Tag Archive : ciclo 24

Terzo Giorno Spotless Consecutivo… Sempre più Vicini al Collasso Magnetico! gennaio 4, 2017 19:59 pm

Di Enzo Ragusa Con oggi sono 3 i giorni spotless da inizio 2017 che sommati ai 26 giorni del 2016 diventano 29 i giorni da quando è iniziata la fase discendente del ciclo 24, (massimo solare avvenuto in aprile 2014). In questo caso prendiamo come riferimento i dati ufficiali del SIDC. Per questo motivo man mano che passeranno i giorni e saremo diretti verso il minimo solare, vedremo sempre più giornate senza macchie solari. Se diamo anche uno sguardo al conteggio del Laymans Sunspot Count, cioè il conteggio che rispecchia quasi fedelmente quello dei secoli passati, (dove ne diamo quotidianamente informazione nella nostra rubrica del nowcasting) i giorni senza macchie solari sono 4 dall’inizio del 2017 che sommati a quelli del 2016 diventano ben 98. Il minimo solare avanza molto velocemente e il sole è sempre più debole, dove ci porterà? Certamente ad un minimo molto profondo della durata di qualche anno, quanti? Difficile dirlo, penso però almeno 2/3 anni e poi tutti con gli occhi puntati ad osservare l’inizio del ciclo 25, sempre se ne avrà la forza magnetica! Anche oggi l’immagine inviata dalla Sonda SDO della NASA è deprimente….   L’immagine del disco solare inviata dalla sonda SDO (Solar Dynamics Observatory) della... Mostra articolo

» Pubblicato da
Di Nuovo…. Il Sole Ancora in Bianco novembre 19, 2016 21:18 pm

Di Enzo Ragusa   … Di nuovo, è accaduto ancora, il sole ancora una volta nella giornata di oggi si presenta ai nostri occhi in bianco… ancora una volta senza macchie! Sappiamo per certo che il sole ha superato la sua fase di massimo e si sta dirigendo spedito verso il minimo, ma a conclusione di questo ciclo 24 mancano ancora molti anni, almeno 3/4 per poi affrontare la lunga fase di profondo minimo. In questa situazione, il sole che fin d’ora risulta molto debole, ma che in futuro lo sarà ancora di più, prevedo un periodo molto lungo con moltissimi giorni senza macchie. E quindi presumibile attendersi nei prossimi anni che vengano stabiliti nuovi record!   Immagine inviata dalla Sonda SDO della NASA   Il Solar Flux alle ore 17,00 risultava a 76.8, molto debole, mentre gli X-ray risultano di classe A a 7.1 deboli Vento solare che soffia a 316.5 sotto media, mentre l’indice K risulta a 1   Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
Macchie Solari: Livello Più Basso da 5 Anni novembre 17, 2016 20:00 pm

Il sole è rimasto notevolmente vuoto nell’ultimo periodo, con la formazione di poche macchie solari sulla superficie solare. Questo è un chiaro segnale che il minimo solare è in arrivo. In effetti, i conteggi delle macchie solari hanno appena raggiunto il loro livello più basso dal 2011.   Nel grafico l’andamento delle macchie solari degli ultimi 2 cicli solari 23 e 24 e il periodo dove ci troviamo attualmente cerchiato di colore giallo.    Il ciclo solare agisce come un pendolo, oscillando su e giù nel periodo tra alta e bassa attività solare della durata di circa 11 anni. Questi dati forniti da NOAA mostrano che il pendolo si sta dirigendo verso il minimo più velocemente del previsto. (La linea rossa la previsione, la linea nera le misurazioni reali). Data la diminuzione attualmente molto veloce, gli esperti prevedono un minimo solare molto profondo a partire dal 2019-2020. Inoltre con la diminuzione dell’attività solare diminuisce la radiazione ultravioletta estrema del sole, nel frattempo l’atmosfera superiore della Terra si raffredda e collassa. Questo permette ai detriti spaziali di accumularsi intorno al nostro pianeta. Inoltre, l’eliosfera si restringe, portando lo spazio interstellare più vicino alla Terra; I raggi cosmici galattici penetrano nel sistema solare interno trasportandoli nella nostra atmosfera con relativa facilità. Fonte: Space Weather Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
Crollo dell’attività solare nell’ultimo mese! Forse un forte monito al possibile collasso magnetico? luglio 7, 2016 20:37 pm

