Tag Archive : cicli solari

L’attuale ciclo solare si dissolve e continua a risultare il più debole da 200 anni a questa parte… Probabilmente anticipa il raffreddamento globale! ottobre 24, 2016 20:00 pm

Di P. Gosselin 18 Ottobre 2016 Il Sole nel mese di Settembre 2016 Di Frank Bosse e il Prof. Fritz Vahrenholt (Tradotto e curato da P. Gosselin) Anche per quanto riguarda il mese di settembre il sole è rimasto relativamente inattivo. Il numero delle macchie solari osservate (SSN) è stato di 44,7, che è rimasto attivo solo per il 64% rispetto alla media dei precedenti 23 cicli osservati. Un ciclo solare medio ha una durata di circa 11 anni. Il ciclo attuale, il numero 24, è rappresentato dalla curva rossa nel seguente grafico sotto:   Figura 1: L’attuale ciclo solare 24 è mostrato di colore rosso. La media dei precedenti 23 cicli sono indicati dalla curva di colore blu. La curva di colore nero rappresenta il ciclo solare 5, che ha un comportamento simile al ciclo corrente 24.   Quello che emerge è che gli ultimi 18 mesi di attività del ciclo solare 24 è stato costantemente più debole rispetto allo stesso periodo del ciclo solare 5, che ha inaugurato il periodo del minimo di Dalton con inizio nel 1795. Che cosa possiamo dire circa l’imminente arrivo del ciclo solare 25, che dovrebbe iniziare intorno al 2020? Il mese prossimo controlleremo... Mostra articolo

» Pubblicato da
Clima: quale futuro? Gli scenari possibili ottobre 19, 2016 7:00 am

Abbiamo parlato più volte del Clima, di cosa lo influenza e di quali siano le “tempistiche” (almeno 30-40 anni) per vederlo realmente cambiare ed essere sicuri che il cambiamento osservato sia permanente e non temporaneo. Ciò nonostante, anche osservando un reale cambiamento, finché il “ciclo climatico” non si ripete in tutta la sua interezza, non si può ancora affermare che il cambiamento osservati sia stato permanente. In pratica, è quasi impossibile alterare permanentemente il clima del nostro pianeta. Detto questo, proviamo a dare uno sguardo al futuro… e a cosa esso ci potrebbe riservare. Prima, però, partiamo dal riassumere qualche concetto di base: Nell’emisfero nord abbiamo un 61% di acqua e 39% di terre emerse. (Rapporto 1.5:1) Nell’emisfero sud abbiamo un 81% di acqua e 19% di terre emerse. (Rapporto 4:1) Approfondimento: Genesi di una glaciazione! Il Polo Nord si trova al centro dell’Oceano Artico, chiuso tra i continenti Nord America ed Asia. La circolazione oceanica avviene unicamente attraverso lo Stretto di Bering, il Mare del Nord e il Canale del Labrador. Il Polo Sud si trova sul Continente Antartico, circondato da una corrente marina superficiale molto fredda e potente che isola l’intero continente dal resto del mondo. L’andamento della... Mostra articolo

» Pubblicato da
Il Pakistan e il Raffreddamento Globale febbraio 29, 2016 7:00 am

 

» Pubblicato da
Grandi implicazioni! Studio mostra dominanza sul Clima da parte di un Ciclo Solare di 200 anni… il Raffreddamento del 21esimo Secolo! settembre 9, 2015 7:00 am

