E IL SOLE?

Possiamo essere testimoni degli ultimi rantoli morenti del Sole prima di entrare in un lungo sonno. L’impatto di tale sonno sul clima della Terra rimarrà oggetto di crescente speculazione scientifica.

Di Jack Dini Mercoledì 6 Agosto 2014

Nel 2008 William Livingston e Matthew Penn della National Solar Observatory di Tucson, in un documento controverso, contraddicevano la saggezza convenzionale sconvolgendo le teorie del riscaldamento globale, prevedendo la scomparsa delle macchie solari più o meno dopo il 2015, che potrebbe indicare l’inizio di un’altra piccola era glaciale. Essi dichiararono: “Il verificarsi di periodi prolungati senza macchie solari è importante per lo studio del clima, dal momento che il minimo di Maunder corrispose al pari con le ridotte temperature medie globali sulla Terra.” Il minimo di Maunder durò per circa 70 anni dal 1645 al 1715, e venne caratterizzato da freddo pungente, diffusi cattivi raccolti e gravi perdite umane.(2)

In questi ultimi anni c’è stata una crescente evidenza nel sostenere questa supposizione che il riscaldamento globale è collegato con l’attività solare.

Nel 2011, tre articoli suggerirono che la Terra potrebbe essere indirizzata verso una nuova ‘piccola era glaciale’ con l’attività solare che scenderà ancora una volta.(3)

Gli effetti solari potrebbero portare ad una piccola era glaciale.

Altre ricerche hanno anche confermato che gli effetti solari potrebbero portare a piccole ere glaciali. Sarah Ineson e i suoi colleghi riportano nei loro studi che i cambiamenti nelle emissioni solari di radiazione ultravioletta, sono coincise con inverni freddi sull’Europa meridionale e in Canada tra il 2008 e il 2011.(4)

Katja Matthes e i colleghi riferiscono che le simulazioni con alcuni modelli climatici, utilizzando nuove osservazioni di vulnerabilità solare suggeriscono una sostanziale influenza del Sole sul clima invernale nell’emisfero settentrionale.(5)

Nel 2014 uno studio di alcuni scienziati cinesi, ha riportato che l’impatto di anidride carbonica sul cambiamento climatico potrebbe essere stato sovrastimato, dando all’attività solare una migliore spiegazione delle variazioni di temperatura della Terra. Il documento ha trovato “una forte correlazione tra attività solare e temperatura media della superficie della Terra nel corso dei secoli”, suggerendo che il cambiamento climatico è intimamente legato ai cicli solari, piuttosto che all’attività umana. Infatti, lo studio afferma che il “massimo moderno” un picco di attività solare, che è durata per gran parte del secolo scorso, è corrisposta molto bene con un aumento delle temperature globali.(6)

Alcuni scienziati russi prevedono una situazione ancora più drammatica. Essi prevedono una nuova piccola era glaciale che inizierà già dal 2014.(7)

Nel loro libro, The Sun Neglected, gli autori, Fritz Vahrenholt e Sebastian Luning prevedono che le temperature potrebbero scendere di due decimi di grado entro il 2030 a seguito di un Sole anemico, il che significherebbe un riscaldamento sempre più rinviato nel futuro.

Si noti che questi rapporti sono stilati da ricercatori di tutto il mondo.

Nick Hallet osserva, “La ricerca dimostra che l’attuale riscaldamento nei modelli dell’IPCC, sembrano sottovalutare l’impatto di fattori naturali sui cambiamenti climatici, mentre si sta sopravvalutando quella delle attività umane. L’attività solare è un ingrediente importante di forze motrici naturali del clima. Pertanto, rimane prezioso studiare l’influenza della variabilità solare sul clima della Terra su scale temporali lunghe.”(6)

