggiori che in qualsiasi periodo che attualmente le persone vivono in questi tempi. Esempio: Intorno all’anno 850 d.C., una mega siccità in quello che ora è il deserto sud-ovest durò 240 sconcertanti anni, e quel catastrofico evento climatico fu preceduto mezzo secolo prima da un’altra mega-siccità durata 180 anni. In assenza di quel tipo di informazioni, non c’è da stupirsi che così tanti americani, per il resto intelligenti, siano stati convinti che la siccità attuale sia la “peggiore di sempre”.
  • Il Grande Uragano del 1780 uccise 20.000 persone nei Caraibi. L’8 settembre 1900 un uragano Cat-4 ha cancellato l’isola di Galveston, in Texas, uccidendo circa 10.000 residenti. Nel 1927, settimane di forti piogge lungo il fiume Mississippi causarono inondazioni che coprirono 27.000 miglia quadrate, lasciando intere città e terreni agricoli circostanti sommersi fino a una profondità di 30 piedi e spostando 640.000 persone, dalla Louisiana all’Illinois. L’alluvione del fiume Yangtze del 1931, uno dei più letali singoli eventi della storia umana, è stata responsabile di un bilancio delle vittime stimato in 3,7 milioni.

L’uragano Florence e le inondazioni che ha causato sono state indiscutibilmente devastanti. Ma le peggiori di sempre? Decidi tu.

Non sentirai alcuna notizia sui disastri ecologici del passato nel dibattito sul riscaldamento globale. L’industria della crisi climatica nasconde parti sconvenienti della storia del clima della Terra che minano le sue affermazioni “peggiori di sempre”.

In conclusione: abbiamo elencato sopra quattro motivi – ne ho molti di più – perché scommetto sulla mia vita che il “cambiamento climatico” è una bufala a tutto campo.

John Eidson si è laureato nel 1968 in ingegneria elettronica alla Georgia Tech; un conservatore per tutta la vita; e il padre di due figli rispettosi della legge e autosufficienti.

Fonte: American Thinker

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(19 voti, media: 4,84 su 5)
Loading...