Tag Archive : sdo

Onde Di Rossby Increspano Il Sole marzo 29, 2017 14:00 pm

Già note sulla Terra, su Giove e su Saturno, queste onde planetarie sono ora state osservate, dalle sonde Sdo e Stereo della Nasa, anche sulla superficie della nostra stella. Una scoperta che potrebbe contribuire alla predizione del comportamento del Sole su tempi scala lunghi di Marco Malaspina Martedì 28 Marzo 2015 @ 19:05 Fino a oggi erano note come “onde planetarie”, essendo state scoperte dapprima sulla Terra e in seguito anche nell’atmosfera di altri pianeti, da Giove a Saturno. Be’, forse è giunto il momento di chiamarle solo con il loro vero nome – onde di Rossby – perché ora è stato definitivamente dimostrato che increspano anche la superficie di corpi non planetari: per l’esattezza, il plasma bollente della nostra stella, il Sole. Lo dimostra uno studio, guidato dal ricercatore del National Center for Atmospheric Research (Ncar) Scott McIntosh, pubblicato sull’ultimo numero di Nature Astronomy. Ed è una scoperta con potenziali ricadute anche per noi: così come le onde di Rossby terrestri esercitano una certa influenza sul meteo, anche le onde di Rossby osservate sul Sole potrebbero essere collegate all’attività solare, comprese la formazione di macchie solari e le eruzioni solari. Il globo solare in rotazione ricostruito dalle immagini raccolte dalle sonde... Mostra articolo

» Pubblicato da
Sole nel mese di marzo in ulteriore crollo! marzo 25, 2017 14:30 pm

Di Enzo Ragusa Mancano pochi giorni alla fine del mese di marzo, ma possiamo già da ora anticiparvi che sarà un mese che vedrà l’attività solare in ulteriore crollo rispetto ai mesi precedenti. Complice una situazione solare molto delicata, che ha visto in questo mese 15 giorni spotless (14 consecutivi). L’immagine del disco solare inviata dalla sonda SDO (Solar Dynamics Observatory) della NASA   Vi anticipo già che sarà un crollo perché se andiamo ad osservare la mappa dello Stonyhurst Eliographic, che raffigura la situazione di tutta la superficie solare, possiamo notare come non vi siano macchie nella superficie nascosta del sole, e che quindi, entro la fine del mese la conta delle macchie non potrà più cambiare di molto.   L’immagine della superficie solare tramite EUVI/AIA   Ma veniamo più nel dettaglio con i conteggi delle macchie registrate fino ad oggi. Conteggi, che come al solito vengono messi gentilmente a disposizione dal Sidc: Marzo 24 (provvisorio) – Ssn 8.7 – Febbraio 26.1 – Gennaio 25.8 – Dicembre 2016 18.9 Quindi, come potete vedere, c’è un forte calo delle macchie solari, addirittura una perdita secca rispetto al mese di febbraio di oltre 18 punti, e rispetto ai mesi precedenti che erano già risultati bassi nella media del periodo.   Anche il Solar Flux a 2800 MHz... Mostra articolo

» Pubblicato da
Il Ritorno del Grande Buco Coronale novembre 20, 2016 7:00 am

Di Enzo Ragusa   Alla fine del mese di ottobre, il vento solare scaturuto dal buco coronale (CHs) presente nell’atmosfera solare, si è diretto contro il campo magnetico terrestre, impattandovi e scatenando moderate tempeste geomagnetiche con la formazione di aurore polari per quasi una settimana. Ora lo stesso buco coronale in questi giorni è tornato, e a breve sarà fronte-terra come possiamo vedere dall’immagine sotto. La sonda SDO (Solar Dynamics Observatory) della NASA ha fotografato la struttura nella giornata di ieri 19 Novembre 2016.       I buchi coronali sono regioni presenti nell’atmosfera solare dove il campo magnetico solare risulta aperto, permettendo al vento solare di sfuggire al potente campo magnetico solare. Dopo 27 giorni, tanto impiega il sole a girare sul proprio asse, è tornato ancora visibile, anche se possiamo già dirvi che non è grande come lo era un mese fa – ma ancora abbastanza grande da impressionare, coprendo quasi 1/3 del disco solare visibile. I meteorologi del NOAA si aspettano l’entrata del flusso del vento solare nella giornata del 22 novembre, portando con sé la possibilità di una debole tempesta geomagnetica classificata G1. Rimanete sintonizzati per saperne di più! Fonte: Spacewather Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
Prosegue l’Attività Solare Molto Bassa! Freddo inverno in Arrivo? novembre 14, 2016 20:00 pm