La presenza delle macchie sulla fotosfera solare, nel mese di giugno, contrariamente alle previsioni di NOAA-SWPC di circa 40 ssn (sunspot number), sono scese nell’ultimo mese a 20,9 ssn. Un crollo di circa 20 punti rispetto alle previsioni, e di oltre 30 punti rispetto al mese di maggio. Una caduta davvero considerevole!   L’andamento del ciclo 24 e le previsioni future. Grafico per gentile concessione del NOAA Anche il flusso solare (SFU), indice correlato alla presenza delle macchie solari, ha subito la stessa sorte con un calo netto di oltre 10 punti rispetto al mese precedente, chiudendo la media di giugno a 81.9 rispetto al mese precedente 93. Ma cosa sta accadendo alla nostra stella? Probabilmente quello che abbiamo iniziato a dire molti anni fa, e cioè che il ciclo 24 è destinato a diventare il primo di una serie di cicli molto deboli sta per prendere forma. Qualche settimana fa uno degli esperti solari più famosi al mondo, Leif Svalgaard, ha affermato che il prossimo ciclo 25 sarà della stessa forza del ciclo attuale, avvicinandoci così molto al minimo di Dalton. Altri esperti si rifanno ad un super minimo in stile Maunder per alcune peculiarità che sta assumendo il ciclo... Mostra articolo

» Pubblicato da
L’Inverno 2016 / 17 e quello 1984 / 85 – Ipotesi di similarità in ambito fantameteorologico giugno 27, 2016 7:00 am

  In questo video si traccia la possibilità che la prossima stagione invernale possa ricalcare quella memorabile del 1985 sia in Nord America che nel Continente Europeo, questo secondo le ultime previsioni elaborate dal meteorologo Statunitense Joe Bastardi – “Cold and Snowy Winter” Video by Mauri Sesler: Youtube Channel  

» Pubblicato da
PROIEZIONI CICLO SOLARE 25 gennaio 29, 2016 18:54 pm

E’ iniziato il calo delle macchie solari del ciclo 24. Questo è il primo indizio che il sole emetterà meno vento solare, mentre i raggi cosmici in entrata sulla Terra, come vediamo dal grafico sotto, nel 2015 sono risultati in aumento e aumenteranno ancor più nei prossimi anni. Da questo aumento dei raggi cosmici ne avremo come risposta un aumento considerevole di nuvole, quindi con maggior riflessione dei raggi solari verso lo spazio, che contribuiranno alla fase di raffreddamento della temperatura a livello globale e ad un aumento delle piogge, e dove ve ne saranno le condizioni anche di neve. Il grafico rappresenta l’andamento delle macchie solari a partire dal 1650, con la proiezione del ciclo solare 24 (che ormai ha superato il massimo) e il futuro ciclo solare 25. Direi che la serie di forti cicli inanellata nel XX secolo è giunta al suo termine, quindi ci attende un periodo molto lungo di cicli a basso regime di macchie solari. Abbiamo iniziato la discesa del ciclo 24… La situazione non potrà far altro che peggiorare nei prossimi anni. Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
NOVEMBRE 2015: L’ATTIVITA’ DELLE MACCHIE SOLARI RESTA LA PIU’ DEBOLE DAL 1800, DAL MINIMO DI DALTON dicembre 17, 2015 20:00 pm

Con P. Gosselin 16 Dicembre 2015 IL SOLE A NOVEMBRE 2015 Di Frank Bosse e Fritz Vahrenholt Nel mese di novembre l’attività solare è rimasta ancora una volta sotto la media di riferimento per quanto riguarda l’84° mese dall’inizio del ciclo solare 24, che ha avuto inizio nel dicembre 2008, risultando con il numero di macchie solari (SSN) di 63.2, il 72% inferiore alla media di tutti i 23 cicli precedenti. Ricordiamo che le osservazioni dei cicli solari sono iniziate nel 1755. Figura 1: Il ciclo solare (SC) 24 (linea rossa) rispetto ai cicli medi (linea blu) dei 23 cicli precedenti. Il ciclo in corso più o meno nell’ultimo anno è molto simile al ciclo solare 5 (linea nera), che si è verificato nel periodo 1798-1810.   Il grafico che segue è il confronto fra tutti i cicli per il mese 84: Figura 2: Le anomalie mensili accumulate del valore medio (curva blu nella Figura 1) per tutti i cicli.   L’attuale ciclo solare è il più debole rispetto ai cicli precedenti dal ciclo solare 18 (1945). Le previsioni di un ciclo solare 24 molto attivo, diramate anni fa, si possono ritenere chiuse visto l’attività in affievolimento nei prossimi anni. Attualmente stiamo attraversando il periodo... Mostra articolo

