IL SOLE SCENDE SILENZIOSO!

“Sono stato un fisico solare per 30 anni, ma non ho mai visto nulla di simile”, dichiara Richard Harrison, a capo della fisica spaziale al Rutherford Appleton Laboratory di Oxfordshire.

Le sonde spaziali oggi ci mostrano immagini e recenti filmati che hanno dell’incredibile, svelandoci ogni minima zona della nostra stella. Il Sole si mostra nei suoi minimi dettagli, ma il suo volto è stranamente informe.

“Se vogliamo tornare a vedere un Sole così inattivo … dobbiamo tornare indietro di oltre 100 anni,” afferma Harrison. Questa stasi solare è sconcertante per noi scienziati, perché in questo momento il Sole dovrebbe essere in piena attività.

Da poco ha oltrepassato il suo massimo solare, il punto del ciclo di 11 anni in cui l’attività esprime la sua massima attività. Questa gigantesca palla di plasma dovrebbe essere costellata di macchie solari, che esplodendo dovrebbero dare la formazione di numerosi flare ed enormi eruzioni di nubi di particelle cariche nello spazio sotto forma di espulsioni di massa coronale.

 

_72367413_72367199

 

Ma a parte qualche rara espulsione, come alcune eruzioni solari nel recente massimo, è rimasto tutto molto tranquillo. E subito questo massimo solare così debole, segue ancora un minimo solare – un periodo in cui l’attività solare sarà più lunga e più bassa come nelle attese degli scienziati.

“Io e molti altri scienziati solari siamo stati colti di sorpresa”, spiega Lucie Green, della Mullard Space Science Laboratory della University College di Londra.
Il calo dell’attività solare sta avvenendo sorprendentemente in maniera veloce, e gli scienziati stanno monitorando molto da vicino per vedere se continuerà questo forte calo.

“Potrebbe significare una stella molto, molto inattiva, come se il Sole si fosse addormentato … una palla di gas molto dormiente al centro del nostro Sistema Solare”, spiega la Dr.sa Green. Questo, però, non sarebbe certamente la prima volta che ciò accade.

Nel corso della seconda metà del 17° secolo, il Sole ha attraversato una fase estremamente silenziosa – un periodo chiamato “minimo di Maunder.” I documenti storici rivelano che le macchie solari scomparvero praticamente durante tutto questo periodo. La Dr.sa Green afferma: “Abbiamo un forte sospetto che il Sole stia agendo allo stesso modo in questo ciclo, come accaduto nel periodo precedente al minimo di Maunder”.

Mike Lockwood, professore di fisica nell’ambiente spaziale, presso l’Università di Reading, pensa che ci sia una possibilità significativa che il Sole possa diventare sempre più debole. Le analisi delle carote di ghiaccio, che detengono un record di lungo periodo dell’attività solare, suggeriscono che questo calo dell’attività solare è il più veloce che sia stato osservato negli ultimi 10.000 anni. “E’ insolitamente rapido il declino”, spiega il Prof. Lockwood.

“Stimiamo che più o meno entro 40 anni vi sia la possibilità dal 10% al 20%, ma la percentuale è molto più vicina al 20%, di probabilità che entreremo di nuovo nelle condizioni di un nuovo minimo di Maunder”.

L’era di inattività solare nel 17° secolo ha coinciso proprio con un periodo di inverni gelidi in Europa. I londinesi lungo il Tamigi, dove era sovente gelare, erano soliti realizzarvi delle fiere, il manto nevoso in tutto il continente aumentò consistentemente, mentre il Mar Baltico ghiacciava – le condizioni erano così dure, che alcuni la descrissero come una mini-era-glaciale.

 

_72366218_c0168803-thames_frost_fair_1684-spl

 

E il Prof Lockwood crede che questo effetto regionale sia stato in parte guidato dalla mancanza di attività solare, e questo potrebbe ripetersi di nuovo se la nostra stella continuerà a diminuire la sua attività.

“E’ un tema di ricerca molto attivo in questo momento, quindi credo che ci sia un meccanismo in Europa dove dovremmo aspettarci inverni più freddi quando l’attività solare volge verso il basso,” afferma.

Egli ritiene che questo effetto locale accade perché la quantità di luce ultravioletta irradiata dal Sole scende quando l’attività solare è bassa. Ciò significa che una radiazione inferiore di raggi UV colpisce la stratosfera – lo strato d’aria che si trova al di sopra della Terra. E questo a sua volta alimenta la corrente a getto – la corrente d’aria che scorre velocemente nell’atmosfera superiore che guida il tempo.

I risultati di questo calo dell’attività solare si sentono prevalentemente in Europa, dice il Prof. Lockwood.

“Si tratta dei grandi meandri della corrente a getto, e si chiamano blocking events perché bloccano la normale circolazione delle normali correnti umide, e dei venti miti che arrivano dall’Atlantico, mentre al contrario otteniamo aria molto più fredda trascinata giù dall’Artico e dalla Russia,” dice Lockwood.

“Si tratta di ciò che noi chiamiamo un’ondata di freddo … una serie di tre o quattro ondate di freddo in fila, aggiunge, portano fino ad un inverno freddo. E questo è quello che vedremo molto probabilmente se l’attività solare continuerà a scendere.”

Quindi questo cambiamento regionale in Europa potrebbe avere un effetto a catena per il resto del clima mondiale.

Mentre tutte le conseguenze di un Sole quieto non sono pienamente comprese, una cosa che gli scienziati sono certi al riguardo è che la nostra stella è imprevedibile, e tutto può accadere.

“Questo si sente come un periodo molto strano” dice il prof. Harrison, sottolineando che, “In realtà non capiamo ancora del tutto la stella che ci dona la vita. Questo perché è tremendamente complicata – è una bestia complessa.”

 

Fonte: BBC NEWS

Enzo
Attività Solare