13 aprile 2014 - 10:40 am Pubblicato da

Osservando il grafico qui sotto possiamo notare come l’area totale del ghiaccio marino alla data del 10 Aprile 2014 sia poco dietro l’anno record del 1982.

screenhunter_149-apr-12-20-27

http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/timeseries.global.anom.1979-2008

Nel frattempo leggendo il link qui sotto, vengo a conoscenza che il rischio di imbattersi in zone con presenza di iceberg è ormai superiore al periodo del Titanic.

https://www.sheffield.ac.uk/news/nr/titanic-research-iceberg-1.366743

Cosa sta accadendo ai ghiacci marini globali che una gran parte di scienza non ha previsto in questi ultimi periodi?

Viviamo in tempi interessanti…. 😉

ENZO
SOLAR ACTIVITY

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
(Ancora nessun voto)
Loading...
  • Il ragionamento è corretto, infatti in inverno coincide con la maggior distanza dal sole (afelio) mentre al contrario si ha una minor distanza in estate ( perielio). Il contrario avviene nell’artico 😉 Enzo

  • Si, l Antartico offre una superficie riflettente molto maggiore rispetto all Artico .. c è una calotta continentale immensa .. 🙂 questo influisce, ha i suoi effetti .. ha anche inverno più lungo che coincide con afelio orbitale ed estate più breve che coincide con perielio .. 😉 è corretto?

  • ..infatti l Atlantico è da sempre considerato il più burrascoso fra gli oceani , proprio x questa sua disposizione “stretta” e longitudinale … a differenza del Pacifico che è molto più ampio .. altro “respiro” .. altre dinamiche climatiche, penso ..:)

  • interessante .. si, è presumibile, fintanto che il calore residuo non verrà dissipato .. e la conformazione lunga e stretta dell Atlantico da nord a sud penso possa favorire scambi meridiani .. poi andranno scemando progressivamente cedendo il passo ad un più diffuso e generalizzato raffreddamento globale ..

  • ..penso che gli scambi meridiani, in sostanza, nn siano che il risultato dello “scontro” fra un Vortice Polare in sempre maggiore espansione e tutto il restante calore residuo intrappolato negli oceani e nella stessa crosta terrestre, dall ultimo recente e prolungato Solar max ..

  • .. sembrerebbe che il regime climatico globale a “scambi meridiani” sia già attivo da almeno un decennio (era il periodo di Katrina hurricane?) .. nn so se le due realtà sono collegate ..

    • potrei sbagliare ma mi sembra che le anomalie climatiche siano partite sul finire anni 80.

  • Dal grafico si nota abbastanza chiaramente che le variazioni dei valori si sono fatte molto più estreme a partire dal 2006, rispetto ai 3 decenni precedenti … :-@

    • ammetto che non so il motivo di questi alti e bassi, potrei pensare ad annate con indici positivi e altre negativi, solar activity se ci sei batti un colpo e dacci una spiegazione! 🙂

    • Difficile dire quale motivo sia prevaricante sugli altri. In cima metto l’attività del sole che dal 2005 non ha più una forte attività che aveva contraddistinto i decenni precedenti, poi certamente per l’artico possiamo metterci un rallentamento certo della corrente del golfo con conseguente cambio netto di circolazione. Questo motivo potrebbe far invertire a più basse latitudini l’acqua calda. Per l’antartico possiamo presumere una diminuzione delle temperature delle SSTA e del rallentamento della circolazione circumpolare antartica. Ma certamente le cause possono essere anche molte altre. Certamente sono comunque cicli che periodicamente si ripetono, per via della PDO ENSO e AMO. 😉 Enzo

    • I prossimi anni saranno determinanti per capire in che direzione andranno i ghiacci e non solo.Enzo

    • Inoltre dal 2005, con il calare dell’attività solare, si è instautata nell’emisfero nord una circolazione lungo i meridiani piuttosto che lungo i paralleli. Questa circolazione aveva contraddistinto almeno l’ultimo trentennio, quando sul Mediterraneo dominava la figura dell’anticiclone delle Azzorre. Quindi è presumibile che i prossimi decenni verranno ancora caratterizzati da un tipo di circolazione lungo i meridiani. 😉 Enzo

    • Enzo, quando nei prossimi anni alla quiete solare si aggiungeranno indici negativi, ne vedremo delle belle, se si innesca l’effetto albedo son guai! 😛

    • Probabilmente nell’emisfero sud è già in amplificazione dato dall’aumento dei ghiacci. Ma anche nell’emisfero nord a breve potrebbe iniziare anche qui l’effetto albedo. 😉 Enzo

  • Luca

    il contrario di quanto pubblicato oggi su Repubblica !!!: http://www.repubblica.it/ambiente/2013/09/23/foto/ipcc_gli_scenari_e_l_andamento_reale_delle_emissioni-67119555/1/#2

    ma allora, chi dice il vero ?