» Pubblicato da
SOLE SENZA MACCHIE NELLA GIORNATA DI IERI PER IL METODO DEL LAYMAN’S luglio 24, 2015 12:10 pm

Arrivato nella giornata di ieri ancora l’ennesimo giorno spotless (disco solare visibile senza macchie) per il Layman’s, metodo di conteggio delle macchie solari portato avanti e gestito da Geoff Sharp, che adotta una linea il più possibile coerente con i conteggi del passato. Nel metodo del Layman’s le macchie solari per essere conteggiate hanno bisogno di almeno 23 pixels. Tutti i pixels in un’immagine digitale hanno una lettura RGB, che si divide in 3 separati canali, il Rosso (R), il Blu (B) ed il Verde (G), che può essere facilmente misurato e contato utilizzando un programma di grafica free chiamato GIMP. Per essere contata, una macchia deve avere almeno 23 pixels che ha una lettura nel Canale Verde (Green-G) da 0 a 70 per almeno 24 ore. Questo in breve lo standard fissato per il conteggio, che oggi ha permesso di ripercorrere i registri ed eliminare i pore conteggiati dagli enti ufficiali quali SWPC e SILSO. Il grafico sopra mette a confronto il dato di conteggio mensile che mostra i diversi metodi di conteggio. Il metodo NOAA partendo dal metodo Wolfer, non regolato con conteggio grezzo (NOAA non moltiplica per 0,6). Il SIDC utilizza la formula Wolfer (insieme con il fattore di scala Waldmeier) viziata nei periodi di elevato rapporto speck.... Mostra articolo

» Pubblicato da
IL SOLE SENZA MACCHIE aprile 30, 2015 11:40 am

Il Sole come si presenta oggi, senza macchie! Anche se il SILSO, ente ufficiale con sede in Belgio per la raccolta delle macchie solari, nella giornata di oggi 30 aprile da un conteggio di 11! Immagine di oggi 30 aprile 2015 inviata dalla Sonda SDO (Solar Dynamics Observatory). Un’immagine del nostro astro totalmente priva di macchie (spotless) che si è ripetuta molto all’inizio di questo ciclo 24, superando gli 800 giorni spotless. Ma a parte il conteggio che è comunque soggettivo, in base al metodo adottato e dall’esperienza di chi le cataloga, per il resto trovarsi con un sole spotless, non ha nulla di eccezionale, se consideriamo che dall’inizio del ciclo 24, dal lontano 2008, di giornate spotless se ne sono verificate più di 800. Se non fosse per un piccolo particolare… quello di aver da poco attraversato il massimo solare, portandoci in questo caso sì ad una situazione eccezionalmente debole che desta sempre più preoccupazione nel mondo della comunità scientifica. Ma come ormai sappiamo da molto tempo, questa situazione di mancanza delle macchie si manifesterà sempre più spesso nel tempo, il motivo è dovuto ad una fisiologica decadenza del ciclo, ma che, ad amplificare il fenomeno, possiamo aggiungerci la forte debolezza del ciclo solare 24.   Ma cosa ci possiamo attendere per i prossimi anni?  Il Sole... Mostra articolo

» Pubblicato da
SOLE SULLA VIA DELLO SPOTLESS aprile 29, 2015 23:01 pm

Il numero delle macchie solari sta precipitando velocemente verso lo spotless (zero macchie). Solo poche e piccole macchie sono visibili sul disco visibile del sole, e sono talmente piccole che si potrebbe avere serie difficoltà per trovarle in questa immagine del Sole, fotografata questa sera 29 aprile dalla Sonda SDO della NASA. Un sole senza quasi nessuna macchia presente, equivale ad avere quasi nessuna attività solare. Da qui se ne deduce che i raggi X del sole in uscita sono piatti, e in previsione il NOAA stima un modestissimo 1% la possibilità di forti flare solari nelle prossime 24 ore. Se il numero delle macchie solari continuerà a scendere, il sole potrebbe diventare completamente privo di macchie. Un sole senza macchie è un chiaro segnale che il Solar Max è terminando o quasi. Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 19 MARZO marzo 21, 2015 2:06 am