Di Pierre L. Gosselin – NoTricksZone (Germania) http://notrickszone.com/2015/09/06/huge-implications-study-shows-climate-dominance-of-200-year-solar-cycle-cooling-21st-century/ Traduzione a cura di Mauri Sesler (scientific translator) La sorpresa in questo caso è assai modesta: un nuovo studio pubblicato dalla rivista Climate of the Past arriva a dimostrare come in realtà i cicli solari giochino un ruolo dominante sul cambiamento climatico. Ho già trattato questo argomento in precedenza, disponibile qui. Qui di seguito la prima pagina dello studio: Contrariamente a ciò che ci viene raccontato dalla scienza popolare del giorno d’oggi, questo nuovo lavoro di ricerca ci avverte che dobbiamo essere preoccupati per il raffreddamento che si verificherà nei prossimi 65 anni… probabilmente anche ai livelli del 1870! L’estratto (il grassetto l’ho aggiunto io): “Un gran numero di ricerche paleo-climatiche hanno notato l’influenza di una oscillazione di 200 anni che è stata correlata al ciclo De Vries / Suess di attività solare. Dato che tali studi riguardavano per lo più circostanze climatiche locali, abbiamo utilizzato ampi gruppi di valori indicativi dell’emisfero settentrionale di Büntgen e di Christiansen / Ljungqvist insieme ad un insieme di anelli di tronco d’albero dell’emisfero meridionale, tutti con una risoluzione temporale di 1 anno, per analizzare l’influenza sul clima da parte del ciclo solare. Poiché vi è... Mostra articolo

» Pubblicato da
ANNO 2015: LA SVOLTA! RAFFREDDAMENTO IN CORSO??? giugno 3, 2015 16:21 pm

In un passato (anni ’70) ormai lontano, gli scienziati hanno dovuto affrontare le incognite di un raffreddamento evidente a livello mondiale. Poi, dopo qualche anno, le temperature hanno ripreso a salire. Ma studi scientifici dell’epoca, supportati da prove di laboratorio e modelli previsionali (all’epoca) all’avanguardia, dimostrarono che una “nuova era glaciale”, o qualcosa di simile, sarebbe iniziata da lì a 50 anni circa. E le cause, che all’epoca sembravano fantascientifiche, erano evidenti prima di tutto in una serie di cicli solari e astronomici che oggi in pochi vanno a considerare. Con il passare degli anni, poi, le tecniche previsionali sono state affinate e la potenza degli elaboratori è cresciuta di alcuni ordini di grandezza. Oggi, grazie ai moderni supercomputer, possiamo simulare in modo abbastanza preciso (ma, purtroppo, non perfetto) quella che è la realtà che ci circonda.Purtroppo, per una serie di cause che non staremo qui ad analizzare, l’opinione pubblica è stata informata, o meglio DISINFORMATA, in modo totalmente inverso. Quello che sin dall’inizio appariva come un periodo di raffreddamento, è stato propagandato come un periodo di riscaldamento. Per giunta la causa è stata individuata nelle attività umane e non in quella che è la causa principale: l’attività solare. Oggi,... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 19 MARZO marzo 21, 2015 2:06 am

Attività solare che è stata a livelli bassi, 2 deboli C flares si sono registrati. La regione 2297 ci saluta, la ricorderemo sicuramente perchè in parte è stata l’artefice della CME, che poi ha dato origine alla tempesta geomagnetica più forte del ciclo 24. E’ stata una regione anche molto attiva, che ha prodotto 23 M flares e un X flare, il bello è che nessuno di questi eventi ha portato poi alla tempesta geomagnetica. Protagonista di ciò un lungo flare di classe C 9.1. La segue la 2302, che è comparsa troppo tardi. L’unica superstite rimane la 2303 nel nord emisfero, che sarà accompagnata da una nuova regione in numerazione domani. Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:      5% Elenco dei flares del 19 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 18 MARZO marzo 20, 2015 1:05 am

Attività solare che è stata a livelli molto forti, 18 C flares si sono registrati (12 deboli, 4 medi e 2 forti). Ed ecco che la regione 2297 comincia a perdere forza, abbassando il suo livello magnetico a (Beta-Gamma), riducendo anche l’estensione di circa un 1/3. Si mantiene comunque attiva, con 6 dei 18 flares totali. La nuova regione 2302 è la protagonista di giornata, con gli altri 12 flares, e ha una configurazione magnetica (Beta-Gamma). Avrà vita breve, perchè è comparsa nel bordo occidentale, e girerà nel non visibile assieme alla 2297 entro Sabato. La tempesta geomagnetica è andava avanti tutto il giorno, dove si è raggiunto un picco di 6 ore a K 6, e ben 15 con K a 5, questa volta le aurore si sono formate ad alte latitudini, come è normale che sia. K index  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Visibile, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:     10% Elenco dei flares del 18 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 17 MARZO marzo 19, 2015 1:36 am

