image_pdfimage_print

Di P. Gosselin – 31 Maggio 2019

Di Kirye e Pierre Gosselin

Negli ultimi anni, gli allarmisti climatici hanno maggiormente fatto ricorso alla caccia ai disastri meteorologici, cercando sempre più anomalie meteorologiche da considerare come prova inconfutabile del cambiamento climatico a causa antropogenica.

Ma c’è una zona che è stata evitata abilmente come la lebbra ed è stato il continente Antartico. Infatti un nutrito numero di studi ha dimostrato l’esatto contrario, e cioè che quello che era stato predetto in precedenza per il continente di ghiaccio non si è mai verificato, fatta eccezione per alcune zone dove l’attività vulcanica ha consentito una leggera fusione della piattaforma di ghiaccio dell’Antartide.

L’analisi di 10 stazioni antartiche mostrano un raffreddamento

Oggi osserviamo 10 stazioni antartiche in funzione in Antartico, sparse lungo la costa antartica e gestite da vari paesi. Queste zone non sono influenzate dall’attività vulcanica:

Con i dati del 2018, adesso siamo in grado di osservare l’andamento della temperatura nel lungo termine di queste stazioni. Sappiamo che l’estensione dei ghiacci marini nell’Antartico ha visto una notevole tendenza al rialzo negli ultimi 40 anni, e questo ci dice che il raffreddamento potrebbe essere iniziato:

Il ghiaccio marino antartico è cresciuto costantemente negli ultimi 40 anni.Grafico: Comiso et al, 2017

Quelli che seguono sono i grafici della temperatura media annuale di ciascuna delle 10 stazioni antartiche non influenzate dall’attività vulcanica.

Butler Island e Neumayer

Entrambe mostrano una chiara tendenza al ribasso:

Halley

Anche Halley mostra una stazione con la temperatura in calo dal 1956:

Syowa e Casey

I dati provenienti dalla stazione di Syowa, gestita dal Giappone, e dalle stazioni di Australia Casey non mostrano alcuna tendenza dal 1961. Qui non vediamo alcun segnale di riscaldamento:

Finora nessuna stazione remota, non coinvolta nell’attività vulcanica, ha mostrato una tendenza al riscaldamento.

Davis

I dati della stazione Davis risalgono a 35 anni fa e mostrano una tendenza piatta (un leggero raffreddamento di fatto). Nessun riscaldamento è stato rilevato in definitiva da quando la grande paura del riscaldamento globale è iniziata negli anni ’80. Finora 6 delle 6 stazioni monitorate non hanno mostrato alcun riscaldamento negli ultimi decenni.

Zhongshan

Questa stazione antartica mostra un deciso trend di raffreddamento negli ultimi 30 anni:

Mirnyl

La stazione Mirnyl registra dati di temperatura dal 1967, ovvero da oltre mezzo secolo. Anche in questo caso è statisticamente piatta, anche se mostra una tendenza al raffreddamento molto leggera:

Dumont D’Urvi e Mawson

Entrambe le stazioni di D’Urvi e Mawson Antarctic hanno registrato dati che risalgono agli anni ’50. Come il grafico seguente ci dice, non c’è stato alcun riscaldamento anche in queste due stazioni a lungo termine.

Nessuna mostra riscaldamento

In sintesi, non una singola stazione costiera antartica mostra una tendenza al riscaldamento, ma al contrario si nota un raffreddamento. Ora sapete perché i cacciatori di ambulanze contro il cambiamento climatico hanno taciuto su questo remoto e immenso continente.

Isole Shetland Meridionali

Successivamente abbiamo osservato le temperature annuali delle 5 stazioni delle Isole Shetland Meridionali (situate nell’Oceano Antartico).

Anche loro non mostrano alcun riscaldamento dal 1993. Il centro http://Met.An, Marsh non ha avuto alcuna tendenza al riscaldamento dal 1977. Dove sarebbe questo riscaldamento? Di certo non c’è tendenza di riscaldamento al Polo Sud.

Raffreddamento dei mari antartici, nuovi studi dimostrano

Infine, un nuovo studio completo di Zhous et al. evidenzia anche che le temperature superficiali del mare (SST) estive intorno alla costa antartica sono risultate in RAFFREDDAMENTO.

Questa è davvero una notizia scomoda per gli allarmisti del riscaldamento globale. Proprio quando avevano predetto che il Polo Sud si sarebbe riscaldato e avrebbe iniziato una drammatica fusione, è accaduto il contrario.

Grande fallimento come un valido motivo di licenziamento

È ora di liquidare questi allarmisti come completo fallimento di scienza. Dovrebbero essere licenziati in modo permanente e non essere mai più autorizzati a praticare di nuovo scienza. Le loro previsioni interamente fallite hanno portato la comunità globale a un inseguimento di politica selvaggia che è costata centinaia di miliardi di dollari e ha rallentato i progressi nei paesi in via di sviluppo di molti anni.

Fonte: No Tricks Zone