Attività solare che è stata a livelli bassi, 2 deboli C flares si sono registrati. La regione 2297 ci saluta, la ricorderemo sicuramente perchè in parte è stata l’artefice della CME, che poi ha dato origine alla tempesta geomagnetica più forte del ciclo 24. E’ stata una regione anche molto attiva, che ha prodotto 23 M flares e un X flare, il bello è che nessuno di questi eventi ha portato poi alla tempesta geomagnetica. Protagonista di ciò un lungo flare di classe C 9.1. La segue la 2302, che è comparsa troppo tardi. L’unica superstite rimane la 2303 nel nord emisfero, che sarà accompagnata da una nuova regione in numerazione domani. Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:      5% Elenco dei flares del 19 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 18 MARZO marzo 20, 2015 1:05 am

Attività solare che è stata a livelli molto forti, 18 C flares si sono registrati (12 deboli, 4 medi e 2 forti). Ed ecco che la regione 2297 comincia a perdere forza, abbassando il suo livello magnetico a (Beta-Gamma), riducendo anche l’estensione di circa un 1/3. Si mantiene comunque attiva, con 6 dei 18 flares totali. La nuova regione 2302 è la protagonista di giornata, con gli altri 12 flares, e ha una configurazione magnetica (Beta-Gamma). Avrà vita breve, perchè è comparsa nel bordo occidentale, e girerà nel non visibile assieme alla 2297 entro Sabato. La tempesta geomagnetica è andava avanti tutto il giorno, dove si è raggiunto un picco di 6 ore a K 6, e ben 15 con K a 5, questa volta le aurore si sono formate ad alte latitudini, come è normale che sia. K index  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Visibile, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:     10% Elenco dei flares del 18 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 17 MARZO marzo 19, 2015 1:36 am

Attività solare che è stata a livelli bassi, 3 flares si sono registrati, di cui 1 M e 2 C deboli. Non cambiano le caratteristiche sia magnetiche che di estensione della regione 2297,che entro il week-end sarà girata nel non visibile. Due nuove regioni riportano attivo l’emisfero nord, verranno numerate domani. Ma la regione 2297 va ringraziata per la sua presenza, perchè ci ha regalato 24 ore di pura follia, a causa di una CME prodotta il 15 Marzo, di lunga durata 125 minuti, e che ha permesso la fuoriuscita di tanto materiale, che poi si è diretto verso la magnetosfera terrestre. Nello stesso tempo la connessione con un enorme buco coronale, presente nel sud emisfero, ha amplificato il fenomeno precedente, e il risultato è stato un duro attacco del vento solare verso la Terra. L’indice geomagnetico ha quindi avuto un picco altissimo, portandosi ad un valore record per il ciclo 24, con ben 9 ore alternate con un valore di K a 8, le restanti si sono suddivise in 3 ore con K a 7, 6 ore con K a 6, ed 1 ora con K a 5. Un valore così alto viene classificato come tempesta severa (G4), che... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 16 MARZO marzo 18, 2015 1:49 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 7 flares si sono registrati, di cui 1 M e 6 C (4 deboli, 1 medio e 1 forte). La regione 2297 continua a rimanere fortemente instabile, e più o meno con la stessa estensione. Autrice di tutti i flares di giornata, dove il più forte è stato un M1.6 durato 38 minuti. Il flusso di protoni si è mantenuto vicino alla soglia di tempesta di radiazione debole (S1), per poi cominciare a calare entro fine giornata. Ancora una volta rimane una sola regione a tenere attivo il sole, mentre l’emisfero nord prosegue la sua fase spotless alternata, questo è il 2° giorno consecutivo. M1.6   Proton flux  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 16 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 15 MARZO marzo 17, 2015 1:46 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 9 flares si sono registrati, di cui 2 M e 7 C (5 deboli, 1 medio e 1 forte). La regione 2297 rimane stabile sia a livello magnetico che come estensione. Autrice di un C flare (C 9.1)  davvero di lunga durata (125 minuti), e che ha generato una CME, che dovrebbe colpire la nostra magnetosfera entro metà settimana. Tutte le altre regioni rimangono stabili. Il lungo flare ha aumentato anche il flusso di protoni, che si è portato appena sotto la soglia di tempesta debole (S1). C 9.1 Proton flux Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa AR 2297, video di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 15 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 14 MARZO marzo 15, 2015 23:46 pm

