13 giugno 2017 - 20:00 pm Pubblicato da

Questa sera vi presentiamo altri 17 nuovi studi scientifici pubblicati ancora in questo 2017, in cui si descrivono anche nei piccoli particolari come la CO2 non ha alcuna influenza sui cambiamenti climatici.

Studi che risulteranno come un autentico pugno nello stomaco agli assidui e convinti come causa primaria del CAGW.

Buona lettura

 

By Kenneth Richard on 8. June 2017

 

“L’assorbimento della luce solare che incide sull’atmosferica e la sua capacità di assorbimento delle radiazioni termiche non possono avere influenze antropiche”. – Allmendinger, 2017

“Il riscaldamento globale può essere spiegato senza ricorrere alla teoria dell’effetto serra. L’irraggiamento solare costituisce il solo contributo che porta ai cambiamenti climatici tramite il trasferimento energetico del sistema “. – Blaauw, 2017

“La radiazione LW non è una guida globale di riscaldamento delle superfici come ipotizzato per oltre 100 anni, ma un prodotto della temperatura dell’aria vicino a quella controllata dal riscaldamento solare e dalla pressione atmosferica”. -Nikolov e Zeller, 2017


Allmendinger, 2017

La reiezione della teoria del clima sull’effetto serra

“L’errore cardinale nella solita teoria dell’effetto serra consiste nell’ipotesi che le misurazioni IR fotometriche o spettroscopiche consentano di concludere il comportamento termico dei gas, cioè dell’atmosfera. Essi fanno risalire a John Tyndall che ha sviluppato un metodo così fotometrico già nel XIX secolo. Tuttavia, i metodi di misurazione termica diretta non sono mai stati applicati finora. Oltre a questo, vengono rilevati almeno venti errori cruciali che suggeriscono l’abbandono della teoria nel suo complesso. Nonostante le sue ovvie carenze, questa teoria è stata finora un ostacolo a promuovere precauzioni per mitigare il cambiamento climatico. Essi consisterebbero in un generale schiarimento della superficie terrestre e in altre misure relative a questo. Tuttavia, i nuovi effetti riscontrati dall’autore, in particolare l’assorbimento della luce solare incidente nell’atmosfera e la sua capacità di assorbimento delle radiazioni termiche, non possono avere influenze antropiche”.


Blaauw, 2017

“Questo documento dimostra che il riscaldamento globale può essere spiegato senza ricorrere alla teoria dell’effetto serra. Questa spiegazione si basa su un semplice modello del sistema climatico della Terra costituito da tre strati: la superficie, uno strato atmosferico superiore e uno inferiore. La distinzione tra gli strati atmosferici si basa sull’ipotesi che il calore latente dalla superficie sia liberato solo nello strato atmosferico inferiore. L’irradiazione alternativa solare costituisce l’unico input che guida le modifiche dei trasferimenti di energia del sistema. Tutte le variazioni negli scambi di energia possono essere espresse in termini di variazioni di temperatura degli strati mediante una matrice di trasferimento di energia. Si scopre che il trasferimento di calore latente in funzione delle temperature della superficie e dello strato inferiore rende questa matrice prossima al singolare. La prossimità singolare rivela una notevole reazione negativa nel modello che può essere identificato come il «Klimaversta¨rker» presunto da Vahrenholt e Lu¨ning. Con una scelta appropriata ma realistica dei parametri che appaiono nella matrice di trasferimento di energia e delle capacità di calore effettive degli strati, il modello riproduce il riscaldamento globale: l’andamento calcolato della temperatura superficiale è ben concordato con i dati osservati del 1750 AD a 2000 AD. “