Attività solare che è stata a livelli bassi, 3 flares si sono registrati, di cui 1 M e 2 C deboli. Non cambiano le caratteristiche sia magnetiche che di estensione della regione 2297,che entro il week-end sarà girata nel non visibile. Due nuove regioni riportano attivo l’emisfero nord, verranno numerate domani. Ma la regione 2297 va ringraziata per la sua presenza, perchè ci ha regalato 24 ore di pura follia, a causa di una CME prodotta il 15 Marzo, di lunga durata 125 minuti, e che ha permesso la fuoriuscita di tanto materiale, che poi si è diretto verso la magnetosfera terrestre. Nello stesso tempo la connessione con un enorme buco coronale, presente nel sud emisfero, ha amplificato il fenomeno precedente, e il risultato è stato un duro attacco del vento solare verso la Terra. L’indice geomagnetico ha quindi avuto un picco altissimo, portandosi ad un valore record per il ciclo 24, con ben 9 ore alternate con un valore di K a 8, le restanti si sono suddivise in 3 ore con K a 7, 6 ore con K a 6, ed 1 ora con K a 5. Un valore così alto viene classificato come tempesta severa (G4), che... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 16 MARZO marzo 18, 2015 1:49 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 7 flares si sono registrati, di cui 1 M e 6 C (4 deboli, 1 medio e 1 forte). La regione 2297 continua a rimanere fortemente instabile, e più o meno con la stessa estensione. Autrice di tutti i flares di giornata, dove il più forte è stato un M1.6 durato 38 minuti. Il flusso di protoni si è mantenuto vicino alla soglia di tempesta di radiazione debole (S1), per poi cominciare a calare entro fine giornata. Ancora una volta rimane una sola regione a tenere attivo il sole, mentre l’emisfero nord prosegue la sua fase spotless alternata, questo è il 2° giorno consecutivo. M1.6   Proton flux  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 16 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 15 MARZO marzo 17, 2015 1:46 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 9 flares si sono registrati, di cui 2 M e 7 C (5 deboli, 1 medio e 1 forte). La regione 2297 rimane stabile sia a livello magnetico che come estensione. Autrice di un C flare (C 9.1)  davvero di lunga durata (125 minuti), e che ha generato una CME, che dovrebbe colpire la nostra magnetosfera entro metà settimana. Tutte le altre regioni rimangono stabili. Il lungo flare ha aumentato anche il flusso di protoni, che si è portato appena sotto la soglia di tempesta debole (S1). C 9.1 Proton flux Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa AR 2297, video di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 15 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 14 MARZO marzo 15, 2015 23:46 pm

Attività solare che è stata a livelli forti, 13 flares si sono registrati, di cui 1 M e 12 C (11 deboli, e 1 medio). La regione 2297 rimane dello stesso livello magnetico (Beta-Gamma -Delta), ma riduce di circa 1/3 la sua estensione. E’ la protagonista di tutti i flares di giornata, il più forte un M1.3 durato 31 minuti. Tutte le altre regioni rimangono stabili. Ritorna ancora spotless l’emisfero nord. Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile 1, foto di Mirko Pizzaballa  Visibile 2, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 14 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C2.3 2297 01:44:00 01:53:00 02:06:00 Flare of class C1.3 2297 04:04:00 04:10:00 04:17:00 Flare of class M1.3 2297 04:23:00 04:40:00... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 13 MARZO marzo 15, 2015 1:30 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 8 flares si sono registrati, di cui 2 M e 6 C (4 deboli, e 2 medi). La regione 2297 ormai fronte Terra, continua ad avere una intensa fase eruttiva, ma non forte come nei giorni passati. Mantiene un livello magnetico (Beta-Gamma-Delta), mentre la superficie è due volte e mezzo la Terra. Nel frattempo l’emisfero sud sforna un’altra regione, la 2301, portando il totale a 4 per emisfero. Una macchiolina nel nord emisfero, interrompe la fase spotless nell’emisfero nord, ha preso il numero 2300. M 1.8  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 13 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 12 MARZO marzo 14, 2015 1:34 am