Di Enzo Ragusa Prosegue senza sosta la bassissima attività solare. Sulla fotosfera solare davvero poco da segnalare se non un paio di puntini minuscoli, come possiamo vedere dall’immagine inviata dalla Sonda SDO della NASA. Vento Solare in questo momento sotto gli 80 SFU con raggi X di classe A e quindi molto bassi.   Immagine del disco solare inviata dalla sonda SDO (Solar Dynamics Observatory) della NASA   Pensiamo che questa bassa attività solare, visto i bassi parametri raggiunti, abbia dato l’input per un prossimo gelido inverno in Asia, quindi Siberia, Russia, Russia europea ed Europa. Di conseguenza in alcuni frangenti anche in Italia con venti gelidi che proverranno da est nord est. Non resta che attendere gli eventi 😉   Enzo Attività Solare    

» Pubblicato da
Il sole resta drammaticamente senza macchie, mentre gli enti ufficiali contano non si sa cosa! giugno 26, 2016 12:00 pm

Il SIDC, ente ufficiale per la raccolta del conteggio delle macchie solari, oggi conta 7 macchie, come possiamo vedere dal grafico sotto!   http://www.sidc.be/silso/DATA/EISN/EISN_current.txt Infatti nei numeri ufficiali riportati sempre del SIDC, troviamo che il 23 Giugno risultava spoless cioè con zero macchie, il 24 contavano 7 macchie, il 25 se lo sono perso… mentre altri enti come il NOAA o l’Osservatorio di Wilson contavano spotless…  e per ultimo il giorno di oggi 26 Giugno che tornano a contare ancora 7 macchie! Ma per caso le 7 macchie le contano di defolt? 😀 Se osserviamo però l’immagine inviata dalla sonda SDO della NASA, delle ore 06,45 di questa mattina, non si nota alcuna macchia presente sulla superfice del sole! Quindi mi chiedo… che cosa hanno contato? I pixel bruciati? Perché si continua a gonfiare i conteggi delle macchie solari e a che pro? Forse si vuol nascondere o non far capire che la situazione solare, a questo punto del ciclo è davvero drammatica come da anni vi diciamo, mentre molti incompetenti in giro per la rete ci deridevano?   Sono anni che ripetiamo sempre e stesse cose, ma evidentemente a qualcuno conviene continuare a nascondere la verità! I conteggi ufficiali sono altamente alterati!! Ora finalmente capirete perché utilizziamo il conteggio del... Mostra articolo

» Pubblicato da
Doppia Eclissi di Sole settembre 16, 2015 19:27 pm

Doppia Eclissi di Sole Space Weather (USA) – http://www.spaceweather.com Traduzione a cura di Mauri Sesler (scientific translator) 17 Settembre 2015 – Il 13 Settembre, il sole è stato eclissato – due volte! Nessuno sulla Terra ha mai visto niente di simile. In effetti, era visibile solo dall’orbita terrestre. Il Solar Dynamics Observatory della NASA (SDO) ha registrato l’evento: La doppia eclissi è iniziata intorno alle 06:30 UT quando la Terra è passata direttamente tra il sole e il SDO. L’osservatorio ha visto il corpo del nostro pianeta muoversi lentamente attraverso la faccia del sole, causando un quasi black-out. Quando la Terra finalmente si è fatta da parte circa un’ora dopo, un’altra eclissi era già in corso. Questa volta, a mettersi di mezzo è stata la Luna. Un video del team scientifico del SDO spiega la folle perfezione dell’allineamento che è richiesto per una simile visione. Aggiornamento: Questa immagine mostra la Luna e la Terra di fronte al Sole, nello stesso momento: Taken by jhon henry osorio orozco on September 13, 2015 @ Medellín-Colombia (Nelle foto qui sopra, si noti come il bordo della Terra sembra molto sfumato rispetto al bordo della Luna. Questo perché il nostro pianeta ha una spessa... Mostra articolo