Nikolov and Zeller, 2017

“La nostra analisi ha rivelato che i GMATs [global mean annual temperatures] di pianeti rocciosi con atmosfere tangibili e un trascurabile riscaldamento geotermico delle superfici possono essere previsti ​​con precisione in un’ampia gamma di condizioni utilizzando solo due variabili di forzanti: irraggiamento solare top-of-the-atmosphere, pressione complessiva della superficie atmosferica. La relazione scoperta di pressione-temperatura interplanetaria è dimostrata statisticamente robusta mentre descrive un fisico continuo senza punti di inversione climatica. Questo continuum spiega in modo completo l’effetto termico di recente 90 K dell’atmosfera terrestre. Il nuovo modello mostra le caratteristiche di una relazione termodinamica macro-livello emergente finora ignota della scienza che ha importanti implicazioni teoriche. Un elemento fondamentale del modello è che l’effetto serra atmosferico attualmente considerato come un fenomeno radiante è in realtà un miglioramento termico adiabatico (pressione-indotto) analogamente al riscaldamento compresso e indipendente dalla composizione atmosferica. Di conseguenza, il flusso a onde lunghe globali a basso flusso attualmente supposto per guidare il riscaldamento della superficie della Terra sembra essere un prodotto della temperatura dell’aria impostata dal riscaldamento solare e dalla pressione atmosferica. In altre parole, la cosiddetta “radiazione posteriore della serra” è globalmente un risultato dell’effetto termico atmosferico piuttosto che una causa. La radiazione LW che scompone non è una guida globale del riscaldamento delle superfici come ipotizzato per oltre 100 anni, ma piuttosto un prodotto della temperatura dell’aria vicino a quella controllata dal riscaldamento solare e dalla pressione atmosferica … L’ipotesi che un’atmosfera liberamente convettiva possa mantenere (intrappolare) il calore radiante dovuto alla sua opacità è rimasta indiscussa fin dalla sua introduzione nei primi anni del 1800 anche se si basava su una congettura teorica che non è mai stata provata sperimentalmente.


Huang et al., 2017

“Vari studi scientifici hanno ricercato il nesso causale tra l’attività solare (SS) e la temperatura della terra (GT). I risultati corrispondenti del CCM [Convergent Cross Mapping] mostrano un crescente significato dell’effetto causale da SS [attività solare] a GT [temperatura globale] dal 1880 agli ultimi anni, che forniscono solide evidenze che possono contribuire a spiegare la crescente tendenza globale al riscaldamento degli ultimi decenni. … La connessione tra attività solare e riscaldamento globale è stata ben consolidata nella letteratura scientifica. Ad esempio, vedere i riferimenti [1-10]. … Tra le quali l’estrazione della tendenza SSA [Singular Spectrum Analysis] è identificata come il metodo più affidabile per la pre elaborazione dei dati, mentre il CCM [Convergent Cross Mapping] mostra prestazioni eccezionali tra tutti i test di causalità adottati. Gli effetti causali emergenti da SS [attività solare] a GT [temperature globali], in particolare per i decenni recenti, sono state dimostrate in maniera esuberante, che riflette la migliore comprensione della tendenza del riscaldamento globale”.


Viterito, 2017

“La correlazione dell’attività sismica e il recente riscaldamento globale (CSARGW) hanno dimostrato che l’aumento dell’attività sismica nelle alte aree del flusso geotermico del globo (HGFA) è fortemente correlato con le temperature globali (r = 0.785) dal 1979-2015. Il meccanismo che guida questa correlazione è ampiamente documentato e ben compreso dagli oceanografi e dai sismologi. Vale a dire, l’aumento dell’attività sismica nell’HGFA (cioè le zone di diffusione del medio-oceano) serve come indicatore proxy di un flusso geotermico superiore in queste regioni. L’HGFA comprende la Ridge Mid-Atlantic, la Rise Orientale del Pacifico, il Cile dell’Ovest, i Ridg dell’Oceano Indiano e le Ride dell’Antartico/Oceano Meridionale. Questo riscaldamento supplementare a metà dell’oceano provoca un’accelerazione del ribaltamento oceanico e della convezione termobarica, con conseguente maggiore temperatura dell’oceano e maggiore trasporto del calore nell’Artico. Questo si manifesta come un’anomalia conosciuta come “l’ampliamento artico”, dove l’Arctic si riscalda in misura molto maggiore rispetto al resto del globo. Applicando la stessa metodologia utilizzata in CSARGW, un’analisi aggiornata entro il 2016 aggiunge nuove conoscenze di questa importante relazione, rafforzando il sostegno per le conclusioni di tale studio. La correlazione tra la frequenza sismica del HGFA e le temperature globali è aumentata con l’aggiunta dei dati del 2016: la correlazione riveduta ora legge 0.814, a partire da 0.785 per l’analisi fino al 2015. Ciò produce un coefficiente di determinazione di .662, indicando che HGFA Zona geotermica del flusso] la sismicità rappresenta circa i due terzi della variazione delle temperature globali dal 1979.”-


