image_pdfimage_print

Di JAIME JESSOP – 28 Dicembre 2019

Negli ultimi giorni del 2019, c’è molto da riflettere sugli eventi dell’anno passato e, con la chiusura della seconda decade del 21 ° secolo, molto da riflettere su come l’allarmismo dei cambiamenti climatici si sia trasformato in modo allarmante in qualcosa di molto più pericoloso, viscerale, urgente, guidato ideologicamente e immediato per quanto riguarda la percezione pubblica e l’impatto sociale. Un decennio durante il quale il riscaldamento globale è svanito nell’oscurità (a causa del fatto che non c’è stato dal 1998 al 2013) per essere sostituito quasi universalmente dal termine più politicamente corretto di “cambiamento climatico”, che ora è stato ampiamente spostato nei circoli attivisti e nei media con i termini “emergenza climatica” e “crisi climatica”. Ironia della sorte, perché, privi di una vera crisi climatica, scienziati e attivisti allarmisti hanno proceduto a inventarne uno, linguisticamente, come nel caso della guida di stile recentemente introdotta dal Guardian e cooptando eventi meteorologici estremi e il loro impatto nella narrazione generale.

In assenza anche di un aumento della temperatura globale osservabile in modo catastrofico nel corso del 21 ° secolo (che neppure evocazioni di “interruzione” dei dati di temperatura potrebbero evocare), gli allarmisti si sono rivolti a inventare imminenti catastrofi future attraverso l’invocazione di ribaltamenti di punti altamente speculativi”che presumibilmente saranno” innescati “a soglie di riscaldamento globale immaginarie e interamente ad hoc (1,5 °C, 2 °C, 3 °C ecc. rispetto alla linea di base preindustriale). Hanno anche utilizzato sempre più l’irrealistico scenario RCP8.5 “irrealizzabile” per potenziare le loro proiezioni sul riscaldamento globale al fine di produrre narrazioni allarmistiche sul clima nei media, una strategia che solo negli ultimi due mesi ha iniziato a essere messa seriamente in discussione. Roger Pielke Jr è stato recentemente attivo e all’avanguardia nel movimento esponendo l’abuso di questo scenario da incubo irrealistico come “affari come al solito”:

Pubblicità

Il decennio è iniziato con la comunità scientifica del clima che cercava disperatamente di recuperare qualche briciolo di credibilità dalle ricadute di climategate. Nell’evento, non sono mai riusciti: hanno semplicemente aerografato le verruche e prodotto falsi esoneri dall’aspetto ufficiale del loro spaventoso comportamento, confinando con la frode scientifica in alcuni casi. Fatto ciò, continuarono a prescindere – si potrebbe dire “affari come al solito”. Con la debacle RCP8.5, che ora dovrebbe essere trasferita (con interesse) nei “nuovi, migliorati” accoppiamenti fantasy SSP/CMIP6, si può vedere che nulla è cambiato. Le cattive pratiche e la scienza malvagia sono ancora ricompensate con sontuose sovvenzioni se il messaggio rimane fermo al: “È tempo di andare nel panico!”

Judith Curry ha scritto un eccellente articolo che respingono il tentativo tiepido di Wallace-Wells, tra gli altri, di reprimere l’hype allarmista alla luce delle critiche RCP8.5, pur mantenendo le proiezioni “spaventose” necessarie sul futuro riscaldamento.

