TEMPESTA GEOMAGNETICA IMPREVISTA IN CORSO HA RAGGIUNTO IL LIVELLO G2 (MODERATO)

La nostra Terra è attualmente sotto l’influenza di una Coronal Mass Ejection (CME), abbinata ad una tempesta geomagnetica di livello moderato G2.

Secondo SWPC, questo è probabilmente il risultato di ciò che rimane dell’evento originariamente osservato il 14 febbraio. La CME ha una struttura del campo magnetico abbastanza ben organizzato, consentendo al flusso di arrivare in modo continuativo, classificata di livello G2, (Moderata).

Alle alte latitudini nel cielo dovrebbero manifestarsi splendide aurore polari.

Alle 08:05 UTC di oggi, SWPC ha emesso un avviso di tempesta geomagnetica con indice K 6 con un periodo sinottico 06-09 UTC poi protrattasi nella giornata.

L’area di impatto geomagnetico sarà principalmente verso i poli già verso i 55 gradi di latitudine.

Una tempesta geomagnetica di classe G2 in genere può provocare oscillazioni della rete elettrica. Nei sistemi di alimentazione ad alta latitudine, si possono verificare allarmi di tensione. Possono anche verificarsi irregolarità di orientamento satellitare, è anche possibile una maggiore bassa resistenza ai satelliti in orbita.

La radio in HF (alta frequenza) di propagazione radio, può svanire a latitudini più alte. Aurore polari possono verificarsi a latitudini a partire da New York a Wisconsin e nello stato di Washington.

Space Weather Message Code: ALTK06
Serial Number: 316
Issue Time: 2014 Feb 19 0805 UTC

ALERT: Geomagnetic K-index of 6
Threshold Reached: 2014 Feb 19 0805 UTC
Synoptic Period: 0600-0900 UTC
Active Warning: Yes
NOAA Scale: G2 – Moderate
Potential Impacts: Area of impact primarily poleward of 55 degrees Geomagnetic Latitude.
Induced Currents – Power grid fluctuations can occur. High-latitude power systems may experience voltage alarms.
Spacecraft – Satellite orientation irregularities may occur; increased drag on low Earth-orbit satellites is possible.
Radio – HF (high frequency) radio propagation can fade at higher latitudes.
AuroraAurora may be seen as low as New York to Wisconsin to Washington state.

 

Aurora_Map_N - feb 19 2014

Enzo
Solar Activity

 

 

  • confermo notizia…. telefonino con chiarissime interferenze

     
  • qui ci sono stati dei tuoni belli forti nel pomeriggio. c’entra qualcosa??

     
    • Non credo che sia una connessione così veloce tra le tempeste solari geoeffettive e i fenomeni meteo. 😉 Enzo

       
    • e se invece il campo magnetico terrestre entrasse in risonanza con quello solare mentre ci sono le tempeste magnetiche? roba un po’ da “arms”, in effetti 😀

       
  • ed io, puntualmente, ho avuto le crisi fortissime di mal di testa…sempre uguali…sempre stesso punto. Qualcuno può aiutarmi a capire ancora un po’ il perchè e se posso proteggermi in qualche modo? 🙁

     
    • Probabilmente sarai molto più sensibile della media e quindi in queste occasioni ne soffri in modo marcato. Devi un po’ essere il medico di te stesso e monitorare quando si verificano queste tempeste e confrontarlo con il tuo stato di salute. Ho un file da qualche parte da rispolverare, dove spiega un po’ tutte le problematiche di questo tipo. Ma ora trovarlo mi è davvero difficile in mezzo a tutto il marasma che ho nel mio archivio. Enzo

       
    • Ti ringrazio per il tuo interessamento. Sto effettivamente monitorando e confrontando il mio stato di salute con l’andamento dell’attività solare e la variazione del campo magnetico terrestre e, sempre, trovo riscontro tra le mie crisi e i picchi nei grafici dell’ Indice K e le ossillazioni violente del magnetismo terrestre…

       
    • Ancora non ho però capito la variazione di scarto di tempo tra il momento in cui comincio a star male e la ripercussione dell’evento solare sul nostro Pianeta: a volte è quasi contemporaneo, come per esempio oggi che già stavo malissimo già dall’alba sino al tardo pomeriggio, o altre, come il week end scorso, in cui sono stato in sofferenza da venerdì a domenica pomeriggio, ma i grafici riscontravano “anomalie” solo da domenica in mattinata… Sono perciò alla ricerca di qualche altro parametro/grafico che mi consenta di capire quale sia effettivamente il fattore scatenante e predominante.

       
      • poLe cause sono sempre molteplici. Prima di tutte le abitudini mentali che si creano a seguito di un evento, così che al sapere che ci potrà essere lo stesso evento, il corpo risponde generando gli stessi sintomi. Poi vengono tutte le altre cause..

         
  • Me ne son’accorta , il pc non voleva collaborare. 🙂

     
  • Segnaliamo che in queste ore l’indice è sceso a K 3, per cui non c’è più alcun pericolo per le apparecchiature elettriche più sofisticate. 😉 Enzo