Hertzberg et al., 2017

“Questo studio esamina il concetto di “gas a effetto serra” e varie definizioni del fenomeno noto come “Atmosferico radiativo a effetto serra”. Le sei descrizioni più citate sono le seguenti: (a) radiazioni intrappolate tra la superficie terrestre e la sua atmosfera; B) la coperta isolante dell’atmosfera che mantiene la Terra calda; (C) radiazioni riflesse dall’atmosfera alla superficie terrestre; D) gas di assorbimento ad infrarosso che ostacolano il raffreddamento radiativo e mantengono la superficie più calda di quanto sarebbe altrimenti denominato «altrimenti radiazioni»; E) le differenze tra le effettive temperature superficiali della Terra (come osservate anche su Venere) e quelle basate sui calcoli; F) qualsiasi gas che assorbe le radiazioni infrarosse emesse dalla superficie terrestre verso lo spazio libero. È dimostrato che nessuna delle descrizioni sopra descritte può sopportare i rigori del controllo scientifico quando le leggi fondamentali della fisica e della termodinamica si applicano a loro.”


Song, Wang & Tang, 2016diminuisce 

Un Hiatus dell’effetto serra

 

“Nell’ultimo sotto periodo [2003-2014], l’anomalia media globale SULR [superficie di irraggiamento a onde lunghe/effetto serra] continua ad essere con un trendless di (0,02 W m-2 yr-1) perché le Ts [temperature globali] smettono di aumentare. Nel frattempo, anche il cambiamento a lungo termine dell’anomalia globale OLR (-0,01 W m-2 yr-1) non è statisticamente significativo. Quindi, questi due fenomeni provocano un effetto trendless Gaa [effetto serra atmosferico]. … [A] mentre diminuisce notevolmente la tendenza Gaa (-0,27 W m-2 yr-1) che esiste nel Pacifico tropicale centrale, indicando un effetto serra atmosferico indebolito in questo settore, che in gran parte compensano l’effetto di riscaldamento nelle suddette regioni circostanti. Di conseguenza, tra il 1991 e il 2002 (Fig. 2) viene visualizzato un effetto Gaa globalmente trendless [effetto serra atmosferico]. … Ancora una volta, nessuna tendenza significativa dell’effetto serra globale di Gaa [effetto serra atmosferico] si trova tra il 2003 e il 2014 (Fig. 2) perché l’effetto di riscaldamento più elevato sul Pacifico tropicale occidentale è in gran parte contrastato dall’influenza indebolita del riscaldamento sul Pacifico tropicale centrale“.


Manheimer, 2016

“I dati reali mostrano che finora i timori di una catastrofe climatica imminente non sono supportati dai dati, altrimenti coinvolgono processi che si verificano molto prima che l’eccesso della CO2 nell’atmosfera diventasse preoccupante. Sulla base delle misurazioni effettive e della loro ragionevole estrapolazione, non c’è ragione per cui l’uso responsabile del combustibile fossile non può continuare a sostenere la civiltà mondiale. L’argomento per limitare notevolmente il combustibile fossile si basa interamente sull’affermazione teorica che a un certo punto nel prossimo futuro ci sarà un improvviso e drammatico cambiamento nella natura stessa dei dati qui presentati. Se attuate, queste sarebbero sufficienti a sconvolgere enormemente lo stile di vita di miliardi di persone e per impoverire ulteriormente le parti già impoverite del mondo. … [N] che in passato suggerisce che il futuro climatico sarà significativamente diverso prima della metà del secolo a causa dei livelli di CO2 in aumento”.