» Pubblicato da
IL SOLE SENZA MACCHIE aprile 30, 2015 11:40 am

Il Sole come si presenta oggi, senza macchie! Anche se il SILSO, ente ufficiale con sede in Belgio per la raccolta delle macchie solari, nella giornata di oggi 30 aprile da un conteggio di 11! Immagine di oggi 30 aprile 2015 inviata dalla Sonda SDO (Solar Dynamics Observatory). Un’immagine del nostro astro totalmente priva di macchie (spotless) che si è ripetuta molto all’inizio di questo ciclo 24, superando gli 800 giorni spotless. Ma a parte il conteggio che è comunque soggettivo, in base al metodo adottato e dall’esperienza di chi le cataloga, per il resto trovarsi con un sole spotless, non ha nulla di eccezionale, se consideriamo che dall’inizio del ciclo 24, dal lontano 2008, di giornate spotless se ne sono verificate più di 800. Se non fosse per un piccolo particolare… quello di aver da poco attraversato il massimo solare, portandoci in questo caso sì ad una situazione eccezionalmente debole che desta sempre più preoccupazione nel mondo della comunità scientifica. Ma come ormai sappiamo da molto tempo, questa situazione di mancanza delle macchie si manifesterà sempre più spesso nel tempo, il motivo è dovuto ad una fisiologica decadenza del ciclo, ma che, ad amplificare il fenomeno, possiamo aggiungerci la forte debolezza del ciclo solare 24.   Ma cosa ci possiamo attendere per i prossimi anni?  Il Sole... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 31 MARZO 2015 marzo 31, 2015 22:12 pm

Il Campo Geomagnetico solare di oggi 31 marzo 2015 si è presentato tranquillo. La velocità del Solar Flux a 2,8 GHz osservato alle ore 20,00 è stato di 128.1 che porta la media mensile a 126,3 La velocità del Vento Solare in questo momento è di 405,7 km/s. Il Sunspot Number nella giornata di oggi è risultato a 31 (conteggio Silso) che porta la media mensile a 43.1 SN Il conteggio del Layman’s Sunspot Number (gestito da Geoff Sharp), nella giornata di ieri 30 marzo è risultato a 22 che porta la media mensile a 20 SN Alle ore 18.00 UTC, il Disco Solare visibile da terra presentava 3 regioni attive (in risoluzione 2K da immagini SDO): Regione Attiva 2305 Regione Attiva 2313 Regione Attiva 2315 L’indice K in questo momento risulta a 2 mentre l’indice A a 5 Il flusso degli Raggi X in questo momento risulta di Classe B a 5.0 La Componente BZ a 13.6 I Solar Flare scaturiti nella giornata di oggi 30 marzo: Non sono stati segnalati Flare di classe C,M,X L’attività Geomagnetica potrebbe risultare in aumento nelle prossime 48 ore a causa di un maggior flusso di vento solare dato dalle due grandi CHs presenti sulla... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 30 MARZO 2015 marzo 30, 2015 22:25 pm

Il Campo Geomagnetico solare di oggi 30 marzo 2015 si è presentato tranquillo. La velocità del Solar Flux a 2,8 GHz osservato alle ore 20,00 è stato di 133.6 che porta la media mensile a 126,3 La velocità del Vento Solare in questo momento è di 315,8 km/s. Il Sunspot Number nella giornata di oggi è risultato a 44 (conteggio Silso) che porta la media mensile a 43.6 SN Il conteggio del Layman’s Sunspot Number (gestito da Geoff Sharp), nella giornata di ieri 29 marzo è risultato a 23 che porta la media mensile a 20 SN Alle ore 18.00 UTC, il Disco Solare visibile da terra presentava 3 regioni attive (in risoluzione 2K da immagini SDO): Regione Attiva 2305 Regione Attiva 2313 Regione Attiva 2315 L’indice K in questo momento risulta a 1 mentre l’indice A a 14 Il flusso degli Raggi X in questo momento risulta di Classe C a 1.2 La Componente BZ a 1.8 I Solar Flare scaturiti nella giornata di oggi 30 marzo: Active region Begin, UT Max, UT End, UT Flare of class C4.7 2303 01:38:00 01:52:00 02:14:00 Flare of class C2.4 2303 12:46:00 12:55:00 13:02:00 Flare of class C1.5 2305 15:34:00 15:47:00 16:03:00 Flare of... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 29 MARZO 2015 marzo 29, 2015 22:17 pm