Il riscaldamento a 1,0 °C per il resto del 21 ° secolo sembra piuttosto favorevole. Ma se aggiungi il riscaldamento ~ 1,0 °C dal 1890, allora siamo a 2 °C – “pericoloso”

2 °C, e quindi 1,5 °C, sono i valori propagandati dal cambiamento climatico “pericoloso”. Qualche contesto su “pericoloso” e alcune diverse prospettive in questi post precedenti del blog:

In parole povere, in termini di “pericoloso” stiamo osservando eventi meteorologici estremi, innalzamento del livello del mare ed estinzione delle specie. Ho scritto numerosi post su tutto quanto sopra, che non ripeterò qui, oltre a farvi riferimento al recente rapporto speciale dell’IPCC su oceani, criosfera e clima, poiché l’innalzamento del livello del mare è una questione che è molto direttamente e monotonicamente collegata al riscaldamento. La loro principale conclusione sull’innalzamento del livello del mare:

“Le proiezioni della SLR media globale in RCP2.6 danno luogo a 0,42 m (0,28-0,57 m; intervallo probabile) nel 2.100. Le proiezioni della SLR media globale in RCP4,5 risultano in 0,55 m (0,39-0,71 m, intervallo probabile) in 2.100. Le proiezioni della SLR media globale in RCP8.5 si traducono in 0,97 m (0,55–1,40 m) in 2.100.”

Il problema di 2 °C come “pericoloso” è legato alle preoccupazioni relative ai punti di ribaltamento e alla massiccia fusione di calotte glaciali osservate nei precedenti interglaciali a temperature comparabili.

Con l’aumentare del terzo decennio del XXI secolo e il sorgere di un Sole Freddo senza macchie, vedremo un uso ancora maggiore di scenari di emissioni spaventose associati a modelli climatici con sensibilità ridicolmente elevate alla CO2 per giustificare “scientificamente” l’urgenza di cambiamento climatico. Vedremo molto più parlare di “punti di non ritorno” – anche a mezzo grado di riscaldamento in più rispetto al presente – e saremo arricchiti da continui racconti spaventosi sul clima estremo che saranno formalmente atti al riscaldamento globale usando persino modelli CMIP6 ancora più irrealistici. Spesso, tuttavia, non si preoccuperanno nemmeno dell’attribuzione formale; andranno direttamente sui social media per dichiarare che tale o tale evento (in questo caso, l’attuale ondata di caldo australiano) è quasi impossibile immaginare che accada in un mondo non influenzato dai demoniaci cambiamenti climatici causati dall’uomo:

La stima di Judith sul riscaldamento del 21 ° secolo dalla linea di base 2000-2014 è di un grado, spiegando il probabile raffreddamento dalla variabilità naturale più una forzante più moderata di GHG usando le stime più basse – e alcune più credibili – di Nicre basate su osservazioni di TCRE (transitoria ed efficace risposta climatica). È stata fortemente criticata per aver suggerito che gli impatti di tale riscaldamento erano piccoli rispetto alle proiezioni RCP8.5 ad alto impatto:

Indipendentemente dal modo in cui lo tagli, un ulteriore livello di riscaldamento globale rispetto alla linea di base 2000-2014 non sarà “catastrofico” nel 2100 e gli impatti previsti saranno per lo più gestibili. La mitigazione diventerà necessaria, ma non “urgente”, quest’ultima richiede l’imposizione immediata del comunismo globale attraverso la “tecnologia” medievale rovinabile e l’adozione di stili di vita di tipo medievale corrispondentemente austeri. Naturalmente, gli zeloti continueranno a sostenere che anche in uno scenario di riscaldamento “irrealisticamente ottimistico”, le onde di calore continueranno a devastare il paesaggio una volta all’anno, le tempeste assassine devasteranno intere regioni, le colture falliranno, le foreste bruceranno, i ghiacciai passeranno in un crollo irreversibile e i coralli diventeranno “funzionalmente estinti” (come i koala). Tuttavia, la prova concreta per queste cose che accadono è praticamente inesistente. Quindi, 3 °C (un ulteriore 2 °C di riscaldamento globale da ora in poi) diventerà molto probabilmente lo scenario di base “conservativo” e i rischi di impatti meteorologici estremi, estinzioni globali, punti di ribaltamento ecc. ecc. Tra adesso e il 2.100 in tale scenario saranno giocati fino in fondo, così come il rischio di un riscaldamento globale ancora più estremo.

Fonte: Climate Scepticism

Pubblicità