Nord Atlantico in profondo raffreddamento e un debole sole potrebbero portare ad un “grande gelo” nel prossimo inverno 2016/17 … Come quello del 1962/63!

Di P. Gosselin 16 Agosto 2016

Lo scettico sito tedesco wobleibtdieerderwaermung.de scrive qui sul prossimo autunno/inverno in Europa con una situazione solare sfavorevole. Quelli che seguono sono alcuni estratti dell’articolo.

Nord Atlantico freddo – sole debole: inverno gelido 2016/17 come il 1962-1963?

Nei primi mesi del 2016, il Nord Atlantico è stato significativamente più freddo, paragonabile a El Niño dell’anno 1998 con l’attività solare che risulta la più debole da 200 anni a questa parte.

 

Di conseguenza l’inverno 2016/17 potrebbe essere uno dei peggiori da un centinaio di anni a questa parte, come l’inverno 1962-1963 in Europa.

Il grafico seguente mostra un chiaro raffreddamento delle temperature superficiali del mare (SSTA) nella zona del Nord Atlantico (35° N – 67° N, 55° W – 0°) per i mesi da gennaio a luglio 2016, rispetto al 1998.

 

noaareanalysesstanordatlantikvergleichkalt01bis072016zu101bis071998-e1471183218207
Il grafico in alto mostra la differenza della deviazione dalla temperatura media superficiale del mare (ASST) per i primi sette mesi in entrambi gli anni di El Niño del 2016 e 1998. Il 2016 è di gran lunga più freddo del 1998. Fonte: www.esrl.noaa.gov/psd.pl.

 

Attualmente il Nord Atlantico è anche molto più freddo del normale rispetto alla temperatura WMO media climatica 1981-2010:

 

noaareanalysesstanordatlantik2kalt01bis072016-e1471188685290
Fonte: www.esrl.noaa.gov/psd.pl.

 
Quali effetti produce il sub-raffreddato Nord Atlantico, per esempio, su una negativa North Atlantic Oscillation (NAO), e sul prossimo autunno e inverno in Europa?

Per prima cosa diamo uno sguardo alla deviazione della temperatura in Europa per l’autunno 1998 e l’inverno 1998-1999, che ha visto un considerevole Nord Atlantico più mite, come abbiamo presentato in precedenza qui! Abbiamo scritto:

Al contrario, la caduta del 2016 potrebbe essere abbastanza scomoda su gran parte dell’Europa, se avviene come il calo del 1998 … ”

 

noaareanalyseeuropata2mkaltherbst1998-e1467735467447
Le reanalisi NOAA della deviazione della temperatura a 2m in Europa per la seconda metà dell’anno, del potente evento di El Niño, come nel 1983, 1998 e 2016. La caduta delle temperature del 1998 oltre la Germania e gran parte dell’Europa sono stati ben al di sotto del 1981-2010 sul clima utilizzato dalla WMO. Fonte: www.esrl.noaa.gov/psd.pl.

 
Inverno 1998-1999 in Europa, tuttavia, era risultato quasi normale:

 

noaareanalyseeuropata2mwinter199899-e1467735008603
Le reanalisi NOAA della deviazione della temperatura a 2m in Europa per il secondo anno del potente 1997/1998 El Nino, che è paragonabile al 2015/2016. Le temperature in inverno del 1998/99 in Germania e in Europa centrale erano per lo più quasi normale rispetto agli accettati a livello internazionale 1981-2010 clima significano raccomandato dal WMO. Fonte: www.esrl.noaa.gov/psd.pl.

 
Il Nord Atlantico risulta molto più fresco quest’anno …

Tuttavia il Nord Atlantico quest’anno è molto più freddo rispetto al 1998, e molto più freddo in profondità al di sotto della superficie del mare, come le misurazioni ARGO mostrano le misurazioni ad una profondità di 800 m:

 

climate4unordatlantik59c2b0nbis800kalt2004bisjuni20161-e1471260572642
Il grafico in alto mostra la temperatura dell’acqua della corrente del Nord Atlantico fino a una profondità di 800 metri (estensione della Corrente del Golfo) a 59° N da 30° W a 0°. Dal momento che le misurazioni sono iniziate nel 2004, l’acqua del Nord Atlantico è risultata molto più fredda a tutte le profondità. Il testo originale: “La temperatura media lungo i 59 N, 30-0 W, alla profondità 0-800m, corrispondente alla parte principale della Corrente nord-atlantica, con dati Argo. Fonte: Global Marine Argo Atlas. Ultimo mese indicato: giugno 2016. Ultimo aggiornamento schema: 7 agosto 2016. “Fonte: www.climate4you.com/.

 
La ragione di questo sono i cicli naturali della Atlantic Multidecadal Oscillation (AMO), che passa da una fase di ambiente freddo a caldo alla metà degli anni 1990, e poi di nuovo verso una fase fredda dal 2010, come il grafico seguente mostra:

 

oopcamo1948bis2010-e1471191078617

Lo screenshot dell’AMO del periodo 1948-2010. C’è stato un raffreddamento chiaro dal 2010, che durerà circa 30 anni. Fonte: stateoftheocean.osmc.noaa.gov/all/.

 

Condizioni durante il “Grande gelo” del 1962-1963.

Diamo uno sguardo agli inverni che si sono verificati durante l’inizio dell’ultimo periodo di flessione dell’AMO nei primi anni del 1960.

In questo momento l’Europa ha sperimentato il “grande gelo” del 1962-1963, quando le temperature da dicembre 1962 al febbraio 1963 sono risultate con un enorme temperatura di 8°C al di sotto della media in Europa centrale:

 

noaareanalyseta2meuropajahrhundertwinter19621963-e1471191908464
Il grande gelo del 1962-1963 in Europa, che si è verificato all’inizio della fase di freddo AMO. Fonte: www.esrl.noaa.gov.pl.

 

Bassa attività solare, QBO non promette nulla di male

Il sito wobleibtdieerderwaermung.de scrive che l’attività solare può anche presagire a nulla di male per il prossimo inverno: Nel 1962 l’attività solare è stata anche in forte calo, com’è ora. Nel 2016 l’attività solare è rimasta ancora più debole. Un certo numero di pubblicazioni scientifiche dimostrano che i periodi di bassa attività solare sono associati con duri inverni europei.

Ancora un altro fattore di boding per il prossimo inverno è la cosiddetta Quasi-Biennial-Oscillation (QBO) nella stratosfera sopra l’equatore. Leggi: Raffreddamento dei tropici di 5 gradi F in una settimana! (In stratosfera).

 

Per lo più scritto da “Schneefan”
Tradotto da Pierre.

 

Fonte: notrickszone

Enzo
Attività Solare