SCIENZIATO DI FAMA SI DIMETTE AMMETTENDO CHE IL RISCALDAMENTO GLOBALE E’ UNA GRANDE TRUFFA

Postato il 29 Settembe 2015 by Sean Adl-Tabatabai in Sci/Environment

Hal Lewis scienziato statunitense di fama si è dimesso dal suo incarico presso l’Università della California, dopo aver ammesso che il riscaldamento globale è una grande truffa, con una scioccante lettera di dimissioni.

Dal Telegraph

Quella che segue è una lettera alla American Physical Society, rilasciata al pubblico dall’Emerito Professore di Fisica Hal Lewis dell’Università della California a Santa Barbara.

Inviata: Venerdì 8 ottobre 2010 17:19 Hal Lewis
Da: Hal Lewis, Università della California, Santa Barbara
A: Curtis G. Callan, Jr., Princeton University, presidente della American Physical Society
6 ottobre 2010

Caro Curt:

Quando sono entrato alla American Physical Society sessantasette anni fa era molto più piccola, molto più delicata e ancora non corrotta dal diluvio di denaro (una minaccia contro cui Dwight Eisenhower aveva avvertito mezzo secolo fa).

Infatti, la scelta della fisica come professione era allora un garante di una vita in povertà e di astinenza –  la seconda guerra mondiale che ha cambiato tutto, infatti la prospettiva di facili guadagni ha poi spinto alcuni fisici. Non più tardi di trentacinque anni fa, quando ho presieduto il primo studio all’APS per una questione controversa sociale/scientifico, lo studio per la sicurezza dei reattori, anche se c’erano zeloti in abbondanza sulla parte esterna, non c’era alcuna traccia di eccessiva pressione su di noi fisici. Siamo stati quindi in grado di produrre quello che credo fosse ed è una valutazione onesta della situazione in quel momento.

Siamo stati ulteriormente abilitati alla presenza di un comitato di sorveglianza composto da Pief Panofsky, Vicki Weisskopf, e Hans Bethe, tutti fisici imponenti e irreprensibili. Ero orgoglioso di quello che abbiamo fatto in un’atmosfera carica. Alla fine il comitato di sorveglianza, nella sua relazione al presidente dell’APS, ha osservato la completa indipendenza in cui abbiamo svolto il lavoro, e ha previsto che il rapporto sarebbe stato attaccato da entrambi i lati. Quale più grande tributo potrebbe esserci?

Ora è tutto diverso. I colossi non camminano più con i piedi per terra, e il diluvio di denaro che arriva è diventata la ragion d’essere della ricerca fisica, il sostentamento vitale di molto di più, e fornisce il supporto per un numero incalcolabile di posti di lavoro professionale. Per ragioni che presto diventeranno chiari il mio ex orgoglio di essere un componente dell’APS in tutti questi anni è stato trasformato in vergogna, e sono costretto, con nessun piacere per tutti, a offrire le mie dimissioni dalla Società.

Si tratta, naturalmente, della truffa sul riscaldamento globale, con le (letteralmente) migliaia di miliardi di dollari a guidarla, che ha corrotto molti scienziati, e ha portato l’APS come un’onda anomala. E’ la truffa più grande e di maggior successo pseudoscientifica che abbia mai visto nella mia lunga vita da fisico. Chiunque abbia il più pallido dubbio che sia così dovrebbe sforzarsi di leggere i documenti di Climategate, che li mostra a nudo. (Il libro di Montford dimostra i fatti molto bene.) Non credo che un vero fisico, anzi scienziato, sia in grado di leggere quella roba senza repulsione. Vorrei quasi fare della repulsione una definizione della parola scienziato.

Così che cosa hanno le APS, come organizzazione, fatto di fronte a questa sfida? Essa ha accettato la corruzione come la norma, ed è andata con essa …

Io non sento il bisogno di aggiungere più una nota, e questa è una congettura, dal momento che è sempre rischioso discutere le motivazioni degli altri. Questo scheming presso APS HQ è così strano che non ci può essere una semplice spiegazione. Alcuni hanno sostenuto che i fisici di oggi non sono così intelligenti come quelli di una volta, ma non credo che sia questo il problema. Penso che sia il denaro, esattamente ciò che Eisenhower aveva avvertito circa mezzo secolo fa. Ci sono infatti migliaia di miliardi di dollari in gioco, per non parlare di (viaggi e frequenti isole esotiche) fama e gloria che vanno a far parte del membro del club.

Fonte originale

Enzo
Attività Solare