PREMIO NOBEL PER LA FISICA: OBAMA HAI TORTO MARCIO SUL RISCALDAMENTO GLOBALE

Il Dr. Ivar Giaever, premio Nobel per la fisica nel 1973, ha dichiarato il suo dissenso relativo alle indicazioni sul riscaldamento globale di origine antropica al Meeting dei premi Nobel di Lindau lo scorso primo luglio 2015.

“Direi che il riscaldamento globale in fondo è un non-problema”, ha dichiarato Giaever durante il suo intervento dal titolo “Global Warming Revisited“.

2015-07-11_144120

Il Dr. Ivar Giaever, premio Nobel per la fisica nel 1973

Giaever, un ex professore presso la Scuola di Ingegneria e Facoltà di Scienze al Rensselaer Polytechnic Institute, ha ricevuto nel 1973 il premio Nobel per la fisica per la ricerca sul quantum tunneling. Giaever ha consegnato le sue osservazioni al 65° Congresso Premio Nobel di Lindau, in Germania, che ha attirato 65 possibili destinatari al premio. Giaever è anche presente nel nuovo documentario “Climate Hustle“, previsto in uscita nell’autunno del 2015.

Giaever è stato uno dei principali sostenitori scientifici del Presidente Obama nel 2008, quando entra a far parte del gruppo con oltre 70 Scienziati Nobel nel sostenere Obama. Il 29 ottobre 2008 Giaever è firmatario della lettera che in parte dice: “Il paese ha urgente bisogno di un leader. Siamo convinti che il Senatore Barack Obama sia un leader, e vi invitiamo a unirvi a noi per supportarlo.”

Ma 7 anni dopo, Giaever deride il Presidente Obama in riferimento alla frase “nessuna sfida rappresenta un rischio maggiore per le future generazioni che il cambiamento climatico”, nel quale Giaever la definisce una dichiarazione ridicola. “Questo è quello che ha detto. Questa è un’affermazione ridicola”, ha spiegato Giaever.

“Mi scusi, Presidente, ma lei ha torto marcio, ed è mal consigliato”, ha continuato Giaever.
(Il discorso completo di 30 minuti di Giaever il 1 luglio.)

“Come posso dire questo? Penso che il Predidente Obama sia una persona intelligente, ma ottiene dei cattivi consigli.
Il riscaldamento globale è fradicio,” ha aggiunto. “Obama ha riferito che lo scorso anno è stato il più caldo mai registrato, ma questo non corrisponde a verità. Non è stato il più caldo”, ha osservato Giaever.

Il fisico Nobel, mette in discussione le basi sui timori dell’aumento del biossido di carbonio. “Quando hai una teoria e la teoria non va d’accordo con l’esperimento, si deve invalidare la teoria. Questo vuol dire che la teoria è sbagliata,” ha spiegato Giaever.

GLOBAL WARMING ‘UNA NUOVA RELIGIONE’

Giaever riferisce che la sua ricerca sul clima è una nuova apertura agli occhi di tutti. “Sono rimasto inorridito da ciò che ho trovato” dopo la ricerca del 2012, ha osservato. “Il riscaldamento globale è diventato davvero una nuova religione, poiché non è più possibile discuterne. Questo non è corretto. E’ come la chiesa cattolica.

PREOCCUPAZIONE PER IL TRATTATO DELL’ONU SUL CLIMA

“Sono molto preoccupato sulla conferenza che si terrà a Parigi nel mese di novembre. Ho davvero paura di questo. Poiché la conferenza che si svolse a Copenhagen (nel 2009 Nazioni Unite) si è poi rilevata un quasi disastro, ma nulla è stato deciso. Ma ora penso che le persone allarmistiche sono in una posizione molto forte”, ha detto Giaever.

“I fatti sono che negli ultimi 100 anni abbiamo misurato le temperature e queste sono salite di 0,8°C mentre tutto è migliorato nel mondo. Come possono dire che stiamo peggiorando la situazione se non abbiamo prove? Viviamo più a lungo, con una salute migliore, e praticamente migliorato tutto. Direi che il riscaldamento globale è fondamentalmente un non-problema. Basta lasciarlo fare da solo e si prenderà cura di sé.
Diventa difficile per me capire il motivo per cui quasi tutti i governi in Europa, ad eccezione del governo polacco, sono preoccupati per il riscaldamento globale. Questa è soltanto una questione politica.”