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 5 M e 10 C (4 deboli, 4 medi e 2 forti). Prosegue l’intensa fase eruttiva della regione 2297, con altri M flares ma tutti impulsivi. Ormai è fronte terra, e le caratteristiche magnetiche rimangono invariate (Beta-Gamma-Delta). Si sta dimostrando una delle regioni più attive del ciclo 24 in termini di flares., e questo sta avvenendo dopo che il massimo dell’emisfero sud (picco mensile) è finito da oltre un anno, sintomo che il sole di energia ne ha quante ne vuole, e in qualsiasi momento. Sono apparse due nuove regioni nell’emisfero sud, ed hanno preso i numeri 2298 e 2299, con la seconda, che si presenta subito con un C 7.1. Emisfero nord ancora spotless, al 5° giorno consecutivo. AR 2297  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa  AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa  Visibile, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    70% Possibilità di flares classe X:     20% Elenco dei flares del 12 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 11 MARZO marzo 13, 2015 1:02 am

Attività solare che è stata a livelli molto forti, 18 flares si sono registrati, di cui 1 X, 3 M e 14 C (9 deboli, 4 medi e 1 forte). Era nell’aria l’X flare, troppo attiva stava diventando la regione 2297, ed infatti nel pomeriggio ha generato un X 2.2, evento di tipo impulsivo durato 18 minuti. Si tratta del flare più forte degli ultimi 4 mesi e mezzo, quando la regione monster (2192) produsse un X 3.1. Ma anche questo è di un certo livello, dato che entra nella top 10 dei flares più forti del ciclo 24, posizionandosi al 9° posto. E’ anche il primo X flare del 2015. La regione mantiene una struttura magnetica (Beta-Gamma-Delta), e ha le dimensioni di almeno 2 volte la Terra. Entro domani sarà fronte Terra, e vista la forte instabilità magnetica, una buona parte degli eventi andrà ad influenzare il vento solare. X2.2 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Visibile, foto di Mirko Pizzaballa AR 2297, foto di Mirko Pizzaballa Sviluppo AR 2297, video di Mirko Pizzaballa Sole-Ca-K, foto di Luigi Manganotti Sole H-alfa, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    60% Possibilità di flares classe X:  ... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 10 MARZO marzo 12, 2015 0:10 am

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 2 M e 13 C (11 deboli e 2 medi). Giornata fotocopia a quella di ieri, con una protagonista assoluta, la regione 2297. Resta con la stessa configurazione magnetica (Beta-Gamma-Delta), aumentando leggermente le dimensioni. Ancora un volta sono 2 gli M flares di giornata, entrambi impulsivi, il primo un M5.1  durato 9 minuti, e un M2.9 durato 20 minuti. Non si sono prodotte CME. Nei prossimi giorni si posizionerà sempre più fronte Terra, gli skywatchers potrebbero avere belle sorprese. M5.1  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    60% Possibilità di flares classe X:     15% Elenco dei flares del 10 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class M5.1 2297 03:19:00 03:24:00 03:28:00 Flare of class... Mostra articolo