Il Campo Geomagnetico solare di oggi 29 marzo 2015 si è presentato moderatamente tranquillo. La velocità del Solar Flux a 2,8 GHz osservato alle ore 20,00 è stato di 144.5 che porta la media mensile a 126,0 La velocità del Vento Solare in questo momento è di 370,1 km/s. Il Sunspot Number nella giornata di oggi è risultato a 53 (conteggio Silso) che porta la media mensile a 43.58 SN Il conteggio del Layman’s Sunspot Number (gestito da Geoff Sharp), nella giornata di ieri 28 marzo è risultato a 25 che porta la media mensile a 20 SN Alle ore 18.00 UTC, il Disco Solare visibile da terra presentava 6 regioni attive (in risoluzione 2K da immagini SDO): Regione Attiva 2303 Regione Attiva 2305 Regione Attiva 2312 Regione Attiva 2313 Regione Attiva 2315 Regione Attiva 2316 L’indice K in questo momento risulta a 1 mentre l’indice A a 9 Il flusso degli Raggi X in questo momento risulta di Classe C a 1.0 La Componente BZ a -3.6 I Solar Flare scaturiti nella giornata di oggi 29 marzo: Active region Begin, UT Max, UT End, UT Flare of class C3.0 2303 06:50:00 06:56:00 07:26:00 Flare of class C2.3 2303 10:37:00 10:42:00... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 28 MARZO 2015 marzo 28, 2015 22:15 pm

Il Campo Geomagnetico solare di oggi 28 marzo 2015 si è presentato tranquillo. La velocità del Solar Flux a 2,8 GHz osservato alle ore 20,00 è stato di 145.6 che porta la media mensile a 125.4 La velocità del Vento Solare in questo momento è di 418,7 km/s. Il Sunspot Number nella giornata di oggi è risultato a 60 (conteggio Silso) che porta la media mensile a 43.25 SN Il conteggio del Layman’s Sunspot Number (gestito da Geoff Sharp), nella giornata di ieri 27 marzo è risultato a 34 che porta la media mensile a 19 SN Alle ore 18.00 UTC, il Disco Solare visibile da Terra presentava 5 regioni attive (in risoluzione 2K da immagini SDO): Regione Attiva 2303 Regione Attiva 2305 Regione Attiva 2309 Regione Attiva 2313 Regione Attiva 2314 L’indice K in questo momento risulta a 2 mentre l’indice A a 8 Il flusso degli Raggi X in questo momento risulta di Classe B a 8.5 La Componente BZ a -0.6 I Solar Flare scaturiti nella giornata di oggi 28 marzo: Active region Begin, UT Max, UT End, UT Flare of class C2.2 2305 04:48:00 05:26:00 05:48:00 Flare of class C1.5 2310 06:45:00 06:55:00 07:04:00 Flare of class C2.0... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 27 MARZO 2015 marzo 27, 2015 22:59 pm

