NOWCASTING SOLARE 04 GENNAIO 2016

Nowcasting solare, sommario delle ultime 24 ore: Attività solare che nella giornata di oggi 04 Gennaio è rimasta a livelli molto bassi.

La Regione 2478 (N07E32, BXO / beta) è stata numerata nella giornata di oggi, mentre la Regione 2480 (N11E12, BXO / beta) ha mostrato un minor sviluppo nel medio periodo, ma ha iniziato il decadimento poco dopo. La Regione 2476 (S09E27, Cao / beta) ha mostrato un decadimento inferiore per tutto il periodo preso in esame.

Previsioni prossime 72 ore: L’attività solare dovrebbe restare molto bassa, con poche possibilità di Brillamenti di classe C per i prossimi tre giorni (05-07 gennaio).

2016-01-04_235141

Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni

 

Ne consegue che:

Alle ore 18.00 UTC, il disco solare visibile presentava tre regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e una in formazione:

Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count   class

2476    S10E34    201     80     7     DAI   16      B
2477    N12E47    188     70     2     HSX    1      A
2478    N07E38    197     20     2     CRO    3      B

jan4_2016_disk 04.01.2016

 

Il campo geomagnetico solare nel corso delle ultime 24 ore è risultato in stato “QUIET” mentre i Raggi X in stato “NORMAL”

La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 04 Gennaio è risultata a 95.3 – (101.9)

La media mensile del flusso solare ad oggi risulta di 98.9 – (100.1)

Il conteggio delle macchie solari (conteggio SILSO) del 04 Gennaio è risultato di 70 – (52) macchie.

La media mensile delle macchie solari ad oggi risulta di 48.5 – (41.3) SSN

EISNcurrent

Il conteggio delle macchie solari (SILSO) nell’ultimo mese

 

wolfjmms                                                                       

L’andamento dellattività solare negli ultimi 13 anni e forecast (linea tratteggiata). Grafico del centro di conteggio SILSO

 

La media mensile dell’indice Ap è risultata nella giornata di ieri di 12

La velocità del vento solare attuale è di 407.8 Km/s

La densità del vento solare attuale è di 8.4 protons/cm3

L’indice A attuale è di 5

L’indice K attuale è di 2

Il flusso dei raggi X attuale risulta di classe B 2.2

La componente BZ attuale è di 1.1 nT

∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗

 

Il conteggio delle macchie solari con il metodo del Layman’s sunspot count (gestito da Geoff Sharp), nella giornata del 03 Gennaio, alle ore 08:00 (ultimo aggiornamento disponibile) è risultato con un conteggio di 23 macchie che portano la media mensile a 15 (SSN).

Il mese di Novembre 2015 ha totalizzato 9 giorni SPOTLESS.

Il mese di Dicembre 2015 ha totalizzato 2 giorni SPOTLESS.

Il mese di Gennaio 2016 ha totalizzato fino a questo momento 0 giorni SPOTLESS

Emisfero Nord Giorni Spotless: 1

Emisfero Sud Giorni Spotless: 1

2016-01-05_002014

sc5_sc24_1

Confronto tra i due cicli, il ciclo 5 (minimo di Dalton colore fucsia) e il ciclo 24 (ciclo attuale colore azzurro) per il metodo di conteggio del Layman’s

 

∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗

Ultimo aggiornamento del Campo Magnetico Polare del 04 Gennaio 2016

Come nostra consuetudine diamo uno sguardo all’ultimo aggiornamento del campo magnetico solare, dati raccolti dal prestigioso Osservatorio di Wilcox Solar Observatory (WSO) dell’Università di Stanford.

Il dati aggiornati al 04 Gennaio 2016 e che fanno riferimento al 13 Dicembre 2015, mettono ancora una volta in evidenza come l’emisfero nord abbia ormai intrapreso un andamento molto lento. In questo aggiornamento l’emisfero nord rimane stabile a 20Nf. Al contrario avanza l’emisfero sud che  si porta a -76Sf. Anche il valore mediato avanza di 2 punti portandosi a 48Avgf.

2016-01-05_000838

I dati grezzi e filtrati del campo polare del sole

http://wso.stanford.edu/Polar.html#latest

 

polarfields

L’andamento degli ultimi 4 cicli solari del Campo Polare solare

http://www.solen.info/solar/polarfields/polar.html

Enzo
Attività Solare

 

  • mcberg

    comunque io credo che un minimo solare per influenzare e raffreddare un po’ il pianeta debba avere la durata di qualche decennio, tipo 3040 anni
    un attivita’ seppur bassa di 78 anni cambia molto poco sul nostro pianeta
    saluti

     
    • È quello che sta accadendo. Ma non guardare all’andamento del singolo Ciclo Solare.
      Guarda più in generale…
      Il ciclo più forte degli ultimi 40 anni è il 21.
      Il 22 è stato già più debole… segno che il “grande minimo” stava iniziando…
      Il 23 è stato sensibilmente più debole del 22….
      Il 24 è circa il 50% del 23….
      il 25 sarà circa il 50% del 24…

      Questo è il grande minimo.
      Motivo?

      Immagina un tubo collegato alla base di un serbatoio di acqua. Se immetti acqua nel serbatoio, tramite una pompa, questa potrà solo entrare. Ma se ad un certo punto la pompa si ferma, la pressione esercitata dall’acqua presente nel serbatoio, provocherà una fuoriuscita di acqua attraverso lo stesso tubo.

      Con i cicli solari accade la stessa cosa.
      Quando sono al massimo… o comunque oltre un cerlo limite, l’energia fornita al sistema climatico terrestre sarà sufficiente a mantenere in “equilibrio” le temperature.
      Se l’energia in ingresso diminuisce, ovvero se il ciclo solare sarà più debole, allora automaticamente l’equilibrio “termico” viene meno e le temperature sulla Terra diminuiranno (con circa 6-7 anni di ritardo rispetto al calo dell’attività solare).

      Ora il problema è: quanto durerà il minimo solare?
      se consideriamo come inizio del minimo solare il ciclo 24, allora saranno, sicuramente e come minimo, 3 cicli.
      Con il 24 si scende, il 25 sarà quasi “nullo”, con il 26, nella migliore delle ipotesi, si tornerà quasi a livello del 24. Poi tutto dipenderà dal 27.
      Ma per tornare ai livelli di fine anni ’90… ci vorranno come minimo altri 2 cicli (28 e 29).

      Sono quindi come minimo 70 anni…. e da qui nascono le nostre affermazioni circa un prolungato raffreddamento che ci porterà fino al 2100!

      La matematica, purtroppo, dice questo!
      E la Storia conferma tale ipotesi! Basta guardare un grafico dei cicli solari e confrontarlo con i dati storici della temperatura!

      Bernardo