Aggiungiamo a tutto questo un recente articolo che dice che il moderno grande massimo del Sole (che si è verificato durante i cicli solari 19-23, cioè, 1950-2009) è stato un evento raro o addirittura unico sia in ampiezza che in durata nei passati 3000 anni.'(8) Sfortunatamente, era oltre la portata di questo lavoro per affrontare l’impatto potenziale dell’attività solare sul clima. Eppure la ricostruzione lascia una grande domanda senza risposta; quale effetto ha il grande massimo sul clima della Terra? Come un ‘unico’ evento e ‘raro’ sia in termini di ampiezza e durata, si potrebbe pensare molto più tempo e sforzi sarebbero spesi dall’IPCC e altri, nel rispondere a questa domanda. Invece, come osservato in precedenza, gli scienziati dell’IPCC hanno condotto relativamente pochi studi di influenza del Sole sul riscaldamento moderno, ipotizzando che l’influenza della temperatura di questo raro e unico grande massimo di attività solare, che si è verificato solo una volta negli ultimi 3000 anni, è di gran lunga inferiore alla potenza radiante fornita dalla crescente concentrazione di CO2 dell’atmosfera terrestre.(9)

Lawrence Solomon riassume questo molto bene, “Il risultato per gli scienziati e leader mondiali dovrebbero essere chiari, soprattutto perché altri scienziati negli ultimi anni hanno pubblicato le analisi che indicano, inoltre, che il raffreddamento globale potrebbe essere sulla buona strada. Il clima può e deve cambiare verso periodi più freddi e più caldi. Nel corso degli ultimi 20 anni, circa 80 miliardi di dollari sono stati spesi per la ricerca dominata dal presupposto che le temperature globali aumenteranno a causa dell’uomo. Molta poca ricerca ha indagato sulle conseguenze di possibilità molto reali che le temperature in un prossimo futuro precipiteranno. La ricerca nel raffreddamento globale e le sue implicazioni per le multe sono attese da tempo.”(2)

References

1 “Sun has weakest solar max in over 200years,” the gwpf.org, December 16, 2013
2 Lawrence Solomon, “Chilling evidence,” financialpost.com, September 16, 2010
3 Lewis Page, “Earth may be headed into a mini ice age within a decade,” theregister.co.uk, June 14, 2011
4 Sarah Ineson et al., “Solar forcing of winter climate variability in the Northern Hemisphere,” Nature Geoscience, (2011), doi: 10.1038/ngeo1282
5 Katja Matthes et al., “Atmospheric science: solar cycle and climate predictions,” Nature Geoscience (2011), doi: 10.1038/ngeo1298
6 Nick Hallet, “Solar activity- not CO2- could cause global warming,” breitbart.com, July 29, 2014
7 Sebastian Luning and Fritz Vahrenholt, “Will the solar doldrums of the coming decades lead to cooling? A look at the latest scientific publications,” notrickszone.com, May 10, 2014
8 I. G. Usoskin et al., “Evidence for distinct modes of solar activity,” Astronomy and Astrophysics, 562: L10, doi: 10.1051/0004-6361/201423391
9 “A 3,000 year record of solar activity,” co2science.org, August 6, 2014

http://canadafreepress.com/index.php/print-friendly/65111

ENZO
ATTIVITA’ SOLARE

 

  • ^_^

     
  • Cristian
  • Michele Campani

    “Non può piovere per sempre… ad un certo punto comincerà a nevicare” (Il Corvo… spennato!)

     
  • Giovanna

    Siete fantastici ragazzi….grazie per il vostro impegno, impagabile, come sempre.
    A breve farò una donazione, ve la meritate tutta!!!!

     
  • tanto per dirne una ma questa estate in europa e’ moooolto strana

     
  • la foto mette i brividi , penso sia di quello che si pensa potesse essere l emisfero boreale negli inverni piu’ rigidi della PEG ( 1350-1860 )

     
  • aggiungo che sono stati fatti studi sui raggi cosmici la cui interazione nell’atmosfera forma nuvole ma i dati sono ancora sperimentali