Il Campo Geomagnetico solare di oggi 27 marzo 2015 si è presentato tranquillo. La velocità del Solar Flux a 2,8 GHz osservato alle ore 20,00 è stato di 137.8 che porta la media mensile a 124,6 La velocità del Vento Solare in questo momento è di 378,4 km/s. Il Sunspot Number nella giornata di oggi è risultato a 77 (conteggio Silso) che porta la media mensile a 42,60 SN Il conteggio del Layman’s Sunspot Number (gestito da Geoff Sharp), nella giornata di ieri 26 marzo è risultato a 29 che porta la media mensile a 19 SN Alle ore 18.00 UTC, il Disco Solare visibile da Terra presentava 7 regioni attive (in risoluzione 2K da immagini SDO) e 1 nuova in formazione (cerchiata di bianco): Regione Attiva 2303 Regione Attiva 2305 Regione Attiva 2309 Regione Attiva 2310 Regione Attiva 2312 Regione Attiva 2313 Regione Attiva 2314 L’indice K in questo momento risulta a 1 mentre l’indice A a 8 Il flusso degli Raggi X in questo momento risulta di Classe B a 8.3 La Componente BZ a -0.7 I Solar Flare scaturiti nella giornata di oggi 27 marzo:   Active region Begin, UT Max, UT End, UT Flare of class C1.0 2303... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 26 MARZO 2015 marzo 26, 2015 22:22 pm

Il Campo Geomagnetico solare di oggi 26 marzo 2015 si è presentato tranquillo. La velocità del Solar Flux a 2,8 GHz osservato alle ore 20,00 è stato di 136.1 che porta la media mensile a 124,1 La velocità del Vento Solare in questo momento è di 436,6 km/s. Il Sunspot Number nella giornata di oggi è risultato a 78 (conteggio Silso) che porta la media mensile a 41,30 SN Il conteggio del Layman’s Sunspot Number (gestito da Geoff Sharp), nella giornata di ieri 25 marzo è risultato di 32 che porta la media mensile a 18 SN Alle ore 18.00 UTC, il Disco Solare visibile dalla Terra presentava 6 regioni attive (in risoluzione 2K da immagini SDO) e 1 nuova in formazione (cerchiata di bianco): Regione Attiva 2303 Regione Attiva 2305 Regione Attiva 2307 Regione Attiva 2310 Regione Attiva 2312 Regione Attiva 2313 L’indice K in questo momento risulta a 2 mentre l’indice A a 13 Il flusso degli Raggi X in questo momento risulta di Classe B a 5.0 La Componente BZ a -0.5 I Solar Flare scaturiti nella giornata di oggi 26 marzo:   Active region Begin, UT Max, UT End, UT Flare of class C2.8 2305 00:06:00 00:21:00 00:38:00... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 25 MARZO 2015 marzo 26, 2015 0:11 am

Il Campo Geomagnetico solare di oggi 25 marzo 2015 si è presentato abbastanza tranquillo. La velocità del Solar Flux a 2,8 GHz osservato alle ore 20,00 è stato di 137.8 che porta la media mensile a 123,6 La velocità del Vento Solare in questo momento è di 504,2 km/s. Mentre il Sunspot Number nella giornata di oggi è risultato a 81 SN (conteggio Silso) che porta la media mensile a 39,88 SN Il conteggio del Layman’s Sunspot Number (gestito da Geoff Sharp), nella giornata di ieri 24 marzo è risultato di 43 SN che porta la media mensile a 18 SN Alle ore 18.00 UTC, il Disco Solare visibile dalla Terra presentava 7 regioni attive (in risoluzione 2K da immagini SDO) e 2 nuove in formazione (cerchiate di bianco): Regione Attiva 2303 Regione Attiva 2305 Regione Attiva 2307 Regione Attiva 2308 Regione Attiva 2310 Regione Attiva 2312 Regione Attiva 2313 L’indice K in questo momento risulta a 3 mentre l’indice A 12 Il flusso degli Raggi X in questo momento risulta di Classe B a 9.1 La componente BZ a -0.0 I Solar Flare scaturiti nella giornata di oggi 25 marzo: Active region Begin, UT Max, UT End, UT Flare of class... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 19 MARZO marzo 21, 2015 2:06 am

Attività solare che è stata a livelli bassi, 2 deboli C flares si sono registrati. La regione 2297 ci saluta, la ricorderemo sicuramente perchè in parte è stata l’artefice della CME, che poi ha dato origine alla tempesta geomagnetica più forte del ciclo 24. E’ stata una regione anche molto attiva, che ha prodotto 23 M flares e un X flare, il bello è che nessuno di questi eventi ha portato poi alla tempesta geomagnetica. Protagonista di ciò un lungo flare di classe C 9.1. La segue la 2302, che è comparsa troppo tardi. L’unica superstite rimane la 2303 nel nord emisfero, che sarà accompagnata da una nuova regione in numerazione domani. Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:      5% Elenco dei flares del 19 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 18 MARZO marzo 20, 2015 1:05 am