» Pubblicato da
Tutto è relativo… marzo 11, 2015 8:41 am

Tutti gli eventi che contraddistinguono il clima e la geologia del nostro pianeta, ci appaiono come eventi ciclici. Ogni “tot” anni, decenni, secoli o millenni, tali eventi tendono a ripertersi più o meno nello stesso modo. Tra i tanti eventi ciclici che conosciamo, quello climatico è forse il più importante e negli ultimi anni è stato stravolto a tal punto da far nascere 2 diverse correnti di pensiero. La prima, la più “accreditata” scientificamente, sostiene che il futuro ci vedrà protagonisti di un pianeta soggetto ad un aumento della temperatura senza precedenti. Una temperatura che non è mai stata raggiunta prima d’ora e che comporterà l’inevitabile abbandono di lunghi tratti costieri a causa dell’innalzamento del livello del mare. Tutto questo a causa della quantità di CO2 presente in atmosfera, il cui aumento, in gran parte, è dovuto alle attività antropiche (umane). Da qui la famosa teoria del Riscaldamento Globale Antropogenico. La seconda, meno “accreditata” ma non per questo scientificamente errata (anzi!), viene portata avanti comunque da una marea di gente… scienziati e ricercatori di ogni ordine e grado…, i quali sostengono che il clima è CONDIZIONATO al 98% dall’attività solare, da almeno un 1% dalle attività geologiche e per un... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 9 MARZO marzo 10, 2015 23:57 pm

Attività solare che è stata a livelli forti, 15 flares si sono registrati, di cui 2 M e 13 C (11 deboli, 1 medio e 1 forte) La regione 2297 dopo un giorno di stand-by, ritorna ancora più attiva, riuscendo a generare 12 dei 15 flares totali. Mantiene il livello magnetico (Beta-Gamma-Delta), e le stesse dimensioni. Il flare più forte di giornata è un M5.8 durato 43 minuti, preceduto da un M4.5 impulsivo, della durata di 15 minuti. Entrambi gli eventi non sono diretti verso la Terra. Emisfero nord al 3° giorno consecutivo spotless. M4.5 M5.8 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Composite Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:     10% Elenco dei flares del 9 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C1.1 2297 00:03:00 00:06:00 00:09:00 Flare of... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 8 MARZO marzo 9, 2015 22:50 pm

Attività solare che è stata a livelli bassi, 2 deboli C flares si sono registrati. La regione 2297 dopo l’exploit di 24 ore fa, si prende una giorno di “riposo”, generando solo 2 C flares. Si sviluppa a livello magnetico, raggiungendo la configurazione (Beta-Gamma-Delta), e plausibile che ritornerà a farsi sentire. Emisfero nord al 2° giorno consecutivo spotless (senza macchie). Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram  Sole H-alfa, foto di Luigi Manganotti  Visibile, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    40% Possibilità di flares classe X:     10% Elenco dei flares del 8 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C2.5 2297 09:09:00 09:25:00 09:37:00 Flare of class C1.1 2297 14:38:00 14:45:00 14:47:00 GOES X-RAY FLUX   Valore flusso solare misurato alle 20 UTC: 124.2 Valore flusso solare mensile: 127.9 Flusso solare... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 7 MARZO marzo 9, 2015 1:53 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 5 flares si sono registrati, di cui 1 M e 4 C deboli. La regione 2297 cresce ulteriormente di livello magnetico divenendo (Beta-Gamma), e riesce a produrre un M flare di una certa potenza, con picco massimo a M 9.2. Evento durato 73 minuti, ancora una volta il fenomeno ha superato l’ora, come è avvenuto anche negli altri M-flares generati dalla stessa regione. Si è prodotta anche una interessante CME (eruzione di massa coronale), con velocità di uscita pari a 704 km/s, ma vista la posizione della regione troppo defilata, non è diretta verso la Terra. Vedremo come si comporterà nei prossimi giorni… M 9.2  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Sole H-alfa, foto di Luigi Manganotti Possibilità di flares classe M:    30% Possibilità di flares classe X:       5% Elenco dei flares del 7 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 6 MARZO marzo 7, 2015 23:51 pm

Attività solare che è stata a livelli moderati, 8 flares si sono registrati, di cui 2 M e 6 C deboli. La nuova regione entro domani prenderà il numero 2297, e a quanto pare ha deciso di emulare la 2290. Riesce a produrre altri 2 M flares, entrambi di livello superiore al primo della serie. Il più forte un M 3.1, durato 73 minuti, evidentemente questa regione ha caratteristiche diverse nel rilascio di energia accumulata, rispetto alle altre che l’hanno preceduta. Perchè anche il 2° flare di giornata un M 1.5 è durato ben 93 minuti. Al momento ha solo una configurazione magnetica semplice (Beta), ma presto cambierà, la durata dei flares, è un segno di forte instabilità. Rimasta la sola attiva nel visibile, dato che ha prodotto tutti i flares di giornta, avrà tutti i riflettori puntati addosso. M 3.1  Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    10% Possibilità di flares classe X:       1% Elenco dei flares del 6 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare,... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 5 MARZO marzo 6, 2015 23:14 pm