“Finora abbiamo lasciato un mondo più in forma rispetto a quando siamo arrivati, e questo continueremo a farlo con una sola eccezione, dobbiamo smettere con gli enormi sprechi, con questo voglio dire che enormi quantità di denaro sono sprecati per la questione del riscaldamento globale. Dobbiamo farlo, altrimenti faremo un passo indietro. La gente pensa che sia sostenibile, ma non lo è.

GIAEVER HA ACCUSATO LA NASA E GLI SCIENZIATI FEDERALI DI “GIOCHERELLARE” CON LE TEMPERATURE.

Giaever ha notato che le temperature globali hanno smesso di crescere negli ultimi 18 anni e oltre. Ha inoltre accusato la NASA e gli scienziati federali di “giocherellare” con le temperature. “Giocherellano con i dati, questo è ciò che fa la NASA.”

“Non si può credere che le persone allarmistiche dicano che la CO2 è una cosa terribile. Non è vero, non è assolutamente vero”, ha continuato Giaever, mentre mostra una diapositiva e chiede: Credete che la CO2 sia uno dei principali gas serra?

“Penso che la temperatura sia rimasta sorprendentemente stabile. Qual’è la temperatura ottimale che dovrebbe avere la Terra? È quale la temperatura che dovremmo avere in questo momento sulla Terra? Nessuno ha mai detto quale dovrebbe essere la temperatura ottimale sulla Terra”, ha detto. “Com’è possibile misurare la temperatura media per tutta la Terra e venirsene con una frazione di grado. Come si può pensare di misurare la temperatura in frazioni di grado? E’ ridicolo”, ha aggiunto.

clip_image002_thumb1

METTERE A TACERE IL DIBATTITO

Giaever ha accusato Nature Magazine di “voler riscuotere la moda del clima.”

“I miei amici mi dicono che non dovrei prendere in giro la Natura, perchè altrimenti non pubblicheranno i miei lavori”, ha spiegato. “Nessuno parla di quanto sia importante la CO2 per la crescita delle piante. E’ una cosa meravigliosa. Le piante stanno davvero morendo di fame. Non dicono quanto sia indispensabile per l’agricoltura se la CO2 aumenta”, ha aggiunto.

RECLAMI SUL METEO ESTREMO

“Altra cosa che mi stupisce è quando si parla di cambiamento climatico, ci si direziona sempre verso il peggio. Ci deve pur essere un punto per migliorare, per l’amor del cielo. Non può essere sempre rivolto al peggio”, ha detto. Poi arriva l’argomento decisivo. “Se il cambiamento climatico non spaventa la gente si può spaventare la gente parlando del tempo estremo”, ha detto Giaever.

“Negli ultimi 100 anni, l’oceano è aumentato di 20 centimetri, ma nei precedenti 100 anni era salito ancora di 20 centimetri e così per gli ultimi 300 anni l’oceano è ancora aumentato di ulteriori 20 centimetri. Quindi non vi è alcun aumento insolito del livello del mare. E per essere sicuri che lo abbiate capito lo ripeto, non vi è alcun aumento inusuale del livello del mare”, ha detto Giaever. “Siamo entrati in un periodo di minima formazione degli uragani. Questi sono i fatti”, ha proseguito.

“Inoltre non c’è bisogno di essere uno scienziato per guardare questi numeri, si capisce quello che dico”, ha aggiunto. “Lo stesso per quanto riguarda i tornado. Siamo in un periodo di bassa formazione negli Stati Uniti.

Per chi vuole approfondire l’argomento qui l’articolo completo.