Attività solare che è stata a livelli molto forti, 18 C flares si sono registrati (12 deboli, 4 medi e 2 forti). Ed ecco che la regione 2297 comincia a perdere forza, abbassando il suo livello magnetico a (Beta-Gamma), riducendo anche l’estensione di circa un 1/3. Si mantiene comunque attiva, con 6 dei 18 flares totali. La nuova regione 2302 è la protagonista di giornata, con gli altri 12 flares, e ha una configurazione magnetica (Beta-Gamma). Avrà vita breve, perchè è comparsa nel bordo occidentale, e girerà nel non visibile assieme alla 2297 entro Sabato. La tempesta geomagnetica è andava avanti tutto il giorno, dove si è raggiunto un picco di 6 ore a K 6, e ben 15 con K a 5, questa volta le aurore si sono formate ad alte latitudini, come è normale che sia. K index  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Visibile, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:     10% Elenco dei flares del 18 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 17 MARZO marzo 19, 2015 1:36 am

Attività solare che è stata a livelli bassi, 3 flares si sono registrati, di cui 1 M e 2 C deboli. Non cambiano le caratteristiche sia magnetiche che di estensione della regione 2297,che entro il week-end sarà girata nel non visibile. Due nuove regioni riportano attivo l’emisfero nord, verranno numerate domani. Ma la regione 2297 va ringraziata per la sua presenza, perchè ci ha regalato 24 ore di pura follia, a causa di una CME prodotta il 15 Marzo, di lunga durata 125 minuti, e che ha permesso la fuoriuscita di tanto materiale, che poi si è diretto verso la magnetosfera terrestre. Nello stesso tempo la connessione con un enorme buco coronale, presente nel sud emisfero, ha amplificato il fenomeno precedente, e il risultato è stato un duro attacco del vento solare verso la Terra. L’indice geomagnetico ha quindi avuto un picco altissimo, portandosi ad un valore record per il ciclo 24, con ben 9 ore alternate con un valore di K a 8, le restanti si sono suddivise in 3 ore con K a 7, 6 ore con K a 6, ed 1 ora con K a 5. Un valore così alto viene classificato come tempesta severa (G4), che... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 16 MARZO marzo 18, 2015 1:49 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 7 flares si sono registrati, di cui 1 M e 6 C (4 deboli, 1 medio e 1 forte). La regione 2297 continua a rimanere fortemente instabile, e più o meno con la stessa estensione. Autrice di tutti i flares di giornata, dove il più forte è stato un M1.6 durato 38 minuti. Il flusso di protoni si è mantenuto vicino alla soglia di tempesta di radiazione debole (S1), per poi cominciare a calare entro fine giornata. Ancora una volta rimane una sola regione a tenere attivo il sole, mentre l’emisfero nord prosegue la sua fase spotless alternata, questo è il 2° giorno consecutivo. M1.6   Proton flux  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 16 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 15 MARZO marzo 17, 2015 1:46 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 9 flares si sono registrati, di cui 2 M e 7 C (5 deboli, 1 medio e 1 forte). La regione 2297 rimane stabile sia a livello magnetico che come estensione. Autrice di un C flare (C 9.1)  davvero di lunga durata (125 minuti), e che ha generato una CME, che dovrebbe colpire la nostra magnetosfera entro metà settimana. Tutte le altre regioni rimangono stabili. Il lungo flare ha aumentato anche il flusso di protoni, che si è portato appena sotto la soglia di tempesta debole (S1). C 9.1 Proton flux Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa AR 2297, video di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 15 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 14 MARZO marzo 15, 2015 23:46 pm