Hertzberg and Schreuder, 2016

“Gli autori valutano il consenso del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) che l’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera terrestre è di origine antropica e sta causando pericolosi cambiamenti climatici e perturbazioni climatiche. Viene valutata la totalità dei dati disponibili sulla base di tale teoria. I dati includono: (a) misure del ghiaccio-nucleo di Vostok; B) accumulo di CO2 nell’atmosfera; C) studi di variazioni di temperatura che precedono i cambiamenti di CO2; D) le tendenze globali della temperatura; E) rapporto corrente di isotopi di carbonio nell’atmosfera; F) dati satellitari per la distribuzione geografica della CO2 atmosferica; (G) effetto dell’attività solare sui raggi cosmici e sulla copertura nuvolosa. Nulla nei dati supporta la supposizione che la CO2 atmosferica sia un conduttore del clima o del clima, o che le emissioni umane controllano la CO2 atmosferica”.


Mikhailovich et al., 2016

Informazioni sull’influenza dei pianeti giganti

Evoluzione a lungo termine della temperatura globale

“La variabilità osservata della temperatura globale viene solitamente spiegata attraverso la diminuzione del coefficiente della grigia della Terra causata dall’aumentato contenuto di gas a effetto serra nell’atmosfera, come la CO2, cioè con l’incremento antropico dell’effetto serra. La validità di tali opinioni solleva alcuni dubbi, poiché la loro validità si basa sui risultati della simulazione climatica o sui risultati dell’analisi di regressione, in relazione alla quale la pienezza del set di regressi utilizzati non sembra certa. Allo stesso tempo, solo i risultati della modellazione climatica non sembrano essere affidabili … Gli effetti associati allo spostamento del centro di gravità del sistema solare sotto l’influenza di pianeti giganti (Giove e Saturno) sono stati discussi. Sulla base dell’ipotesi di risonanza parametrica nella variazione della temperatura globale con disturbi della forma della fotosfera e della distanza tra terra e sole, a causa delle opposizioni di detti pianeti, un modello di regressione che spiega l’evoluzione a lungo termine osservata della temperatura globale costruito. È stato dimostrato che i residui del modello sono vicini al disturbo bianco, cioè l’ipotesi [influenza dei pianeti] spiega quasi completamente l’effetto dell’aumento della temperatura per il periodo presentato nel database crutem3 vernacolare [1850-presente]. “


 Vares et al., 2016

… Intensità Magnetica del Dipolo Terra … Geomagnetico

Attività … Fonte Causa per la Riscaldamento Globale

 

“Le analisi quantitative delle misurazioni effettive piuttosto che la modellazione hanno dimostrato che” il riscaldamento globale “è stato eterogeneo sulla superficie del pianeta e temporalmente non lineare. Le analisi residua di regressione di Soares (2010) hanno indicato incrementi della temperatura aumentata precedono incrementi di aumento della CO2. La correlazione negativa notevolmente forte (r = -0.99) tra i valori momentanei del dipolo magnetico della terra e gli indicatori di temperatura globali della CO2 negli ultimi 30 anni è sufficiente per essere considerata causale se le energie che contribuivano erano nello stesso ordine di grandezza. La convergenza quantitativa tra le energie perse dalla diminuzione della forza mediatica geomagnetica e le energie acquisite nell’interfaccia dell’oceano-atmosfera soddisfano i valori misurati per aumentare la temperatura globale e il rilascio di CO2 dall’acqua marina. La variabile pivotal è l’unità temporale ottimale utilizzata per stimare le energie totali disponibili per le reazioni fisico-chimiche. La deriva positiva in ampiezza media dell’attività geomagnetica negli ultimi 100 anni ha aumentato questo processo. I contributi della CO2 annua dal vulcanismo e gli spostamenti in media di attività geomagnetica, ritardati anni prima dei valori misurati globali della temperatura-CO2, stanno moderando variabili per le perturbazioni più piccole di ampiezza. Questi risultati hanno indicato che l’aumento della CO2 e delle temperature globali sono principalmente causati da importanti fattori geofisici, in particolare la diminuzione della forza totale del campo geomagnetico e l’aumento dell’attività geomagnetica, ma non delle attività umane. Le strategie di adattamento al cambiamento climatico a causa di queste potenti variabili possono differire da quelle che assumono esclusivamente cause antropomorfiche”.