Attività solare che è stata a livelli moderati, 5 flares si sono registrati, di cui 1 M e 4 C (2 deboli e 2 medi). Via una dentro un’altra, la potenziale regione segnalata ieri, in arrivo dal behind, ha fatto capire che non bisogna mai dare per spacciata la nostra stella, anche in un periodo come questo. Non è stata ancora numerata, perchè è ancora nel settore non visibile, ma entro il week-end sarà fatto. Si è presentata con un M flare anche di lunga durata (80 minuti), rispetto ai precedenti di tipo impulsivo. L’unica regione rimasta nel visibile è la 2293, che resta di livello magnetico (Beta) capace anche di produrre un C 4.0. Tutti gli altri flares di giornata sono stati ad opera dell’autrice dell M. M 1.2 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    10% Possibilità di flares classe X:       1% Elenco dei flares del 5 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 4 MARZO marzo 6, 2015 0:31 am

Attività solare che è stata a livelli bassi, 3 deboli C flares si sono registrati. Passata l’euforia per la regione 2290, autrice di ben 5 M flares nelle ultime 48 ore, il sole ritorna al suo andamento lento. Le regioni 2292 e 2293 tengono accesa la fase eruttiva, anche se entro il week-end rimarrà solo la 2293, visto che l’altra girerà nel non visibile. I rinforzi arriveranno da sud da parte di una nuova regione che appare molto interessante, ma che ancora non si vede nel visibile. Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    15% Possibilità di flares classe X:       1% Elenco dei flares del 4 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0. Flare of class C1.0 2292 06:25:00 06:31:00 06:45:00 Flare of class C2.8 2292 09:44:00 10:39:00 10:50:00 Flare of... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 3 MARZO marzo 5, 2015 0:50 am

Attività solare che è stata a livelli moderati, 6 flares si sono registrati, di cui 1 M e 5 C (3 deboli e 2 medi). La regione 2290 non demorde, ed infligge un colpo decisamente a sorpresa, un M 8.2. Un flare di questo livello non si vedeva dal 20 Dicembre, quando ci fu anche l’ultimo X-flare (X 1.8). L’evento odierno è stato di tipo impulsivo, durando 17 minuti. E’ stato il suo ultimo “respiro” perchè anche la sonda GOES che rileva gli x-ray, ora è impossibilitata a registrare qualsiasi altra sua attività, vista l’entrata della regione nel settore invisibile. Fronte Terra la regione 2292 prova a tenere accesa ancora la fase eruttiva, seppur con una configurazione magnetica (Beta) di tipo semplice. La 2293 rimane stabile e inattiva. M 8.2 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:    25% Possibilità di flares classe X:       1% Elenco dei flares del 3 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO SOLARE 2 MARZO marzo 3, 2015 23:12 pm

Attività solare che è stata a livelli violenti, 18 flares si sono registrati, di cui 4 M e 14 C (10 deboli e 4 medi). Accelerazione come non si vedeva da diverso tempo, giornata campale per la regione 2290, che girando nel lato non visibile è come se fosse rinata. Nel giro di 24 ore riesce a produrre 4 M flares, e 15 C. Il più forte un M 4.1, che è anche il più forte dal 13 Gennaio (M 4.9). Tutti gli eventi non sono diretti verso la Terra, dato che la regione è troppo defilata. Le altre regioni nel visibile rimangono stabili. M 1.1 M 3.7 Immagine da SDO Continuum  Immagine da SDO Magnetogram Possibilità di flares classe M:     5% Possibilità di flares classe X:      1% Elenco dei flares del 2 Marzo:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato... Mostra articolo

» Pubblicato da