Il sole si spegne di nuovo durante il ciclo solare più debole da più di un secolo

Di Paul Dorian

download
L’ultima immagine solare è completamente priva di macchie per la seconda volta in questo mese; image courtesy NASA

 

Panoramica

Per la seconda volta in questo mese, il sole è andato completamente in bianco. Il 4 giugno, il sole è rimasto completamente senza macchie solari per la prima volta dal 2011 e quella magia silenziosa è durata per circa 4 giorni. Le macchie solari sono poi riapparse nelle seguenti settimane anche se in modo sporadico, ma che ancora in questi giorni risultano ancora una volta completamente assenti dalla superficie del sole. Il sole in bianco è un segnale che il minimo solare prossimo si avvicina e ci sarà un numero crescente di giorni senza macchie nel corso dei prossimi anni. In un primo momento, la mancanza delle macchie si estenderà per pochi giorni alla volta, per poi continuare per settimane alla volta, e, infine, questa mancanza dovrebbe durare per mesi nel periodo in cui il ciclo delle macchie solari raggiungerà il suo punto più basso. La prossima fase di minimo solare è prevista circa nel 2019 o nel 2020.
L’attuale ciclo solare è il 24° dal 1755, quando una vasta registrazione di attività delle macchie solari è iniziata risultando il più debole in oltre un secolo con le macchie solari in minor numero dal ciclo 14 raggiunto nel febbraio 1906.

 

download 1
Il numero delle macchie solari per i cicli solari 22, 23 e 24, che mostrano una chiara tendenza all’indebolimento;
courtesy Dr. David Hathaway, NASA/MSFC

 

Il Ciclo Solare 24

Sono trascorsi attualmente più di sette anni dall’inizio nel ciclo solare 24 e sembra sia stato raggiunto il massimo solare di questo ciclo nell’aprile del 2014 durante il picco di attività (posizione corrente indicato dalla freccia).
Tornando al 1755, ci sono stati solo pochi cicli solari nei precedenti 23 che hanno avuto un minor numero di macchie solari durante la fase massima. Il picco di attività nell’aprile 2014 era in realtà un secondo picco del ciclo solare 24 che ha superato il livello del picco precedente avvenuto nel marzo 2012. Mentre molti cicli solari risultano con un doppio picco, questo è il primo in cui il secondo picco del numero di macchie solari è risultato più ampio del primo picco. Il grafico delle macchie solari (sopra) mostra un chiaro trend di indebolimento nei cicli solari dal ciclo solare 22 che ha raggiunto il suo picco circa nel 1990.

Mentre un ciclo solare debole suggerisce che le forti tempeste solari si verificano meno spesso di quanto avvenga durante i cicli più forti e più attivi, questo però non li esclude del tutto. In effetti, la famosa “super tempesta” conosciuta come l’evento di Carrington, avvenuto nel 1859, si è verificato nel corso di un ciclo solare debole (numero 10). Inoltre, vi è qualche evidenza che la maggior parte di grandi eventi come i forti brillamenti solari e le significative tempeste geomagnetiche
tendono a verificarsi nella fase calante del ciclo solare. In altre parole, ci sono ancora delle possibilità per una significativa attività solare nei mesi e anni a venire. L’ultima fase di minimo solare è durata dal 2007 al 2009 ed è stato storicamente debole. In effetti, ha prodotto tre degli anni più immacolati sul sole a partire dalla metà del 1800 (grafico a barre in basso).

 

download 2
La classifica top dei giorni “sunspotless” dal 1849; l’ultima fase di minimo solare ha prodotto 3 di questi anni

 
Le conseguenze di un minimo solare

Contrariamente alle credenze popolari, un minimo solare non è solo un periodo di completa quiete e inattività, ma viene anche associato a numerosi cambiamenti interessanti. In primo luogo, i raggi cosmici nel sistema solare interno raggiungono con relativa facilità la Terra durante i periodi di minimo solare. I raggi cosmici galattici provenienti dall’esterno del sistema solare si propagano a monte contro il vento solare e un folto groviglio di campi magnetici solari. Il vento solare e il campo magnetico del sole si indeboliscono durante i minimi solari rendendo più facile l’arrivo dei raggi cosmici. Questo è il periodo più pericoloso per gli astronauti per il conseguente aumento dei potenti raggi cosmici che possono facilmente frantumare un filamento di DNA umano. Inoltre, durante gli anni con un numero di macchie solari più basso, la radiazione estrema degli ultravioletti del sole (EUV) scende e l’atmosfera superiore della
Terra si raffredda e si contrae. Con una netta resistenza aerodinamica inferiore, i satelliti hanno meno difficoltà a rimanere in orbita e questa è una buona cosa. D’altra parte, nello spazio i residui spaziali tendono ad accumularsi, rendendo lo spazio attorno alla Terra un posto più pericoloso per gli astronauti.

 

Meteorologist Paul Dorian
Vencore, Inc.

 

Fonte: Vencore Weather 

Enzo
Attività Solare