Easterbrook, 2016

“La CO2 costituisce solo una piccola parte dell’atmosfera (0,040%) e costituisce solo il 3,6% dell’effetto serra. Il contenuto atmosferico della CO2 è aumentato solo del 0,008% in quanto le emissioni hanno cominciato a salire dopo il 1945. Un tale minore incremento di aumento della CO2 non può causare l’aumento di 10° F della temperatura prevista dai sostenitori di CO2. I modelli di clima del calcolatore costruiscono nei loro modelli un elevato componente del vapore acqueo, che essi sostengono è dovuto all’aumento del vapore acqueo atmosferico dovuto a un piccolo riscaldamento da CO2 e dal fatto che il vapore acqueo rappresenta il 90-95% dell’effetto serra, Sarà il riscaldamento. Il problema è che il vapore acqueo atmosferico è in realtà diminuito dal 1948, non aumentato come richiesto dai modelli climatici. Se la CO2 provoca il riscaldamento globale, la CO2 dovrebbe sempre precedere il riscaldamento quando il clima della Terra si riscalda dopo un’era di ghiaccio. Tuttavia, in tutti i casi, la CO2 riduce il riscaldamento di ~ 800 anni. Gli spunti di tempo più brevi mostrano la stessa cosa: il riscaldamento precede sempre un aumento della CO2 e quindi non può essere la causa del riscaldamento”.


Chemke et al., 2016

L’effetto termodinamico dell’atmosfera

Messa sulla temperatura della Terra Iniziale

Le osservazioni suggeriscono che la massa atmosferica iniziale della Terra differiva da quella attuale. Gli effetti di una diversa massa atmosferica sul comportamento radiativo sono stati studiati nei modelli climatici di sofisticazione variabile, ma manca una comprensione meccanica della componente termodinamica dell’effetto della massa atmosferica sul clima precoce. Utilizzando un modello di circolazione globale idealizzata 3D (GCM), esaminiamo sistematicamente l’effetto termodinamico della massa atmosferica a temperatura prossima alla superficie. Troviamo che la massa atmosferica più elevata tende ad aumentare la temperatura vicina alla superficie per lo più a causa di un aumento della capacità termica dell’atmosfera, che diminuisce l’effetto di raffreddamento radiativo netto negli strati inferiori dell’atmosfera. Inoltre, l’advezione verticale del calore da parte degli eddi diminuisce con la massa aumentante atmosferica, con conseguente ulteriore riscaldamento a vicina superficie. Poiché sia ​​il raffreddamento radiale netto che i flussi di calore verticale sono fenomeni extratropicali, la massa atmosferica più alta tende a appiattire il gradiente di temperatura meridionale.

Un aumento della massa atmosferica provoca un aumento delle temperature vicine alla superficie e una diminuzione della pendenza dell’altezza dell’equatore a polvere vicina. Il riscaldamento è causato soprattutto dall’aumento della capacità di calore atmosferico, che riduce il raffreddamento radioso netto dell’atmosfera.

[Nessuna menzione di CO2 come fattore di riscaldamento del sistema Earth-Atmosphere]


Haine, 2016

“Notevolmente, i tre studi [Jackson et al., 2016; Böning et al., 2016; Robson et al., 2016] riportano una mancanza di effetti antropici sull’AMOC, almeno fino ad ora: l’indebitamento osservato direttamente dal 2004 dall’AMOC non è coerente con l’ipotesi che gli aerosol antropogeni abbiano influenzato le temperature dell’oceano Atlantico settentrionale. La temperatura media dell’Atlantico settentrionale a partire dal 2005 ha maggiore grandezza e segno contrario (raffreddamento) rispetto a quelli attribuiti all’assorbimento oceanico di calore antropogenico. La fusione antropica dello strato di ghiaccio della Groenlandia è ancora troppo piccola per essere rilevata .. E nonostante i grandi cambiamenti nel bilancio dell’acqua dolce dell’Artico, alcuni dei quali sono antropici, non vi è alcun cambiamento chiaro nel riversarsi dell’acqua dolce artica nell’Atlantico settentrionale A causa del clima umano forzante”.