Attività solare che è stata a livelli forti, 13 flares si sono registrati, di cui 1 M e 12 C (11 deboli, e 1 medio). La regione 2297 rimane dello stesso livello magnetico (Beta-Gamma -Delta), ma riduce di circa 1/3 la sua estensione. E’ la protagonista di tutti i flares di giornata, il più forte un M1.3 durato 31 minuti. Tutte le altre regioni rimangono stabili. Ritorna ancora spotless l’emisfero nord. Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile 1, foto di Mirko Pizzaballa  Visibile 2, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 14 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C2.3 2297 01:44:00 01:53:00 02:06:00 Flare of class C1.3 2297 04:04:00 04:10:00 04:17:00 Flare of class M1.3 2297 04:23:00 04:40:00... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 13 MARZO marzo 15, 2015 1:30 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 8 flares si sono registrati, di cui 2 M e 6 C (4 deboli, e 2 medi). La regione 2297 ormai fronte Terra, continua ad avere una intensa fase eruttiva, ma non forte come nei giorni passati. Mantiene un livello magnetico (Beta-Gamma-Delta), mentre la superficie è due volte e mezzo la Terra. Nel frattempo l’emisfero sud sforna un’altra regione, la 2301, portando il totale a 4 per emisfero. Una macchiolina nel nord emisfero, interrompe la fase spotless nell’emisfero nord, ha preso il numero 2300. M 1.8  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 13 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 12 MARZO marzo 14, 2015 1:34 am

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 5 M e 10 C (4 deboli, 4 medi e 2 forti). Prosegue l’intensa fase eruttiva della regione 2297, con altri M flares ma tutti impulsivi. Ormai è fronte terra, e le caratteristiche magnetiche rimangono invariate (Beta-Gamma-Delta). Si sta dimostrando una delle regioni più attive del ciclo 24 in termini di flares., e questo sta avvenendo dopo che il massimo dell’emisfero sud (picco mensile) è finito da oltre un anno, sintomo che il sole di energia ne ha quante ne vuole, e in qualsiasi momento. Sono apparse due nuove regioni nell’emisfero sud, ed hanno preso i numeri 2298 e 2299, con la seconda, che si presenta subito con un C 7.1. Emisfero nord ancora spotless, al 5° giorno consecutivo. AR 2297  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa  Visibile, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 12 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 11 MARZO marzo 13, 2015 1:02 am

Attività solare che è stata a livelli molto forti, 18 flares si sono registrati, di cui 1 X, 3 M e 14 C (9 deboli, 4 medi e 1 forte). Era nell’aria l’X flare, troppo attiva stava diventando la regione 2297, ed infatti nel pomeriggio ha generato un X 2.2, evento di tipo impulsivo durato 18 minuti. Si tratta del flare più forte degli ultimi 4 mesi e mezzo, quando la regione monster (2192) produsse un X 3.1. Ma anche questo è di un certo livello, dato che entra nella top 10 dei flares più forti del ciclo 24, posizionandosi al 9° posto. E’ anche il primo X flare del 2015. La regione mantiene una struttura magnetica (Beta-Gamma-Delta), e ha le dimensioni di almeno 2 volte la Terra. Entro domani sarà fronte Terra, e vista la forte instabilità magnetica, una buona parte degli eventi andrà ad influenzare il vento solare. X2.2 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Sviluppo AR 2297, video di Mirko Pizzaballa Sole-Ca-K, foto di Luigi Manganotti Sole H-alfa, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    60% Possibilità di flares classe X:  ... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 10 MARZO marzo 12, 2015 0:10 am

