New Horizons svela la drammatica storia di Caronte

nh-charon-neutral-bright-release

Nuove immagini trasmesse dalla sonda New Horizons dai gelidi e bui confini del sistema solare rivelano la complessa e violenta storia di Caronte, il satellite principale di Plutone. Quello che credevamo sarebbe stato un mondo inerte, quasi noioso, si sta dimostrando tutt’altro: le immagini di New Horizons ritraggono paesaggi straordinari, da montagne a spaccature più grandi del Grand Canyon, da frane a variazioni di colore e molto altro.
“Pensavamo che la probabilità di vedere strutture così interessanti su un mondo così lontano dal Sole fosse bassa,” spiega Ross Beyer della NASA, “ma non potrei essere più contento di quello che vedo.”

 

nh-charon-detail-9-29-15
Un sistema di canyon taglia la superficie di Caronte per più di 1600 km. Credit NASA/JHUAPL/SwRI

Le immagini scattate dalla sonda americana il 14 Luglio e trasmesse il 21 Settembre ritraggono l’emisfero di Caronte perennemente rivolto verso Plutone. Le foto mostrano nuovi dettagli finora inosservati di una fascia  di fratture e canyon che si estende per oltre 1600 chilometri appena a nord dell’equatore. Quattro volte più esteso del Grand Canyon e in alcuni punti anche due volte più profondo, questo sistema di spaccature fornisce importanti indizi sul passato geologico di Caronte.

“È come se l’intera crosta di Caronte si fosse aperta,” spiega John Spencer dell’SwRI. “In proporzione, questa struttura è come le Valles Marineris di Marte.”

 

nh-pluto-charon-v2-10-1-15
Le differenze di colore e luminosità (albedo) tra Plutone e Caronte sono evidenti in questo montaggio.

Le immagini hanno portato anche all’identificazione di una pianura a sud del canyon, nota come Vulcan Planum, che mostra ben pochi crateri, come se in questa regione la superficie fosse stata rimodellata di recente. Attività in grado di cancellare le cicatrici da impatto comprendono fenomeni di criovulcanismo, una pista su cui gli scienziati stanno indagando.
“Stiamo valutando la possibilità che un oceano interno di acqua si sia ghiacciato tempo fa,” spiega Paul Schenk del Lunar and Planetary Institute. “Il conseguente cambiamento in volume avrebbe spaccato Caronte, permettendo a lave a base di acqua di raggiungere la superficie.”
Ti potrebbe interessare: Interviste esclusive: i segreti di Plutone

Fonte Web: New Horizons svela la drammatica storia di Caronte

Roberto Ojmjakon
Attività Solare