Attività solare che è stata a livelli forti, 13 flares si sono registrati, di cui 1 M e 12 C (11 deboli, e 1 medio). La regione 2297 rimane dello stesso livello magnetico (Beta-Gamma -Delta), ma riduce di circa 1/3 la sua estensione. E’ la protagonista di tutti i flares di giornata, il più forte un M1.3 durato 31 minuti. Tutte le altre regioni rimangono stabili. Ritorna ancora spotless l’emisfero nord. Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile 1, foto di Mirko Pizzaballa  Visibile 2, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 14 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C2.3 2297 01:44:00 01:53:00 02:06:00 Flare of class C1.3 2297 04:04:00 04:10:00 04:17:00 Flare of class M1.3 2297 04:23:00 04:40:00... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 13 MARZO marzo 15, 2015 1:30 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 8 flares si sono registrati, di cui 2 M e 6 C (4 deboli, e 2 medi). La regione 2297 ormai fronte Terra, continua ad avere una intensa fase eruttiva, ma non forte come nei giorni passati. Mantiene un livello magnetico (Beta-Gamma-Delta), mentre la superficie è due volte e mezzo la Terra. Nel frattempo l’emisfero sud sforna un’altra regione, la 2301, portando il totale a 4 per emisfero. Una macchiolina nel nord emisfero, interrompe la fase spotless nell’emisfero nord, ha preso il numero 2300. M 1.8  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 13 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 12 MARZO marzo 14, 2015 1:34 am

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 5 M e 10 C (4 deboli, 4 medi e 2 forti). Prosegue l’intensa fase eruttiva della regione 2297, con altri M flares ma tutti impulsivi. Ormai è fronte terra, e le caratteristiche magnetiche rimangono invariate (Beta-Gamma-Delta). Si sta dimostrando una delle regioni più attive del ciclo 24 in termini di flares., e questo sta avvenendo dopo che il massimo dell’emisfero sud (picco mensile) è finito da oltre un anno, sintomo che il sole di energia ne ha quante ne vuole, e in qualsiasi momento. Sono apparse due nuove regioni nell’emisfero sud, ed hanno preso i numeri 2298 e 2299, con la seconda, che si presenta subito con un C 7.1. Emisfero nord ancora spotless, al 5° giorno consecutivo. AR 2297  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa  Visibile, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 12 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 11 MARZO marzo 13, 2015 1:02 am

Attività solare che è stata a livelli molto forti, 18 flares si sono registrati, di cui 1 X, 3 M e 14 C (9 deboli, 4 medi e 1 forte). Era nell’aria l’X flare, troppo attiva stava diventando la regione 2297, ed infatti nel pomeriggio ha generato un X 2.2, evento di tipo impulsivo durato 18 minuti. Si tratta del flare più forte degli ultimi 4 mesi e mezzo, quando la regione monster (2192) produsse un X 3.1. Ma anche questo è di un certo livello, dato che entra nella top 10 dei flares più forti del ciclo 24, posizionandosi al 9° posto. E’ anche il primo X flare del 2015. La regione mantiene una struttura magnetica (Beta-Gamma-Delta), e ha le dimensioni di almeno 2 volte la Terra. Entro domani sarà fronte Terra, e vista la forte instabilità magnetica, una buona parte degli eventi andrà ad influenzare il vento solare. X2.2 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Sviluppo AR 2297, video di Mirko Pizzaballa Sole-Ca-K, foto di Luigi Manganotti Sole H-alfa, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    60% Possibilità di flares classe X:  ... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 10 MARZO marzo 12, 2015 0:10 am

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 2 M e 13 C (11 deboli e 2 medi). Giornata fotocopia a quella di ieri, con una protagonista assoluta, la regione 2297. Resta con la stessa configurazione magnetica (Beta-Gamma-Delta), aumentando leggermente le dimensioni. Ancora un volta sono 2 gli M flares di giornata, entrambi impulsivi, il primo un M5.1  durato 9 minuti, e un M2.9 durato 20 minuti. Non si sono prodotte CME. Nei prossimi giorni si posizionerà sempre più fronte Terra, gli skywatchers potrebbero avere belle sorprese. M5.1  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    60% Possibilità di flares classe X:     15% Elenco dei flares del 10 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class M5.1 2297 03:19:00 03:24:00 03:28:00 Flare of class... Mostra articolo

» Pubblicato da