image_pdfimage_print

Come riportato ieri, la maggior parte delle nazioni europee ha rabbrividito durante il più freddo aprile degli ultimi decenni, in più di un secolo per alcuni – e ora guardando gli ultimi modelli di fascia media, si prevede più o meno lo stesso per maggio.

La bassa attività solare prolunga l’inverno, raffredda il pianeta (tramite un flusso di corrente a getto meridionale, un afflusso di raggi cosmici ed eruzioni vulcaniche, tra molte altre forzature: vedere i collegamenti in fondo alla pagina) – questo sta ritardando la semina e rendendo la vita a tutto tondo miserabile per i coltivatori in vaste porzioni dell’emisfero settentrionale.

Pubblicità

L’anno 2021, almeno nella mia mente, diventerà “L’anno senza primavera”, perché mentre ci avviciniamo alla seconda settimana di maggio, l’ultima corsa GFS non mostra segni di riscaldamento in Europa (né in America per questo motivo). E anche se qua e là ci saranno delle strane sacche di calore anomalo, sono fin troppo fugaci.

Questa è una situazione grave per gli agricoltori di tutto l’emisfero, agricoltori che sono già stati colpiti da piantagioni ritardate e germinazione lenta dopo l’aprile storicamente freddo appena trascorso.

Di seguito sono riportate le previsioni di anomalia di temperatura GFS 2m dal 4 maggio al 7 maggio:

4 Maggio

5 Maggio

6 Maggio

7 Maggio

Come puoi vedere, ci sono segni limitati di riscaldamento.

Peggio ancora, i modelli vedono poi un’intensificazione del freddo a partire dal 10 maggio, che entro il 13 maggio avrà battuto le nazioni centrali e occidentali con anomalie di temperatura fino a 20 ° C al di sotto della norma stagionale. Non è escluso che paesi come la Francia, il quinto produttore di cereali del pianeta, registrino gelate record di metà maggio:

13 Maggio

14 Maggio

Forse ancora più sorprendente, è prevista una forte nevicata di maggio nei prossimi giorni per nazioni come il Regno Unito!

Anche la Germania, la Francia e la Spagna sono pronte per le folate di metà “primavera”.

Mentre la Scandinavia e le Alpi sembrano destinate a qualcosa di simile a una sepoltura:

GFS Total Snowfall (cm) May 4 to May 14 [tropicaltidbits.com].

Il tempo è sempre stato volubile; ma ora, la previsione dei modelli sta diventando sempre più difficile poiché la bassa attività solare continua a riportare le correnti a getto dal loro usuale flusso ‘zonale’ a più debole e ondulato ‘meridionale’:

https://electroverse.net/recap-the-changing-jet-stream-and-global-cooling/

Ci sarà un riscaldamento a un certo punto. Perché così facile come lo è per questo ondulato fenomeno corrente a getto a trascinare aria fredda verso il basso dal Mar Artico, può altrettanto facilmente tirare aria calda fino dall’Africa (nel caso dell’Europa); tuttavia, quando finalmente il turno arriverà, sarà probabilmente troppo tardi per molti dei raccolti, e quindi a sua volta, il caldo anomalo porterà la sua serie di problemi (non ultimo l’incessante belare EOTW da parte dei sostenitori dell’AGW) .

Il raffreddamento globale si sta affermando saldamente, grazie ai meccanismi naturali collegati di seguito. Ora guardiamo quei politici assetati di potere e gli scienziati pop agitarsi mentre le osservazioni del mondo reale fanno esplodere la loro narrativa di controllo.

https://electroverse.net/global-temperatures-sink-further-in-april/

I TEMPI FREDDI stanno tornando, le latitudini medie si stanno REFREEZING , in linea con  la grande congiunzione , l’attività solare storicamente bassa , i  raggi cosmici nucleari delle nuvole e un  flusso di corrente a getto meridionale (tra le altre forzature).

Sia il NOAA che la NASA sembrano concordare,  se si legge tra le righe , con NOAA che afferma che stiamo entrando in un  grande minimo solare ‘in piena regola’  alla fine del 2020, e la NASA vede questo prossimo ciclo solare  (25)  come ” il più debole degli ultimi 200 anni “, con l’agenzia che mette in correlazione i precedenti spegnimenti solari a periodi prolungati di raffreddamento globale  qui .

Inoltre, non possiamo ignorare la sfilza di nuovi articoli scientifici che affermano l’immenso impatto che  il Beaufort Gyre  potrebbe avere sulla Corrente del Golfo, e quindi sul clima in generale.

 

Pubblicità