Enzo
Attività Solare

 

  • Pingback: IL NOBEL GIAEVER: “SUL RISCALDAMENTO GLOBALE OBAMA HA TORTO MARCIO” | Movimento Libertario()

  • Massimo Lodi Rizzini

    Anche Bergoglio si è lasciato sedurre dalla mafia ambientalista genocida anti-umanità

     
  • Alberto

    Per fortuna c’è qualche personaggio di rilievo che tenta di smentire gli untori del clima. Quando, poco tempo fa, avevo sentito che il livello della CO2 non era mai stato così elevato negli ultimi 800.000 anni ho pensato : ma chi era stato allora a provocarne l’innalzamento ? Automobili non ce n’erano, caldaie e fabbriche nemmeno, quindi ? Io non sono uno scienziato, però cerco di far funzionare quel poco di cervello che ho, le variazioni climatiche ci sono sempre state, le civiltà però si sono sempre sviluppate durante i periodi caldi, l’uomo non è fatto per il freddo, abbiamo bisogno di indumenti, non abbiamo pellicce che ci riparano naturalmente, io spero di non vedere cosa accadrebbe se ci fosse un altro minimo di Maunder, adesso siamo in tanti, e la nostra civiltà ha bisogno di muovere merci e persone per poter funzionare, ci scanneremmo per cibo e risorse energetiche e finiremmo per bruciare anche le foreste per riscaldarci. Rabbrividisco al pensiero di tutti i soldi che stiamo buttando per il raggiungimento di inutili traguardi, mentre potremmo usarli più profiquamente per migliorare le condizioni di vita di miliardi di esseri umani.

     
  • Mauri Ses

    Un gruppo di scienziati afferma che il battito cardiaco del Sole ci trascinerà verso una nuova era glaciale

    Fonte: http://www.iceagenow.info – traduzione a cura di mauri ses.
    10 Luglio 2015

    Un nuovo modello riguardante il “battito cardiaco” (ciclo solare, n.d.t.) di 11 anni del Sole suggerisce che l’attività solare
    diminuirà del 60 per cento nel corso del 2030, facendola crollare ai livelli che si registrarono l’ultima volta durante il minimo di
    Maunder (1645 – 1715, n.d.t.).

    A partire all’incirca dal 1645, il minimo di Maunder corrispose con la parte più drammatica ed estrema dell’ultima “Piccola Era Glaciale”.

    I risultati del nuovo studio dovevano essere presentati ieri dalla Professoressa Valentina Zharkova al Meeting Nazionale di Astronomia in corso a Llandudno (Cittadina del Galles, n.d.t.).

    Molti fisici solari ritengono che il ciclo solare sia guidato da una dinamo generata da un fluido convettivo che scorre in profondità all’interno del Sole. Tuttavia, quando Zharkova ed i suoi colleghi hanno aggiunto una secondo dinamo in
    prossimità della superficie del Sole, hanno scoperto che questo tende a rendere completo il quadro con una precisione senza
    precedenti.

    “Le nostre previsioni hanno rivelato una precisione del 97%”, ha affermato Zharkova.

    Il modello prevede che le onde provenienti dalle due dinamo diventeranno sempre più sfasate durante il ciclo 25, che avrà il suo picco nel 2022. Durante il ciclo 26, fra il 2030 e il 2040, le due onde andranno esattamente fuori sincronia, portando ad una riduzione significativa della attività solare.

    “Nel corso del ciclo 26, le due onde appaiono esattamente speculari tra loro – ossia, raggiungono il loro picco contemporaneamente ma in emisferi opposti del Sole. La loro interazione sarà dirompente, o si annulleranno a vicenda quasi del tutto. Prevediamo che questo porterà alle caratteristiche avutesi nel corso del ‘minimo di Maunder’ “, ha
    detto Zharkova. “In effetti, quando le onde sono approssimativamente in fase, possono mostrare una forte interazione,
    o risonanza, e da ciò ne risulta una forte attività solare. Quando sono fuori fase, abbiamo invece minimi solari. Quando si verifica la completa separazione di fase, si creano le condizioni che si sono avute l’ultima volta durante il minimo di Maunder, 370 anni fa.”

    In altre parole, dobbiamo attenderci un costante deterioramento delle condizioni climatiche globali tra oggi e il 2022, quando verrà raggiunto il picco del ciclo 25.

    Questo evento è a soli sette anni di distanza!

    Da lì in poi la situazione peggiorerà e noi ci ritroveremo a pregare per il riscaldamento globale.

    Qui di seguito il link all’articolo completo: http://phys.org/news/2015-07-irregular-heartbeat-sun-driven-dynamo.html

    Grazie a Bill Sellers per questo link