Ellis and Palmer, 2016

Conclusione: “Il riscaldamento interglaciale è l’eccentricità e la regressione del ghiaccio polare regolata, la Grande Estate è stata forzata e l’albedo di amplificato. E il contributo di CO2 alle emissioni di gas a effetto serra svolgono poca o nessuna parte in questo complesso sistema di feedback”.


Evans, 2016

“Il modello tradizionale del clima di base applica” fisica di base “al clima, stimando la sensibilità alla CO2. Tuttavia, ha due gravi errori architettonici. Permette solo le risposte in risposta al riscaldamento delle superfici, in modo da escludere le risposte specifiche del driver. Tratta la luce solare extra-assorbita, che riscalda la superficie e aumenta la radiazione in onde a lungo ondata (OLR), come la CO2 supplementare, che riduce l’OLR dall’anidride carbonica nell’atmosfera superiore ma non aumenta l’OLR totale. Si propone il feedback di rerouting. Una concentrazione di CO2 crescente riscalda la troposfera superiore, riscalda lo strato di emissioni di vapore acqueo e alcune superfici di nuvole, che emettono più OLR e scendono ad alte e più calde altitudini. Questo feedback risolve la non osservazione del “hotspot”. Viene sviluppato un modello alternativo, la cui architettura risolve gli errori. Sommando i riscaldamenti (superficiali) dovuti ai conducenti climatici, piuttosto che alle loro forzature, consente forzamenti specifici per i driver e consentono una risposta separata del CO2 (il modello convenzionale applica la stessa risposta, la risposta solare a tutte le forzature). Essa applica anche un equilibrio di radiazione, stimando OLR dalle proprietà dei livelli di emissione. Adattando i dati climatici al modello alternativo, troviamo che la sensibilità del clima di equilibrio è probabilmente inferiore a 0,5° C, aumentando la CO2 probabilmente ha causato meno del 20% del riscaldamento globale dagli anni ’70 e la risposta della CO2 è inferiore a 1/5 alla risposta solare. Il modello convenzionale sovrastima la potenza della CO2 perché applica la forte risposta solare invece della debole risposta della CO2 alla forza della CO2″.


Gervais, 2016

Riscaldamento antropogenico della CO2 sfidata dal ciclo di 60 anni

Conclusione: “Il riscaldamento antropogeno è in pericolo (i) al riconoscimento della grande ampiezza della componente ciclica naturale di 60 anni e (ii) alla revisione verso il basso della risposta del clima transitoria coerente con le tendenze più recenti mostrate in Fig. 1, qui trovata al massimo 0,6° C una volta rimossa la componente naturale, coerente con gli ultimi studi a infrarossi (Harde, 2014). I riscaldamenti antropogenici ben al di sotto della gamma potenzialmente pericolosa sono stati riportati negli studi più recenti e recenti (Idso, 1998; Miskolczi, 2007; Paltridge et al., 2009; Gerlich e Tscheuschner; 2009; Lindzen e Choi; 2009; 2011; Spencer e Braswell, 2010 , Clark, 2010, Kramm e Dlugi, 2011; Lewis e Curry, 2014; Skeie et al., 2014; Lewis, 2015; Volokin e ReLlez, 2015). A seguito dell’ispezione di un rischio di riscaldamento antropogenico così ridotto, si suggerisce un cambiamento di paradigma che evidenzia un beneficio per l’umanità legato all’aumento delle produzioni vegetali e dei raccolti grazie alla fotosintesi della CO2 aumentata”.

Fonte: notrickszone

Attività Solare

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(9 voti, media: 4,11 su 5)
Loading...