USA: I Ghiacciai del Monte Baker, stato di Washington, stanno avanzando, afferma geologo di fama

USA: I Ghiacciai del Monte Baker, stato di Washington,
stanno avanzando, afferma geologo di fama

Di Robert FelixIceAgeNow (USA)

Fonte: glaciers advancing on mt baker says renowned geologist

22 Settembre 2015 – Traduzione a cura di Mauri Sesler (scientific translator)

“Le foto e le mappe dimostrano che tutti i ghiacciai del Monte Baker sono significativamente più ampi oggi di quanto non fossero nel 1950 “, afferma il geologo Dott. Don J. Easterbrook.

Non solo i ghiacciai sono più grandi oggi che nel 1950, ma qualcuno di essi ha recentemente iniziato ad avanzare, dice Easterbrook, Professore Emerito di Geologia presso la Western Washington University.

“Pochi giorni fa, ho acquisito immagini fotografiche satellitari e aeree per il 2013-2015 e dopo aver osservato la recente attività dei ghiacciai del Monte Baker sono rimasto sorpreso nello scoprire che i ghiacciai Coleman e Roosevelt avevano cominciato ad avanzare nel 2013 e che tale avanzata è continuata fino al 2015”, dice Easterbrook.

“L’avanzata è di piccole dimensioni, ma è significativa perché segna un cambiamento dalla condizione di recessione terminale a quella di avanzata.”

Ghiacciai Roosevelt e Coleman

Coleman-and-Roosevelt-glaciers-2014

Il confronto della posizione del termine del ghiacciaio Roosevelt presa direttamente dalle mappe topografiche USGS del 2014 (linea blu) e del 1952 (linea verde) mostra che entrambi i ghiacciai sono più estesi oggi di quanto non fossero nel 1952.

Ghiacciaio Deming

Deming-Glacier-2014

Il confronto della posizione del termine del ghiacciaio Deming preso direttamente dalle mappe topografiche USGS del 2014 (linea blu) e del 1952 (linea verde) mostra che il ghiacciaio era più esteso nel 2014 di quanto non fosse nel 1952.

Ghiacciaio Boulder

Boulder-Glacier-2014

Confronto della posizione del termine del ghiacciaio Boulder preso direttamente dalle mappe topografiche USGS. Il ghiacciaio è ormai disceso a valle di più di un chilometro dalla sua posizione del 1952. Linea blu 2014. Linea verde 1952.

Tutti i ghiacciai del Monte Baker sono nella medesima condizione

“Tutti gli altri ghiacciai del Monte Baker mostrano la stessa cosa”, dice Easterbrook. “Sono tutti più estesi di quanto non fossero nel 1952 e non gli sta accadendo nulla di strano, sono semplicemente dove sono già stati molte altre volte in passato. Dati similari a quelli mostrati qui per i ghiacciai Coleman, Roosevelt, Deming, e Boulder sono disponibili anche per i ghiacciai Easton, Squak, Talum, Park, Rainbow, e Mazama.

“Le affermazioni che seguono sono totalmente false”

“‘Disastroso’: neve bassa, il calore erode i ghiacciai di nord-ovest”, si legge in un recente titolo del The Seattle Times (8 settembre, 2015). L’articolo prosegue citando una stima secondo la quale “i ghiacciai della regione sono più piccoli adesso di quanto non lo siano stati negli ultimi 4.000 anni.”

“Tuttavia, le foto e le mappe del ghiacciaio Sholes, il ghiacciaio al centro dell’attenzione nell’articolo del Times, dimostrano che queste affermazioni sono totalmente false”, dice Easterbrook.

“Il ghiacciaio Sholes non è cambiato per niente negli ultimi 70 anni.” (Enfasi del Dr. Easterbrook)

Anche altri ghiacciai Statunitensi sono in crescita.

Oltre ai ghiacciai citati dal dottor Easterbrook, vorrei far notare che i ghiacciai sono in crescita anche in altre zone di tutti gli Stati Uniti.

Il Ghiacciaio Cratere del Monte St. Helens nello stato di Washington è in crescita, e tutti e sette i ghiacciai del Monte Shasta in California si stanno espandendo.

Finiamola con tutto questo chiacchiericcio sul ‘disastroso’ scioglimento dei ghiacciai. I ghiacciai si ritirano e avanzano costantemente nel corso del tempo. Questo è ciò che fanno i ghiacciai.

E non ha nulla a che vedere con l’attività umana.

Si veda anche:

http://iceagenow.info/2015/07/glacier-on-mount-st-helens-is-growing/

http://iceagenow.info/2011/03/glaciers-growing-on-mt-shasta-2/

http://wattsupwiththat.com/2015/09/13/mt-baker-glaciers-disappearing-a-response-to-the-seattle-times/

Dott. Don J. Easterbrook, Professore Emeritus di Geologia, Western Washington University.

 

  • marcomancioli

    ok !!! …. finalmente una buona notizia accompagnata da evidenza scientifica inconfutabile !!!
    Speriamo che a breve seguano altre notizie simili provenienti da tutti i ghiacciai del mondo , compreso quelli delle nostre Alpi !!
    Saranno così definitivamente messi a tacere i warmisti ?? … speriamo !!!

     
    • Mauri Ses

      Dubito che notizie come questa riescano a mettere a tacere i warmisti, che anzi vedendo quanto forti sono molte delle argomentazioni presentate dalla variegata comunità dissidente, stanno giocando molto sporco sia negli States che qui nel continente Europeo (ridicole denunce penali, ostruzione della libertà di opinione in numerose università, etc.), perchè sono consapevoli che la loro posizione dominante (sostenuta da una montagna di denaro fra finanziamenti, sussidi, borse di studio etc.) che poggia su basi scientifiche alquanto fragili, potrebbe franargli addosso sotto il peso dei ripetuti fendenti scagliati da chi all’AGW non si conforma!