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 2 M e 13 C (11 deboli e 2 medi). Giornata fotocopia a quella di ieri, con una protagonista assoluta, la regione 2297. Resta con la stessa configurazione magnetica (Beta-Gamma-Delta), aumentando leggermente le dimensioni. Ancora un volta sono 2 gli M flares di giornata, entrambi impulsivi, il primo un M5.1  durato 9 minuti, e un M2.9 durato 20 minuti. Non si sono prodotte CME. Nei prossimi giorni si posizionerà sempre più fronte Terra, gli skywatchers potrebbero avere belle sorprese. M5.1  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    60% Possibilità di flares classe X:     15% Elenco dei flares del 10 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class M5.1 2297 03:19:00 03:24:00 03:28:00 Flare of class... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 9 MARZO marzo 10, 2015 23:57 pm

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 2 M e 13 C (11 deboli, 1 medio e 1 forte) La regione 2297 dopo un giorno di stand-by, ritorna ancora più attiva, riuscendo a generare 12 dei 15 flares totali. Mantiene il livello magnetico (Beta-Gamma-Delta), e le stesse dimensioni. Il flare più forte di giornata è un M5.8 durato 43 minuti, preceduto da un M4.5 impulsivo, della durata di 15 minuti. Entrambi gli eventi non sono diretti verso la Terra. Emisfero nord al 3° giorno consecutivo spotless. M4.5 M5.8 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Composite Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:     10% Elenco dei flares del 9 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C1.1 2297 00:03:00 00:06:00 00:09:00 Flare of... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 8 MARZO marzo 9, 2015 22:50 pm

Attività solare che è stata a livelli bassi, 2 deboli C flares si sono registrati. La regione 2297 dopo l’exploit di 24 ore fa, si prende una giorno di “riposo”, generando solo 2 C flares. Si sviluppa a livello magnetico, raggiungendo la configurazione (Beta-Gamma-Delta), e plausibile che ritornerà a farsi sentire. Emisfero nord al 2° giorno consecutivo spotless (senza macchie). Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Sole H-alfa, foto di Luigi Manganotti  Visibile, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:     10% Elenco dei flares del 8 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C2.5 2297 09:09:00 09:25:00 09:37:00 Flare of class C1.1 2297 14:38:00 14:45:00 14:47:00 GOES X-RAY FLUX   Valore flusso solare misurato alle 20 UTC: 124.2 Valore flusso solare mensile: 127.9 Flusso solare... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 7 MARZO marzo 9, 2015 1:53 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 5 flares si sono registrati, di cui 1 M e 4 C deboli. La regione 2297 cresce ulteriormente di livello magnetico divenendo (Beta-Gamma), e riesce a produrre un M flare di una certa potenza, con picco massimo a M 9.2. Evento durato 73 minuti, ancora una volta il fenomeno ha superato l’ora, come è avvenuto anche negli altri M-flares generati dalla stessa regione. Si è prodotta anche una interessante CME (eruzione di massa coronale), con velocità di uscita pari a 704 km/s, ma vista la posizione della regione troppo defilata, non è diretta verso la Terra. Vedremo come si comporterà nei prossimi giorni… M 9.2  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Sole H-alfa, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    30% Possibilità di flares classe X:       5% Elenco dei flares del 7 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 6 MARZO marzo 7, 2015 23:51 pm

Attività solare che è stata a livelli moderati, 8 flares si sono registrati, di cui 2 M e 6 C deboli. La nuova regione entro domani prenderà il numero 2297, e a quanto pare ha deciso di emulare la 2290. Riesce a produrre altri 2 M flares, entrambi di livello superiore al primo della serie. Il più forte un M 3.1, durato 73 minuti, evidentemente questa regione ha caratteristiche diverse nel rilascio di energia accumulata, rispetto alle altre che l’hanno preceduta. Perchè anche il 2° flare di giornata un M 1.5 è durato ben 93 minuti. Al momento ha solo una configurazione magnetica semplice (Beta), ma presto cambierà, la durata dei flares, è un segno di forte instabilità. Rimasta la sola attiva nel visibile, dato che ha prodotto tutti i flares di giornta, avrà tutti i riflettori puntati addosso. M 3.1  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    10% Possibilità di flares classe X:       1% Elenco dei flares del 6 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare,... Mostra articolo

» Pubblicato da